La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Modelli di classificazione dei sistemi di welfare 1.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Modelli di classificazione dei sistemi di welfare 1."— Transcript della presentazione:

1 Modelli di classificazione dei sistemi di welfare 1

2 Classificazione di Titmuss (1974) 1. Modello residuale 2. Modello remunerativo (o del rendimento industriale o ancillare) 3. Modello istituzionale-redistributivo La tripartizione contiene un implicito giudizio di valore. I tre modelli sono considerati come tre fasi di uno sviluppo lineare (da forme meno evolute a forme più evolute) 2

3 Classificazione di Esping- Andersen Parole chiave: a) Regime b) Demercificazione: indica il grado in cui gli individui situati allinterno di un dato regime di welfare possono liberamente astenersi dalla prestazione lavorativa, senza rischiare il posto di lavoro, perdite significative di reddito o in generale di benessere c) Destratificazione: indica il grado in cui le prestazioni sociali dello stato attutiscono (fino ad annullarli) i differenziali di status occupazionale o di classe sociale 3

4 I tre regimi di welfare 1. R. liberale 2. R. conservatore-corporativo 3. R. socialdemocratico Le critiche Revisione del modello di classificazione alla luce della categoria della defamilizzazione 4

5 Teoria dellembeddedness Idea di fondo: i meccanismi di regolazione sociale sono condizionati dai fattori culturali, sociali, economici, storici che caratterizzano i diversi contesti. La diversità dei sistemi pertanto è originaria, e dipende dalla fisionomia concreta dei contesti (sociali ed economico-produttivi) allinterno dei quali essi hanno avuto origine. Le differenze dipendono dal modo in cui è stata affrontata la questione sociale nel passaggio dalla società tradizionale a quella moderna 5

6 I modelli di welfare in base alla teoria dellembeddedness Modello liberale Modello socialdemocratico Modello conservatore-corporativo Modello familistico (Modello dei paesi in transizione) 6

7 Il welfare mix Il ruolo della solidarietà organizzata Definizioni di solidarietà Le forme della solidarietà (primaria, istituzionalizzata, scelta) Le visioni della solidarietà scelta (solidarietà mutualistiche e allargate) 7

8 Il contributo delle organizzazioni solidaristiche alla produzione del benessere Azione sostitutiva Protesta rivendicativa, o advocacy Integrazione collaborativa (vedi l.n.328/2000): passaggio dal government (lazione politica è gestita e coordinata esclusivamente dagli attori pubblici) alla governance (lazione politica è il risultato di una regolazione negoziata tra una pluralità di attori pubblici e privati 8

9 Modelli di integrazione tra settore pubblico e terzo settore a) Modello della sussidiarietà (Germania) b) Modello della prevalenza del ts (Spagna e Italia) c) Modello della prevalenza dello stato (paesi scandinavi) d) Modello della prevalenza del mercato (Regno Unito) 9

10 Modelli di governance Dipendono dal ruolo giocato dai diversi attori, dalle relazioni tra loro e dagli obiettivi perseguiti a) m. clientelare b) m. corporativo c) m. manageriale d) m. pluralista e) m. partecipativo f) m. populista 10


Scaricare ppt "Modelli di classificazione dei sistemi di welfare 1."

Presentazioni simili


Annunci Google