La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza"— Transcript della presentazione:

1 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Epidemiologia Il tumore al seno (carcinoma mammario) è una delle patologie femminili più diffuse . Più di nuovi casi ogni anno in Italia Il segno più evidente è la presenza di un nodulo ( non sempre palpabile).

2 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Prevenzione primaria Individuazione di comportamenti e abitudini che, se modificati, sono in grado di ridurre il rischio Età del menarca, della menopausa, della prima gravidanza .Ruolo degli ormoni ( progesterone) Obesità (ormoni prodotti dal “grasso” ) Pillola,terapia sostitutiva (?) Fumo,alcool Radiografie inutili

3 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Prevenzione primaria fattori di rischio non modificabili Età Familiarità Etnia ( asiatica/europa= alimentazione e menarca )fattore ambientale o genetico ?

4 Prevenzione secondaria
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Prevenzione secondaria DIAGNOSI PRECOCE

5 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Diagnosi precoce La diagnosi precoce consente il trattamento conservativo della mammella e la guarigione in più dell’90% dei casi. Il 30% dei tumori viene evidenziato dalle apparecchiature diagnostiche (mammografo, ecografo etc. ) Più dei due terzi dei tumori, tuttavia, viene ancora scoperto dalle donne conl'autopalpazione del seno.

6 Risultati della chirurgia
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Risultati della chirurgia Sopravvivenza globale a 10 e a 20 anni in rapporto al diametro del tumore mammario <1 cm % 80% > <2 cm 70% % > <3 cm 54% 50% …più piccolo il T, più alta la % di guarigione, più possibilità di interventi conservativi

7 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Diagnosi precoce Ogni donna dovrebbe imparare a conoscere le proprie mammelle alla ricerca di eventuali variazioni di forma e consistenza e a sentire subito una presenza estranea. Se si riesce con l'autopalpazione ad individuare un nodulo di 1 cm.o poco più, una volta dimostrata la sua malignità, si ha quasi la certezza di ottenere la guarigione e un trattamento chirurgico conservativo (buon risultato estetico).

8 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Autopalpazione La ghiandola mammaria si presenta come un grappolo d'uva, dove gli acini (deputati alla produzione di latte durante l'allattamento) sono legati tra loro da tessuto fibroso e circondati da cellule di grasso. Il nodulo tumorale ha una consistenza del tutto diversa dal resto della ghiandola e quando compare, la donna che conosce il proprio seno lo riconosce.

9 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Autopalpazione prima con le braccia lungo i fianchi e poi a braccia alzate e mani dietro la testa poi , in posizione supina e con una mano dietro la nuca, pressione leggera e movimento rotatorio di scorrimento della pelle sulla ghiandola sottostante. notare affossamenti o raggrinzimenti della pelle o retrazioni e sporgenze irregolari del capezzolo

10 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Nodulo Il nodulo isolato costituisce un sintomo importante e richiede una visita specialistica. Non allarmatevi però prima del tempo, perché la maggior parte dei noduli e delle alterazioni del seno sono di natura benigna.

11 Secrezione dal capezzolo
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Secrezione dal capezzolo E' un sintomo frequente e quasi sempre legato ad una condizione benigna. Una modesta secrezione è spesso fisiologica o legata a fenomeni infiammatori temporanei. Se invece la secrezione è continua o sieroematica può essere dovuta alla presenza di un papilloma (lesione benigna) o, raramente, di una neoplasia. In questo caso è bene ricorrere ad una visita specialistica. 

12 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Mammografia E’ l'esame fondamentale per la diagnosi precoce del tumore al seno: gli screening mammografici hanno infatti portato ad una consistente riduzione della mortalità, in particolare delle donne in postmenopausa.

13 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Mammografia La dose di radiazioni emessa dagli apparecchi mammografici più avanzati è minima e non causa alcun disturbo, anche ripetendo l'esame. L'età per fare la prima mammografia in assenza di sintomi ed a scopo precauzionale è di anni max.

14 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Ecografia Oltre che per le donne giovani è indicata come integrazione della mammografia per le donne in menopausa, perché permette con assoluta sicurezza di distinguere un nodulo solido da una cisti e consente di orientare la diagnosi sulla natura del nodulo.

15 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Esame citologico Con la mammografia , l’ecografia e l'esame clinico è l'accertamento fondamentale per la diagnosi del carcinoma mammario, perché indaga specificatamente le cellule. Può essere eseguito su secrezioni del capezzolo, sul liquido prelevato dall'aspirazione di una cisti o su materiale prelevato da una lesione solida.

16 Risonanza Magnetica Nucleare
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Risonanza Magnetica Nucleare E’ una tecnica integrativa rispetto a mammografia ed ecografia. Permette di identificare tumori non altrimenti riconoscibili con i test tradizionali, ma purtroppo evidenzia anche un discreto numero di aree falsamente sospette. E’ giustificata solo per la sorveglianza di donne a rischio genetico o elevato rischio familiare per carcinoma mammario

17 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli PET Indicazioni Diagnosi della lesione primitiva Caratterizzazione biologica  del tumore Stadiazione della malattia Nel follow-up: * Diagnosi precoce delle recidive * Ristadiazione in caso di ripresa dlla malatia * Monitoraggio del trattamento * Nello studio del tumore metastatico a sede primitiva ignota

18 L’evoluzione chirurgica
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA L’evoluzione chirurgica

19 L’evoluzione chirurgica
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli L’evoluzione chirurgica 1894 MASTECTOMIA RADICALE SEC. HALSTED 1950 1980 MASTECTOMIE ALLARGATE MASTECTOMIE MODIFICATE CHIRURGIA CONSERVATIVA

20 Quali sequele fisiopatologiche?
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Quali sequele fisiopatologiche? FUNZIONALI ESTETICHE PSICHICHE

21 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Scopo della chirurgia Ottenere il controllo locale della neoplasia Consentire una stadiazione istologica e biologica Fornire informazioni sullo stato linfonodale Raggiungere un buon risultato estetico

22 Trattamento chirurgico
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Livello di attenzione 2000 Efficacia terapeutica 1950 Conseguenze fisiopatologiche 1900

23 L’evoluzione chirurgica
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli L’evoluzione chirurgica La mastectomia sec. Madden modificata

24 L’evoluzione chirurgica
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli L’evoluzione chirurgica Quadrantectomia Tumorectomia

25 Qua.RT Singolo T <2.5-3 cm
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Qua.RT Qualsiasi N Singolo T <2.5-3 cm Valutazione T/volume M. Controllo locale Basso n° recidive Buon risultato estetico

26 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Nodulo non palpabile: “reperage”

27

28 Trattamento chirurgico
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Sopravvivenza libera da malattia (DFS) e numero di N+

29 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza Linfectomia ascellare
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Linfectomia ascellare trascurabile ruolo terapeutico importante fattore prognostico Stazioni linfonodali di I,II e III livello

30 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Linfonodo sentinella L’iniezione di un tracciante nella zona di localizzazione tumorale permette di individuare il singolo linfonodo che drena la sede della neoplasia

31 Trattamento chirurgico
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Inoculazione del tracciante per la ricerca del linfonodo sentinella

32 Skin Sparing Mastectomy * Nipple Sparing Mastectomy *
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Demolitivo e ricostruttivo Skin Sparing Mastectomy * Nipple Sparing Mastectomy * * Con ricostruzione ( immediata o differita)

33 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Skin Sparing Mastectomy Asportazione di tutta la ghiandola, del complesso areola-capezzolo, della cicatrice della biopsia. La cute sovrastante la neoplasia viene asportata solo se la neoplasia è molto superficiale ( profondità < 1 cm.).

34 Skin sparing mastectomy
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Skin sparing mastectomy (In centri specializzati) indicazioni In casi selezionati Alternativa a QuaRT o a Radicale modificata Ca. multicentrici Ca. centrali retroareolari DCIS multicentrici

35 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Uguale livello di attenzione conseguenze fisiopatologiche efficacia terapeutica

36 Risultato estetico TUMORE DELLA MAMMELLA Trattamento chirurgico
Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Trattamento chirurgico Skin Sparing Mastectomy Risultato estetico

37 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli discutibile equilibrio psico-fisico postoperatorio !

38 Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza
TUMORE DELLA MAMMELLA Prof. Piero Narilli Ideale equilibrio psicofisico postoperatorio

39


Scaricare ppt "Chirurgia Nuova ITOR Università di Roma Sapienza"

Presentazioni simili


Annunci Google