La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Luca Verzichelli Sistema Politico Italiano Regioni e governo locale. Ascesa declino e trasformazione del modello federale?

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Luca Verzichelli Sistema Politico Italiano Regioni e governo locale. Ascesa declino e trasformazione del modello federale?"— Transcript della presentazione:

1 1 Luca Verzichelli Sistema Politico Italiano Regioni e governo locale. Ascesa declino e trasformazione del modello federale?

2 2 Luca Verzichelli Sistema Politico Italiano Obiettivi del capitolo VII Evidenziare le tappe principali del percorso che ha portato alla nascita delle regioni e degli enti locali Descrivere il funzionamento delle regioni durante la Prima Repubblica Presentare le principali argomentazioni elaborate per spiegare le differenze di rendimento delle varie regioni Illustrare le riforme che dagli anni 90 hanno trasformato le competenze ed il profilo di regioni ed enti locali Analizzare le conseguenze delle ultime riforme e discutere i temi al centro dellattuale dibattito politico

3 3 Stato unitario e fratture territoriali Lo stato italiano nasce con una struttura centralizzata ma con evidenti fratture territoriali Le amministrazioni municipali potevano contare su un alto grado di identificazione da parte dei cittadini In sintesi, dalla nascita dello stato unitario allavvento del fascismo, il sistema politico italiano era ispirato ad unidea unitaria pur non potendo contare su una comunità politica coesa

4 4 Il localismo Vari approcci di studio hanno sottolineato lesistenza di forti squilibri territoriali che hanno influenzato la costituzione dello stato Attenzione rivolta alla questione meridionale (dalle inchieste di epoca unitaria ai contributi di Salvemini, Gramsci, Romeo…) Approcci recenti: Banfield (Le basi morali di una società arretrata, 1958): mezzogiorno è stato condizionato dal familismo amorale Putnam (Le tradizioni civiche in Italia, 1993): il rendimento delle regioni è influenzato dal livello di civismo (capitale sociale)

5 5 Luca Verzichelli Sistema Politico Italiano Le autonomie territoriali nella costituzione repubblicana La costituzione del 1948 riconosce le autonomie territoriali e prevede forme di decentramento amministrativo (art. 5) Il titolo V (artt ) individua tre livelli di governo sub-nazionale: i comuni, le province e le regioni La costituzione (art. 121) prevedeva una forma di governo di tipo parlamentare (solo in parte mutata nel 2001) 5 regioni a statuto speciale vennero create nei territori più periferici: isole e regioni trasnfontaliere con forti identità etno-linguistiche

6 6 Il dibattito della costituente su regioni e forma di stato Le attribuzioni delle regioni furono frutto di compromesso tra centralisti e federalisti Sinistra riluttante alla devoluzione di troppe funzioni alle regioni, che poteva rappresentare un ostacolo alla azione modernizzatrice del centro Democristiani più federalisti, data la loro avversione per lo stato centrale e la fiducia che riponevano nel principio di sussidiarietà Posizioni minoritarie quelle di un federalismo forte (azionisti) o di uno stato centralista tradizionale (Liberali, monarchici, qualunquisti)

7 7 L'attuazione del regionalismo Le regioni a statuto ordinario furono attuate solo nel 1970 (L. 108/1968 e L. 281/1970) Le competenze delle regioni furono specificate da una legge solo nel 1975 (l.382/1975) Tra il 1975 ed il 1978 le regioni a statuto ordinario vennero dotate di risorse umane L'azione di queste regioni si è scontrata con due limiti – Limitata autonomia finanziaria – La natura solo concorrente del loro potere legislativo

8 8 Un sistema consensuale Per l'art. 121 della costituzione ogni regione doveva eleggere un consiglio Il consiglio doveva accordare la fiducia alla giunta regionale (esecutivo) La giunta regionale era guidata da un presidente Il rapporto tra consiglio e giunta ricordava quello della prima repubblica – Il consiglio era predominante – Il presidente della giunta era debole Le elezioni regionali diventarono elezioni di secondo ordine

9 9 Il governo locale dopo il 1990 Attorno al 1990 si crearono le condizioni per riformare il sistema di governo locale Le origini profonde del cambiamento vanno cercate nella maggiore richiesta di autonomia degli enti locali, già sviluppata da tempo in molte aree (specie quelle ricche e periferiche) Tema del regionalismo/federalismo presente dagli anni 80 con vari movimenti e liste Civiche e poi col successo della Lega Nord La crisi della politica dei primi anni '90 ha aperto una finestra di opportunità per introdurre alcune riforme innovative Le elezioni dirette del sindaco (precedute da importanti riforme degli enti locali cfr. capitolo 8) hanno un effetto catalitico sullidea di efficienza dellamministrazione locale

10 10 Luca Verzichelli Sistema Politico Italiano La trasformazione del sistema locale 1990Legge di riassetto del governo locale (n.142) 1993Introduzione dell'elezione diretta dei sindaci, dei presidenti di provincia (l.81) e nuovo sistema di governo regionale 1995Riforma del sistema elettorale regionale 1997/8Leggi Bassanini (I, II, III)sulla riorganizzazione degli enti locali 2000Testo unico di coordinamento delle normative sul governo locale (l.265) 2001Riforma del titolo V della costituzione (l.cost. 3/2001) 2002Legge La Loggia di applicazione della riforma costituzionale (l.131) 2009Legge delega 42/2009 (federalismo fiscale): autonomia tributaria, Rivalutazione patrimonio degli enti locali, maggiore collaborazione inter-istituzionale

11 11 La nuova forma di governo locale Comuni e Province assumono una forma di governo chiamata neoparlamentare – Il capo dell'esecutivo è eletto direttamente e contestualmente all'elezione del consiglio – Il capo dell'esecutivo nomina e licenzia gli assessori – Il consiglio può sfiduciare la giunta ma questo atto determina anche il suo scioglimento (simul stabunt simul cadent) Anche le regioni hanno visto il rafforzamento dell'esecutivo – Il Presidente della giunta è eletto direttamente – Il vecchio sistema elettorale fu corretto con un premio di maggioranza collegato alle liste maggioritarie

12 12 Le leggi Bassanini ( ) Le cosiddette 3 leggi Bassanini hanno dato vita ad una serie di decreti delegati che si ponevano lobiettivo di riformare il diritto degli enti locali – Si è affermato il principio di autonomia decisionale delle autorità locali – Introduzione della valutazione amministrativa – Più responsabilità alla dirigenza – Maggiore mobilità del personale

13 13 La riforma costituzionale del 2001 La riforma del titolo V della costituzione (l. cost. 3/2001) definisce il regionalismo in Italia L'art. 117 viene rovesciato nella sua struttura fondamentale: l'articolo elenca le materie su cui lo stato centrale ha potere legislativo esclusivo o concorrente L'art. 114 rovescia lordine (da la repubblica si riparte in …. a La repubblica è costituida da… e introduce un nuovo livello, le città metropolitane, che in alcune zone dovrebbero sostituire le province L'art. 119 stabilisce il principio dell'autonomia finanziaria

14 Amministrazione regionale: circa dipendenti e oltre dirigenti (con percentuali molto superiori nelle RSS) Oltre dipendenti se si considera le agenzie regionali il personale della sanità regionale il personale degli enti locali In tutto ben oltre un terzo dellintero settore pubblico dipende dalla dimensione sub-nazionale I numeri del governo regionale e locale (2010) 14 Luca Verzichelli Sistema Politico Italiano

15 15 Quale e quanto federalismo? Gli ultimi sviluppi XIV legislatura: il governo di cd vara una ulteriore riforma del titolo V, che tuttavia è successivamente rigettata dal referendum confermativo (2006) Federalismo : ancora un progetto confuso, sia sulle responsabilità di policy sia per l'autonomia finanziaria. Non ha più senso parlare di nuova governance multilivello? Il fallimento della riforma 2005 evidenzia il mancato raggiungimento di un obiettivo già fallito nel 2001: ridurre la complessità degli enti locali Nuovo ciclo di alternanza tra cs (2006), che punta sul federalismo cooperativo e cd (2008) che rialza (con la LN al governo) il tema della riforma federale ddl varato dal governo Berlusconi IV (mar. 2009) Legge 42/2009 (nuove risorse, nuove città metropolitane (15) ed altri accorgimenti Varata nel 2010 la carta dei servizi e federalismo fiscale e nel 2011 il decreto sul federalismo municipale. Segue (negli anni del governo tecnico e della crisi) un infinito dibattito sulla riduzione degli enti e sulla abolizione delle provincie, ancora in corso


Scaricare ppt "1 Luca Verzichelli Sistema Politico Italiano Regioni e governo locale. Ascesa declino e trasformazione del modello federale?"

Presentazioni simili


Annunci Google