La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Controllo della Bussola 1. Premessa 1. Premessa Mentre la rotta tracciata sulla carta ha un orientamento riferito ai meridiani geografici e quindi in.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Controllo della Bussola 1. Premessa 1. Premessa Mentre la rotta tracciata sulla carta ha un orientamento riferito ai meridiani geografici e quindi in."— Transcript della presentazione:

1

2 Controllo della Bussola

3 1. Premessa 1. Premessa Mentre la rotta tracciata sulla carta ha un orientamento riferito ai meridiani geografici e quindi in definitiva al Nord geografico detto anche Nord vero, la bussola magnetica indica il Nord magnetico in una nave in legno, la stessa bussola indica il Nord bussola, Nord deviato, in una nave in ferro; la girobussola indica il Nord girobussola, molto prossimo al Nord geografico. E compito fondamentale del navigante conoscere langolo tra il Nord geografico ed il Nord indicato dalla bussola. Indichiamo in un primo momento in modo generico tale angolo con la lettera Indichiamo in un primo momento in modo generico tale angolo con la lettera Numerosi sono i fattori che possono alterare langolo che la direzione

4 Langolo è denominato: d declinazione magnetica su nave in cui sia presente solamente il campo magnetico terrestre (c.m.t.). V = d + variazione magnetica su nave in ferro in cui sono presenti il c.m.t. e gli altri campi magnetici di bordo. Cg correzione giro, talvolta chiamata beta ( o ), sulla girobussola. Ricordiamo che questi angoli sono positivi o E(Est) quando il nord della bussola è sulla destra del nord vero; sono negativi oW (Ovest) quando il Nord bussola è sulla sinistra del nord vero.

5 Data una determinata, istantanea, direzione di un astro A, langolo verrà individuato mettendo a confronto due azimut della stella: lazimut vero a v e lazimut bussola a b ( o a gb ): = a v - a b Lazimut vero a v dellastro A verrà calcolato, per un dato istante - istante di osservazione Tc - con uno dei metodi che costituiscono oggetto di studio di queste diapositive. Lazimutbussola a b dellastro A è fornito dallosservazione: lastro viene traguardato, nellistante Tc, nel piano di mira del cerchio azimutale posizionato sul mortaio della bussola. Lindice del cerchio consente la lettura, sulla rosa della bussola, dellangolo a b. Lazimut bussola a b dellastro A è fornito dallosservazione: lastro viene traguardato, nellistante Tc, nel piano di mira del cerchio azimutale posizionato sul mortaio della bussola. Lindice del cerchio consente la lettura, sulla rosa della bussola, dellangolo a b. a b Affinché lazimut osservato a b sia il più preciso possibile occorre che lastro non abbia altezza (stimata a vista) superiore a 30° e che il cerchio azimutale del traguardo, possibilmente corredato da livella a bolla, sia orizzontale.

6 a b il tempoe Quando si fosse costretti ad osservare un astro di altezza elevata, tale da uscire dal traguardo, occorrerà inclinare, con la mano, il traguardo e si avrà cura che la rotazione del mortaio avvenga intorno ad un asse ortogonale al piano verticale della stella traguardata. In questo caso è consigliabile fare almeno tre misure azimutali, possibilmente equamente intervallate, ed associare alla media dei tre azimut bussola a b il tempo dellosservazione intermedia. Ricorrendo al valor medio dei tre azimut si riduce linfluenza degli errori accidentali di osservazione. Una volta individuato langolo si determina la direzione istantanea di moto della nave, rispetto alla direzione cardinale Nord, identificando la prora vera Pv: Pv = Pb + in generale. Per le tre bussole : Pv = Pm + dPv = Pb + VPv = Pg + Cg conversione Più importanti sono le relazioni cosidette di conversione : nota la Prora Vera Pv, dedotta dalla rotta tracciata sulla carta (o calcolata) ed individuato langolo, si determina la Prora bussola con cui governare: Pm = Pv - dPb = Pv - VPg = Pv -Cg

7 Azimut Vero Calcolato con le Tavole a v Le Tavole A, B, C dellIstituto Idrografico della Marina consentono il calcolo di Z quadrantale ( da cui si passerà a Z ed a a v seguendo le istruzioni date in calce alle tavole stesse) in modo abbastanza rapido e sufficientemente preciso. Hanno lo svantaggio di escludere dal calcolo le stelle di declinazione maggiore di 65° APBPC(A+B) A B Z

8 Azimut al Sorgere e al Tramonto del Sole E loccasione più favorevole per il controllo delle bussole, controllo rapido e preciso perché una lieve, inavvertita inclinazione del mortaio è ininfluente sulla misura azimutale, grazie alla elevazione scarsa o nulla del lembo inferiore o superiore del Sole sullorizzonte. Anche un casuale, non rilevante, errore sul tempo, cioè sullindividuazione dellistante di osservazione è poco influente sul valore dellazimut vero calcolato, in virtù della non velocità in azimut che, generalmente, ha il Sole in tali momenti. Amplitudine Ortiva Si chiama Amplitudine Ortiva di un astro larco di orizzonte ( < o = 90° ) compreso fra il punto cardinale EST ed il punto del sorgere dellastro; è indicato da un numero di gradi che si fa precedere dal nome Est (E), seguito del nome Nord o Sud della declinazione. Amplitudine Occasa Si chiama Amplitudine Occasa di un astro larco di orizzonte (< o = 90°) compreso fra il punto cardinale Ovest (W) ed il punto del tramonto dellastro; è espresso da un numero di gradi che si fa precedere dal nome Ovest (W) seguito dal nome Nord o Sud della Declinazione.

9 La Tavola 17 ( delle Tavole Nautiche I.I.M.) serve per una rapida ed esatta determinazione della DEVIAZIONE DELLA BUSSOLA per confronto fra lazimut Vero e lazimut bussola del lembo superiore del Sole allistante del suo Sorgere o Tramonto apparente. latitudine dellosservatore declinazionelamplitudine sorgere o al tramonto vero del suo centro. Le Amplitudini la prima parte della Tavola fornisce in funzione della latitudine dellosservatore (fra 0° e 70° N o S) e della declinazione (fra 0° e 30° N o S) lamplitudine di un astro al sorgere o al tramonto vero del suo centro. Le Amplitudini sono contate dal punto Est od Ovest a seconda che si tratti del sorgere o tramonto, e verso Nord o verso Sud a seconda del segno della declinazione. Correzione La seconda parte della Tavola fornisce la Correzione da apportare ai valori dati dalla prima parte per ottenere lamplitudine del lembo superiore del Sole al momento del Sorgere o del Tramonto apparente.Tale correzione calcolata per un elevazione dellocchio di 12 metri, è positiva o negativa a seconda che lastro e osservatore si trovino sullo stesso emisfero o in emisferi opposti.

10 Es.:Trovare lAzimut Vero del Sole al momento del Sorgere apparente del suo Lembo superiore dati : Ps ( =47° 25 N ; =010° 15 E ; e = 12° 36 N ) 12°12° 3613° (12,6) 47°17,718,6619,3 ( 1,6 ) (47,4) 47° 2517,8618,8219,46 ( 1,6 ) 48°18,119,0619,7 ( 1,6 ) 1 : 0,6 =1,6 : x x = 0,96 Es.:Trovare lAzimut Vero del Sole al momento del Sorgere apparente del suo Lembo superiore dati : Ps ( =47° 25 N ; =010° 15 E ; e = 12° 36 N ) 12°12° 3613° (12,6) 47°17,718,6619,3 ( 1,6 ) (47,4) 47° 2517,8618,8219,46 ( 1,6 ) 48°18,119,0619,7 ( 1,6 ) 1 : 0,6 =1,6 : x x = 0,96

11 Dalla seconda parte della Tabella ricaviamo la correzione da apportare al valore interpolato : φ | δ12°12° 3614° 46°0,80,8 47° 25 0,8 48°0,80,8 Ampli = E 18,8° N Corr. = ___0,8___ Ampli = E 19,6 N Azimut = (90 - Ampli) Azimut = 70,4° La Correzione è POSITIVA se Astro ed Osservatore sono nello stesso emisfero ( Es. φ | δ = N Corr. (+) ) La Correzione è NEGATIVA se Astro ed Osservatore sono in emisferi opposti (Es. φ = N ed δ = S Corr. (-) )

12 Per Ricavare la DECLINAZIONE bisogna ricavare langolo orario del Sorgere (o del Tramonto) del Sole a GW, dalle Effemeridi ( Ad Es. per il 09/10/99, in una Ps ( =46° 30 N ; =010° 12 E ) si ha: φ = 50° T sorg.= 06 h 10 m φ = 46,5° T sorg.= 06 h 10 m + X φ = 45° T sorg.= 06 h 06 m Interpolando si Ottiene : 5° : 4 m = 1,5 : X X = 1,2 T sorg. = 06 h 07,2 m Mentre per sapere a che ora sorge localmente si Procede: = 10° 12 E = 0 h 40 m 48 s - f = - 1h_________ C f = 0 h 19 m 12 s

13 t sorg. = T sorg. + C f T sorg. = 6 h 07,2 m + C f = + 19,2 m t sorg. = 06 h 26,4 m Adesso per la DECLINAZIONE si procede: T sorg. = 06 h07,2 m = 05° 20,3 S d =-0,1 pp per d = 0,0 T sorg. = 06 h07,2 m = 05° 20,3 S

14 Dalle Tav 17 delle Amplitudini si ha: 05°05° 20,306° (05,38) 46°7,27,7328,6 ( 1,4 ) (0,5) 46° 307, ,7 ( 1,4 ) 47°7,47,9328,8 ( 1,4 ) Ampli = E 7,832° S Corr. = _-__0,7___ Ampli = E 7,132° S Azimut = (90 - Ampli) Azimut = 97,132° Da Qui verifichiamo la deviazione della Bussola Magnetica al sorgere del sole Deviazione = Azimut - Azimut Rilevato Dalle Tav 17 delle Amplitudini si ha: 05°05° 20,306° (05,38) 46°7,27,7328,6 ( 1,4 ) (0,5) 46° 307, ,7 ( 1,4 ) 47°7,47,9328,8 ( 1,4 ) Ampli = E 7,832° S Corr. = _-__0,7___ Ampli = E 7,132° S Azimut = (90 - Ampli) Azimut = 97,132° Da Qui verifichiamo la deviazione della Bussola Magnetica al sorgere del sole Deviazione = Azimut - Azimut Rilevato


Scaricare ppt "Controllo della Bussola 1. Premessa 1. Premessa Mentre la rotta tracciata sulla carta ha un orientamento riferito ai meridiani geografici e quindi in."

Presentazioni simili


Annunci Google