La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL TASSO NATURALE DI DISOCCUPAZIONE. E LA QUANTITA DI DISOCCUPAZIONE CHE UN SISTEMA ECONOMICA SPERIMENTA NORMALMENTE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL TASSO NATURALE DI DISOCCUPAZIONE. E LA QUANTITA DI DISOCCUPAZIONE CHE UN SISTEMA ECONOMICA SPERIMENTA NORMALMENTE."— Transcript della presentazione:

1 IL TASSO NATURALE DI DISOCCUPAZIONE

2 E LA QUANTITA DI DISOCCUPAZIONE CHE UN SISTEMA ECONOMICA SPERIMENTA NORMALMENTE

3 Esistono 4 spiegazioni di tale tasso : 1 ) la legge sul w minimo; 2 )lazione dei sindacati; 3 ) il w di efficienza 4 ) il collocamento

4 LA DISOCCUPAZIONE CICLICA = SONO LE VARIAZIONI ANNUALI DELLA DISOCCUPAZIONE INTORNO AL SUO VALORE NATURALE ( IN SEGUITO ALLE FLUTTUAZIONI CICLICHE )

5 DOMANDE : 1 ) COME SI MISURA IL TASSO DI DISOCCUPAZIONE; 2 ) COME INTERPRETARE I DATI SULLA DISOCCUPAZIONE; 3 ) PER QUANTO TEMPO I DISOCCUPATI RESTANO TALI

6 1 ) Come si misura la disoccupazione ? Ogni persona in età lavorativa può essere classificato come a ) occupato; b ) disoccupato ( colui che è privo di occupazione ma si dichiara disponibile ad accettare un lavoro ); c ) non appartenente alla forza lavoro. ( non hanno lavoro e non lo cercano ) Una persona è dichiarata occupata se nella settimana precedente ha svolta unattività lavorativa. Invece è disoccupato chi è privo di lavoro. Gli altri rientrano nella categoria c ) Ad es. studenti, casalinghe, vecchi ecc.

7 Forza lavoro = Insieme di occupati e disoccupati di età superiore ai 15 anni Tasso di disoccupazione = ( N° dei disoccupati / Forza lavoro ) x 100 Tasso di partecipazione alla forza lavoro = ( Forza lavoro / Popolazione adulta)x100 Il Tasso disoccupazione in Italia è passato dal 5 % del 1975 al 12% del 1988 e quindi all8% del 2003 In Italia lIstat rileva trimestralmente i dati e fa medie annuali

8 2 )Il tasso di disoccupazione misura proprio quello che vogliamo ? Calcolare la disoccupazione non è facile perché : 1 ) i movimenti in entrata ed uscita sono frequenti; 2 ) più di 1/3 dei disoccupati sono new entry ( cioè: a ) giovani in cerca di prima occupazione, b ) pensionati che, usciti, cercano un nuovo lavoro c ) quasi il 50 % dei disoccupati escono dal mercato d ) coloro che dichiarano di cercare lavoro, non lo cercano, ma si accontentano del sussidio, e ) molti lavorano in nero; f ) esistono i lavoratori scoraggiati = hanno la capacità ed il desiderio di lavorare ma che smettono di cercare lavoro )

9 2 ) Per quanto tempo i disoccupati restano tali ? Quando la disoccupazione è di breve, nessun problema. Ma se è d lungo il problema è serio ed il lavoratore soffre conseguenze economiche e psicologiche ( disoccupazione strutturale = dovuta alla differenza tra posti di lavoro disponibili e lavoratori che lo cercano ) Se i W sono superiori allequilibrio D = O di lavoro, si ha disoccupazione. Bisogna esaminare le tre cause di questo problema : 1 ) la legge sul W minimo 2 ) il potere contrattuale dei sindacati 3 ) il W di efficienza

10 Il collocamento = processo con cui un lavoratore trova il giusto lavoro è difficile ed in Italia non funziona bene ( uffici del lavoro, formazione ecc.) Il lavoratore a difficoltà a trovare limpresa e limpresa ha difficoltà a trovare i lavoratori

11 Disoccupazione frizionale = 1 ) è piccola; 2 ) dura poco; 3 ) il lavoratore ha la certezza di trovare un nuovo lavoro; 4 ) è utile al sistema economico Il sussidio di disoccupazione = ammortizzatore sociale = provvidenza statale che assiste finanziariamente i lavoratori che hanno perso limpiego. Però fa aumentare i tasso di disoccupazione

12 1 ) La legge sul W minimo Se il W viene mantenuto al di sopra del livello di equilibrio, il risultato è la disoccupazione. Questo vale di piu per i lavoratori piu giovani

13 2 ) Sindacati sono associazioni dei lavoratori che contrattano i W e le condizioni di lavoro ( contrazione collettiva). Di fendono gli iscritti ma non i disoccupati. Sono un bene ed un male per leconomia

14 3 ) il W di efficienza è il W superiore al livello di equilibrio corrisposto volontariamente dallimpresa al lavoratore per incentivarne la produttività. Limpresa lo corrisponde perché vuole che 1 ) il lavoratore sia ben nutrito e sano 2 ) cè minor ricambio di lavoratori 3 ) cè maggior impegno dei lavoratori 4 ) si assicura il lavoratore piu qualificato


Scaricare ppt "IL TASSO NATURALE DI DISOCCUPAZIONE. E LA QUANTITA DI DISOCCUPAZIONE CHE UN SISTEMA ECONOMICA SPERIMENTA NORMALMENTE."

Presentazioni simili


Annunci Google