La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

X BENEDETTO CROCE Pescasseroli 1886 – Napoli 1952 > LA FILOSOFIA NEOIDEALISTA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "X BENEDETTO CROCE Pescasseroli 1886 – Napoli 1952 > LA FILOSOFIA NEOIDEALISTA."— Transcript della presentazione:

1 X BENEDETTO CROCE Pescasseroli 1886 – Napoli 1952 > LA FILOSOFIA NEOIDEALISTA

2 X Croce, formandosi con lidealismo hegeliano, curando anche traduzioni dellopera di Hegel dal tedesco allitaliano,imposta tutto il suo pensiero filosofico, con la revisione dei contenuti hegeliani, individuandone pregi e difetti. Nascono così i numerosi scritti filosofici redatti dal Croce, in unItalia segnata dal dramma dellemigrazione, della Grande Guerra e, in seguito, del regime fascista. Croce è lunico faro della cultura italiana del primo 900. PREGI HEGELIANI DIFETTI HEGELIANI

3 X PREGI HEGELIANI STORIA DINAMICA E IMMANENTE RAPPRESENTAZIONE CONCETTUALE DELLA STORIA

4 X Secondo Croce, Hegel avrebbe compiuto una grande e affascinante descrizione della storia umana, recuperandone gli aspetti più importanti ed essenziali. Egli individuò un dinamismo intrinseco allo sviluppo: lassoluto, che, diviso in idea, natura e spirito, è per Hegel il soggetto di ogni cosa. > La storia descritta da Hegel è, dunque, manifestazione reale e concreta degli uomini, e dei fatti che si susseguono. Ciò è possibile ammetterlo nel riconoscere un carattere dinamico della storia. Per Croce ciò fu fonte di particolare ammirazione nei riguardi dellillustre esponente dellidealismo tedesco. Storia dinamica e immanente

5 X >. La storia di Hegel è per Croce il manifestarsi più compiuto della razionalità e della filosofia. Il filosofo abruzzese, riconosce il merito di Hegel nellaver rappresentato in modo coerente ed efficace lo sviluppo della storia. Tale metodo descrittivo, è appunto quello concettuale. Rappresentazione concettuale della storia

6 X DIFETTI HEGELIANI ESITO FONDAMENTALMENTE SPIRITUALISTICO DELLASSOLUTO TEORIA DEGLI OPPOSTI PRESUNZIONE DI CONSIDERARSI LULTIMO FILOSOFO

7 X Esito fondamentalmente spiritualistico dellassoluto Del filosofo hegeliano,Croce non condivide l'esito fondamentalmente spiritualistico dell'assoluto; il fatto cioe' che nella sintesi venga privilegiata la dimensione spirituale mortificando così un aspetto non trascurabile dello sviluppo della storia:il fatto concreto,naturale e logico. Questa eccessiva importanza attribuita allo spirito,porterebbe addirittura a pensare ad una prossima fine della storia e ciò rappresenta per Croce il punto più debole della filosofia hegeliana.

8 X Presunzione di considerarsi lultimo filosofo Una delle critiche che Croce muove ad Hegel,consiste nel rimproverargli la convinzione di aver concluso,con il suo grande contributo,l'intera filosofia.

9 X Teoria degli opposti La critica crociana più importante contro l'idealista tedesco,che permette di fondare il sistema filosofico, riguarda la confusione fatta da Hegel tra distinti e opposti.Nell'ambito della filosofia idealista si descrivevano le componenti dellassoluto in termini di opposizione dialettica.Tale continua e spesso forzata, antitesi tra gli elementi, risulta secondo Croce, talvolta ingiustificata.Di conseguenza sarebbe più opportuno parlare di distinti piuttosto che di opposti,senza però dimenticare la validità di questi ultimi.Croce infatti non mette in dubbio l'esistenza degli opposti,ma crede che essi siano presenti all'interno di elementi che risultano tra loro distinti. DA HEGEL…

10 X ECONOMIA ARTEFILOSOFIA ETICA … spirito oggettivo spirito assoluto

11 X ECONOMIA ARTEFILOSOFIA ETICA …A CROCE spirito oggettivo spirito assoluto

12 X ECONOMIA FILOSOFIAARTE ETICA Conoscenza concettuale Intuizione dellindividuale Ricerca del bene Ricerca dellutile Att.pratica Att.teoretica

13 X Secondo la filosofia crociana,lo spirito si manifesta in:attività pratica ed attività teoretica. -ATTIVITA' PRATICA. Si struttura in due sezioni:ricerca del bene e ricerca dell'utile(riguarda il singolo) -ATTIVITA' TEORETICA. Si struttura in due sezioni:intuizione dell' individuale,che ha come oggetto di conoscenza il particolare,e conoscenza concettuale il cui oggetto e' l'universale. Per Croce l'uomo è:spirito economico,spirito etico,spirito artistico e spirito filosofico.Le quattro dimensioni individuate non sono tutte allo stesso livello d'importanza,infatti due meritano di più:la prima è l'estetica e la seconda è l'etica ovvero ciò che riguarda i comportamenti e lo sviluppo dell'uomo.

14 X Larte Croce mette in evidenza l'importanza della figura dell'artista come mittente, e dello spettatore come destinatario.Egli definisce l'estetica come il racconto del rapporto speciale che s'instaura tra artista e fruitore dell'opera;esso parte dal cuore del primo per arrivare in fine a quello del destinatario.Il prodotto artistico però non è solo sentimento,ma ha anche un aspetto che ci fa pensare a qualcosa di diverso dal cuore.L'arte infatti è sintesi a priori (con unespressione kantiana) di materia e forma dove la prima è costituita dal sentimento,la seconda dall'immagine del contenuto.Di conseguenza la forma senza contenuto è vuota ed il contenuto senza la forma è cieco.Croce assegna allartista l'intuizione e l'espressione; il destinatario invece riceve ed interpreta quanto il mittente ha materializzato.E' importante inoltre sottolineare il carattere autonomo dell'arte rispetto alle altre forme dello spirito.L'artista non risponde della sua opera d'arte dal punto di vista etico,né vuole dimostrare attraverso il suo lavoro se una cosa è vero o falsa.La sua condizione infatti è quella di porsi in modo puro e disinteressato di fronte a tutto.Larte si configura, dunque, quale disciplina amorale.Con l'estetica crociana inoltre viene finalmente superato il problema dell'opposizione tra classicismo e romanticismo,infatti con l'impostazione di Croce si arriva ad una sintesi a priori tra sentimento e forma.

15 X Identità di arte ed espressione L'esistenza di un nesso tra materia e forma risulta indispensabile anche tra linguaggio poetico ed arte.Tante volte si dice:"Avrei tante cose da dire,ma non trovo le parole per esprimerle. Croce critica tale affermazione,poiché egli è fermamente convinto dell'esistenza di un legame tra un certo sentimento ed il modo di esprimerlo,quindi individua una connessione tra forma di conoscenza e linguaggio. Secondo la filosofia crociana chi dice di aver tante cose da dire non sapendole però esprimere mente, perché in realtà non sta provando nulla e non vuole comunicarlo. Nel momento in cui si realizza la connessione tra poesia e linguaggio,si è in presenza di un linguaggio efficace che ha il suo significato.Per Croce la poesia è una cosa diversa rispetto all'espressione sentimentale poiché quest'ultima presenta molti contenuti,ma non una forma adeguata all'arte.Anche l'espressione prosastica è diversa dalla poesia,perché siamo di fronte alla forma dove però i contenuti sono scissi e separati.Lo stesso vale anche per l'oratoria che non può essere considerata manifestazione poetica poiché si presenta con diverse tonalità di espressioni che hanno lo scopo di convincere un presunto destinatario senza però avere necessariamente un contenuto concreto e adeguato.L'espressione letteraria e' dunque quella che cerca di armonizzare l'aspetto formale con il contenuto.

16 X LA LOGICA PSEUDO - CONCETTICONCETTI

17 X Concetti e pseudo - concetti -CONCETTI: sono estensivi della nostra conoscenza ed hanno la particolarità di avere un carattere universale e concreto; inoltre assolvono alla loro caratteristica peculiarità cioè essere validi ed efficaci.Il concetto è quindi la conoscenza dell'universale.Lo spirito però,non sempre riesce ad esprimere concetti,infatti quasi sempre produce pseudoconcetti. -PSEUDOCONCETTI: non hanno contemporaneamente le caratteristiche di universalità e concretezza,infatti o sono l'uno o sono l'altro. ESEMPI: - Il gatto ed il cane sono pseudoconcetti, perché sono concreti ma non universali. - Il triangolo è uno pseudoconcetto, poiché ha caratteristiche universali però non è concreto. Croce sottolinea una notevole differenza qualitativa tra la filosofia e le altre forme;egli infatti sostiene che essa è la scienza per eccellenza,dove è possibile riscontrare l'unione di forma e contenuto,di universalità e concretezza.

18 X VOLONTA ATTIVITA PRATICA ECONOMIAETICA AZIONEACCADIMENTO Manifestarsi delle volontà individuali Azione collettiva

19 X Leconomia Essa è volizione del particolare, quindi progetto di un'azione con fini individuali. La sfera economica trova la sua manifestazione nel soddisfare l'utile ed il necessario.Essa s'identifica nel DIRITTO e nello STATO. -DIRITTO: assolve a scopi economici e non ad esigenze di tipo etico,infatti è separato dalla morale,non esiste dunque né diritto buono,né diritto cattivo. -STATO: è il frutto più maturo della produzione di tipo giuridico e contiene una sintesi a priori tra forza e consenso. Dentro ogni legge infatti,affinché essa abbia valore,vi è una componente di forza che è intrinseca alla condizione dell'imposizione,per ottenere infine il consenso. Tale consenso dunque è fondato sulla forza.Lo stato si fonda sul diritto e sulla legge e nella sua storia è possibile rintracciare momenti di consenso alternati a momenti di forza.La concezione crociata di stato è diversa da quella hegeliana,infatti per Hegel esso era l'espressione più alta dello spirito oggettivo.Per croce l'ambito dello stato non è più l'etica, ma l'economia,infatti è l'economia che dipende dall'etica e non viceversa;esso è rappresentazione non dell'universale,ma del particolare.Parlare di uno stato etico,come diceva in passato Hegel,è quindi per Croce un grosso errore.

20 X Letica Essa è volizione dell'universale.Tale sezione dello spirito, assume in Croce unimportanza fondamentale rispetto alle altre; in tal modo anziché avere quattro dimensioni dello spirito,se hanno tre, poiché l'etica s'identifica con le altre. All'inizio Croce aveva sostenuto la sua teoria riguardo la circolarità dello spirito,ma adesso nega quanto detto in precedenza. Durante la sua vita,il filosofo ha assistito a livello storico ad una serie di fatti che molte volte hanno messo in evidenza il carattere barbaro e primitivo dell'uomo.Tali caratteristiche,hanno portato alla luce un altro aspetto dello spirito,quello della VITALITA' che in questo caso è oscura e negativa,poiché mostra come gli spiriti più mediocri possano molte volte prevaricare su quelli superiori,dando vita a forme d'imbarbarimento come ad esempio la bomba atomica. La nuova componente della vitalità,secondo Croce,deve essere inserita all'interno dell'etica,la quale di conseguenza subirà una deformazione diventando più grossa,alterando così la circonferenza perfetta iniziale. NUOVO SCHEMA DELLO SPIRITO...

21 X ECONOMIA FILOSOFIAARTE ETICA


Scaricare ppt "X BENEDETTO CROCE Pescasseroli 1886 – Napoli 1952 > LA FILOSOFIA NEOIDEALISTA."

Presentazioni simili


Annunci Google