La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

27/04/2014 DLA 1 INTRODUZIONE ALLA METROLOGIA Concetto di misura. Concetto di misura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "27/04/2014 DLA 1 INTRODUZIONE ALLA METROLOGIA Concetto di misura. Concetto di misura."— Transcript della presentazione:

1 27/04/2014 DLA 1 INTRODUZIONE ALLA METROLOGIA Concetto di misura. Concetto di misura.

2 27/04/2014 DLA 2 CONCETTO DI MISURA Sono esempi di grandezze: Sono esempi di grandezze: 1. Le dimensioni di un oggetto. 2. La velocità di un veicolo. 3. La potenza di un motore. 4. Lintensità di una corrente elettrica. 5. Il peso di un corpo.

3 27/04/2014 DLA 3 CLASSI DI GRANDEZZE Appartengono alla stessa classe (lunghezza): Appartengono alla stessa classe (lunghezza): Lo spessore di una lamiera. Lo spessore di una lamiera. Il diametro di un foro. Il diametro di un foro. La lunghezza di una barra. La lunghezza di una barra. Laltezza di un edificio. Laltezza di un edificio.

4 27/04/2014 DLA 4 CLASSI DI GRANDEZZE Appartengono alla stessa classe (forze): Appartengono alla stessa classe (forze): Il peso di un corpo. Il peso di un corpo. La forza esercitata da un cilindro idraulico. La forza esercitata da un cilindro idraulico. Le forze dattrito. Le forze dattrito.

5 27/04/2014 DLA 5 UNITA DI MISURA Le unità di misure di tutte le grandezze fisiche sono quindi stabilite dagli enti di unificazione. Un insieme di unità di misure univocamente definite costituisce un sistema di unità di misura. Le unità di misure di tutte le grandezze fisiche sono quindi stabilite dagli enti di unificazione. Un insieme di unità di misure univocamente definite costituisce un sistema di unità di misura.

6 27/04/2014 DLA 6 SISTEMA DI UNITA DI MISURA Utilizzati sono: Utilizzati sono: Il sistema internazionale (SI). Il sistema internazionale (SI). Il sistema inglese. Il sistema inglese. Nei paesi UE è in uso il sistema internazionale., basato sul sistema metrico decimale. Nei paesi UE è in uso il sistema internazionale., basato sul sistema metrico decimale.

7 27/04/2014 DLA 7 IL SISTEMA INTERNAZIONALE Unità di misura fondamentali. Unità di misura fondamentali.

8 27/04/2014 DLA 8 IL SISTEMA INTERNAZIONALE Unità di misura derivate. Unità di misura derivate.

9 27/04/2014 DLA 9 (SI) Unità di misura di uso corrente. Unità di misura di uso corrente.

10 27/04/2014 DLA 10 (SI) Multipli e sottomultipli delle unità di misura. Multipli e sottomultipli delle unità di misura.

11 27/04/2014 DLA 11 IL SISTEMA INTERNAZIONALE (SI) Unità di misura della lunghezza. Unità di misura della lunghezza. Nel SI lunità di misura della lunghezza è il metro (m). Nel SI lunità di misura della lunghezza è il metro (m). Nella tecnologia meccanica lunità di misura utilizzata è il millimetro (mm). Nella tecnologia meccanica lunità di misura utilizzata è il millimetro (mm). In officina sono usati i sottomultipli del mm:(il decimo 0,1; il ventesimo 0,05; il cinquantesimo 0,02; il centesimo 0,01; il millesimo 0,001). In officina sono usati i sottomultipli del mm:(il decimo 0,1; il ventesimo 0,05; il cinquantesimo 0,02; il centesimo 0,01; il millesimo 0,001).

12 27/04/2014 DLA 12 IL SISTEMA INGLESE Yard lunghezza equivale a 914,4 mm Yard lunghezza equivale a 914,4 mm I sottomultipli principali della yarda sono: I sottomultipli principali della yarda sono: Il piede (foot) = 1/3 yarda. Il piede (foot) = 1/3 yarda. Il pollice (inch) = 1/12 piede. Il pollice (inch) = 1/12 piede. 1 yarda equivale a 36 pollici. 1 yarda equivale a 36 pollici. Il pollice indicato con il simbolo () vale 25,4 mm. Il pollice indicato con il simbolo () vale 25,4 mm.

13 27/04/2014 DLA 13 IL SISTEMA INGLESE Pollici. Pollici.

14 27/04/2014 DLA 14 APPROSSIMAZIONE DELLE MISURE Approssimazione a meno di 1 cm e a meno di 1 mm. Approssimazione a meno di 1 cm e a meno di 1 mm.

15 27/04/2014 DLA 15 CIFRE SIGNIFICATIVE Approssimata al mm, al decimo e al centesimo. Approssimata al mm, al decimo e al centesimo.

16 27/04/2014 DLA 16 ERRORI DI MISURA Possono essere dovuti a: Possono essere dovuti a: Errori dello strumento (deformazione, usura, ecc.). Errori dello strumento (deformazione, usura, ecc.). Errori delloperatore (di manovra, di parallasse, ecc.). Errori delloperatore (di manovra, di parallasse, ecc.). Fattori ambientali (temperatura, umidità, illuminazione, vibrazioni, ecc. Fattori ambientali (temperatura, umidità, illuminazione, vibrazioni, ecc.

17 27/04/2014 DLA 17 DEFINIZIONE DI MISURA Le nuove norme definiscono una misura come uninformazione costituita da un numero, da unincertezza e da una unità di misura. Le nuove norme definiscono una misura come uninformazione costituita da un numero, da unincertezza e da una unità di misura.

18 27/04/2014 DLA 18 STRUMENTI DI MISURA Strumenti di misura ( la riga metrica e il metro). Strumenti di misura ( la riga metrica e il metro).

19 27/04/2014 DLA 19 STRUMENTI DI MISURA Il calibro a corsoio. Il calibro a corsoio.

20 27/04/2014 DLA 20 STRUMENTI DI MISURA Il micrometro centesimale. Il micrometro centesimale.

21 27/04/2014 DLA 21 STRUMENTI DI MISURA Il goniometro universale. Il goniometro universale.

22 27/04/2014 DLA 22 STRUMENTI CONTROLLO Il piano di riscontro. Il piano di riscontro.

23 27/04/2014 DLA 23 STRUMENTI DI CONTROLLO I calibri fissi. I calibri fissi.

24 27/04/2014 DLA 24 STRUMENTI DI CONTROLLO I contafiletti. I contafiletti.

25 27/04/2014 DLA 25 STRUMENTI DI CONTROLLO Le squadre. Le squadre.

26 27/04/2014 DLA 26 STRUMENTI COMPARATORI - MISURATORI Il comparatore, per il controllo di superfici piane ed esterni. Il comparatore, per il controllo di superfici piane ed esterni.

27 27/04/2014 DLA 27 STRUMENTI COMPARATORI - MISURATORI Lalesametro, o interimetro, per il controllo di fori. Lalesametro, o interimetro, per il controllo di fori.

28 27/04/2014 DLA 28 STRUMENTI RIPORTATORI Il compasso. Il compasso.

29 27/04/2014 DLA 29 STRUMENTI RIPORTATORE La falsa squadra. La falsa squadra.

30 27/04/2014 DLA 30 STRUMENTI RIPORTATORE Il truschino. Il truschino.

31 27/04/2014 DLA 31 CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI DI MISURA Indici e scale graduate. Indici e scale graduate.

32 27/04/2014 DLA 32 CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEGLI STRUMENTI DI MISURA Portata e campo di misura. Portata e campo di misura.

33 27/04/2014 DLA 33 CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEGLI STRUMENTI DI MISURA Precisione. Precisione.

34 27/04/2014 DLA 34 CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEGLI STRUMENTI DI MISURA Sensibilità. Sensibilità.

35 27/04/2014 DLA 35 CARATTERISTICHE FONDAMENTALI DEGLI STRUMENTI DI MISURA Approssimazione o risoluzione. Approssimazione o risoluzione.

36 27/04/2014 DLA 36 PRINCIPALI STRUMENTI DI MISURA Il metro avvolgibile, la riga metrica. Il metro avvolgibile, la riga metrica.

37 27/04/2014 DLA 37 ESEMPI DI LETTURA Riga metrica, metro flessibile. Riga metrica, metro flessibile.

38 27/04/2014 DLA 38 ESEMPI DI LETTURA Lettura. Lettura.

39 27/04/2014 DLA 39 IL CALIBRO A CORSOIO È lo strumento più utilizzato. È lo strumento più utilizzato. Si possono effettuare: Si possono effettuare: Misurazioni di esterni. Misurazioni di esterni. Misurazioni di interni. Misurazioni di interni. Misurazioni di profondità. Misurazioni di profondità.

40 27/04/2014 DLA 40 IL CALIBRO A CORSOIO A seconda del tipo di calibro, lapprossimazione può essere di 1/10, 1/20, 1/50 di mm. In base allapprossimazione i calibri si distinguono quindi in: A seconda del tipo di calibro, lapprossimazione può essere di 1/10, 1/20, 1/50 di mm. In base allapprossimazione i calibri si distinguono quindi in: Decimali. Decimali. Ventesimali. Ventesimali. Cinquantesimali. Cinquantesimali.

41 27/04/2014 DLA 41 CALIBRO A CORSOIO Esempi dimpiego. Esempi dimpiego.

42 27/04/2014 DLA 42 PARTI FONDAMENTALI DEL CALIBRO A CORSOIO Parti fondamentali. Parti fondamentali.

43 27/04/2014 DLA 43 PARTI FONDAMENTALI DEL CALIBRO A CORSOIO Nomenclatura. Nomenclatura.

44 27/04/2014 DLA 44 CALIBRO A CORSOIO I calibri sono generalmente costruiti in acciaio inox di tipo invar (X32Cr13 UNI 4047 – Ra 0,1µm, che garantisce ottima stabilità dimensionale e resistenza allusura. I calibri sono generalmente costruiti in acciaio inox di tipo invar (X32Cr13 UNI 4047 – Ra 0,1µm, che garantisce ottima stabilità dimensionale e resistenza allusura. La portata massima dei calibri a corsoio varia, a seconda dei modelli, da 130 a 500 mm. La portata massima dei calibri a corsoio varia, a seconda dei modelli, da 130 a 500 mm.

45 27/04/2014 DLA 45 USO DEL CALIBRO A CORSOIO Uso. Uso.

46 27/04/2014 DLA 46 CALIBRO (IL NONIO) Nonio. Nonio.

47 27/04/2014 DLA 47 IL NONIO VENTESIMALE 1/20 (0,05) mm. 1/20 (0,05) mm.

48 27/04/2014 DLA 48 IL NONIO VENTESIMALE DOPPIO 1/20 (0,05) mm. 1/20 (0,05) mm.

49 27/04/2014 DLA 49 LETTURA DEL CALIBRO VENTESIMALE Intera e ventesimale. Intera e ventesimale.

50 27/04/2014 DLA 50 LETTURA DEL CALIBRO VENTESIMALE NONIO DOPPIO Ventesimale doppio. Ventesimale doppio.

51 27/04/2014 DLA 51 IL NONIO CINQUANTESIMALE 1/50 (0,02) mm. 1/50 (0,02) mm.

52 27/04/2014 DLA 52 RISOLUZIONE DEL NONIO CINQUANTESIMALE Risoluzione. Risoluzione.

53 27/04/2014 DLA 53 LETTURA DEL CALIBRO A NONIO CINQUANTESIMALE Esempi. Esempi.

54 27/04/2014 DLA 54 LETTURA DEL CALIBRO A NONIO CINQUANTESIMALE Esempi. Esempi.

55 27/04/2014 DLA 55 LETTURA DEL CALIBRO A NONIO CINQUANTESIMALE Esempi. Esempi.

56 27/04/2014 DLA 56 CALIBRI DIGITALI Sono calibri nei quali le misure possono essere lette direttamente su un visualizzatore a cristalli liquidi (LCD). Sono calibri nei quali le misure possono essere lette direttamente su un visualizzatore a cristalli liquidi (LCD).

57 27/04/2014 DLA 57 MICROMETRI Tipi di micrometri. Tipi di micrometri. Per esterni. Per esterni. Per interni. Per interni. Per misure di profondità. Per misure di profondità. Risoluzione 1/100 e 1/1000. Risoluzione 1/100 e 1/1000.

58 27/04/2014 DLA 58 FORME E DIMENSIONI DEI MICROMETRI Forme. Forme.

59 27/04/2014 DLA 59 MICROMETRO AD ARCO PER ESTERNI Esterni. Esterni.

60 27/04/2014 DLA 60 PARTI FONDAMENTALI DEL MICROMETRO PER ESTERNI Nomenclatura. Nomenclatura.

61 27/04/2014 DLA 61 PARTI FONDAMENTALI DEL MICROMETRO PER ESTERNI Nomenclatura. Nomenclatura.

62 27/04/2014 DLA 62 PARTI FONDAMENTALI DEL MICROMETRO PER ESTERNI Nomenclatura. Nomenclatura.

63 27/04/2014 DLA 63 MICROMETRI FISSI Campo di misura e portata. Campo di misura e portata.

64 27/04/2014 DLA 64 FUNZIONAMENTO E APPROSSIMAZIONE DEL MICROMETRO Risoluzione = 0,01 mm. Risoluzione = 0,01 mm. Passo = 0,5 mm. Passo = 0,5 mm. Tamburo 50 trattini. Tamburo 50 trattini. 0,5 : 50 = 0,01 mm. 0,5 : 50 = 0,01 mm.

65 27/04/2014 DLA 65 LETTURA DEL MICROMETRO Lettura. Lettura.

66 27/04/2014 DLA 66 LETTURA DEL MICROMETRO Esempi. Esempi.

67 27/04/2014 DLA 67 LETTURA DEL MICROMETRO Esempi. Esempi.

68 27/04/2014 DLA 68 LETTURA DEL MICROMETRO Approssimazione. Approssimazione.

69 27/04/2014 DLA 69 MICROMETRI SPECIALI PER ESTERNI Esterni. Esterni.

70 27/04/2014 DLA 70 MICROMETRI SPECIALI PER ESTERNI Utensili. Utensili.

71 27/04/2014 DLA 71 MICROMETRI PER INTERNI A becchi. A becchi.

72 27/04/2014 DLA 72 MICROMETRI PER INTERNI A contatti espansibili. A contatti espansibili.

73 27/04/2014 DLA 73 MICROMETRI PER INTERNI A aste combinabili. A aste combinabili.

74 27/04/2014 DLA 74 MICROMETRI PER INTERNI Esempi dimpiego. Esempi dimpiego.

75 27/04/2014 DLA 75 MICROMETRI PER MISURE DI PROFONDITA Di cave, fori, scanalature, ecc. Di cave, fori, scanalature, ecc.

76 27/04/2014 DLA 76 MICROMETRI PER MISURE DI PROFONDITA Borletti. Borletti.

77 27/04/2014 DLA 77 MICROMETRI ELETTRONICI DIGITALI La risoluzione è generalmente di 0,001 mm. La risoluzione è generalmente di 0,001 mm.

78 27/04/2014 DLA 78 MISURE ANGOLARI Sessagesimale. Sessagesimale.

79 27/04/2014 DLA 79 UNITA DI MISURA DEGLI ANGOLI Angolo retto 90°, piatto 180° e giro 360°. Angolo retto 90°, piatto 180° e giro 360°.

80 27/04/2014 DLA 80 STRUMENTI PER MISURE ANGOLARI Goniometro semplice. Goniometro semplice.

81 27/04/2014 DLA 81 GONIOMETRO SEMPLICE Semplice. Semplice.

82 27/04/2014 DLA 82 STRUMENTI PER MISURE ANGOLARI Goniometro universale. Goniometro universale.

83 27/04/2014 DLA 83 GONIOMETRO UNIVERSALE Parti fondamentali. Parti fondamentali.

84 27/04/2014 DLA 84 PARTI FONDAMENTALI DEL GONIOMETRO UNIVERSALE Nomenclatura. Nomenclatura.

85 27/04/2014 DLA 85 PARTI FONDAMENTALI DEL GONIOMETRO UNIVERSALE Nomenclatura. Nomenclatura.

86 27/04/2014 DLA 86 FUNZIONAMENTO DEL NONIO CIRCOLARE Nonio circolare. Nonio circolare.

87 27/04/2014 DLA 87 FUNZIONAMENTO DEL NONIO CIRCOLARE Nonio circolare. Nonio circolare.

88 27/04/2014 DLA 88 GONIOMETRO UNIVERSALE CON NONIO DOPPIO Nonio doppio. Nonio doppio.

89 27/04/2014 DLA 89 LETTURA DEL GONIOMETRO UNIVERSALE Lettura. Lettura.

90 27/04/2014 DLA 90 LETTURA DEL GONIOMETRO UNIVERSALE Senso di lettura a destra. Senso di lettura a destra.

91 27/04/2014 DLA 91 LETTURA DEL GONIOMETRO UNIVERSALE Senso di lettura a sinistra. Senso di lettura a sinistra.

92 27/04/2014 DLA 92 ANGOLI ACUTI E OTTUSI La lettura. La lettura.

93 27/04/2014 DLA 93 ANGOLI ACUTI E OTTUSI Lettura. Lettura.

94 27/04/2014 DLA 94 ANGOLI ACUTI E OTTUSI Lettura. Lettura.

95 27/04/2014 DLA 95 GONIOMETRI DIGITALI Risoluzione di 1 (o di 0,01°). Risoluzione di 1 (o di 0,01°).

96 27/04/2014 DLA 96 STRUMENTI COMPARATORI - MISURATORI Comparatore. Comparatore.

97 27/04/2014 DLA 97 PARTI FONDAMENTALI DEL COMPARATORE CENTESIMALE Parti fondamentali. Parti fondamentali.

98 27/04/2014 DLA 98 PARTI FONGAMENTALI DEL COMPARATORE CENTESIMALE Parti fondamentali. Parti fondamentali.

99 27/04/2014 DLA 99 PARTI FONDAMENTALI DEL COMPARATORE CENTESIMALE Parti fondamentali. Parti fondamentali.

100 27/04/2014 DLA 100 CARATTERISTICHE DEL COMPARATORE Sensibilità e risoluzione. Sensibilità e risoluzione.

101 27/04/2014 DLA 101 CARATTERISTICHE DEL COMPARATORE Sensibilità e risoluzione. Sensibilità e risoluzione.

102 27/04/2014 DLA 102 CARATTERISTICHE DEL COMPARATORE Sensibilità e risoluzione. Sensibilità e risoluzione.

103 27/04/2014 DLA 103 USO DEL COMPARATORE Uso. Uso.

104 27/04/2014 DLA 104 USO DEL COMPARATORE Uso. Uso.

105 27/04/2014 DLA 105 USO DEL COMPARATORE Comparazione di due altezze. Comparazione di due altezze.

106 27/04/2014 DLA 106 PRECARICA Precarica. Precarica.

107 27/04/2014 DLA 107 ESEMPIO DI CONTROLLO DI PLANARITA Planarità. Planarità.

108 27/04/2014 DLA 108 CONTROLLO DELLA PLANARITA Esempio. Esempio.

109 27/04/2014 DLA 109 CONTROLLO DELLA PLANARITA Esempio. Esempio.

110 27/04/2014 DLA 110 CONTROLLO DELLA PLANARITA Esempio. Esempio.

111 27/04/2014 DLA 111 CONTROLLO DELLA PLANARITA CON IL COMPARATORE Nellesempio in figura lo scarto massimo tra il più alto e quello più basso è di 0,64 mm. Nellesempio in figura lo scarto massimo tra il più alto e quello più basso è di 0,64 mm. 0,29 – ( - 0,35) = 0,64 mm. 0,29 – ( - 0,35) = 0,64 mm.

112 27/04/2014 DLA 112 COMPARATORI ELETTRONICI DIGITALI Digitali. Digitali.

113 27/04/2014 DLA 113 ALTRI STRUMENTI DI MISURA Proiettore di profili. Proiettore di profili.

114 27/04/2014 DLA 114 ALTRI STRUMENTI DI MISURA Macchina di misura a coordinate. Macchina di misura a coordinate.

115 27/04/2014 DLA 115 ALTRI STRUMENTI DI MISURA Termometri. Termometri.

116 27/04/2014 DLA 116 ALTRI STRUMENTI DI MISURA Fonometri. Fonometri.

117 27/04/2014 DLA 117 ALTRI STRUMENTI DI MISURA Luxmetri. Luxmetri.

118 27/04/2014 DLA 118 ALTRI STRUMENTI DI MISURA Bindella metrica. Bindella metrica.

119 27/04/2014 DLA 119 ALTRI STRUMENTI DI MISURA Distanziometro laser. Distanziometro laser.

120 27/04/2014 DLA 120 STRUMENTI DI CONTROLLO Piano di riscontro. Piano di riscontro.

121 27/04/2014 DLA 121 STRUMENTI DI CONTROLLO Prismi. Prismi.

122 27/04/2014 DLA 122 STRUMENTI DI CONTROLLO Righe e squadre. Righe e squadre.

123 27/04/2014 DLA 123 STRUMENTI DI CONTROLLO Cilindri di controllo. Cilindri di controllo.

124 27/04/2014 DLA 124 STRUMENTI DI CONTROLLO Squadre e guardapiani. Squadre e guardapiani.

125 27/04/2014 DLA 125 CALIBRI DI CONTROLLO FISSI Calibri fissi per filettature. Calibri fissi per filettature.

126 27/04/2014 DLA 126 CALIBRI DI CONTROLLO Calibri fissi per pezzi conici. Calibri fissi per pezzi conici.

127 27/04/2014 DLA 127 CALIBRI DI CONTROLLO Calibri passa non passa. Calibri passa non passa.

128 27/04/2014 DLA 128 CALIBRI FISSI PER FORI 1)tampone, 2)passa non, 3)tampone piatto, 4) a barretta, 5)a perni reg. 1)tampone, 2)passa non, 3)tampone piatto, 4) a barretta, 5)a perni reg.

129 27/04/2014 DLA 129 CALIBRI FISSI PER ALBERI 1)forcella, 2)forcella progr., 3)ad anello, 4)passa non, 5)forcella reg. 1)forcella, 2)forcella progr., 3)ad anello, 4)passa non, 5)forcella reg.

130 27/04/2014 DLA 130 CALIBRI FISSI PER SPESSORI Spessimetro. Spessimetro.

131 27/04/2014 DLA 131 CALIBRI PER UTENSILI Utensili. Utensili.

132 27/04/2014 DLA 132 CONTAFILETTI Contafiletti. Contafiletti.

133 27/04/2014 DLA 133 ESEMPIO DIMPIEGO DI UN CALIBRO FISSO Differenziale a forcella. Differenziale a forcella.


Scaricare ppt "27/04/2014 DLA 1 INTRODUZIONE ALLA METROLOGIA Concetto di misura. Concetto di misura."

Presentazioni simili


Annunci Google