La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

che cosa devo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto ? che cosa devo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto ? Benedire la Comunità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "che cosa devo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto ? che cosa devo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto ? Benedire la Comunità"— Transcript della presentazione:

1

2 che cosa devo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto ? che cosa devo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto ? Benedire la Comunità

3 Isaia 5,4 – Il canto della vigna Che cosa devo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto ? Perché, mentre attendevo che producesse uva, essa ha fatto uva selvatica ?

4 CON IL POEMA DELLA VIGNA, ISAIA CI FA ENTRARE NEL CUORE DI DIO CHE AMA ISRAELE. IN COSA FORSE HA MANCATO DIO? NONOSTANTE ISRAELE SIA STATO CURATO COME UN FIGLIO, MALGRADO SIA STATO LIBERATO, BENCHE IL SIGNORE LAVESSE SCELTO COME IL POPOLO DI SUA PROPRIETA, ISRAELE NON PRODUCE FRUTTI DI SALVEZZA Perché mentre attendevo che producesse uva, essa ha fatto uva selvatica?

5 Ognuno di noi e una vite di questa vigna. Ognuno di noi e responsabile del frutto damore, di giustizia, di verita e pace che deve produrre la nostra comunità, il nostro gruppo. Come sono i frutti di ciascuno di noi? Sono dolci o sono amari? Dai frutti dellamore a Dio e ai fratelli si riconoscerà se siamo stati piantati amorevolmente dalla mano del Signore. Dal frutto della comunione si riconoscerà che il Signore ci ha chiamato allamore e ci benedice per questo modo di comportarci.

6 DOBBIAMO RINGRAZIARE IL SIGNORE PER TUTTO QUELLO CHE HA FATTO PER NOI. DOBBIAMO RICORDARCI SPESSO COME DIO CI HA ELETTO E TRAPIANTATO CON DELICATEZZA SUL FERTILE TERRENO DELLA NOSTRA VITA. La gratitudine verso Dio è quasi sconosciuta. Il chiedere è di molti, il ringraziamento è di pochi, e Dio dà sempre molto di più di quanto chiediamo. Il chiedere è proprio di persone che si trovano in necessità, mentre il ringraziare è proprio di cuori nobili. (Madre Speranza)

7 SIAMO CHIAMATI PERCIÒ A BENEDIRE DIO POICHÉ LUI PER PRIMO HA RICOLMATO TUTTI NOI DELLA SUA BENEDIZIONE. MA QUALI SONO I FRUTTI BUONI CHE IL SIGNORE SI ASPETTA DA OGNUNO DI NOI? VUOLE LAMORE PER LUI E PER IL PROSSIMO Amerai il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente…….amerai il tuo prossimo come te stesso. (Mt. 22,37) QUESTO MODO DI AMARE ATTIRA SU DI NOI LA SUA BENEDIZIONE.

8 LO STARE INSIEME, IL FARE COMUNIONE, SIGNIFICA PERCIÒ PORTARE QUEI FRUTTI BUONI RICHIESTI DAL PADRONE DELLA VIGNA, SIGNIFICA SPERIMENTARE LA BENEDIZIONE DI DIO SOPRA OGNUNO DI NOI. SE CI AMIAMO COME FRATELLI, IMPEGNANDOCI A METTERE IN PRATICA I SUOI COMANDAMENTI, DIO DIMORA TRA NOI. Ricordiamoci pure delle parole che gesÙ ci ha detto nel discorso della montagna

9 I battezzati entrano a far parte del popolo di Dio, di una grande famiglia della quale Dio è il Padre. I vincoli che legano gli appartenenti sono quelli della comunione, dellamore, della carità. I fratelli e le sorelle sono dono di Dio e come dono devono essere ricevuti. Ildono della comunità discende da Dio e da esso non può essere escluso nessuno. Tra i fratelli che abitano insieme nellunità, cè la benedizione. (Sal. 133,4) SI DIVENTA COSI IL SANTUARIO VIVENTE DI DIO, IL SEGNO DELLA SUA PRESENZA.

10 ALLORA NON SI RECRIMINA PIÙ SE SI SERVE E NON SI RICEVE UN GRAZIE, NON CI SI LASCIA INTACCARE DALLE DIFFERENZE DI PERSONALITÀ E DI CARATTERE, SI IMPEDISCE ALLE IDEE E AI PUNTI DI VISTA DIFFERENTI DI DISGREGARE LA VITA DELLA COMUNITÀ. SI SPERIMENTA QUANTO SIA BELLO DECIDERE DI OFFRIRE LA PROPRIA VITA PER GLI ALTRI

11 SI REALIZZANO COSÌ LE PAROLE DI SAN PIETRO E finalmente siate tutti concordi, partecipi delle gioie e dei dolori degli altri, animati da affetto fraterno, misericordiosi, umili; non rendete male per male, né ingiuria per ingiuria; ma al contrario, rispondete benedicendo; poiché a questo siete chiamati per avere in eredità la benedizione. (1Pietro cap. 3, 8-12)

12 Non dimentichiamo che la Venerabile Madre Speranza ci ricorda che la carità, lamore al nostro prossimo, è particolarmente importante; infatti è il secondo comandamento, dopo quello di amare il nostro Dio, al quale si riconduce tutta la legge divina. È volontà divina che amiamo il nostro prossimo in Dio e per Dio, come Dio ha amato noi. siamo obbligati ad amare i nostri fratelli perché questo amore va inseparabilmente unito a quello di Dio. Di più egli considera per sé lamore dato al prossimo.

13 ATTENZIONE Alcuni ostacoli impediscono però di realizzare unautentica vita di comunione: ATTENZIONE

14 ATTENZIONE ATTENZIONE a) IL PREGIUDIZIO: Equivale a un giudizio di condanna; abbiamo delle impressioni che impediscono la corretta visione del fratello e lunione con lui. Vediamo ingigantiti i difetti e i limiti gli uni degli altri Fa, Gesù mio, che tutte le mie azioni assomiglino alle tue e rendimi forte nel tuo amore e nella tua pace. ( Madre Speranza)

15 ATTENZIONE Alcuni ostacoli impediscono però di realizzare unautentica vita di comunione: ATTENZIONE Impariamo anche noi a cancellare e dimenticare b) LE FERITE: Sono i torti che non dimentichiamo ricevuti dai fratelli e dai quali germina sempre il veleno che impedisce lunione dei cuori

16 ATTENZIONE Alcuni ostacoli impediscono però di realizzare unautentica vita di comunione: ATTENZIONE c) LEGOISMO: È il nostro IO che può distruggere la comunione dei cuori, arrivando così a seminare zizzania tra noi Aiutami, Gesù mio, a fare di Te il centro della mia vita, con lunico fine di non essere più io a vivere ma Tu in me. (Madre Speranza)

17 ATTENZIONE Alcuni ostacoli impediscono però di realizzare unautentica vita di comunione: ATTENZIONE d) LA PROIEZIONE: Equivale ad attribuire ad altri i nostri difetti con la conseguenza di avere una rigidità di giudizio sullaltro che porta ad annullare la sua ricchezza e la sua diversità

18 ATTENZIONE Alcuni ostacoli impediscono però di realizzare unautentica vita di comunione: ATTENZIONE e) LONNIPOTENZA: È il desiderio di primeggiare sugli altri e di ritenersi superiore DICE IL SIGNORE Io sono il Signore Dio tuo: Non avrai altro Dio fuori di me.

19 ATTENZIONE Alcuni ostacoli impediscono però di realizzare unautentica vita di comunione: ATTENZIONE f) LINTERPRETARE: Ogni tentativo di interpretazione dellaltro, tende a generalizzare e allontana da un contatto autentico e provoca fraintendimento e irritazione in colui che ha il diritto di essere ascoltato

20 ATTENZIONE Alcuni ostacoli impediscono però di realizzare unautentica vita di comunione: ATTENZIONE g) LUMILIAZIONE DELLALTRO CON IL SARCASMO: Il sarcasmo ferisce ed umilia, anche se chi lo fa presume di essere divertente

21


Scaricare ppt "che cosa devo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto ? che cosa devo fare ancora alla mia vigna che io non abbia fatto ? Benedire la Comunità"

Presentazioni simili


Annunci Google