La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lo sviluppo del software e i linguaggi di programmazione Corso di sistemi Classe 3.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lo sviluppo del software e i linguaggi di programmazione Corso di sistemi Classe 3."— Transcript della presentazione:

1 Lo sviluppo del software e i linguaggi di programmazione Corso di sistemi Classe 3

2 ciclo di sviluppo del software Problema Utente Analista Programmatore chiede progetta realizza utilizza

3 ciclo di sviluppo del software Programmatore Program Pippo; var a,b,c : integer; Begin readln(a); readln(b); c:=a+b; writeln(c); End. Programma sorgente COMPILAZIONE Programma oggetto applicazione Compilatore LINK Programma eseguibile Linker utente PASCA L

4 La compilazione Program Pippo; var a,b,c : integer; Begin readln(a); readln(b); c:=a+b; writeln(c); End. Programma sorgente Programma oggetto SENZA ERRORI Compilatore ERRORI Correzioni

5 La compilazione Program Pippo; var a,b,c : integer; Begin readln(a); reodln(b); c=a+b; writeln(c); End. Programma sorgente Compilatore ERRORI Correzioni readln(b); c:=a+b; Segnalazione errori

6 Linguaggio di programmazione In informatica, un linguaggio di programmazione è un linguaggio formale dotato di una sintassi ben definita. Un linguaggio di programmazione viene utilizzato per scrivere programmi. ALFABETO Program Pippo; var a,b,c : integer; Begin readln(a); readln(b); c:=a+b; writeln(c); End. REGOLE GRAMMATICALI REGOLE SINTATTICHE E SEMANTICHE

7 Linguaggio di alto e basso livello Ogni calcolatore è caratterizzato da un linguaggio di programmazione di basso livello o linguaggio macchina, il cui testo è una sequenza di bit che il processore interpreta, secondo un funzionamento dettato dalla sua struttura fisica, eseguendo una sequenza di azioni. Tuttavia, con il termine linguaggio di programmazione ci si riferisce più frequentemente ai linguaggi di programmazione ad alto livello, che sono più vicini al linguaggio umano scritto (e quindi facilitano il lavoro dei programmatori) e che hanno però la proprietà di poter essere ricondotti, in maniera non ambigua, al linguaggio macchina. Detta riconducibilità costituisce la base per la interpretazione o compilazione del linguaggio stesso. Istruzione scritta in linguaggio ad alto livello Istruzione scritta in linguaggio a basso livello ( l. macchina) COMPILAZIONE (INTERPRETAZIONE)

8 Linguaggio di alto e basso livello Istruzione scritta in linguaggio ad alto livello (PASCAL) Istruzioni scritte in linguaggio macchina Leggi un dato dalla tastiera e memorizzalo in una cella di memoria chiamata a significa

9 Caratteristiche dei linguaggi di programmazione ALFABETO Insieme di simboli come A,B,…, Z, a,b,…,z, 0,1,2,…,9, +,-,:,/,* ecc. ecc. GRAMMATICA Insieme di regole che permettono di scrivere correttamente parole e frasi. Le parole vengono costruite a partire dai simboli dellalfabeto, devono essere costruite rispettando le regole della specifica grammatica ed essere presenti nel vocabolario del linguaggio. Es. READLN è una parola accettabile Aµ non è una parola accettabile (il simbolo µ non fa parte dellalfabeto) SINTATTASSI Insieme di regole che obbligano a costruire frasi sintatticamente corrette. Es. READLN(a); è una frase corretta (a)READLN; non è una frase accettabile Ogni linguaggio possiede un proprio alfabeto, una grammatica e sintassi

10 Concetti chiave VARIABILE COSTANTE ISTRUZIONE ESPRESSIONE OPERATORE

11 Concetti chiave VARIABILE Un dato o un insieme di dati, noti o ignoti, già memorizzati o da memorizzare; ad una variabile corrisponde sempre, da qualche parte, un certo numero (fisso o variabile) di locazioni di memoria che vengono allocate, cioè riservate, per contenere i dati stessi. Molti linguaggi inoltre attribuiscono alle variabili un tipo, con differenti proprietà (stringhe di testo, numeri, liste, atomi ecc.). Utilizzando un linguaggio simbolico ad ogni variabile viene dato un nome. Il valore del dato può essere modificato durante lelaborazione.

12 Concetti chiave COSTANTE Un dato noto che non cambierà il suo valore durante lelaborazione. Utilizzando un linguaggio simbolico ad ogni costante viene assegnato un valore (numerico/alfanumerico).

13 Concetti chiave OPERATORE Un operatore è un oggetto (rappresentato da uno o più simboli) che agisce su una coppia di dati (o su un singolo dato), detti operandi, ottenendo un nuovo dato (risultato dell'operazione).

14 Concetti chiave ESPRESSIONE Una combinazione di variabili e costanti, unite da operatori;

15 Concetti chiave ISTRUZIONE Un comando, una azione concreta, oppure una regola descrittiva. Il concetto di istruzione è molto variabile fra classi di linguaggi diverse. A prescindere dal particolare linguaggio però, ogni volta che un'istruzione viene eseguita, lo stato interno del calcolatore cambia. istruzione operativa istruzione dichiarativa

16 Un livello intermedio LINGUAGGIO AD ALTO LIVELLO LINGUAGGIO ASSEMBLY LINGUAGGIO MACCHINA


Scaricare ppt "Lo sviluppo del software e i linguaggi di programmazione Corso di sistemi Classe 3."

Presentazioni simili


Annunci Google