La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Bestiario di prevenzione incendi Disillusioni applicate al d.m. 10-03-98 società conor s.r.l - Legnano ( MI ) RELATORE Del Maschio Luca Consulente antincendio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Bestiario di prevenzione incendi Disillusioni applicate al d.m. 10-03-98 società conor s.r.l - Legnano ( MI ) RELATORE Del Maschio Luca Consulente antincendio."— Transcript della presentazione:

1 1 Bestiario di prevenzione incendi Disillusioni applicate al d.m società conor s.r.l - Legnano ( MI ) RELATORE Del Maschio Luca Consulente antincendio e sicurezza

2 2 Introduzione Questo breve documento è dedicato a tutti quei professionisti che si battono giornalmente controvento affinchè una diffusa e sentita Cultura della sicurezza ci porti a non riscontrare più negli ambienti di lavoro tante gravi problematiche. Con la speranza che, oltre a farci sorridere, questa sequenza di immagini dia anche spazio alla diffusione di un alternativo approccio formativo, dando alcuni spunti di riflessione sui punti del D.M maggiormente disattesi negli ambienti di lavoro. DEL MASCHIO LUCA

3 3 Art. 3 comma b) Realizzare le vie e le uscite di emergenza al fine di garantire lesodo delle persone in sicurezza.

4 4 Art. 3 comma b) Realizzare le vie e le uscite di emergenza al fine di garantire lesodo delle persone in sicurezza.

5 5 Art.3 comma c) Realizzare le misure per una rapida segnalazione dellincendio, al fine di garantire una rapida segnalazione dei sistemi dallarme.

6 6 Art.3 comma e) Garantire lefficienza dei sistemi di protezione antincendio

7 7 Art.3 comma e) Garantire lefficienza dei sistemi di protezione antincendio

8 8 Art.3 comma e) Garantire lefficienza dei sistemi di protezione antincendio

9 9 Art.4 Gli interventi di manutenzione ed i controlli su impianti ed attrezzature sono effettuati nel rispetto delle disposizioni legislative vigenti.

10 10 Valutazione rischi dincendio Esempi di alcuni tragici eventi di cronaca

11 11 Eventi di cronaca

12 12 Eventi di cronaca

13 13 Eventi di cronaca

14 14 ALLEGATO II Pericoli dincendio più comuni, p.to 2.2

15 15 Pericoli dincendio p.to A) Deposito di sostanze infiammabili o facilmente combustibili in luoghi non idonei

16 16 Pericoli dincendio p.to B) Accumulo di rifiuti, carta od altro, che può essere incendiato deliberatamente o accidentalmente

17 17 Pericoli dincendio p.to C) Negligenza relativa alluso di fiamme libere e di apparecchi generatori di calore.

18 18 Pericoli dincendio p.to D) Inadeguata pulizia delle aree di lavoro e scarsa manutenzione delle apparecchiature

19 19 ALLEGATO III Misure relative alle vie duscita in caso di incendio

20 20 Allegato III, vie duscita Le vie duscita devono essere sempre disponibili per luso e mantenute libere da ostruzioni in qualsiasi momento.

21 21 Allegato III, vie duscita Le vie duscita devono essere sempre disponibili per luso e mantenute libere da ostruzioni in qualsiasi momento.

22 22 Allegato III, vie duscita Il sistema delle vie duscita deve garantire un percorso senza ostacoli e chiaramente riconoscibile.

23 23 Allegato III, vie duscita Il sistema delle vie duscita deve garantire un percorso senza ostacoli e chiaramente riconoscibile.

24 24 Allegato III, Illuminazione Tutte le vie duscita devono essere adeguatamente illuminate per consentire la loro percorribilità in sicurezza.

25 25 Affollamento dellambiente Vie di esodo facilmente accessibili Largh. U.S. = Affollam. / 50 * 0,6

26 26 Allegato IV Lobiettivo della rivelazione incendi è assicurare che le persone siano avvisate di un principio di incendio.

27 27 Allegato V Idranti e naspi devono essere posizionati in punti visibili ed accessibili lungo la via di fuga.

28 28 Allegato V Idranti e naspi devono essere posizionati in punti visibili ed accessibili lungo la via di fuga.

29 29 Allegato VI Tutte le misure di protezione previste devono essere oggetto di sorveglianza, controlli e mantenute in efficienza.

30 30 Conclusione Le non conformità delle foto segnalate sono state tutte rimosse tramite un buon lavoro di miglioramento costante delle condizioni di sicurezza degli ambienti di lavoro, grazie allimpegno di dirigenti, preposti, RSPP, RLS e di tutti i lavoratori. Solo tramite questa sinergia e l impegno di tutte le figure aziendali preposte alla sicurezza la via verso la Cultura della sicurezza sarà correttamente tracciata. DEL MASCHIO LUCA


Scaricare ppt "1 Bestiario di prevenzione incendi Disillusioni applicate al d.m. 10-03-98 società conor s.r.l - Legnano ( MI ) RELATORE Del Maschio Luca Consulente antincendio."

Presentazioni simili


Annunci Google