La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Proiezioni per sviluppo modificate matematicamente Carta di Mercatore A cura: S.T.V. Giuseppe FIORINI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Proiezioni per sviluppo modificate matematicamente Carta di Mercatore A cura: S.T.V. Giuseppe FIORINI."— Transcript della presentazione:

1

2 Proiezioni per sviluppo modificate matematicamente Carta di Mercatore A cura: S.T.V. Giuseppe FIORINI

3 Proiezione Cilindrica Centrale Per ben comprendere il principio di costruzione della Carta di Mercatore è indispensabile conoscere la Proiezione Cilindrica Centrale. In tale proiezione il punto di vista è collocato al centro della sfera rappresentativa mentre il quadro è un cilindro tangente lungo lEquatore. I meridiani ed i paralleli vengono rappresentati con due fasci di rette ortogonali fra loro; i meridiani distano fra di loro tutti di una stessa quantità, mentre i paralleli sono rappresentati da rette tanto più distanti fra di loro e dallequatore quanto più cresce la latitudine. I poli sono proiettati allinfinito e qui ndi non sono rappresentabili.

4 Un carattere generale delle carte è il seguente: ad un punto della sfera (φ,λ) corrisponde un unico punto della carta, e viceversa Il punto della carta è dato dai valori cartesiani (x,y) In termini più tecnici si può dire che tra i punti obbiettivi della sfera ed i punti immagini della carta cè corrispondenza biunivoca. Per semplicità le Relazioni di Corrispondenza che legano (φ,λ) con (x,y) sono ottenute in generale col metodo geometrico per mezzo delle proiezioni.

5 Le RELAZIONI di CORRISPONDENZA per questa carta sono: x = R y = R tgφ(vedi figura)

6 La proiezione cilindrica centrale non è ISOGONA in quanto non conserva la similitudine fra le piccole figure della carta e della Terra. Infatti gli angoli formati fra le diverse direzioni sulla terra non sono rappresentati con angoli uguali sulla carta. Si dimostra inoltre che la funzione (tgR), in cui R è un angolo sulla carta corrispondente ad un angolo R sulla Terra, è uguale al prodotto (tgR*cosφ) tgR = tgR*cosφ tgR = tgR*cosφ In altri termini, se consideriamo sulla Terra una Lossodromia che formi langolo di rotta R costante con tutti i meridiani che incontra, tale angolo verrà deformato sulla proiezione cilindrica centrale del fattore cos φ Con il crescere della latitudine, la funzione cos φ diminuisce e di conseguenza langolo R sulla carta diventa sempre più piccolo mano a mano che la lossodromia si avvicina ai poli.

7 La proiezione è isogona solo per φ = 0° (circa 10° N o S ) La Proiezione cilindrica non possedendo i requisiti di isogonismo e di rettifica delle lossodromie, non può essere impiegata come carta nautica, tuttavia partendo da essa e modificando la legge di distribuzione dei paralleli (Relazioni di Corrispondenza ) si ottiene una carta con i requisiti richiesti: isogonismo isogonismo rettifica delle lossodromie rettifica delle lossodromie e possibilità di rappresentare zone estese di superficie per i percorsi oceanici. e possibilità di rappresentare zone estese di superficie per i percorsi oceanici. Tale è la Carta di Mercatore

8 Carta di Mercatore La Carta di Mercatore (nautica o marina) non è altro che una Proiezione cilindrica centrale modificata matematicamente Vediamo come si arriva alla formulazione matematica della carta di mercatore. Consideriamo uno spicchio sferico terrestre limitato da due meridiani distanti fra loro di una quantità infinitesima dy e su di esso larchetto infinitesimo di lossodromia dm passante per i punti A e B e formante langolo di rotta R nel punto A.

9

10 Consideriamo la stessa situazione, rappresentata sulla carta di Mercatore. Volendo conservare gli angoli, senza cambiare la legge di distribuzione dei meridiani, Mercatore impose matematicamente la condizione di isogonismo rendendo simili il triangolo infinitesimo ABC sulla sfera ed il corrispondente triangolo abc sulla carta. In altri termini costruì una carta in cui si verificava per ogni latitudine la proporzionalità fra i lati corrispondenti dei due triangoli. Il triangolo infinitesimo ABC della sfera rappresentativa può, a causa della sua piccolezza, essere considerato Piano.

11 Imponendo la proporzionalità fra i lati dei due triangoli si ha: dx =dyda cui si ricava dy = dx dφ dx =dyda cui si ricava dy = dx dφ dpdφ dp dpdφ dp Ricordando che dx = dλ per costruzione, in quanto si vuole conservare la legge di distribuzione dei meridiani, e dp = d λ cos φ, in quanto un elemento di parallelo è uguale al simile elemento di equatore per il coseno della latitudine, si ha con la sostituzione: dy = dλ dφ = dφ sec φ d λ cos φ d λ cos φ Volendo ottenere la lunghezza dellarco di meridiano che va dallequatore al parallelo di latitudine φ che si vuole rappresentare si dovrà integrare (sommare) la precedente formula fra i valori di 0° e φ°, cioè: φ y = d φ sec φ 0

12 Con i procedimenti dellanalisi si dimostra che tale integrale è dato dalla relazione: y = ln tg (45° + φ/2) Il simbolo y è detto latitudine crescente per la sfera e si indica con φc. Per quanto detto le relazioni di corrispondenza della Carta di Mercatore per la Terra sferica sono: x = R λ y = φc Volendo esprimere y in primi di equatore si avrà: y = φc = (10800/π ) ln tg (45° + φ/2)

13 Le carte nautiche sono generalmente costruite per la Terra ellissoidica, pertanto la formula della latitudine crescente e dissimile da quella della Terra sferica. Le tavole Nautiche dellI.I. (Tav.4) forniscono i valori di queste latitudini crescenti per lEllissoide (o latitudini isoterme). La differenza fra i valori delle latitudini crescenti per la sfera e per lellissoide consiste nel fatto che: - i primi sono sempre maggiori delle corrispondenti latitudini geografiche (espresse in primi darco) - i secondi cominciano ad essere più grandi delle corrispondenti latitudini geografiche solo fra l11° e il 12° parallelo. Nella zona equatoriale le lat. Isoterme sono minori delle lat. Geografiche e ciò dipende dal raggio di curvatura del meridiano.

14 La carta di Mercatore è isogona ma non è né equivalente né equidistante, cioè non conserva né le aree né le distanze. La carta di Mercatore è isogona ma non è né equivalente né equidistante, cioè non conserva né le aree né le distanze. Queste ultime vengono deformate col variare della latitudine di un fattore sec φ ed è appunto per questo motivo che la misura delle distanze sulla carta di Mercatore viene effettuata servendosi delle scale laterali delle latitudini Queste ultime vengono deformate col variare della latitudine di un fattore sec φ ed è appunto per questo motivo che la misura delle distanze sulla carta di Mercatore viene effettuata servendosi delle scale laterali delle latitudini (anchè esse variabili con la sec φ ) Il grigliato della carta di Mercatore si presenta, apparentemente, come quello della proiezione cilindrica, cioè a maglie rettangolari. Il grigliato della carta di Mercatore si presenta, apparentemente, come quello della proiezione cilindrica, cioè a maglie rettangolari. la differenza consiste appunto nella legge di distribuzione dei paralleli la cui distanza dallequatore dipende dal valore della secante della latitudine, mentre nella proiezione cilindrica centrale dipende dal valore della tangente della latitudine.


Scaricare ppt "Proiezioni per sviluppo modificate matematicamente Carta di Mercatore A cura: S.T.V. Giuseppe FIORINI."

Presentazioni simili


Annunci Google