La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La deduzione IRAP del 10% Art.6 D. L. n.185 del 29.11.2008 Circ. 16/E del 14/4/2009.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La deduzione IRAP del 10% Art.6 D. L. n.185 del 29.11.2008 Circ. 16/E del 14/4/2009."— Transcript della presentazione:

1 La deduzione IRAP del 10% Art.6 D. L. n.185 del Circ. 16/E del 14/4/2009

2 La deduzione del 10% Art.6 comma 1 D.L. n.185 del Dott. Marco Fava A decorrere dal periodo d'imposta in corso al 31 dicembre 2008, è ammesso in deduzione dalla base imponibile IRES ed IRPEF, un importo pari al 10% dellIRAP

3 Dott. Marco Fava Requisiti soggettivi Requisiti oggettivi A chi spetta?

4 Requisiti soggettivi Dott. Marco Fava La predetta deduzione è fruibile dai soggetti che determinano la base imponibile IRAP con le modalità di cui agli articoli 5, 5-bis, 6, 7 e 8 del decreto IRAP. Si tratta, in particolare di: 1.società di capitali e enti commerciali [art. 5 del decreto IRAP]; 2.società di persone e imprese individuali [art. 5-bis]; 3.banche e altri enti e società finanziari [art. 6] ; 4.imprese di assicurazione [art. 7]; 5.persone fisiche, società semplici e quelle ad esse equiparate esercenti arti e professioni [art. 8]. Circ.16/E del 14/4/2009 pag. 5

5 la deduzione spetta solo in quei casi in cui al valore della produzione netta abbiano concorso spese per lavoro dipendente ed assimilato oppure interessi passivi Requisito oggettivo Dott. Marco Fava Circ.16/E del 14/4/2009 pag. 6

6 Possiamo allora dedurre che : Requisito oggettivo 1 2 interessi passivi e spese per personale dipendente La deduzione NON SPETTA se mancano tutti e due i citati componenti di reddito: interessi passivi e spese per personale dipendente in presenza di uno solo interessi passivi e spese per personale dipendente (indipendentemente dal loro ammontare) La deduzione SPETTA anche in presenza di uno solo dei due i citati componenti di reddito: interessi passivi e spese per personale dipendente (indipendentemente dal loro ammontare) Dott. Marco Fava La deduzione spetta alla predetta condizione e prescinde dallammontare complessivamente sostenuto per oneri del personale o interessi passivi.

7 Allora basta che io abbia sostenuto costi per il personale dipendente o per interessi passivi anche di minimo importo perché possa usufruire della deduzione IRAP del 10%? Dott. Marco Fava Si però devi prestare bene attenzione a 2 cose. Vediamo quali nelle slides successive

8 Dott. Marco Fava 1° fatto da verificare Gli interessi passivi devono aver effettivamente inciso sulla base imponibile IRAP Ciò risulta verificato quando gli interessi passivi sono superiori agli interessi attivi. Pertanto il risultato della gestione finanziaria di cui al punto C del conte economico deve evidenziare un risultato negativo

9 Dott. Marco Fava 2° fatto da verificare Anche il costo del lavoro deve aver effettivamente inciso sulla base imponibile IRAP Ciò risulta verificato quando il costo del lavoro risulta superiore alle deduzioni spettanti ai sensi dell'articolo 11, commi 1, lettera a), 1-bis, 4-bis, 4-bis.1 del decreto legislativo n. 446 del 1997 Mii!! Mi dici quali sono queste deduzioni?

10 Dott. Marco Fava Deduzioni IRAP da considerare Comma 1 lettera a): contribuiti INAIL – deduzione forfettaria per lavoratori a tempo indeterminato – contributi INPS dei lavoratori dipendenti a tempo indeterminato – apprendisti – disabili – personale addetto alla ricerca; Comma 1 – bis: Indennità di trasferta per il settore autotrasporto; Comma 4 – bis: deduzione forfettaria per importi decrescenti rispetto la base imponibile; Comma 4 – Bis 1: deduzione di 1.850,00 per ogni dipendente riconosciuta ai contribuenti con valore della produzione non superiore a ,00. In merito, si evidenzia che, tra le deduzioni sopra indicate non è stata contemplata la deduzione di cui allarticolo 4-quater per incrementi occupazionali realizzati fino al periodo di imposta 2007 ancora operativa per lanno 2008.

11 Dott. Marco Fava Spese per prestazioni di lavoro assimilato a quello dipendente Assimilato per quanto alla quota riferita alle spese per il personale dipendente la norma aggiunge anche il termine Assimilato Che cosa devo intendere? Adesso te lo spiego con una tabella

12 Dott. Marco Fava Spese per prestazioni di lavoro assimilato a quello dipendente Tipologia di prestazione Si Deduzione IRAP No Deduzione IRAP Compensi per CO.CO.CO e a progetto Si Compensi per prestazioni di lavoro di cui allart.50 TUIR Si Compensi per lavoro occasionale No Associazione in partecipazione di solo lavoro No

13 Attenzione !!! Dott. Marco Fava inerenzaragionevolezzaeconomicitàrisultare coerente Il costo sostenuto, di qualsiasi ammontare, deve inoltre rispondere a criteri di inerenza, ragionevolezza ed economicità e risultare coerente con gli obiettivi di politica aziendale perseguiti. comma 5Art.109 TUIR Art.37 bis DPR 600/73 Le spese e gli altri componenti negativi diversi dagli interessi passivi, tranne gli oneri fiscali, contributivi e di utilità sociale, sono deducibili se e nella misura in cui si riferiscono ad attività o beni da cui derivano ricavi o altri proventi che concorrono a formare il reddito o che non vi concorrono in quanto esclusi Sono inopponibili all'amministrazione finanziaria gli atti, i fatti e i negozi, anche collegati tra loro, privi di valide ragioni economiche, diretti ad aggirare obblighi o divieti previsti dall'ordinamento tributario e ad ottenere riduzioni di imposte o rimborsi, altrimenti indebiti.

14 Forfait a rischio elusione Senti cosa dice la Sent. n del 3 maggio 2002 della Corte Cass., Sez. tributaria … Se è vero che le scelte economiche dell'imprenditore sono normalmente insindacabili, tuttavia il Fisco non è tenuto a credere che un imprenditore agisca in modo antieconomico. Quando si scopre un comportamento antieconomico dell'imprenditore, è lecito quanto meno dubitare della veridicità delle operazioni dichiarate, con la conseguenza che l'ufficio può presumere maggiori ricavi o minori costi e l'onere della prova si sposta sulla parte privata … Dott. Marco Fava

15 Criterio di ragionevolezza del costo Dott. Marco Fava Il sostenimento del costo deve rispondere a criteri di ragionevolezza in funzione dellobiettivo di generare, anche potenzialmente, benefici economici per limpresa

16 Dott. Marco Fava

17 MODALITÀ DI FRUIZIONE DELLA DETRAZIONE Dott. Marco Fava versati Dovremo in primo luogo effettuare la somma degli importi effettivamente versati nellanno 2008 = + Saldo irap 2007 Acconti irap 2008 Totale Irap versata nel 2008 A questo punto però prima di calcolare il 10% del totale irap versata nel 2008 dobbiamo fare due VERIFICHE vediamo quali nelle slides successive

18 1 a verifica (saldo 2007) Dott. Marco Fava Dobbiamo verificare che la base imponibile IRAP 2007 cui si riferisce il saldo 2007 (versato nel 2008) sia stata incisa dei costi per il personale dipendente o per interessi passivi. In caso contrario non è consentito tenere conto, ai fini del calcolo della deduzione, del versamento effettuato a saldo Circ.16/E del 14/4/2009 pag. 7

19 Esempio Dott. Marco Fava Mi fai un esempio per favore!

20 Dott. Marco Fava Un contribuente ha versato nel 2008 Nella base imponibile Irap per il periodo dimposta 2007 non figurano spese per il personale o oneri finanziari, che sono presenti, invece, nella base imponibile del periodo dimposta 2008 solo con riferimento agli acconti versati per il periodo dimposta Allora in questo caso spetta la deduzione forfetaria del 10% solo con riferimento agli acconti versati per il periodo dimposta 2008.

21 Esempio Dott. Marco Fava Devo togliere dal calcolo lIRAP a saldo 2007 perché in quellanno non ho sostenuto costi per dipendenti e per interessi passivi Circ.16/E del 14/4/2009 pag. 7 e 8

22 2 a verifica (acconto 2008) Dott. Marco Fava Dobbiamo verificare che gli acconti versati per il 2008 non siano superiori allIRAP dovuta per il In caso contrario, gli acconti 2008 concorreranno ai fini del calcolo della deduzione, solo fino al limite dellIRAP dovuta per il 2008

23 2 a verifica (acconto 2008) Dott. Marco Fava In altre parole, per il calcolo della deduzione spettante dovrai prendere limporto più BASSO tra : Acconti versati per il 2008 ed IRAP complessivamente dovuta per il 2008 Non ho capito, mi fai un esempio?

24 Dott. Marco Fava Un contribuente ha versato nel 2008 Ma lIRAP dovuta per il 2008 è … 1300 In questo caso limporto che devi prendere è 1300 perché più basso di 1600.

25 Esempio Dott. Marco Fava X

26 Esempio 2 Dott. Marco Fava X Se invece avessi avuto la seguente situazione allora …

27 Bò!Bà!

28 IRAP: DEDUCIBILITA 10% IMPOSTA PAGATA NEL 2008 Dott. Marco Fava Nonostante gran parte della stampa specializzata affermi che limporto forfetario in dichiarazione dei redditi determini una minor variazione in aumento da esporre per le società di capitale nel rigo RF17, si ritiene preferibile seguire lopinione minoritaria ed esporlo tra le altre variazioni in diminuzione, per evitare che in limitati, ma pur sempre possibili, casi il rigo imposte indeducibili possa diventare negativo (cosa non ammessa dalle specifiche tecniche alla trasmissione telematica)

29 Unico società di capitali Dott. Marco Fava Irap da conto economico Irap deducibile Il codice da utilizzare per i quadri intermedi è99 99

30 Unico società di persone contabilità ordinaria Dott. Marco Fava Il codice da utilizzare per i quadri intermedi è99 Irap da conto economico Irap deducibile

31 Unico società di persone contabilità semplificata Dott. Marco Fava Irap deducibile

32 Imprese individuali in contabilità ordinaria Dott. Marco Fava Il codice da utilizzare per i quadri intermedi è99 Irap da conto economico Irap deducibile

33 Imprese individuali in contabilità semplificata Dott. Marco Fava Irap deducibile

34 Persone fisiche - lavoro autonomo Dott. Marco Fava Irap deducibile

35 Rimborsi Dott. Marco Fava è consentito ottenere a rimborso le imposte versate in data non anteriore al 29 novembre 2004, a condizione che venga presentata apposita istanza entro il termine di 48 mesi dalla data del versamento

36 Giorno dal quale decorre il termine di presentazione dellistanza di rimborso Per individuare correttamente il giorno dal quale decorre il termine di presentazione dellistanza di rimborso, si evidenzia che per i versamenti in acconto il termine in questione decorre dal momento del versamento del saldo relativo al medesimo periodo Dott. Marco Fava Vi faccio un esempio

37 Giorno dal quale decorre il termine di presentazione dellistanza di rimborso Dott. Marco Fava Per gli acconti relativi al periodo di imposta 2004 – anche se versati in data anteriore al 29 novembre il termine iniziale dei 48 mesi decorre dalla data di versamento dellimposta a saldo (ordinariamente in scadenza nel mese di giugno 2005).

38 Modalità Dott. Marco Fava Nel richiedere il rimborso il contribuente deve procedere alla rideterminazione delle imposte sui redditi dovute nel periodo dimposta di riferimento tenendo conto della deduzione forfetaria dal reddito imponibile del 10 per cento dellIrap versata nel corso del periodo di imposta. La differenza tra le imposte sui redditi versate e quelle dovute sulla base del reddito rideterminato costituisce limporto rimborsabile.

39 esempio Dott. Marco Fava

40 Soggetti in perdita Dott. Marco Fava È possibile presentare listanza di rimborso anche da parte di quei contribuenti che, nei periodi di imposta pregressi hanno evidenziato una perdita riportabile a nuovo. Bene!

41 Come comportarsi Dott. Marco Fava Dobbiamo incrementare la perdita originaria per effetto della deduzione che viene riconosciuta come variazione in diminuzione ai fini della determinazione del reddito di impresa. Laddove la perdita non sia stata utilizzata, il nuovo ammontare delle perdite potrà essere utilizzato nel primo periodo di imposta utile (e, dunque, anche nel Modello UNICO 2009). incremento della perdita originaria ed utilizzo in un successivo periodo di imposta, compreso tra quelli interessati dallistanza di rimborso. In questo caso, per effetto della maggiore perdita e della deduzione di periodo, listanza di rimborso avrà ad oggetto la quota Ires o Irpef corrisposta in più in seguito alla evidenziazione di un maggiore imponibile originariamente esposto.

42 Esempio Dott. Marco Fava

43 SOCIETÀ DI PERSONE E SOCIETÀ DI CAPITALI TRASPARENTI Dott. Marco Fava Per le società di persone, nonché per le società di capitali che hanno optato per il regime di trasparenza, la deduzione sarà effettuata dalla società/associazione che, conseguentemente, imputerà per trasparenza ai soci/associati un imponibile ai fini delle imposte dirette, ridotto della deduzione in esame.

44 RIMBORSO SOCIETÀ DI PERSONE E SOCIETÀ DI CAPITALI TRASPARENTI Dott. Marco Fava per i periodi di imposta precedenti quello in corso al 31 dicembre 2008,: 1.sarà ugualmente la società/associazione a rideterminare il proprio reddito al netto del 10% dellIRAP ed a presentare con modalità telematiche la richiesta di rimborso, anche se nella stessa non è evidenziato alcun importo da rimborsare 2.La società, quindi, comunicherà ai propri soci/associati la quota di rispettiva spettanza, 3.Ciascun socio, previa rideterminazione della propria base imponibile, presenterà – ricorrendone i presupposti – listanza di rimborso della maggiore imposta assolta

45 Problemi Dott. Marco Fava Ladempimento in questione, nella pratica, potrebbe però rivelarsi non del tutto agevole anche in considerazione del fatto che, nellarco temporale interessato dalla presentazione delle istanze di rimborso, la compagine sociale potrebbe essersi modificata. In linea di principio, dunque, la società dovrebbe essere tenuta alla comunicazione in questione anche nei confronti di soggetti che sono fuorusciti dalla compagine stessa.

46 Dott. Marco Fava


Scaricare ppt "La deduzione IRAP del 10% Art.6 D. L. n.185 del 29.11.2008 Circ. 16/E del 14/4/2009."

Presentazioni simili


Annunci Google