La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Incontro di Formazione sullEsortazione sullEsortazione Apostolica Apostolica Tortona, 3 febbraio 2014 … lAnnuncio del Vangelo nel mondo attuale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Incontro di Formazione sullEsortazione sullEsortazione Apostolica Apostolica Tortona, 3 febbraio 2014 … lAnnuncio del Vangelo nel mondo attuale."— Transcript della presentazione:

1 Incontro di Formazione sullEsortazione sullEsortazione Apostolica Apostolica Tortona, 3 febbraio 2014 … lAnnuncio del Vangelo nel mondo attuale

2 PARLARE e PRESENTARE questa Esortazione Apostolica di Papa Francesco Tortona, 3 febbraio 2014 Perché …

3 Vorrei dare una risposta a questa domanda riprendendo alcuni temi delle domeniche scorse: DIO è … LUCE DIO dona … LUCE il Cristiano deve donare LUCE

4 Tortona, 3 febbraio 2014 Pertanto: I l p r o g e t t o d i D i o è c h e l ' u o m o m a n i f e s t i l a s u a G l o r i a, d i v e n t i S a n t o L e c o m u n i t à c r i s t i a n e d i v e n t i n o s e g n o d i s a l v e z z a e d i s p e r a n z a p e r t u t t i c o l o r o c h e d a l l e t e n e b r e a n e l a n o a l l a l u c e.

5 Tortona, 3 febbraio 2014 Papa Francesco, da quando è stato eletto, proclama questa verità: il cristiano deve SVEGLIARSI le comunità cristiane devono diventare FARI DI LUCE per il mondo intero.

6 Tortona, 3 febbraio 2014 Papa Francesco, da quando è stato eletto, proclama questa verità: Il popolo cristiano deve vincere le tentazioni interne che mirano a chiudersi in se stesse, a contrapporsi l'uno contro l'altro, a vedere il mondo come concorrente, a realizzare altri valori che non hanno a che fare con il cristianesimo: Cristo è il nostro MAESTRO

7 Tortona, 3 febbraio 2014 Con questa esortazione il Papa ci domanda: PERCHE' SEI CRISTIANO? COME DEVI VIVERE DA CRISTIANO?

8 Tortona, 3 febbraio 2014 RISCORPIRE LA GIOIA DI ESSERE CRISTIANI Quindi SCOPO e MOTIVAZIONE del documento è: VINCERE LA TENTAZIONE DELL'INDIVIDUALISMO DELL'EGOISMO DELLA SUPERFICIALITA'

9 Tortona, 3 febbraio 2014 LA GIOIA

10 Tortona, 3 febbraio 2014 Via la tentazione di avere uno stile di quaresima senza Pasqua. Un'espressione molto dura da parte del Papa, per indicare come molti cristiani vivono la loro fede con tristezza e senza speranza.

11 Tortona, 3 febbraio 2014 Il Papa più volte afferma: siamo realisti ! So delle difficoltà che si incontrano, ma non troviamo scuse, non recriminiamo: si può … VIVERE FELICI IN DIO si può … ESSERE CRISTIANI GIOIOSI

12 Tortona, 3 febbraio 2014 Come? all'inizio dell'essere Cristiani non c'è una decisione etica o una grande idea, bensì l'incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e, con ciò, la direzione decisiva. Papa Francesco ricorda un'espressione di Papa Benedetto XVI:

13 Tortona, 3 febbraio 2014 INCONTRARE IL DIO AMORE Questo il punto fondamentale, solo allora sapremo vivere nella gioia, nell'amicizia ed uscire dall'isolamento, uscire dall'egoismo: chi desidera vivere con dignità e pienezza non ha altra strada che riconoscere l'altro e cercare il suo bene.

14 Tortona, 3 febbraio 2014 Per questo tutti siamo chiamati ad evangelizzare, a trasmettere la fede ricevuta, ma con gioia. Chi dona si realizza, ma solo con un atteggiamento gioioso: Un evangelizzatore non dovrebbe avere costantemente una faccia da funerale. INCONTRARE IL DIO AMORE

15 Tortona, 3 febbraio 2014 LA MEMORIA

16 Tortona, 3 febbraio 2014 Il Papa fa un invito: ricordiamoci e conosciamo la nostra storia. Dobbiamo essere grati cioè RINGRAZIARE Papa Francesco la chiama MEMORIA DEUTERONOMICA Siamo chiamati a fare MEMORIA del passato

17 Tortona, 3 febbraio 2014 ( Il Deuteronomio in ebraico דברים devarìm, "parole", dall'incipit; greco Δευτερονόμιο, deuteronòmio, "seconda legge",ebraicogreco la ripetizione di leggi già presenti in Esodo ed in genere di quanto scritto sul Pentateuco,EsodoPentateuco nei primi Libri della Torah.Torah E' il quinto libro della Torah ebraicaTorahebraica e della Bibbia cristiana.Bibbiacristiana Descrive la storia degli Ebreistoria degli Ebrei durante il loro soggiorno nel deserto del Sinai (circa 1200 a.C.) e contiene varie leggi religiose e sociali.

18 Tortona, 3 febbraio 2014 Dopo la Prima Legge, data da Dio sul Sinai,Sinai il Deuteronomio si presenta come la "Seconda Legge", la nuova Legge che Mosè consegnaMosè al popolo poco prima di morire. Questi nuovi precetti sono orientati a regolare la vita stabile, sedentaria, che di lì a poco il popolo d'Israele avrebbe iniziato all'arrivoIsraele alla Terra Promessa.

19 Tortona, 3 febbraio 2014 Ciò nonostante, queste leggi sono stilate con grande affetto, animando il compimento della Legge con motivi teologici. Il Deuteronomio invita a tradurre l'amore per DioDio nella vita sociale e familiare, non limitandosi dunque allo stretto compimento della Legge.)

20 Tortona, 3 febbraio 2014 fare memoria della Salvezza, della PASQUA. Una memoria che si realizza in particolar modo nella EUCARISTIA =

21 Tortona, 3 febbraio 2014 con coloro che non conoscono Gesù Cristo. Tutti siamo chiamati a trasmettere la fede ma dove? nella pastorale ordinaria con i battezzati non più impegnati

22 Tortona, 3 febbraio 2014 La Trasformazione Missionaria della chiesa

23 Tortona, 3 febbraio 2014 Ma è necessario passare: Da una pastorale di semplice conservazione a una pastorale decisamente missionaria. Una Chiesa in USCITA una Pastorale in CONVERSIONE

24 Tortona, 3 febbraio 2014 Levangelizzazione obbedisce al mandato missionario di Gesù: Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli.

25 Tortona, 3 febbraio 2014 La Bibbia narra il dinamismo in uscita: Dio provoca il credente: Abramo, Mosè, Geremia. Oggi in questo andate di Gesù sono presenti gli scenari e le sfide sempre nuovi della missione evangelizzatrice della Chiesa, e tutti siamo chiamati a questa nuova uscita missionaria. Ogni cristiano e ogni comunità discernerà quale sia il cammino che il Signore chiede però tutti siamo invitati ad accettare questa chiamata: uscite dalla propria comodità e avere il coraggio di raggiungere tutte le periferie che hanno bisogno della luce del Vangelo. CHIESA IN USCITA RAGGIUNGERE TUTTE LE PERIFERIE

26 Tortona, 3 febbraio 2014 GIOIA MISSIONARIA ESODO DONO CAMMINARE SEMINARE ACCOMPAGNARE FRUTTIFICARE FESTEGGIARE

27 Tortona, 3 febbraio 2014 È la gioia che sperimentano i 72 discepoli; che vive Gesù; colui che si converte nellascoltare la predicazione degli Apostoli. Questa gioia è un segno che il vangelo è stato annunciato e sta dando frutto. Ma ha sempre la dinamica dellesodo e del dono, delluscire da sé, del camminare e del seminare sempre di nuovo, sempre oltre. La parola ha in sé una potenzialità che non possiamo prevedere.

28 Tortona, 3 febbraio 2014 La Chiesa in uscita è la comunità di discepoli missionari che pendono liniziativa, che si coinvolgono, che accompagnano, che fruttificano e festeggiano. La comunità evangelizzatrice sperimenta che il Signore ha preso liniziativa, lha preceduta nellamore, e per questo essa sa fare il primo passo.

29 Tortona, 3 febbraio 2014 La comunità evangelizzatrice è accanto alle persone nel quotidiano; accorcia le distanze, condivide le sofferenze. Gli evangelizzatori hanno così ODORE DI PECORE e queste ascoltano la loro voce. OSIAMO UN PO DI PIU DI PRENDERE LINIZIATIVA

30 Tortona, 3 febbraio 2014 Tutte le comunità facciano in modo di porre in atto i mezzi necessari per avanzare nel cammino di una conversione pastorale e missionaria, che non può lasciare le cose come stanno. MA è NECESSARIO CONVERTIRSI RINNOVARSI

31 Tortona, 3 febbraio 2014 Sogno una scelta missionaria capace di trasformare ogni cosa, perché le consuetudini, gli stili. Gli orari, il linguaggio e ogni struttura ecclesiale diventino un canale adeguato per levangelizzazione del mondo attuale, più che per lauto-preservazione. La riforma delle strutture, che esige la conversione pastorale, si può intendere solo in questo senso: fare in modo che esse diventino tutte più missionarie, che la pastorale ordinaria in tutte le sue istanze sia più espansiva e aperta, che ponga gli agenti pastorali in costante atteggiamento di uscita e favorisca così la risposta positiva di tutti coloro ai quali Gesù offre la sua amicizia.

32 Tortona, 3 febbraio 2014 Se è capace di riformarsi e adattarsi costantemente, continuerà ad essere la Chiesa stessa che vive in mezzo alle case dei suoi figli e delle sue figlie. Questo suppone che realmente stia in contatto con le famiglie e con la vita del popolo e non diventi una struttura prolissa separata dalla gente o un gruppo di eletti che guardano a se stessi. La PARROCCHIA

33 Tortona, 3 febbraio 2014 La PARROCCHIA È la comunità, santuario dove gli assetati vanno a bere per continuare a camminare, e centro di costante invio missionario.

34 Tortona, 3 febbraio 2014 Comunità di base e piccole comunità, movimenti, associazioni sono una ricchezza per la Chiesa … ma è molto salutare che non perdano il contatto con questa realtà tanto ricca della parrocchia del luogo, e che si integrino. LE ISTITUZIONI ECCLESIALI

35 Tortona, 3 febbraio 2014 IL VESCOVO Ogni Chiesa particolare …

36 Tortona, 3 febbraio 2014 a me spetta rimanere aperto ai suggerimenti orientati ad un esercizio del mio ministero che lo rende fedele al significato che Gesù Cristo intese dargli e alle necessità attuali dellevangelizzazione. Il PAPA:

37 Tortona, 3 febbraio 2014 in chiave missionaria esige di abbandonare il comodo criterio pastorale del si è sempre fatto così. Invito tutti ad essere audaci e creativi in questo compito di ripensare gli obiettivi, le strutture, lo stile e i metodi evangelizzatori delle proprie comunità. Limportante è non camminare da soli, contare sempre sui fratelli e specialmente sulla guida dei Vescovi, in un saggio e realistico discernimento pastorale. La pastorale

38 Tortona, 3 febbraio 2014 Andando al cuore del Vangelo, facendo attenzione a non invertire le priorità. C'è il pericolo di far prevalere i temi secondari. Nel mondo d'oggi con la velocità delle comunicazioni dei media il messaggio che annunciamo corre il rischio di apparire mutilato e ridotto da alcuni aspetti secondari. COME ANNUNCIARE? Il pericolo maggiore si verifica quando il messaggio che annunciamo sembra allora identificato con tali aspetti secondari.

39 Tortona, 3 febbraio 2014 Non dare per scontato che la gente conosca il messaggio originale del Vangelo, dobbiamo essere realisti. COME ANNUNCIARE? Dobbiamo andare all'essenziale, su ciò che è più bello, più grande, più attraente più necessario.

40 Tortona, 3 febbraio 2014 LA BELLEZZA DELL'AMORE SALVIFICO DI DIO MANIFESTATO DA GESU' CRISTO MORTO E RISORTO. QUAL'E' IL MESSAGGIO FONDAMENTALE?

41 Tortona, 3 febbraio 2014 GERARCHIA DELLE VERITA' CARITA' GRAZIA MISERICORDIA

42 Tortona, 3 febbraio 2014 GERARCHIA DELLE VERITA' S. Tommaso afferma: le opere al prossimo sono la manifestazione esterna più perfetta della grazia interiore dello Spirito. Il Concilio Vaticano II ricorda che esiste un ordine, una gerarchia delle verità nella dottrina cattolica.

43 Tortona, 3 febbraio 2014 Nell'annuncio del Vangelo è necessario che vi sia una adeguata proporzione. Fare attenzione a cosa comunichiamo: prima parlare della CARITA' DELLA GIUSTIZIA, poi verranno le altre verità. Prima parlare della GRAZIA POI DELLA LEGGE

44 Tortona, 3 febbraio 2014 Attenzione a non mutilare il Vangelo: quando la predicazione è fedele al Vangelo si manifesta con chiarezza la centralità di alcune verità. La predicazione morale cristiana non è un'etica stoica, è più di un'ascesi, non è una filosofia, non è un catalogo di peccati ed errori.

45 Tortona, 3 febbraio 2014 Il Vangelo parla di RISPOSTA AL DIO CHE AMA E CHE SI SALVA. Tutte le virtù sono al servizio di questa risposta di amore.

46 Tortona, 3 febbraio 2014 La Chiesa deve saper trasmettere il messaggio del Vangelo, attraverso la interpretazione della Parola e la comprensione della Verità. IL LINGUAGGIO

47 Tortona, 3 febbraio 2014 Non è facile trasmettere il Vangelo oggi. I cambiamenti rapidi culturali richiedono che prestiamo una costante attenzione per cercare di esprimere le verità di sempre in un linguaggio che consenta di riconoscere la sua permanente novità. Pur con buona volontà spesso in alcune occasioni diamo un falso dio o un ideale umano che non è veramente cristiano. Pensiamo più alla formulazione che alla sostanza.

48 Tortona, 3 febbraio 2014 Non potremo mai rendere l'insegnamento della Chiesa qualcosa di facilmente comprensibile. La fede conserva sempre un aspetto di croce. Vi sono cose che si comprendono e si apprezzano solo a partire da questa adesione che è sorella dell'amore. NEL LINGUAGGIO SI SONO DEI LIMITI

49 Tortona, 3 febbraio 2014 TESTIMONIANZA QUALE ATTEGGIAMENTO DELL EVANGELIZZATORE? Deve far risvegliare il cuore con VICINANZA AMORE

50 Tortona, 3 febbraio 2014 Non dobbiamo aver paura di cambiare il nostro modo di comunicare. Ci sono norme o precetti che possono essere stati efficaci una volta, ma oggi non hanno più la stessa forza educativa. SantAGOSTINO: attenzione a non appesantire la vita ai fedeli e trasformare la nostra religione in una schiavitù, quando la misericordia di Dio ha voluto che fosse libera.

51 Tortona, 3 febbraio 2014 Siamo chiamati ad accompagnare con misericordia e pazienza le possibili tappe di crescita delle persone che si vanno costruendo giorno per giorno.

52 Tortona, 3 febbraio 2014 Un missionario deve essere consapevole dei limiti umani e si deve fare debole con chi è debole. I CONFESSORI uomini di misericordia non di tortura

53 Tortona, 3 febbraio 2014 é come il Padre del figlio prodigo, che rimane con le porte aperte perché quando ritornerà possa entrare senza difficoltà. LA CHIESA UNA MADRE DAL CUORE APERTO

54 Tortona, 3 febbraio 2014 LA CHIESA CASA APERTA CASA PATERNA NO DOGANA

55 Tortona, 3 febbraio 2014 Tutti possono far parte della comunità. Nemmeno i sacramenti si dovrebbero chiudere per una ragione qualsiasi: Battesimo. L'Eucaristia non è un premio per i più perfetti ma un generoso rimedio e un alimento per i deboli. La Chiesa allora non deve essere una dogana è la casa dove c'è posto per ciascuno con la sua vita faticosa.

56 Tortona, 3 febbraio 2014 MA LA CHIESA HA DEI PRIVILEGIATI I POVERI I poveri sono destinatari privilegiati del Vangelo. Non lasciamoli soli.

57 Tortona, 3 febbraio 2014 N preferisco una Chiesa accidentata, ferita e sporca per essere uscita per le strade, piuttosto che una Chiesa malata per la chiusura e la comodità di aggrapparsi alle proprie sicurezze. Non voglio una Chiesa preoccupata di essere il centro e che finisce rinchiusa in un groviglio di ossessioni e procedimenti.

58 Tortona, 3 febbraio 2014 … n Se qualcosa deve santamente inquietarci e preoccupare la nostra coscienza è che tanti nostri fratelli vivono senza la forza, la luce e la consolazione dellamicizia con Gesù Cristo, senza una comunità di fede che li accolga, senza un orizzonte di senso e di vita.

59 Tortona, 3 febbraio 2014 … n Più della paura di sbagliare spero che ci muova la paura di rinchiuderci nelle strutture che ci danno una falsa protezione, nelle norme che ci trasformano in giudici implacabili, nelle abitudini in cui ci sentiamo tranquilli, mentre fuori cè una moltitudine affamata e Gesù ci ripete senza sosta: «Voi stessi date loro da mangiare» (Mc 6,37).


Scaricare ppt "Incontro di Formazione sullEsortazione sullEsortazione Apostolica Apostolica Tortona, 3 febbraio 2014 … lAnnuncio del Vangelo nel mondo attuale."

Presentazioni simili


Annunci Google