La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Direttiva 27 dicembre 2012 del Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca B.E.S.B.E.S. Marzo 2013 A cura della Commissione D.S.A.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Direttiva 27 dicembre 2012 del Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca B.E.S.B.E.S. Marzo 2013 A cura della Commissione D.S.A."— Transcript della presentazione:

1 Direttiva 27 dicembre 2012 del Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca B.E.S.B.E.S. Marzo 2013 A cura della Commissione D.S.A.

2 Secondo il modello diagnostico I.C.F. (International Classification of Functioning) dellO.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità) la persona viene considerata nella sua totalità in una prospettiva bio-psico-sociale. Alunni B.E.S.

3 Gli alunni con Bisogni Educativi Speciali vivono una situazione particolare, che li ostacola nellapprendimento e nello sviluppo: biologico organico familiare sociale ambientale contestuale o in combinazione di queste.

4 D A DSA ADHD Disturbi Specifici dellApprendimento Attention Deficit Hyperactivity Disorder problemi di controllo attentivo e/o iperattività (socio-economico, linguistico, culturale) SVANTAGGIO CON CERTIFICAZIONE DEL NEUROPSICHIATRA BES Diversamente Abili ALUNNI =

5 Le difficoltà nei processi di apprendimento possono essere: globali o specifiche (dislessia) settoriali (disturbi del linguaggio) gravi o leggere permanenti o transitorie

6 Gli alunni con Bisogni Educativi Speciali necessitano di interventi tagliati accuratamente su misura rispetto alla loro situazione di difficoltà e ai fattori che la originano e/o la mantengono.

7 misure dispensative strumenti compensativi D.A. D.S.A. A.D.H.D. SVANTAGGIO PEI - PDF PDP Disposizioni attuative della Legge 170/2010 insegnante di sostegno Legge 104/92 PERCORSI di INTERVENTO

8 PDP = Piano Didattico Personalizzato articolato e flessibile con misure compensative e dispensative. È lo strumento di lavoro che, in sinergia tra insegnanti e famiglie, ha la funzione di documentare le strategie di intervento programmate e attuate.

9 Occorre adottare una didattica che sia denominatore comune per tutti gli alunni: una didattica inclusiva più che una didattica speciale.

10 Bibliografia e sitografia Legge ministeriale Direttiva 27 dicembre 2012 Linee guida Legge 170/2010 (DM 5669/2011) Progetto I CARE (Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa) Piano Nazionale di Formazione e Ricerca www. istruzione.cts.it capire per impararehttp://www.youtube.com/watch?v=y_hafvwplgc


Scaricare ppt "Direttiva 27 dicembre 2012 del Ministro dellIstruzione, dellUniversità e della Ricerca B.E.S.B.E.S. Marzo 2013 A cura della Commissione D.S.A."

Presentazioni simili


Annunci Google