La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Preposto ed Addetto al Montaggio, Uso e Smontaggio di Ponteggi (Pi.M.U.S.)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Preposto ed Addetto al Montaggio, Uso e Smontaggio di Ponteggi (Pi.M.U.S.)"— Transcript della presentazione:

1 Preposto ed Addetto al Montaggio, Uso e Smontaggio di Ponteggi (Pi.M.U.S.)

2 MODULO TECNICO (10 ore) I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (D.P.I)I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (D.P.I) ANCORAGGI STRUTTURALIANCORAGGI STRUTTURALI I PONTEGGI E LE OPERE PROVVISIONALII PONTEGGI E LE OPERE PROVVISIONALI Pi.M.U.S. - Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza, autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progettoPi.M.U.S. - Piano di montaggio, uso e smontaggio in sicurezza, autorizzazione ministeriale, disegno esecutivo, progetto TECNICHE E PROCEDURE OPERATIVE NEL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DEI PONTEGGITECNICHE E PROCEDURE OPERATIVE NEL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DEI PONTEGGI VERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIOVERIFICHE DEGLI ELEMENTI DI PONTEGGIO PRIMA DI OGNI MONTAGGIO PER CONCLUDERE…ERRORI DA EVITARE…REGOLE DA SEGUIREPER CONCLUDERE…ERRORI DA EVITARE…REGOLE DA SEGUIRE PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore)

3 I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (D.P.I) PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

4 LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO RELATIVA AI D.P.I. Il montaggio, lo smontaggio e la trasformazione dei ponteggi rientra nel campo di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) e deve quindi rispettare quanto disposto dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Per i lavori di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi devono essere impiegati, in funzione della riduzione del rischio di caduta dallalto, D.P.I. di protezione contro le cadute dallalto. Soltanto in situazioni particolari possono essere usati D.P.I. di posizionamento sul lavoro, sempre abbinati a dispositivi di protezione individuale di arresto della caduta. I D.P.I. di posizionamento sul lavoro non hanno la funzione di D.P.I. arresto della caduta. I D.P.I. utilizzati per i lavori di montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi devono essere conformi alle normative vigenti e devono essere identificati, scelti e utilizzati tenendo conto delle prescrizioni richieste dalla legislazione vigente, in particolare dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

5 IL RISCHIO DI CADUTE NEL MONTAGGIO, SMONTAGGIO E TRASFORMAZIONE DEI PONTEGGI La caduta dallalto è un rischio grave per la salute, capace cioè di procurare morte o lesioni di carattere permanente, che il lavoratore non è in grado di percepire tempestivamente prima del verificarsi dellevento. Lesposizione al rischio di caduta dallalto deve essere protetta da adeguate misure di prevenzione e di protezione in ogni istante dellattività lavorativa. Il tempo di esposizione a tale rischio dovrebbe essere uguale a zero. TRAIETTORIA DELLA CADUTA IN FUNZIONE DELLA VELOCITA DI PARTENZA E DELLALTEZZA ENERGIA DI CADUTA LIBERA E CON DISSIPATORE (con massa di 100 daN) PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

6 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO - Tipo di DPI, Norma, Funzione Tipo di DPINormaFunzione Calzature di protezione per uso professionaleUNI EN 346Protezione contro gli urti e contro la penetrazione Dispositivi anticaduta di tipo guidato su una linea di ancoraggio rigida UNI EN 353-1Arresto della caduta Dispositivi anticaduta di tipo guidato su una linea di ancoraggio flessibile UNI EN 353-2Arresto della caduta Cordino di prolungaUNI EN 354Elemento di collegamento o componente di sistema anticaduta di cui alla UNI EN 363 Assorbitore di energiaUNI EN 355Componente di sistema anticaduta di cui alla UNI EN 363 Cintura di posizionamento sul lavoro e di trattenuta e cordini di posizionamento UNI EN 358Posizionamento sul lavoro e trattenuta Dispositivi anticaduta di tipo retrattileUNI EN 360Arresto della caduta Imbracatura per il corpoUNI EN 361Arresto della caduta ConnettoreUNI EN 362Collegamento Sistemi di arresto cadutaUNI EN 363Arresto della caduta DPI contro le cadute dallalto, requisiti generali per le istruzioni per la manutenzione e la marcatura UNI EN 365Istruzioni Guanti di protezione contro le azioni meccanicheUNI EN 388Protezione delle mani contro il taglio e la perforazione Elmetti di protezione per lindustriaEN 397Protezione in particolari condizioni di lavoro con lo sgancio del sottogola ad un carico di sicurezza per il lavoratore Imbracatura con coscialiUNI EN 813Protezione caduta dallalto ConnettoreUNI EN QCollegamento non apribile Elmetti di protezione ad alta prestazione per lindustriaEN 14052Resistenza della calotta e tenuta del casco contro gli impatti laterali PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

7 DIZIONARIO FONDAMENTALE RELATIVO AI D.P.I. Ancoraggio DPI - Elemento o elementi fissati ad una struttura a cui si può applicare un dispositivo di ancoraggio del D.P.I. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale Caduta dallalto – Caduta da una quota superiore a 2 m. Connettore – Elemento di connessione apribile e bloccabile (per es. moschettone). Cordino – Elemento di collegamento in genere utilizzato tra imbracatura e linea vita o punto di ancoraggio tramite collegamenti terminali ( moschettoni, anelli). Può costituire parte del sistema anticaduta. Dispositivo di arresto retrattile – Dispositivo di arresto caduta dotato di un sistema automatico di tensione e di ritorno del cordino e di funzione autobloccante allo strappo. Può essere dotato di un assorbitore di energia. Distanza darresto – Distanza verticale misurata dal punto di aggancio dellimbracatura nel punto di inizio caduta alla posizione finale di equilibrio dopo larresto. Imbracatura - Supporto di trattenuta del il corpo. Assorbitore di energia – Elemento componente di un sistema di arresto caduta progettato per limitare lenergia cinetica conseguente ad una caduta dallalto agente sullattacco dellimbraco. Può essere integrato in un cordino, in una linea vita, in una imbracatura per il corpo o in combinazione. assorbitore di energia

8 DIZIONARIO FONDAMENTALE RELATIVO AI D.P.I. Effetto pendolo – Si ha quando la caduta avviene in prossimità di una estremità della linea vita flessibile. Il sistema di aggancio dellimbraco scivolerà verso il centro della linea trascinando il lavoratore sottoponendolo alleffetto pendolo. Spigoli vivi – E da evitare che il cordino venga in contatto con bordi a spigoli vivi che ne ridurrebbero sforzi eccessivi o addirittura la rottura. Uso dei sistemi di arresto – Per utilizzare i sistemi darresto consultare sempre il manuale di istruzioni ed uso specifico del dispositivo di arresto caduta poiché tecniche e modalità duso possono essere diverse per prodotti diversi. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale Linea di ancoraggio flessibile (linea vita) - Corda di fibra sintetica o fune metallica fissata a due o più punti di ancoraggio. Su di essa scorre lattacco mobile a cui si agganciano i dispositivi anticaduta. Tirante daria – E la misura dello spazio libero da ostacoli al di sotto del lavoratore necessario ad arrestare la caduta in condizioni di sicurezza.

9 DIZIONARIO FONDAMENTALE RELATIVO AI D.P.I. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale fettuccia di ancoraggio linea vita cavo di sicurezza con dispositivo di arresto retrattile imbracatura

10 D.P.I. CONTRO LE CADUTE DALLALTO: SISTEMI DI ARRESTO CADUTA Un sistema di arresto della caduta è costituito da una imbracatura per il corpo, un cordino, un elemento assorbitore di energia, un punto o sistema di ancoraggio, i relativi elementi di connessione. In alcune fasi dellattività o nelluso di particolare tecniche di lavoro limbracatura per il corpo è del tipo che incorpora una cintura di posizionamento sul lavoro con il relativo cordino di posizionamento. Pur non facendo parte dei D.P.I. anticaduta, lelmetto è di fondamentale importanza nel lavoro montaggio, smontaggio e trasformazione dei ponteggi. Protegge il capo del lavoratore sia dalla caduta di oggetti dallalto che dallimpatto contro ostacoli. Lelmetto deve avere una calotta, una bardatura comoda e stabile sulla testa, un sottogola di adeguata resistenza ma di facile sgancio in caso di impigliamento o sollevamento. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

11 D.P.I. CONTRO LE CADUTE DALLALTO: SISTEMI DI ARRESTO CADUTA In caso di caduta i rischi indotti dalluso dellimbraco sono i seguenti: oscillazione del corpo con conseguente possibile urti contro ostacoli (effetto Pendolo); sollecitazioni trasmesse al corpo in caduta dalla trattenuta dellimbraco; sospensione del corpo del lavoratore a seguito di perdita di conoscenza che resta appeso inerte al dispositivo di arreso – causa il rapido peggioramento delle funzioni vitali in particolari condizioni fisiche e patologiche. Di regola, al fine di ridurre al minimo la distanza di caduta libera e garantire un tirante daria sufficiente è opportuno collocare il punto di ancoraggio possibilmente al di sopra del punto di aggancio dellimbracatura. Il tirante daria, per evitare che loperatore urti al suolo, deve essere maggiore dellaltezza di caduta. Con cordino di 2 m il tirante daria indicato in genere dai fabbricanti è di 6 m. Laltezza di caduta si calcola tenendo conto: della lunghezza del cordino; dellestensione dellassorbitore di energia che con cordino di 2 m non supera 1,75 m. della freccia della linea vita di ancoraggio dopo la caduta (si calcola in base al valore della flessione della linea stessa, fornita dal fabbricante); della configurazione dei punti di ancoraggio; della distanza addizionale di sicurezza di 2,5 m, dal punto di imbraco, per lo spostamento dellimbracatura sul corpo e la distanza sotto i piedi dellutilizzatore dopo larresto. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

12 D.P.I. CONTRO LE CADUTE DALLALTO: SISTEMI DI ARRESTO CADUTA Applicazione pratica PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

13 D.P.I. CONTRO LE CADUTE DALLALTO: SISTEMI DI ARRESTO CADUTA Linea vita orizzontale flessibile per D.P.I. collegata al ponteggio La norma UNI EN 795 classifica la linea vita flessibile in classe C ed è definita come una linea orizzontale se devia dallorizzontale per non più di 15°. Essa è composta da ancoraggi strutturali di estremità, eventuali ancoraggi intermedi e una linea di ancoraggio per D.P.I. Il fabbricante deve dichiarare, nelle istruzioni duso, che i dispositivi di ancoraggio sono stati sottoposti alle prove previste dalla norma UNI EN 795 e deve fornire le istruzioni per linstallazione. Le istruzioni devono comprendere la forza massima consentita sugli ancoraggi strutturali di estremità e intermedi. Se il dispositivo è progettato esclusivamente per uso come dispositivo di protezione individuale è necessario specificarne i seguenti parametri: numero massimo di lavoratori collegabili; esigenza di assorbitori di energia; requisiti relativi alla distanza dal suolo od eventuali ostacoli. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

14 D.P.I. CONTRO LE CADUTE DALLALTO: SISTEMI DI ARRESTO CADUTA Linea vita orizzontale flessibile per D.P.I. collegata al ponteggio Gli installatori devono accertare lidoneità dei materiali di supporto nei quali vengono fissati i dispositivi di ancoraggio strutturali. Tutti gli elementi portanti della linea vita (piastre, bulloni ecc.) che fissano la linea vita alla struttura portante devono essere progettati in modo da resistere al doppio della forza generata dalla massima tensione del supporto al momento dellarresto della caduta o del trattenimento applicata su tali elementi o componenti. Per il fissaggio degli ancoraggi strutturali su acciaio o legno, la progettazione e linstallazione dovrebbero essere verificate mediante calcoli da un ingegnere qualificato per stabilire se sono in grado di sostenere la forza della prova tipo. Per il fissaggio in altri materiali, linstallatore dovrebbe verificare lidoneità eseguendo una prova in un campione di materiale. Il campione dovrebbe resistere al doppio della forza massima prevista. Successivamente ogni ancoraggio strutturale, dopo linstallazione nel medesimo materiale, dovrebbe essere sottoposto ad una forza di trazione assiale di 50 daN, a conferma della solidità del fissaggio, per almeno 15 sec. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

15 D.P.I. CONTRO LE CADUTE DALLALTO: SISTEMI DI ARRESTO CADUTA Linea vita orizzontale flessibile per D.P.I. collegata al ponteggio La forza massima sul cordino, secondo il punto della EN 795, è di 600 daN (6kN) che deve essere poi scomposta secondo le linee di forza dei due supporti strutturali -. (per esempio: una massa di 25 kg che cade da 1 m, trattenuto da una linea orizzontale in corda di acciaio e senza dissipatore di energia sviluppa sullancoraggio strutturale (montanti dei ponteggi) una forza di circa 430 daN (dato sperimentale). Sul punto di ancoraggio si scaricheranno due componenti una di trazione assiale e una di taglio (x e y). Le due forze dipenderanno dallangolo formato tra la congiungente gli ancoraggi e la linea vita. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

16 LA LINEA VITA: MODALITA DI MONTAGGIO E SUO UTILIZZO Prima di accedere al piano superiore impalcato montare la linea vita. La linea di ancoraggio deve essere usata dal numero massimo di persone previsto nel libretto della stessa. La linea vita deve essere montata dal piano inferiore a quello di allestimento prima che il lavoratore vi acceda, in modo da permettere laggancio immediato del lavoratore che esce dalla botola. I° fase Per lancoraggio della linea di sicurezza si può utilizzare una fettuccia di ancoraggio ed effettuare una legatura a strozzo in modo che la fettuccia non scivoli lungo il montante. Se il punto di ancoraggio è effettuato lungo un montante, conformato in modo da ostacolare la discesa dellancoraggio, passare semplicemente la fettuccia intorno al montante. In alternativa alla fettuccia utilizzare pinze di ancoraggio. Le pinze devono essere sempre libere di posizionarsi nel senso della tensione della linea vita II° fase PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

17 LA LINEA VITA: MODALITA DI MONTAGGIO E SUO UTILIZZO III° fase Collegare i due moschettoni posti alle estremità della linea vita ai due ancoraggi a fettuccia. Montare la linea vita prima della posa degli impalcati o del completamento del montaggio degli stessi, per lasciare alloperatore un agevole spazio di manovra. Mettere in tensione la linea vita tramite tensionatore manuale. Verificare la necessità di dotare la linea vita di un dispositivo assorbitore di energia UNI EN 355 allo scopo di limitare la sollecitazione degli ancoraggi a 600 da N. Per essere utilizzabile la linea vita deve essere posizionata allinterno dei montanti dellimpalcato in modo da consentire al cordino di assecondare, seguendoli, i movimenti del lavoratore. Se la linea vita deve essere interrotta (ancoraggi intermedi, ostacoli architettonici o costituiti da elementi di ponteggio) si deve adottare un cordino a Y o due cordini collegati al dissipatore di energia in modo che il lavoratore possa superare le interruzioni senza mai essere sganciato dalla linea vita. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

18 FASE 1: Partendo dal piano di campagna, mettere in opera gli ancoraggi del ponteggio – se previsti - FASE 2: Operando dal basso, posare i telai, i traversi e limpalcato del I° impalcato. FASE 3: Dal I° piano loperatore si trova ad una quota di circa 2 m e pertanto non necessita di alcuna protezione obbligatoria contro le cadute. Pertanto procede, sempre operando dal basso, ad allestire il II° piano di calpestio. FASE 4: Accedere al piano superiore dellimpalcato e non appena si è in posizione utile per raggiungere con le mani la linea di ancoraggio, agganciare a questa il moschettone del dispositivo di trattenuta. MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

19 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA Di seguito vengono proposte alcune tecniche di montaggio dei ponteggi con lutilizzo dei sistemi anticaduta; tali esempi risultano puramente indicativi e didattici al fine di consentire un corretto approccio alle problematiche derivanti da tale metodologia. Ladozione di tali procedure inoltre comporta dei rischi aggiuntivi rispetto a quella con misure di protezione collettiva in quanto: 1. la possibile caduta delloperatore, determina una sollecitazione sul ponteggio che non rientra più nelle previsioni di calcolo di cui alla sua Autorizzazione Ministeriale; 2. il personale utilizzante limbragatura di sicurezza dovrà essere adeguatamente addestrato, in quanto trattasi di D.P.I. di 3ª categoria (salvavita). PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

20 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA Iª ipotesi - Impiego di linea vita ancorata ai montanti a livello del piano di calpestio. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

21 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA Iª ipotesi - Impiego di linea vita ancorata ai montanti a livello del piano di calpestio. Ma se P+4m < F+D+H+A loperatore cade a terra - Uno dei punti critici con lutilizzo della linea vita flessibile è quando si opera dal II° piano in quanto il tirante daria può non essere sufficiente ad evitare limpatto del lavoratore al suolo; infatti con una altezza del ponteggio pari a 4 m si riscontrano le seguenti condizioni: PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

22 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA Iª ipotesi - Impiego di linea vita ancorata ai montanti a livello del piano di calpestio. IL PROBLEMA E QUINDI QUELLO DI DIMINUIRE IL PIU POSSIBILE: -LA DISTANZA DI CADUTA IN MODO DA RIDURRE LIMPATTO DELLOPERATORE CON LIMBRAGO -LEFFETTO PENDOLO -GLI SFORZI INDOTTI SULLA STRUTTURA DELLIMPALCATO E SUGLI ANCORAGGI. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

23 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA IIª ipotesi - Impiego di linea vita ancorata ai montanti a livello del piano di calpestio con lunghezza ridotta Si possono adottare linee vita con lunghezze ridotte per diminuire la freccia, ma si pone il problema della scarsa mobilità delloperatore e la frequente operazione di spostamento della linea vita con conseguente aggancio e sgancio dellimbracatura. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

24 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA III ipotesi - Impiego di linea vita ancorata ai montanti a 2 metri dal piano di calpestio Gli ancoraggi della linee vita dovranno essere posti ad una altezza, indipendentemente dal piano di calpestio, tale da diminuire lo spazio di caduta ed evitare limpatto delloperatore a terra. Per esempio, allestire una linea vita flessibile ancorata ad un livello più elevato rispetto al piano di calpestio utilizzando dei prolungamenti dei montanti, un cordino di lunghezza ridotta con assorbitore di energia. Questa soluzione appare praticabile ma presenta difficoltà di determinazione del punto di ancoraggio sicuro rispetto al prolungamento. Alzare linea vita a 2 m PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

25 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA III ipotesi - Impiego di linea vita ancorata ai montanti a 2 metri dal piano di calpestio Con laltezza della linea vita è posta a 2 m dal piano di calpestio, considerando una lunghezza della linea vita di 14,4 m, dalla tabella (1) la freccia risulta essere di 3,20 m e la caduta libera risulta essere di 3,05 m. Pertanto i piedi delloperatore si verranno a trovare ad una altezza di: E-[(C²+D²)-A]+F = 94 cm da terra Nota: si è presupposto che la caduta non comporti lo srotolamento dellassorbitore del cordino in quanto la linea vita risulta essere già sollecitata e quindi già con una certa freccia allinizio della caduta. Tale condizione comporta già un rallentamento della velocità di caduta e la conseguente diminuzione della forza dimpatto finale. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

26 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA IV ipotesi - Impiego di linea vita in acciaio ancorata ai montanti a 2 metri dal livello del piano di calpestio La linea vita è posizionata come la precedente ma con freccia molto ridotta (per esempio utilizzando una fune dacciaio con freccia di 80 cm). Il cordino deve essere il più corto possibile e non si utilizza il dissipatore di energia se la caduta è contenuta al massimo a 60 cm. Laccesso delloperatore al piano presenterà un rischio residuo di caduta fino a che loperatore non si sarà agganciato alla linea vita. Sarà sempre importante verificare gli sforzi a cui sono soggetti gli ancoraggi residenti. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

27 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA V ipotesi - Impiego di linea vita flessibile fissata ai montanti dei telai esterni del ponteggio Posizionare ed ancorare la linea vita nella parte alta dei montanti delle stilate allo scopo di ridurre al minimo lo spazio di caduta. Sarà necessario prevedere adeguati rinforzi alla base della stilata. Valgono le considerazioni delle ipotesi II e III. Presenta linconveniente che necessita di due punti di accesso (quindi due scale e due botole per piano) al fine di poter installare le stilate di estremità previo aggancio alla struttura del ponteggio o allancoraggio dello stesso a livello dellimpalcato. (vedi ipotesi I° escluso la freccia F). Dopo aver posato le stilate di estremità loperatore deve cambiare il cordino ed adottare quello da 0,55 m. Caduta libera 3,05 m sempre che non entri in funzione lassorbitore (vedi ipotesi III°). PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

28 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA V ipotesi - Impiego di linea vita flessibile fissata ai montanti dei telai esterni del ponteggio Rischio residuo Se loperatore cade dalla testata dellimpalcato, durante la posa delle stilate di estremità, la caduta libera sarà di 4,75 m e pertanto impatterà col suolo per 75 cm. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

29 La procedura rimane quella di operare dal basso posizionando il dissipatore sullimpalcato del piano da montare ed ancorarlo ad un montante. Il dissipatore deve essere libero di allinearsi lungo la linea di forza. Quindi uscire dalla botola e agganciarsi immediatamente. La posizione più sfavorevole si ha quando loperatore si trova a montare la stilata successiva (circa 1,80 m). A = estensione fune = 3,15 m B = diagonale piano di calpestio = 2 m D = allungamento del dispositivo di trattenuta = 0,70 m E = distanza tra punto di ancoraggio dellimbraco e i piedi delloperatore = 1,50 m A – B + D + E = 3,45 m In caso di caduta loperatore si troverà con i piedi a 55 cm da terra. MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA VI ipotesi - Utilizzo di un dissipatore retrattile orizzontale PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

30 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA VI ipotesi - Utilizzo di un dissipatore retrattile orizzontale Qualora si renda necessario diminuire ulteriormente la distanza di caduta libera si applicano, per lo stesso operatore, due dissipatori alle estremità del ponte e si collegano entrambi allimbraco. In questo caso si riduce anche leffetto pendolo. La soluzione però appare poco pratica in quanto si determina un ingombro ai movimenti delloperatore. Il dissipatore deve essere revisionato annualmente e dopo ogni caduta. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

31 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA VII ipotesi (A) - Impiego di solo cordino Dopo aver montato il piano di calpestio, loperatore sale al piano e si aggancia alla struttura del ponteggio o allancoraggio a livello del piano di calpestio. Quindi installa due stilate complete di parapetto. Si sgancia dal cordino in posizione protetta. La caduta libera è di 2,60 cm prima che si attivi lassorbitore. In questo caso loperatore impatterà col suolo di 35 cm. Sarà necessario valutare lutilizzo di un cordino lungo 1,5 m (vedi ipotesi V°). PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

32 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA VII ipotesi (B) - Impiego di solo cordino Loperatore utilizzando un cordino lungo 1,35 m agganciato allestremità superiore della stilata, procede man mano al montaggio delle stilate successive, provvedendo a montare di volta in volta anche i parapetti. La caduta libera è di 0,85 cm. La caduta risulta essere contenuta (pertanto non si utilizza il dissipatore) e il corpo delloperatore può oltrepassare il piano di calpestio ma allatto della caduta viene richiamato allinterno del piano stesso. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

33 Nota Ad eccezione dei dati di progetto forniti dal costruttore dei D.P.I. i restanti valori assunti nel calcolo della caduta (altezza ponteggio, distanza delloperatore dai dispositivi retrattili ecc.) devono essere verificati sperimentalmente. MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

34 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA EFFETTO PENDOLO Leffetto pendolo di una caduta si verifica quando avviene in prossimità di una estremità della linea vita. Il dispositivo scorrevole di ancoraggio può scivolare lungo la linea verso il centro trascinando il lavoratore. Qualora vi sia la possibilità che il lavoratore durante leffetto pendolo incontri un ostacolo è necessario configurare diversamente la linea. Per esempio adottando un ulteriore ancoraggio in corrispondenza dellostacolo. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

35 MODALITA DI MONTAGGIO DEL PONTEGGIO CON LUSO DI SISTEMI ANTICADUTA MODALITA OPERATIVE SUCCESSIVAMENTE AL SECONDO IMPALCATO Allestire il ponteggio iniziando dal campo di arrivo (quello della botola) montando le due stilate complete di parapetti in modo da ottenere un campo sicuro in cui ricevere i materiali. Procedere montando i telai partendo da quello della stilata più vicina e completarlo immediatamente con correnti, parapetto e tavola fermapiede in modo da limitare il pericolo di caduta solo al campo in allestimento UTILIZZARE SEMPRE SISTEMI ANTICADUTA! PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

36 NORME SULLUTILIZZO DI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE Durante le fasi di montaggio, trasformazione e smontaggio, è obbligatorio luso continuo del sistema anticaduta con una esposizione al rischio di caduta limitata al solo campo di allestimento ed è utilizzabile solo qualora non sia possibile usufruire delle protezioni collettive. 1. Il datore di lavoro ai fini della scelta dei D.P.I.: a) effettua l'analisi e la valutazione dei rischi che non possono essere evitati con altri mezzi; b) individua le caratteristiche dei D.P.I. necessarie affinché questi siano adeguati ai rischi di cui alla lettera a), tenendo conto delle eventuali ulteriori fonti di rischio rappresentate dagli stessi D.P.I.; c) valuta, sulla base delle informazioni a corredo dei D.P.I. fornite dal fabbricante e delle norme d'uso, le caratteristiche dei D.P.I. disponibili sul mercato e le raffronta con quelle individuate alla lettera b); d) aggiorna la scelta ogni qualvolta intervenga una variazione significativa negli elementi di valutazione. 2. Il datore di lavoro individua le condizioni in cui un D.P.I. deve essere usato, specie per quanto riguarda la durata dell'uso, in funzione di: a) entità del rischio; b) frequenza dell'esposizione al rischio; c) caratteristiche del posto di lavoro di ciascun lavoratore; d) prestazioni del D.P.I.. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

37 3. Il datore di lavoro fornisce ai lavoratori i DPI rispondenti ai seguenti requisiti: · essere conformi alle norme; · essere adeguati ai rischi da prevenire, senza comportare di per sé un rischio maggiore; · essere adeguati alle condizioni esistenti sul luogo di lavoro; · tenere conto delle esigenze ergonomiche o di salute del lavoratore; · poter essere adattati all'utilizzatore secondo le sue necessità. 4. In caso di rischi multipli che richiedono l'uso simultaneo di più DPI, questi devono essere tra loro compatibili e tali da mantenere, anche nell'uso simultaneo, la propria efficacia nei confronti del rischio e dei rischi corrispondenti. 5. Il datore di lavoro: a) mantiene in efficienza i D.P.I. e ne assicura le condizioni d'igiene, mediante manutenzioni, riparazioni e sostituzioni necessarie; b) provvede a che i D.P.I. siano utilizzati soltanto per gli usi previsti, salvo casi specifici ed eccezionali, conformemente alle informazioni del fabbricante; c) fornisce istruzioni comprensibili per i lavoratori; d) destina ogni D.P.I. a un uso personale e, qualora le circostanze richiedano l'uso di uno stesso D.P.I. da parte di più persone, prende misure adeguate affinché tale uso non ponga alcun problema sanitario e igienico ai vari utilizzatori; e) informa preliminarmente il lavoratore dei rischi dai quali il D.P.I. lo protegge; f) rende disponibile informazioni adeguate su ogni D.P.I.; g) assicura una formazione adeguata e organizza uno specifico addestramento sull'uso corretto dei D.P.I.. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

38 6. In ogni caso l'addestramento è indispensabile per ogni D.P.I. che appartenga alla terza categoria (come per lappunto le imbracature di sicurezza). 7. I lavoratori si sottopongono al programma di formazione e addestramento organizzato dal datore di lavoro nei casi ritenuti necessari. 8. I lavoratori utilizzano i D.P.I. messi a loro disposizione conformemente all'informazione e alla formazione ricevute e all'addestramento eventualmente organizzato. 9. I lavoratori hanno cura dei D.P.I. messi a loro disposizione; non vi apportano modifiche di propria iniziativa. 10. Al termine dell'utilizzo i lavoratori seguono le procedure aziendali in materia di riconsegna dei D.P.I I lavoratori segnalano immediatamente al datore di lavoro o al dirigente o al preposto qualsiasi difetto o inconveniente da essi rilevato nei DPI messi a loro disposizione. 12. Lutilizzo dei D.P.I. deve essere inserito allinterno del Piano Operativo di Sicurezza e si deve pianificare punti di ancoraggio, dissipatore di energia e imbracatura. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

39 CONSERVAZIONE E MANUTENZIONE DEI D.P.I. Il datore di lavoro è obbligato a mantenere in efficienza i D.P.I. e assicurarne la manutenzione, le riparazioni e le sostituzioni necessarie. I lavoratori per contro, sono obbligati a segnalare immediatamente al datore di lavoro o al preposto, qualsiasi difetto o inconveniente rilevato nei D.P.I. messi a loro disposizione. D.P.I. e attrezzature devono essere conservati e sottoposti alle necessarie manutenzioni in modo che risultino sempre in perfetto stato e pronti per essere usati, secondo le modalità di conservazione e manutenzione riportate nella nota informativa fornita obbligatoriamente dal fabbricante del prodotto. Devono essere eseguite le verifiche periodiche, indicate dal fabbricante, attenendosi alle prescrizioni fornite. Per i materiali le cui caratteristiche meccaniche decadono comunque nel tempo a prescindere dallimpiego fattone e dallusura, come le funi, i cordini, le imbracature e tutti i prodotti tessili, si deve provvedere alla loro sostituzione entro i limiti temporali indicati dal fabbricante. Limite di utilizzo del sistema di arresto: dopo una caduta è vietato riutilizzare il sistema di arresto caduta. Si raccomanda la redazione di un apposito registro di manutenzione dei DPI, su cui devono essere annotati i dati dei singoli DPI, del loro utilizzo temporale e delle operazioni di verifica e/o manutenzione effettuate, comprese le sostituzioni. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale

40 CONCLUSIONI Alla luce di quanto detto, si ritiene che il montaggio/smontaggio dei ponteggi mediante luso di misure di protezione collettiva risulta di maggiore semplicità. Luso dei D.P.I. comporta infatti, a carico del datore di lavoro: 1) Una progettazione del ponteggio a fronte: delle sollecitazioni derivanti dalleventuale caduta delloperatore sia per quanto attiene lancoraggio del ponteggio e sia in relazione alle forze alle quali lo stesso ponteggio è soggetto; la probabile realizzazione dellopera provvisionale fuori dallo schema tipo approvata dal Ministero. 2. Il controllo sistematico e la periodica manutenzione dei Dispositivi di Protezione Individuali. 3. Laddestramento del personale. 4. Presenza di rischi residui quali leffetto pendolo. Inoltre ladozione dei sistemi collettivi di protezione risulta maggiormente rispettosa dei disposti normativi; infatti il D.Lgs. 81/08 da priorità a tale soluzione rispetto a quella comportante luso dei D.P.I.. PARTE PRIMA – TEORICA Modulo tecnico (10 ore) I dispositivi di protezione individuale


Scaricare ppt "Preposto ed Addetto al Montaggio, Uso e Smontaggio di Ponteggi (Pi.M.U.S.)"

Presentazioni simili


Annunci Google