La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CAMPO VISIVO. CAMPIMETRIA STATICA E DINAMICA VIE VISIVE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CAMPO VISIVO. CAMPIMETRIA STATICA E DINAMICA VIE VISIVE."— Transcript della presentazione:

1 CAMPO VISIVO

2 CAMPIMETRIA STATICA E DINAMICA

3 VIE VISIVE

4 LESIONI DEL CAMPO VISIVO

5 CAMPIMETRO MANUALE

6 CAMPIMETRIA AUTOMATICA (1980)

7 NORMALE QUADRANTANOPSIA OMONIMA SUPERIORE SINISTRA

8 SCOTOMA CENTRALE IN OD E ALLARGAMENTO DELLA MACCHIA CIECA RESTRINGIMENTO CONCENTRICO DELLA SOGLIA DIFFERENZIALE VISIVA

9 EMIANOPSIA BITEMPORALEEMIANOPSIA BINASALE

10 CAMPIMETRIA AUTOMATICA 1990 (OCTOPUS)

11 CENTRAL FIELD SAMPLING WITH OCTOPUS PERIMETER CENTRAL 30°

12 CAMPIMETRIA CROMATICA 10° 20°

13 COLORI FONDAMENTALI COLORI ISOLUMINANTI

14 DISTRIBUZIONE DEI PUNTI FISSI ESPLORATI TINTE ISOLUMINANTI Bassa luminosita(10 cd/m2) CAMPIMETRIA CROMATICA

15 200 PUNTI FISSI + 10 RANDOM STIMOLI CROMATICI ISOLUMINANTI CON LO SFONDO E STIMOLI ACROMATICI A CONTASTO DI LUMINANZA CAMPIMETRIA CROMATICA COMPUTERIZZATA IL PAZIENTE DEVE PREMERE UN PULSANTE QUANDO VEDE UNO STIMOLO INDIPENDENTEMENTE DAL COLORE E DALLINTENSITA PERCEPITA

16 NORMALE DIFETTO RETINICO DIABETE DIFETTO DI CONDUZIONE SCLEROSI MULTIPLA ESEMPI DI CAMPIMETRIA CROMATICA

17 NORMALE

18 SCLEROSI MULTIPLA

19 CAMPIMETRIA CROMATICA

20 CAMPIMETRIA CROMATICA NEL GLAUCOMA

21 GLAUCOMA SUSPECTGLAUCOMA MAPPE STATISTICHE

22 PARKINSON MAPPE STATISTICHE

23 CAMPIMETRIA CROMATICA MEDIA NORMALI(20) CIRROTICI (10) CIRR.+ ENCEFALOPAT(10) OGNI SERIE VERTICALE RAPPRESENTA LA MEDIA DI CAMPI VISIVI PER CATEGORIA QUESTO METODO CONSENTE DI VALUTARE LE DIFFERENZE TRA GRUPPI

24 CIRROSI MAPPE STATISTICHE

25 CAMPIMETRIA CROMATICA ISOLUMINANTE FACILMENTE ESEGUIBILE NON RICHIEDE STRUMENTAZIONE PARTICOLARE QUANTIFICA IL DANNO CAMPIMETRICO CONSENTE DI DIAGNOSTICARE PATOLOGIE SUBCLINICHE CONSENTE DI DIFFERENZIARE TRA PATOLOGIE DIOTTRICHE, RETINICHE E DI CONDUZIONE 10° 20 °

26 AMP 10 UV. 100 MSEC ATTIVITA MEDIA DI UN GRAN NUMERO DI NEURONI SINCRONIZZATA CON UNO STIMOLO VISIVO RIPETITIVO POTENZIALI EVOCATI VISIVI

27 1,5 volt = 1500 m. 5uV = 5 mm. 1,5 mv. = 150 cm. 200uV. = 20 cm. 1Volt= 1000 metri

28

29 POTENZIALI EVOCATI VISIVI (PEV) ( POSITIVO IN ALTO ) ODOD OSOS P1 =P100 N1 N2

30

31 RETINA N.OTTICO C.GENICOLATO L. VIA GEN/STRIATA CORTECCIA OCCIPITALE AREE ALTRE AREE DI PROIEZIONE C.GANGLIARI GRANDI (M) CAMPI RECETTIVI GRANDI PREV. BASTONCELLI. C.GANGLIARI PICCOLE (P) CAMPI RECETTIVI PICCOLI PREV. CONI 2 STRATI VENTRALI C. GRANDI 4 STRATI DORSALI C. PICCOLE V1 DIST. RETINOTOPICA V2 FORME V3 V5 MOVIMENTO V1 DIST.RETINOTOPICA V4 COLORE (BLOB) FORME (INTERBLOB) PARIETALE MEDIOTEMP SUP INFEROTEMPORALE FIBRE MIELINICHE GRANDI FIBRE MIELINICHE PICCOLE VIE MAGNO E PARVOCELLULARI

32

33

34 ODOS 1 C/G 2 C/G ISOLUM POTENZIALI EVOCATI VISIVI CROMATICI ISOCONTRASTO OS OD

35 NORMAL MILD O.N. GLAUCOMA SUS. ISOCONTRAST COLOR VEP 100 ms

36 RAPPORTO TRA LATENZE PEV ROSSO/BLU DIFFERENZE TRA PATOLOGIE DI CONDUZIONE E RETINICHE

37 CHROMATIC VEPB&W VEP PATOLOGIE SUBCLINICHE I VEP CROMATICI SEPARANO LE CATEGORIE QUELLI ACROMATICI NO

38

39 ACROMATICI CROMATICI POTENZIALI EVOCATI VISIVI NEL DIABETE * CATEGORIE NON SEPARABILI STATISTICAMENTE CATEGORIE SEPARABILI STATISTICAMENTE

40 VIE VISIVE VIA MAGNOCELLULARE VIA KONIOCELLULARE VIA PARVOCELLULARE Sclerosi Multipla Diabete con neuropatia Retinopatie Glaucoma Diabete senza neuropatia

41 CONCLUSIONI COLOR VEP ISOCONTRASTO IL SEGNALE E AMPIO E RIPETIBILE NON E NECESSARIO UN MONITOR SPECIALE E POSSIBILE INDIVIDUARE PATOLOGIE SUB CLINICHE E POSSIBILE DIFFERENZIARE TRA PATOLOGIE DIOTTRICO-RETINICHE E DI CONDUZIONE

42 ELETTRORETINOGRAFIA (ERG)

43 ERG A C B

44 100 MSEC ERG FILTRO PASSA BANDA HZ

45 BIANCO FOTOPICO BLU SCOTOPICO BIANCO SCOTOPICO ROSSO SCOTOPICO MODIFICAZIONI DEL SEGNALE ERG IN FUNZIONE DELLE CARATTERISTICHE DI STIMOLAZIONE


Scaricare ppt "CAMPO VISIVO. CAMPIMETRIA STATICA E DINAMICA VIE VISIVE."

Presentazioni simili


Annunci Google