La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Paola minetti - 20051 LA RESPONSABILITA CIVILE CONTRATTUALE ED EXTRACONTRATTUALE IL DOLO E LA COLPA.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Paola minetti - 20051 LA RESPONSABILITA CIVILE CONTRATTUALE ED EXTRACONTRATTUALE IL DOLO E LA COLPA."— Transcript della presentazione:

1 paola minetti LA RESPONSABILITA CIVILE CONTRATTUALE ED EXTRACONTRATTUALE IL DOLO E LA COLPA

2 paola minetti ARTICOLO 28 COSTITUZIONE I funzionari e dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili secondo le leggi penali civili ed amministrative degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici I funzionari e dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili secondo le leggi penali civili ed amministrative degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici

3 paola minetti Responsabilità extracontrattuale articolo 2043 c.c. e 3/57 Responsabilità extracontrattuale articolo 2043 c.c. e 3/57 Elementi della fattispecie Elementi della fattispecie soggetto che compie lillecito (funzionario) soggetto che compie lillecito (funzionario) condotta imputabile ed evento danno (problematica dei diritti soggettivi ed interessi legittimi e sentenza Cass. S.U. 500/99) condotta imputabile ed evento danno (problematica dei diritti soggettivi ed interessi legittimi e sentenza Cass. S.U. 500/99) criterio soggettivo dellimputazione criterio soggettivo dellimputazione nesso di causalità nesso di causalità Responsabilità

4 paola minetti INTERESSI LEGITTIMI - PERCORSO NORMATIVO E GIURISPRUDENZIALE 1. Il problema della distinzione tra diritto soggettivo ed interesse legittimo; linteresse legittimo come situazione giuridica sostanziale; 3. Il problema della tutela aquiliana degli interessi legittimi e la sentenza n. 500/1999 delle SS.U. Cassazione; 5. La rilettura dellart c.c.: il danno ingiusto e lindividuazione degli interessi risarcibili; 7. Lelemento soggettivo dellillecito; la pregiudizialità del giudizio di annullamento; 9. Il decreto legisl. n. 80/1998 e la sentenza della Corte Cost. n. 292/1999; 11 La legge n. 205/2000 di riforma del processo amm.vo; 12. Problematiche ancora aperte

5 paola minetti DIRITTO SOGGETTIVO ED INTERESSE LEGITTIMO DIRITTO SOGGETTIVO ED INTERESSE LEGITTIMO Problematiche inerenti la distinzione: Problematiche inerenti la distinzione: a) tutela piena del d. soggettivo e tutela mediata o indiretta dellinteresse legittimo (i.l. come interesse occasionalmente protetto) e teoria della rilevanza solo processuale dellint. legitt.; b) problematica distinzione processuale di dir. sogg. e i.leg., ai fini del radicamento della giurisdizione: le teorie della prospettazione, del petitum, della causa petendi o del petitum sostanziale ; c) affermazione della teoria del petitum sostanziale

6 paola minetti INTERESSE LEGITTIMO COME SIT. GIURIDICA SOSTANZIALE Affermazione della teoria dellinteresse legittimo come situazione non meramente processuale; Affermazione della teoria dellinteresse legittimo come situazione non meramente processuale; Conseguenti problematiche inerenti le conseguenze della sua lesione, sotto il profilo della tutela ripristinatoria e/o risarcitoria; Conseguenti problematiche inerenti le conseguenze della sua lesione, sotto il profilo della tutela ripristinatoria e/o risarcitoria; distinzione tra i. leg. oppositivi e pretensivi e diversa tutela delle due categoria distinzione tra i. leg. oppositivi e pretensivi e diversa tutela delle due categoria

7 paola minetti TUTELA AQUILIANA DEGLI INTERESSI LEGITTIMI Primo passo verso la risarcibilità: riconoscimento degli i.l. oppositivi attraverso la fictio dellaffievolimento e successiva riespansione del diritto sogg. a seguito di annullamento del provvedimento; Primo passo verso la risarcibilità: riconoscimento degli i.l. oppositivi attraverso la fictio dellaffievolimento e successiva riespansione del diritto sogg. a seguito di annullamento del provvedimento; Successivo ampliamento della tutela alle pos. giur. scaturenti da atti vincolati; Successivo ampliamento della tutela alle pos. giur. scaturenti da atti vincolati; Conseguente applicabilità dellart del c.civ, tradizionalmente riferito dalla giurispr. a dir. assoluti e solo negli anni 70 anche a diritti relativi Conseguente applicabilità dellart del c.civ, tradizionalmente riferito dalla giurispr. a dir. assoluti e solo negli anni 70 anche a diritti relativi Irrisarcibilità dei diritti c.d. pretensivi: il problema dellesercizio del potere discrezionale. Irrisarcibilità dei diritti c.d. pretensivi: il problema dellesercizio del potere discrezionale. Restava: necessaria pregiudizialità del giudizio amm.vo rispetto al giudizio civile per il risarcimento. Restava: necessaria pregiudizialità del giudizio amm.vo rispetto al giudizio civile per il risarcimento.

8 paola minetti IL D. LGS. N. 80/1988 –Ampliamento della giurisdizione esclusiva per ordini di materie; –Profili di problematicità per individuazione corretta delle materie deferite al complesso T.A.R./C.d.S. (T.A.R. Piemonte, Sez. II 21 gennaio 1999, n. 17: controversie appalti solo se strumentali alla gestione di pubblico servizio; Cons. Stato sez. V, 7 giugno 1999, n ); –Applicabilità della normativa agli organismi di dir. pubblico (TAR Umbria, 3 marzo 1999, n. 206); –Estensione pretoria giur esclusiva alla mancata stipula del contratto (=fase successiva a quella ad evidenza pubblica) ] Tar Toscana, Sez. II, n. 24/1999; –Restava esclusa fase di esecuzione del contratto. –Lordinanza SS.UU. Cassaz. 25 maggio 2000 ammettono estensione dellart. 34 d. lgs. anche a controversie in cui si faccia valere diritto a riacquisizione bene illegittimamente occupato o al risarc. danno (da accessione invertita)

9 paola minetti CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. UNITE CIVILI - Sentenza 26 marzo-22 luglio 1999 n. 500/99 Punto di partenza della sentenza: lart c.civ. non è norma secondaria, che aziona lesione riconosciuta da altra norma, ma norma primaria; Punto di partenza della sentenza: lart c.civ. non è norma secondaria, che aziona lesione riconosciuta da altra norma, ma norma primaria; Lesione risarcibile: quella non jure (= basta lesione priva di cause di giustificazione, non più richiesta lesione di diritto soggettivo); Lesione risarcibile: quella non jure (= basta lesione priva di cause di giustificazione, non più richiesta lesione di diritto soggettivo); Accento posto su sistema giurisdizionale improntato non più a distinzione tra figure giuridiche soggettive ma a distinzione per materie (verso una giurisdizione di tipo francese, con un giudice dellamministrazione?) Accento posto su sistema giurisdizionale improntato non più a distinzione tra figure giuridiche soggettive ma a distinzione per materie (verso una giurisdizione di tipo francese, con un giudice dellamministrazione?) Accento posto sulla risarcibilità della perdita di chances Accento posto sulla risarcibilità della perdita di chances

10 paola minetti PALETTI POSTI DALLA SENT. SS.UU. CIV. N. 500/99 Necessità di indagine su effettiva rilevanza dellinteresse leso, ossia del bene della vita sottostante a interesse (= non ogni violazione di norme comporta risarcibilità dellinteresse); Necessità di indagine su effettiva rilevanza dellinteresse leso, ossia del bene della vita sottostante a interesse (= non ogni violazione di norme comporta risarcibilità dellinteresse); Necessità dellelemento soggettivo della colpa e del nesso eziologico; Necessità dellelemento soggettivo della colpa e del nesso eziologico; La colpa non va riferita allagente (persona fisica) ma al comportamento della P.A..(come apparato); La colpa non va riferita allagente (persona fisica) ma al comportamento della P.A..(come apparato); Per risarcibilità interessi pretensivi occorre giudizio prognostico (= perdita di chances). Per risarcibilità interessi pretensivi occorre giudizio prognostico (= perdita di chances).

11 paola minetti DOPO LA SENTENZA N. 55/99 DELLA CASSAZIONE Problemi aperti : rapporto tra le due azioni se non si ricade in giurisd. esclusiva: possibilità di chiedere risarc. anche senza impugnativa del provv.to amm.vo e scaduti i termini decadenziali?; rapporto tra le due azioni se non si ricade in giurisd. esclusiva: possibilità di chiedere risarc. anche senza impugnativa del provv.to amm.vo e scaduti i termini decadenziali?; obbligo di adire il Giudice amministrativo per ottenere la previa dichiarazione dellobbligo di provvedere per la P.A., trattandosi di interessi pretensivi; obbligo di adire il Giudice amministrativo per ottenere la previa dichiarazione dellobbligo di provvedere per la P.A., trattandosi di interessi pretensivi; possibilità di contrasto tra giudicati del G.A. e del G. Ord. (specie per giudicato amm.vo ante giudicato civile); possibilità di contrasto tra giudicati del G.A. e del G. Ord. (specie per giudicato amm.vo ante giudicato civile); quantificazione del danno ex art c.c. come onere a carico del ricorrente due componenti: perdita subita e mancata guadagno Quantificazione nelle procedure ad evidenza pubblica e nellannull. atti di gara. – No Reintegraz. in forma specifica per G.O. quantificazione del danno ex art c.c. come onere a carico del ricorrente due componenti: perdita subita e mancata guadagno Quantificazione nelle procedure ad evidenza pubblica e nellannull. atti di gara. – No Reintegraz. in forma specifica per G.O.

12 paola minetti LA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE 17/7/2000, N° 292 La sentenza della Consulta: La sentenza della Consulta: a) dichiara costituz. illegittimo lart. 33, comma 1, d. lgs. n. 80/98 per eccesso di delega; b) conseguentemente, dichiara costituz. illegittimo anche il comma 2 dello stesso articolo che contiene elencazione esemplificativa; Motivi: il compito del legislatore delegato era solo quello di estendere la giurisdizione amministrativa, tanto di legittimità che esclusiva, ai i diritti patrimoniali consequenziali alla giurisdizione

13 paola minetti LA SITUAZIONE DOPO LA L. n° 205/2000 1) Riconferma materie già deferite a giurisdizione esclusiva T.A.R./C.d.S. e loro ampliamento in senso oggettivo e soggettivo; estensione alle procedure di scelta anche del socio oltre che del contraente; estensione alle procedure di scelta anche del socio oltre che del contraente; estensione anche alle controversie relative allesecuzione di contratti dappalto; estensione anche alle controversie relative allesecuzione di contratti dappalto; estensione agli organismi di diritto pubblico; estensione agli organismi di diritto pubblico; 2) riproposizione contenuto artt. 33 e 34 d.lgs. n. 80/98 con ampliamento dellambito oggettivo (servizi) e, per converso, esclusione di talune controversie sottratte (meram, risarc.); 3) estensione, nellambito della materia urbanistica, ad atti, procedimenti e comportamenti anche di soggetti privati;

14 paola minetti LA SITUAZIONE DOPO LA L. n° 205/ segue 4) risarcimento del danno ingiusto riconosciuto in tutte le controversie soggette a giurisdizione esclusiva anche mediante reintegrazione in forma specifica (rimedio principale); 5) estensione della competenza del G. Amm. a conoscere del risarcimento del danno e degli altri diritti patrimoniali consequenziali anche nella giurisdizione di sola legittimità (= sparizione del doppio percorso G.Amm./G. Ord.); 6) disciplina giudiz. del silenzio inadempimento; 7) riconoscimento di più penetranti poteri istruttori al G.A.; 8) introduzione sentenze in forma breve; 9) ampliamento poteri cautelari.

15 paola minetti PROSPETTIVE E PROBLEMATICHE DOPO LA L. 205/2000 Reintegrazione in forma specifica: verifica dei limiti del potere di condanna del g. amm.vo nei giudizi non estesi al merito; Reintegrazione in forma specifica: verifica dei limiti del potere di condanna del g. amm.vo nei giudizi non estesi al merito; Determinazione del danno emergente e del lucro cessante, specie per illegittimità rilevate nelle procedure ad evidenza pubblica; Determinazione del danno emergente e del lucro cessante, specie per illegittimità rilevate nelle procedure ad evidenza pubblica; Interferenza tra termine di decadenza per lazione impugnatoria e di prescrizione per lazione di risarcimento: il rispetto del primo condiziona la percorribilità del secondo?; Interferenza tra termine di decadenza per lazione impugnatoria e di prescrizione per lazione di risarcimento: il rispetto del primo condiziona la percorribilità del secondo?; E possibile laccertamento incidenter tantum dellillegittimità di un atto amm.vo non impugnato in termini, ai fini della richiesta di risarcimento? ; E possibile laccertamento incidenter tantum dellillegittimità di un atto amm.vo non impugnato in termini, ai fini della richiesta di risarcimento? ;

16 paola minetti LIMITI ALLA RESTITUTIO IN INTEGRUM NEL PROCESSO AMM.VO A SECONDA DEL DIVERSO TIPO DI INTERESSI LEGITTIMI: - La reintegrazione in forma specifica per gli i.l. oppositivi si realizza direttamente con la sentenza di annullamento, se lato non è stato portato ad esecuzione; diversamente i poteri del G.A. si scontrano con attività esecutiva perfezionata: es.ordine abbattimento illegittimo di immobile (art c.civ. il diritto di scelta spetta al danneggiato); - La reintegrazione in forma specifica per gli i.l. pretensivi, nei giudizi non estesi al merito, comporta che il G. A. non può sostituirsi alla P.A.; - Lonere di provare lesistenza e lentità del danno spetta al ricorrente = dimostrazione del pregiudizio emergente e del danno da perdita di chances.

17 paola minetti Le forme di ristoro del danno GLI APPALTI

18 paola minetti REINTEGRAZIONE IN FORMA SPECIFICA ARTICOLO 2058 cc ARTICOLO 2058 cc significa rimozione delle conseguenze dellevento lesivo tramite la realizzazione della situazione corrispondente senza il fatto illecito produttivo del danno significa rimozione delle conseguenze dellevento lesivo tramite la realizzazione della situazione corrispondente senza il fatto illecito produttivo del danno non è adempimento in forma specifica non è adempimento in forma specifica nel diritto amministrativo è la regola nel diritto amministrativo è la regola poi il risarcimento poi il risarcimento il limite è dato dallinteresse pubblico il limite è dato dallinteresse pubblico

19 paola minetti REINTEGRAZIONE IN FORMA SPECIFICA Il decreto legislativo 190/02 dalla legge 443/01 ha limitato il potere cautelare del Giudice sul risarcimento da OOPP e per espropriazione per PU Il decreto legislativo 190/02 dalla legge 443/01 ha limitato il potere cautelare del Giudice sul risarcimento da OOPP e per espropriazione per PU articolo 14/2 esclude la tutela reintegratoria articolo 14/2 esclude la tutela reintegratoria il limite è linteresse pubblico il limite è linteresse pubblico

20 paola minetti REINTEGRAZIONE IN FORMA SPECIFICA Danno da attività autoritativa, la funzione è di integrare la tutela Danno da attività autoritativa, la funzione è di integrare la tutela problema: cosa si può ordinare alla PA? Es: accesso agli atti - il limite del facere problema: cosa si può ordinare alla PA? Es: accesso agli atti - il limite del facere annullamento di una gara sì di un contratto no; attività di concorso, si condanna a un facere se si tratta di una attività vincolata; la parte non vincolata va ripetuta: annullamento di una gara sì di un contratto no; attività di concorso, si condanna a un facere se si tratta di una attività vincolata; la parte non vincolata va ripetuta: attività di concorso: nuova valutazione se la prima è viziata, va ripetuta dalla PA attività di concorso: nuova valutazione se la prima è viziata, va ripetuta dalla PA

21 paola minetti IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO PER EQUIVALENTE IL RISARCIMENTO PER EQUIVALENTE DANNO EMERGENTE E LUCRO CESSANTE DANNO EMERGENTE E LUCRO CESSANTE IN GARA: PRIMA: SI RIAMMETTE IN GARA: PRIMA: SI RIAMMETTE DOPO: BISOGNA VALUTARE SE VI SIA STATA O MENO LA STIPULAZIONE DEL CONTRATTO E INIZIO DEI LAVORI DOPO: BISOGNA VALUTARE SE VI SIA STATA O MENO LA STIPULAZIONE DEL CONTRATTO E INIZIO DEI LAVORI NO: SI REINTEGRA NO: SI REINTEGRA SI : SI RISARCISCE SI : SI RISARCISCE

22 paola minetti IL RISARCIMENTO DEL DANNO DANNO EMERGENTE: 3% DEL PROGETTO (tar Puglia Bari 18/7/2002 n. 3399) DANNO EMERGENTE: 3% DEL PROGETTO (tar Puglia Bari 18/7/2002 n. 3399) lucro cessante: difficile da provare - il 10% è stabilito come equo L.A.C. 20/3/1865 n all F novellata da L. 415 del 18/11/98 (Merloni ter) come recesso lucro cessante: difficile da provare - il 10% è stabilito come equo L.A.C. 20/3/1865 n all F novellata da L. 415 del 18/11/98 (Merloni ter) come recesso

23 paola minetti IL RISARCIMENTO DEL DANNO In caso di appalto di servizi In caso di appalto di servizi la riduzione è in via equitativa, difficile la prova del mancato utilizzo di maestranze e di mezzi la riduzione è in via equitativa, difficile la prova del mancato utilizzo di maestranze e di mezzi CdS 5860 del 24/10/2002 CdS 5860 del 24/10/2002

24 paola minetti Dolo e colpa Dolo: previsione dellevento e volontà degli effetti attuazione volontaria ed intenzionale Dolo: previsione dellevento e volontà degli effetti attuazione volontaria ed intenzionale colpa: chi ha commesso senza volere un fatto illecito per imprudenza imperizia o negligenza colpa: chi ha commesso senza volere un fatto illecito per imprudenza imperizia o negligenza colpa grave o lieve colpa grave o lieve grave: articolo 43 c.p. grave: articolo 43 c.p imperizia 2236 imperizia articolo 5/3 D.Lvo 472/97 il quasi dolo norma speciale articolo 5/3 D.Lvo 472/97 il quasi dolo norma speciale articolo 2 /3 L. 117/88 colpa grave magistrato articolo 2 /3 L. 117/88 colpa grave magistrato

25 paola minetti Colpa civilistica Modello astratto del buon padre di famiglia Modello astratto del buon padre di famiglia conflitti di una società complessa esempio i delitti informatici e il modello di vita in continua evoluzione conflitti di una società complessa esempio i delitti informatici e il modello di vita in continua evoluzione tanti tipi di diligenza a seconda delle condotte richieste: il giudizio sulla colpa è relativo (prevedibilità del rischio e dellevento di danno) - il modello dellagente tanti tipi di diligenza a seconda delle condotte richieste: il giudizio sulla colpa è relativo (prevedibilità del rischio e dellevento di danno) - il modello dellagente

26 paola minetti Cause di giustificazione Circostanze in cui la condotta lesiva è consentita o imposta dalle norme Circostanze in cui la condotta lesiva è consentita o imposta dalle norme articolo 29 TU imp civ. Stato articolo 29 TU imp civ. Stato forza maggiore - costringimento fisico - adempimento di un dovere - esercizio di un diritto - consenso avente diritto - legittima difesa - stato di necessità - ordine forza maggiore - costringimento fisico - adempimento di un dovere - esercizio di un diritto - consenso avente diritto - legittima difesa - stato di necessità - ordine

27 paola minetti Responsabilità civile dei funzionari pubblici EELL : amministratori articolo 86 del TUEL EELL : amministratori articolo 86 del TUEL Segretario comunale: articolo 749 CCNL 98/2001 Segretario comunale: articolo 749 CCNL 98/2001 dirigenti articolo 38/1 CCNL 98/2001 dirigenti articolo 38/1 CCNL 98/2001 responsabili articolo 43 CCNL 1998/2001 responsabili articolo 43 CCNL 1998/2001 tutela assicurativa a carico dei singoli tutela assicurativa a carico dei singoli

28 paola minetti RUP Merloni oggi competenza delle Regioni (residuale 117/1 Cost.) Responsabilità: si applica il regime di responsabilità in vigore per i dipendenti amministrazioni pubbliche Responsabilità: si applica il regime di responsabilità in vigore per i dipendenti amministrazioni pubbliche responsabilità L 109/94 e reg. articolo 8/7 dPR 554/99 per: responsabilità L 109/94 e reg. articolo 8/7 dPR 554/99 per: violazione di legge o regolamento violazione di legge o regolamento esclusione dalla ripartizione incentivo esclusione dalla ripartizione incentivo sanzioni disciplinari sanzioni disciplinari risarcimento danni alla PA aggiudicatrice risarcimento danni alla PA aggiudicatrice articolo 4/7 e /94: omessa comunicazione dati e osservatorio senza giusto motivo articolo 4/7 e /94: omessa comunicazione dati e osservatorio senza giusto motivo

29 paola minetti Funzione della figura del responsabile allinterno della legge sui lavori pubblici istituzionalizzazione di un diretto interlocutore istituzionalizzazione di un diretto interlocutore valorizzazione della relativa responsabilità valorizzazione della relativa responsabilità piu razionale ripartizione delle competenze piu razionale ripartizione delle competenze generale semplificazione delle procedure; generale semplificazione delle procedure; più diretto coinvolgimento del funzionario in ordine al risultato dellazione. più diretto coinvolgimento del funzionario in ordine al risultato dellazione. individuazione di una autorità che funga da guida del procedimento, individuazione di una autorità che funga da guida del procedimento, vigilanza dal momento propulsivo a quello conclusivo, vigilanza dal momento propulsivo a quello conclusivo, gestione della connessioni tra le fasi gestione della connessioni tra le fasi stabile punto di riferimento per il cittadino. stabile punto di riferimento per il cittadino.

30 paola minetti Ruolo responsabile unico leading authority leading authority serie di poteri variegati e eterogenei (di amministrazione attiva, consultiva, di controllo, di garanzia,di coordinamento istruttorio ) serie di poteri variegati e eterogenei (di amministrazione attiva, consultiva, di controllo, di garanzia,di coordinamento istruttorio ) indirizzati verso obiettivo materiale. indirizzati verso obiettivo materiale. ascendenza nell'omonima figura della l. 241 ascendenza nell'omonima figura della l. 241 arricchimento di compiti e funzioni che spesso prescindono da un vero e proprio procedimento arricchimento di compiti e funzioni che spesso prescindono da un vero e proprio procedimento

31 paola minetti A)ruolo di coordinamento istruttorio e istruttorio ponte tra una fase e laltra del procedimento, indipendentemente da quale ne sia lufficio investito in termini di competenza, ponte tra una fase e laltra del procedimento, indipendentemente da quale ne sia lufficio investito in termini di competenza, risolve i conflitti collegati allo scorrere del procedimento. risolve i conflitti collegati allo scorrere del procedimento.

32 paola minetti B) Ruolo di garanzia (controllo interno, di vigilanza ) B) Ruolo di garanzia (controllo interno, di vigilanza ) "accertare", "accertare", "verificare", "verificare", "certificare" "certificare" "dare notizia" "dare notizia" (Corte dei Conti Autorità per la vigilanza,Osservatorio dei lavori pubblici ) (Corte dei Conti Autorità per la vigilanza,Osservatorio dei lavori pubblici ) "alta vigilanza" "alta vigilanza" pendant dell'Autorità per la vigilanza, pendant dell'Autorità per la vigilanza,

33 paola minetti C) ruolo orientato al risultato avanzamento rispetto a quella generale posta dalla legge n. 241 del 1990 avanzamento rispetto a quella generale posta dalla legge n. 241 del 1990 finalizzata al risultato materiale (realizzazione, corretta e efficace, dellopera pubblica) finalizzata al risultato materiale (realizzazione, corretta e efficace, dellopera pubblica) non (solamente) alla semplice istruttoria degli atti amministrativi volti alla realizzazione di tale risultato. non (solamente) alla semplice istruttoria degli atti amministrativi volti alla realizzazione di tale risultato.

34 paola minetti C1) raccordo con le altre attivita dellufficio tecnico Attivita anche della serie negoziale, Attivita anche della serie negoziale, altri procedimenti in tutto autonomi, (ad es., quelli espropriativi), altri procedimenti in tutto autonomi, (ad es., quelli espropriativi),

35 paola minetti C2) controllo di qualita (art.7, comma 3) il responsabile del procedimento assicura il controllo sui livelli di prestazione, di qualità e di prezzo determinati in coerenza alla copertura finanziaria ed ai tempi di realizzazione del programma oltre che al corretto e razionale svolgimento delle procedure. il responsabile del procedimento assicura il controllo sui livelli di prestazione, di qualità e di prezzo determinati in coerenza alla copertura finanziaria ed ai tempi di realizzazione del programma oltre che al corretto e razionale svolgimento delle procedure.

36 paola minetti Controllo di qualita Art.7 comma 2 dpr 554/1999 Il responsabile del procedimento provvede a creare le condizioni affinché il processo realizzativo dellintervento risulti condotto in modo unitario in relazione ai tempi e ai costi preventivati, alla qualità richiesta, alla manutenzione programmata, alla sicurezza e alla salute dei lavoratori ed in conformità a qualsiasi altra disposizione di legge in materia. Art.7 comma 2 dpr 554/1999 Il responsabile del procedimento provvede a creare le condizioni affinché il processo realizzativo dellintervento risulti condotto in modo unitario in relazione ai tempi e ai costi preventivati, alla qualità richiesta, alla manutenzione programmata, alla sicurezza e alla salute dei lavoratori ed in conformità a qualsiasi altra disposizione di legge in materia.

37 paola minetti )« doverosità» della conferenza dei servizi superamento della struttura sequenziale del procedimento.(comma 5 dellart.17 della legge n.127/1997 ) superamento della struttura sequenziale del procedimento.(comma 5 dellart.17 della legge n.127/1997 ) strumento ordinario, e non meramente eventuale, del coordinamento tra enti diversi nella materia dei lavori pubblici. strumento ordinario, e non meramente eventuale, del coordinamento tra enti diversi nella materia dei lavori pubblici. superamento della stessa distinzione tra procedimenti (art.17, comma 4, della l.127/1997, comma 4 bis art.14 della l.241/1990) superamento della stessa distinzione tra procedimenti (art.17, comma 4, della l.127/1997, comma 4 bis art.14 della l.241/1990) riferimento esplicito esame contestuale di interessi coinvolti in piu procedimenti reciprocamente connessi, riguardanti medesimi attivita o risultato: funzionalizzazione verso unattivita non solo giuridica, ma anche materiale, realizzazione di unopera pubblica, composta di pluralita di procedimenti riferimento esplicito esame contestuale di interessi coinvolti in piu procedimenti reciprocamente connessi, riguardanti medesimi attivita o risultato: funzionalizzazione verso unattivita non solo giuridica, ma anche materiale, realizzazione di unopera pubblica, composta di pluralita di procedimenti

38 paola minetti Lestensione dei compiti del responsabile del procedimento elencazione non tassativa elencazione non tassativa Lampliamento di compiti operato dalla giurisprudenza Lampliamento di compiti operato dalla giurisprudenza I doveri di collaborazione del responsabile del procedimento I doveri di collaborazione del responsabile del procedimento Le conseguenze in materia di gare (Tar Trento ) Le conseguenze in materia di gare (Tar Trento )

39 paola minetti Responsabilità progettisti Responsabilità solidale: particolare attenzione alla resp. Ultimo progettista esecutivo: precisi obblighi di esame e controllo dei progetti precedenti (culpa in vigilando) e solidale di altri progettisti incaricati di altri livelli di progettazione in caso di danni Responsabilità solidale: particolare attenzione alla resp. Ultimo progettista esecutivo: precisi obblighi di esame e controllo dei progetti precedenti (culpa in vigilando) e solidale di altri progettisti incaricati di altri livelli di progettazione in caso di danni per errori od omissioni di progettazione: articolo 25/2 L. merloni i titolari di incarichi di progettazione sono responsabili per i danni subiti dalle stazioni appaltanti in conseguenza di errori o omissioni della progettazione di cui al co. 1 lett. D) per errori od omissioni di progettazione: articolo 25/2 L. merloni i titolari di incarichi di progettazione sono responsabili per i danni subiti dalle stazioni appaltanti in conseguenza di errori o omissioni della progettazione di cui al co. 1 lett. D)

40 paola minetti Responsabilità progettisti per errore od omissione di p. esecutivo: danni risarcibili: nuove spese di progettazione; costi per varianti; qualsiasi altro nocumento economico legato alla variante, maggior tempo per lopera, mancato utile o realizzazione opera, rovina di edificio etc per errore od omissione di p. esecutivo: danni risarcibili: nuove spese di progettazione; costi per varianti; qualsiasi altro nocumento economico legato alla variante, maggior tempo per lopera, mancato utile o realizzazione opera, rovina di edificio etc tutela assicurativa: per i prog. Interni tutti i rischi; e rischi r.c. e r. amm tutela assicurativa: per i prog. Interni tutti i rischi; e rischi r.c. e r. amm

41 paola minetti Responsabilità del progettista: i danni risarcibili Nuove spese di progettazione Nuove spese di progettazione costi necessari per eseguire varianti costi necessari per eseguire varianti qualsiasi altro nocumento economico conseguente la variante qualsiasi altro nocumento economico conseguente la variante maggior tempo per lesecuzione dellopera maggior tempo per lesecuzione dellopera mancato utile o mancata realizzazione dellopera mancato utile o mancata realizzazione dellopera rovina delledificio o gravi difetti dellopera articolo 1669 in concorso con lappaltatore rovina delledificio o gravi difetti dellopera articolo 1669 in concorso con lappaltatore danni subiti dallappaltatore in seguito allannullamento del contratto (variante oltre il quinto dellimporto lavori 25/4 danni subiti dallappaltatore in seguito allannullamento del contratto (variante oltre il quinto dellimporto lavori 25/4

42 paola minetti Il risarcimento del danno in materia di appalti Illegittimità del procedimento: travolgono gli atti successivi; Illegittimità del procedimento: travolgono gli atti successivi; annullamento degli atti: GA annullamento degli atti: GA annullamento del contratto GO annullamento del contratto GO illegittimità prima dellaggiudicazione: attengono alliter amministrativo illegittimità prima dellaggiudicazione: attengono alliter amministrativo dopo laggiudicazione occorre distinguere: se prima dellinizio lavori allora si può reintegrare in forma specifica; se successivamente allora si risarcisce dopo laggiudicazione occorre distinguere: se prima dellinizio lavori allora si può reintegrare in forma specifica; se successivamente allora si risarcisce

43 paola minetti Il risarcimento del danno È una domanda disgiunta e separata dalla invalidità È una domanda disgiunta e separata dalla invalidità questione della pregiudiziale amministrativa questione della pregiudiziale amministrativa il danno emergente e il lucro cessante il danno emergente e il lucro cessante la risarcibilità degli interessi legittimi la risarcibilità degli interessi legittimi quando e in che misura quando e in che misura il bene della vita - la perdita di chance il bene della vita - la perdita di chance

44 paola minetti Il danno da ritardo Analisi della pronuncia del Consiglio di Stato in adunanza plenaria n. 7/2005 Analisi della pronuncia del Consiglio di Stato in adunanza plenaria n. 7/2005 la PA non ha responsabilità da ritardo nella risposta la PA non ha responsabilità da ritardo nella risposta

45 paola minetti LE PRIME PRONUNCE DEL GIUDICE AMMINISTRATIVO Nel caso in cui sia stata adottata illegittimamente una variante che abbia comunque ritardato il rilascio di una concessione edilizia, è da riconoscere al privato il risarcimento del danno per il ritardo; In presenza di un atto (o comportamento) della P.A. inficiato da violazione di legge e/o da eccesso di potere, la condotta illegittima della medesima P.A. può non essere colposa, solo quando si riscontri, nella fattispecie concreta, l'esistenza di particolari circostanze (equivocità o contraddittorietà della normativa di riferimento, contrastanti orientamenti giurisprudenziali, novità delle questioni) che abbiano contribuito in misura determinante a condizionare negativamente l'operato dell'amministrazione (TAR LOMBARDIA-MILANO, SEZ. II - Sentenza 12 aprile 2000 n vd anche Tar Lombardia -III sez. n del ; cfr. anche III sez, n del ).

46 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. la reintegrazione in forma specifica può avvenire anche con condanna della P.A. ad attribuire fornitura a ditta illegittimamente estromessa per lintera durata prevista dal bando (Tar Veneto, sez. I, 9 febbr. 1999, n° 119); la reintegrazione in forma specifica può avvenire anche con condanna della P.A. ad attribuire fornitura a ditta illegittimamente estromessa per lintera durata prevista dal bando (Tar Veneto, sez. I, 9 febbr. 1999, n° 119); lannullamento degli atti relativi a procedura di evidenza pubblica e della conseguente aggiudicazione non comporta automatica caducazione del contratto dappalto stipulato con aggiudicatario, che è solo annullabile, ergo è preclusa la reintegr. in forma specifica (Tar Lombardia, luglio - 23 dic. 1999, n° 5049); lannullamento degli atti relativi a procedura di evidenza pubblica e della conseguente aggiudicazione non comporta automatica caducazione del contratto dappalto stipulato con aggiudicatario, che è solo annullabile, ergo è preclusa la reintegr. in forma specifica (Tar Lombardia, luglio - 23 dic. 1999, n° 5049); Il diniego di approvazione di una lottizzazione e il conseguente annullamento del diniego cui segua approvazione variante PRG preclusiva di approvazione comporta solo possibilità risarc. danno per equivalente (Tar Sicilia - Catania, Sez. I, 17 dic genn. 2000, n° 38) Il diniego di approvazione di una lottizzazione e il conseguente annullamento del diniego cui segua approvazione variante PRG preclusiva di approvazione comporta solo possibilità risarc. danno per equivalente (Tar Sicilia - Catania, Sez. I, 17 dic genn. 2000, n° 38)

47 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. Il risarcimento degli interessi legittimi postula che, a seguito dellannullamento dellatto, lAmministrazione sia essenzialmente tenuta ad una attività rinnovatoria satisfattiva dellinteresse finale o, alternativamente, che tale attività, pur astrattamente dovuta, sia, per evenienze varie, ormai preclusa (ad es. quando allillegittima aggiudicazione di un appalto di lavori, servizi o forniture, sega lintegrale esecuzione del contratto da parte del controinteressato cui il ricorrente, altrimenti sicuro aggiudicatario, sia stato illegittimamente pretermesso). TAR PUGLIA-BARI, SEZ. II - Sentenza 23 marzo 2000 n. 1248

48 paola minetti SEGUE – MASSIME G. AMM. Qualora lattività rinnovatoria conseguente allannullamento di un provvedimento illegittimo configuri in termini di mera evenienza il soddisfacimento dellinteresse finale poiché lAmministrazione potrebbe emanare altro provvedimento legittimo, e quindi rispetto al bene della vita linteressato sia sostanzialmente portatore di una aspettativa di mero fatto, non sembra potersi logicamente riconoscere la risarcibilità del danno, almeno per la parte relativa alla c.d. perdita di chance TAR PUGLIA-BARI, SEZ. II - Sentenza 23 marzo 2000 n. 1248; Tar Lombardia, Brescia, 14 genn. 2000, n° 8; contra, Tar Lombardia, Milano, sez. I, 23 dic. 1999, n° 5049

49 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. Nel caso in cui un Comune illegittimamente affidi un pubblico servizio, dopo la scadenza di una precedente concessione, ad una società mista, ai sensi della lett.e) dell'art.22, 3° comma L.142/90, anziché ai sensi della lett.b) dello stesso articolo, omettendo l'avvio della procedura concorsuale per la scelta del nuovo concessionario, la Società precedentemente concessionaria del servizio risulta titolare di un mero interesse di fatto, riconducibile alla possibilità, laddove fosse stata tenuta regolarmente la pubblica gara per l'affidamento del servizio, di partecipare alla stessa ed eventualmente ottenere di nuovo, in caso di vittoria, l'affidamento del servizio in concessione. Non spetta quindi tutela risarcitoria alla società ex concessionaria, titolare soltanto di un interesse al regolare avvio di una gara pubblica fra operatori del settore, che selezioni il nuovo affidatario del servizio (TAR LOMBARDIA-BRESCIA - Sentenza 14 gennaio 2000 n. 8 ).

50 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. Nel caso di un appalto pubblico di lavori da aggiudicare con un metodo di scelta del contraente di tipo "meccanico", laccoglimento dellazione impugnatoria, con conseguente annullamento degli atti che avevano posto nel nulla laggiudicazione, previo riconoscimento dellillegittimità degli stessi, dimostra di per sé anche lesistenza del danno derivante dalla mancata aggiudicazione della gara stessa, risultando i due momenti del giudizio strettamente collegati da un nesso di conseguenzialità logico-giuridica. In tal caso cioè può ben dirsi che il tipo di illegittimità accertata si pone come fatto causale di un danno ingiusto, e dunque come fonte di un obbligo di risarcimento, che diviene anzi lunica forma di tutela del ricorrente, nel caso in cui caducazione degli atti gravati non possa comportare anche laggiudicazione dei lavori (TAR PUGLIA-BARI, SEZ. I - Sentenza 4 aprile 2000 n. 1401)

51 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. L'accoglimento del ricorso per omissione rilascio concessione edilizia non postula ex se l'accertamento del diritto al rilascio del titolo ad aedificandum, poiché esula dal giudizio il riscontro degli altri occorrenti requisiti (conformità del progetto con ogni norma edilizia, esclusa ovviamente la variante annullata). E basilare principio (anche) della giurisdizione su diritti quello della corrispondenza tra chiesto e pronunciato (art. 112 c.p.c.). Il danno da ritardo che, pur non esattamente correlato al tardivo rilascio del titolo edilizio (atteso che è inconfigurabile nella specie l'accertamento del diritto al titolo stesso), resta pur sempre collegato alle insistite dilazioni procedimentali subite dal ricorrente nel vedersi vagliare la propria istanza secondo la originaria normativa urbanistica, con gravi incertezze gestionali dovute alle vane e prolungate attese per l'esame del nuovo progetto strutturale e funzionale dell'edificio ( TAR LOMBARDIA-MILANO, SEZ. II - Sentenza 12 aprile 2000 n. 2793)

52 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. In sede di determinazione dellammontare del danno conseguente alla illegittima mancata aggiudicazione di lavori pubblici, non più eseguibili da parte dell'impresa, lutile economico va quantificato nel 10% della base dasta, come ribassata dallofferta, attribuendo valore referenziale in materia alla norma dellart. 345 della legge 20/3/1865, n. 2248, All. F, dettata in tema di recesso unilaterale della P.A. committente dal contratto di appalto per lesecuzione di opere pubbliche, ma comunemente recepita come espressiva del criterio generale di quantificazione del margine di profitto nei contratti con lAmministrazione (TAR PUGLIA-BARI, SEZ. I - Sentenza 4 aprile 2000 n. 1401); la domanda di risarcimento può anche solamente essere contenuta nelle "conclusioni (TAR PUGLIA-BARI, SEZ. I - Sentenza 4 aprile 2000 n. 1401)

53 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. Nellambito della giurisdizione esclusiva conserva rilievo la distinzione tra diritti ed interessi, specie al fine di verificare se la tutela della posizione posta a base del ricorso possa essere chiesta entro il termine di prescrizione, ovvero entro il termine di decadenza, qualora si contesti un provvedimento costituente espressione di un potere (per il quale rileva la generale regola di certezza dei rapporti di diritto pubblico, che giustifica la previsione di un breve termine di decadenza, il cui superamento comporta linoppugnabilità in ogni sede del provvedimento) - CONSIGLIO DI STATO, ADUNANZA PLENARIA - Ordinanza 30 marzo 2000 n. 1

54 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. A seguito della svolta giurisprudenziale che ha affermato lintegrale applicabilità della normativa del codice civile per le obbligazioni pecuniarie, il legislatore abbia emanato peculiari regole sostanziali e processuali, in considerazione della particolare posizione dellamministrazione debitrice, nei confronti della quale non trovano sempre applicazione le regole del codice civile e di quelle del codice di procedura civile, anche quando si sia formato il giudicato di condanna. In generale, quando sussiste un diritto di credito nei confronti della pubblica amministrazione, non si applica il solo diritto privato, poiché questo rileva solo se il diritto amministrativo (in funzione degli interessi pubblici) non pone principi o regole particolari, rilevanti anche per verificare limputabilità del ritardo delladempimento. CONSIGLIO DI STATO, ADUNANZA PLENARIA - Ordinanza 30 marzo 2000 n. 1

55 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. Nel caso in cui dall'annullamento giurisdizionale di un atto debba conseguire un'attività rinnovatoria dell'Amministrazione, solo se questa potrà condurre all'emanazione del provvedimento ampliativo richiesto dal ricorrente è possibile individuare, nella perdita di chance un danno risarcibile; pertanto, non spetta alcun risarcimento del danno alla Società alla quale è stato negato, con provvedimento insufficientemente motivato, l'installazione di antenne per telefonia cellulare, non essendovi alcuna certezza che il nuovo procedimento si concluderà col rilascio della concessione. T.A.R. Catanzaro, Sez. I maggio 2000 Cfr. Cons. Stato, V Sez., 10 luglio 1996 n. 947, in Cons. Stato 1996, I, 1197.e. T.A.R. Bari, II Sez., 1 ottobre 1999 n. 577, in TAR 1999, I, Nel caso in cui dall'annullamento giurisdizionale di un atto debba conseguire un'attività rinnovatoria dell'Amministrazione, solo se questa potrà condurre all'emanazione del provvedimento ampliativo richiesto dal ricorrente è possibile individuare, nella perdita di chance un danno risarcibile; pertanto, non spetta alcun risarcimento del danno alla Società alla quale è stato negato, con provvedimento insufficientemente motivato, l'installazione di antenne per telefonia cellulare, non essendovi alcuna certezza che il nuovo procedimento si concluderà col rilascio della concessione. T.A.R. Catanzaro, Sez. I maggio 2000 Cfr. Cons. Stato, V Sez., 10 luglio 1996 n. 947, in Cons. Stato 1996, I, 1197.e. T.A.R. Bari, II Sez., 1 ottobre 1999 n. 577, in TAR 1999, I, 5055.

56 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. si sono superati (ex C.d.St., Ad. Plen. Ordin. 30 marzo 2000 n. 1): - il precedente diritto vivente, per il quale, in base ad un consolidato orientamento delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, sussisteva la giurisdizione ordinaria sulle controversie risarcitorie conseguenti allannullamento – da parte del giudice amministrativo - di un provvedimento autoritativo, incidente su una originaria posizione di diritto soggettivo, ravvisabile ex tunc a seguito della sentenza amministrativa di annullamento; - le precedenti norme (emanate in attuazione dellordinamento comunitario, in deroga alla regula iuris elaborata tradizionalmente dalle Sezioni Unite sulla non risarcibilità della lesione arrecata allinteresse legittimo), per le quali in materia di appalti pubblici di rilievo comunitario la proponibilità dellazione risarcitoria dinanzi al giudice ordinario era subordinata allannullamento dellatto lesivo da parte del giudice dellinteresse legittimo [art. 13 della legge 19 febbraio 1992, n. 142; art. 11, comma 1, della legge 19 dicembre 1992, n. 489; art. 11, lettera i), della legge 22 febbraio 1994, 146; art. 30 del d. lgs. 17 marzo 1995, n. 157, poi espressamente abrogati dallart. 35, comma 5].

57 paola minetti SEGUE - MASSIME G. AMM. Come hanno chiarito le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, quando in una materia la legge prevede la giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo, deve intendersi parzialmente abrogato larticolo 23 della legge n. 689 del 1981, sulla giurisdizione ordinaria per le controversie sulle sanzioni pecuniarie irrogate dallamministrazione nella medesima materia (Sez. Un., 5 gennaio 1994, n. 52, circa la sussistenza della giurisdizione esclusiva, prevista dallarticolo 33 della legge 10 ottobre 1990, n. 287, nel caso di sanzioni pecuniarie irrogate dallAutorità garante della concorrenza e del mercato) C.d.St., Ad. Plen. Ordin. 30 marzo 2000 n. 1.


Scaricare ppt "Paola minetti - 20051 LA RESPONSABILITA CIVILE CONTRATTUALE ED EXTRACONTRATTUALE IL DOLO E LA COLPA."

Presentazioni simili


Annunci Google