La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

OdV Organismo di vigilanza. Dlgs 231/01 Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, recante Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "OdV Organismo di vigilanza. Dlgs 231/01 Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, recante Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone."— Transcript della presentazione:

1 OdV Organismo di vigilanza

2 Dlgs 231/01 Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, recante Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni anche prive di personalità giuridica, a norma dellart. 11 della legge 29 settembre 2000, n. 300 ha introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento la responsabilità in sede penale degli enti, che si aggiunge a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto illecito

3 Sotto il profilo dei soggetti destinatari, la legge indica 1.gli enti forniti di personalità giuridica, 2.le società fornite di personalità giuridica 3.e le società e le associazioni anche prive di personalità giuridica (art. 1, co. 2). Il quadro descrittivo è completato dallindicazione, a carattere negativo, dei soggetti a cui non si applica la legge, vale a dire lo Stato, gli enti pubblici territoriali nonché gli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale (art. 1, co. 3). Come si vede, la platea dei destinatari è molto ampia.

4 È opportuno ricordare che questa nuova responsabilità sorge soltanto in occasione della realizzazione di determinati tipi di reati da parte di soggetti legati a vario titolo allente e solo nelle ipotesi che la condotta illecita sia stata realizzata nellinteresse o a vantaggio di esso. Dunque, non soltanto allorché il comportamento illecito abbia determinato un vantaggio, patrimoniale o meno, per lente, ma anche nellipotesi in cui, pur in assenza di tale concreto risultato, il fatto-reato trovi ragione nellinteresse dellente.

5 Lart. 6 del provvedimento in esame contempla tuttavia una forma di esonero da responsabilità dellente se si dimostra, in occasione di un procedimento penale per uno dei reati considerati, di aver adottato ed efficacemente attuato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire la realizzazione degli illeciti penali considerati. Il sistema prevede listituzione di un organo di controllo interno allente con il compito di vigilare sullefficacia reale del modello.

6 È opportuno precisare che la legge prevede ladozione del modello di organizzazione, gestione e controllo in termini di facoltatività e non di obbligatorietà. La mancata adozione non è soggetta, perciò, ad alcuna sanzione, ma espone lente alla responsabilità per gli illeciti realizzati da amministratori e dipendenti.

7 Riepilogo Come si è visto, lart. 6 del D. Lgs. n. 231/2001 prevede che lente possa essere esonerato dalla responsabilità conseguente alla commissione dei reati indicati se lorgano dirigente ha, PERTANTO: a) adottato modelli di organizzazione, gestione e controllo idonei a prevenire i reati considerati; b) affidato il compito di vigilare sul funzionamento e losservanza del modello e di curarne laggiornamento ad un organismo dellente dotato di autonomi poteri di iniziativa e controllo (di seguito lOrganismo).

8 Nel dettaglio, le attività che lOrganismo è chiamato ad assolvere, anche sulla base delle indicazioni contenute negli artt. 6 e 7 del D. Lgs. n. 231/2001, possono così schematizzarsi:

9 Da Circolare CNDC verificare lapplicazione e il rispetto del codice di comportamento e del modello nel suo complesso monitorare le iniziative per la diffusione della conoscenza del codice di comportamento e del modello allinterno e allesterno della società promuovere lemanazione di linee guida e procedure operative

10 Da circolare Consiglio nazionale diffondere i principi e i doveri contenuti nel codice di comportamento e nel modello nel suo complesso e valutare i piani di comunicazione e formazione etica attivare le procedure di controllo, fermo restando che la responsabilità principale sul controllo e sulle aree di rischio permane in capo al management

11 Informativa/Circ.CNDC attivare e mantenere un adeguato flusso di reporting con le analoghe strutture della società ricevere e analizzare le segnalazioni di violazione del codice di comportamento e del modello,promuovendo le verifiche ritenute opportune

12 Informativa/Circ.CNDC comunicare al CdA i risultati delle verifiche rilevanti per ladozione di eventuali provvedimenti sanzionatori o comunque di misure di contrasto alla violazione del codice di comportamento e del modello fissare criteri e procedure per la riduzione del rischio di violazione del codice di comportamento e del modello

13 Informativa/Circ.CNDC proporre al CdA le modifiche e le integrazioni da apportare al codice di comportamento e al modello proporre al CdA le iniziative utili per la maggiore diffusione e per laggiornamento del codice e delmodello

14 E opportuno precisare sin da ora che il massimo vertice societario (es. Consiglio di Amministrazione o Amministratore Delegato), pur con listituzione dellOrganismo ex D. Lgs. n. 231/2001, mantiene invariate tutte le attribuzioni e le responsabilità previste dal Codice Civile, alle quali si aggiunge oggi quella relativa alladozione ed allefficacia del Modello, nonché allistituzione dellOrganismo (art. 6, co. 1, lett. a) e b)).

15 Considerazioni in parte analoghe possono svolgersi per il Collegio sindacale. Sotto il profilo della professionalità questorgano sembra ben attrezzato per adempiere efficacemente al ruolo di vigilanza sul Modello.Infatti i com piti dellOdV possono anche essere dati al Collegio

16 Lart. 6, co. 2, del D. Lgs. n. 231/2001, indica le caratteristiche essenziali per la costruzione di un modello di organizzazione, gestione e controllo.

17 La norma segnala infatti espressamente le due fasi principali in cui un simile sistema deve articolarsi: a) lidentificazione dei rischi: ossia lanalisi del contesto aziendale per evidenziare dove (in quale area/settore di attività) e secondo quali modalità si possono verificare eventi pregiudizievoli per gli obiettivi indicati dal D. Lgs. n. 231/200117

18 b) la progettazione del sistema di controllo (c.d. protocolli per la programmazione della formazione ed attuazione delle decisioni dellente), ossia la valutazione del sistema esistente allinterno dellente ed il suo eventuale adeguamento, in termini di capacità di contrastare efficacemente, cioè ridurre ad un livello accettabile, i rischi identificati

19 tipologia di reati Quanto alla tipologia di reati cui si applica la disciplina in esame, il legislatore delegato ha operato una scelta minimalista rispetto alle indicazioni contenute nella legge delega

20 Infatti, delle quattro categorie di reati indicate nella legge n. 300/2000, il Governo ha preso in considerazione quelle indicate dagli artt. 24 : Indebita percezione di erogazioni pubbliche, Truffa in danno dello Stato o di altro ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni pubbliche e Frode informatica in danno dello Stato o di altro ente pubblico) e Concussione e Corruzione

21 relativo alle falsità in monete, carte di pubblico credito e in valori di bollo

22 di reati societari,commessi nellinteresse (ma non anche a vantaggio, come invece previsto dal decreto n. 231) della società da amministratori, direttori generali liquidatori o da persone sottoposte alla loro vigilanza, qualora il fatto non si fosse realizzato se essi avessero vigilato in conformità agli obblighi inerenti la loro carica

23 , in particolare, i reati di: falsità in bilancio, nelle relazioni e nelle altre comunicazioni sociali, falso in prospetto falsità nelle relazioni o comunicazioni della società di revisione, impedito controllo, formazione fittizia del capitale, indebita restituzione dei conferimenti, illegale ripartizione degli utili e delle riserve, illecite operazioni sulle azioni o quote sociali o della società controllante, operazioni in pregiudizio dei creditori,

24 ……..Lart. 25- ter disciplina, in particolare, i reati indebita ripartizione dei beni sociali da parte dei liquidatori, indebita influenza sullassemblea, aggiotaggio, ostacolo allesercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza

25 reato anche in relazione alla commissione dei delitti aventi finalità di terrorismo o di eversione dellordine democratico

26 reato dei delitti contro la personalità individuale disciplinati dalla sezione I del capo III del titolo XII del libro II del codice penale.

27 relativa allabuso di informazioni privilegiate e alla manipolazione del mercato (c.d. abusi di mercato),

28 omessa comunicazione del conflitto di interessi degli amministratori, riguardante esclusivamente le società quotate, e modificato le norme sulle false comunicazioni sociali e sul falso in prospetto

29 Disposizioni in materia di lotta contro lo sfruttamento sessuale dei bambini e la pedopornografia anche a mezzo Internet

30 ipotesi in cui il materiale pornografico utilizzato rappresenti immagini virtuali di minori (c.d. pedopornografia virtuale).

31 Poi la legge 3 agosto 2007, n. 123, con, ha ulteriormente esteso lambito applicativo della responsabilità amministrativa degli enti ai reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime che si verifichino a seguito della violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro o relative alla tutela delligiene e della salute sul lavoro

32 Infine, riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo (c.d. III Direttiva antiriciclaggio)14.

33 lente sarà ora punibile per i reati di ricettazione, riciclaggio e impiego di capitali illeciti, anche se compiuti in ambito prettamente nazionale, sempre che ne derivi un interesse o vantaggio per lente medesimo

34 Informativa 74/12 lOdV dovrà essere informato costantemente in ordine ai fatti che potrebbero comportare una responsabilità dellente: ecco perché, tra i poteri attribuiti allorgano, dovrà figurare necessariamente quello di accesso senza limiti a tali informazioni. Di contro, in capo a tutti i soggetti che operano nellente dovrà essere posto lobbligo di fornire le informazioni utili al fine di consentire allorgano di svolgere le proprie mansioni nel miglior modo possibile

35 74/12 Dirigenti, amministratori, sindaci, dipendenti e collaboratori della società dovranno quindi garantire la massima cooperazione con lOdV trasmettendogli, obbligatoriamente, ogni informazione utile per lespletamento delle funzioni che gli sono proprie.

36 I flussi informativi da e verso il collegio sindacale Il punto 5.5 delle Norme di comportamento del collegio sindacale emanate dal CNDCEC si occupa dei Rapporti con lorganismo di vigilanza.

37 I flussi informativi da e verso il collegio sindacale In particolare, in presenza dellOdV e nel caso in cui esso non sia formato in tutto o in parte da componenti del collegio sindacale, la norma 5.5 prevede che questultimo debba acquisire dallorganismo le informazioni relative al modello organizzativo adottato dalla società e al suo funzionamento, per valutare loperatività dellOdV, la congruità delle valutazioni e ladeguatezza delle indicazioni da questultimo adottate.

38 Elementi di valutazione sul Modello La sentenza della Corte di Cassazione n /09 delinea con molta chiarezza lo statuto della colpa di organizzazione e la portata dellesimente di cui allart. 6 d.lgs. 231/2001; la previsione di tale nuova colpasi inserisce in un contesto evolutivo per il quale gli enti sono stati spinti gradualmente ad affrontare dallinterno il nodo delle proprie inefficienze organizzative.

39 Cosa deve essere comunicato allOdV lesistenza di anomalie lirrogazione di sanzioni linsorgenza di nuove aree di rischio ladozione di provvedimenti da parte dellautorità giudiziaria ladozione di provvedimenti da parte dellautorità di controllo il rilascio di autorizzazioni da parte della p.a. ladozione di altri provvedimenti da parte della p.a. la partecipazione a gare di appalto la conclusione di operazioni straordinarie la sottoscrizione di accordi commerciali rilevanti


Scaricare ppt "OdV Organismo di vigilanza. Dlgs 231/01 Il Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231, recante Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone."

Presentazioni simili


Annunci Google