La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Istituto Comprensivo Statale Faccias a monti I.C.S. Villasimius.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Istituto Comprensivo Statale Faccias a monti I.C.S. Villasimius."— Transcript della presentazione:

1 Istituto Comprensivo Statale Faccias a monti I.C.S. Villasimius

2 Progetto per la valorizzazione delle zone interne del territorio di Villasimius e della Sardegna Progetto di sperimentazione L.R. 26/97 Tradizioni popolari della nostra terra Parte VI Faccias a monti (Verso la montagna)

3 Faccias a monti ( Verso la montagna) Il seguente progetto è dedicato agli alunni della scuola primaria, ma può essere utilizzato anche dagli alunni della secondaria di primo grado e dai piccolini della scuola dellinfanzia. Tende a far spostare lattenzione, in un paese ad alta vocazione turistica, dal mare alle montagne ( più che montagne sono colline, ma noi le chiamiamo Is montis). Si tende, infatti, a pensare al nostro paese come un luogo bellissimo ma che ha come uniche risorse il turismo, il mare, il porto, lArea Marina Protetta…tutto verso il mare, (faccias a mari). Il mare capta tutte le attenzioni, gli studi, le prospettive di lavoro, il nostro orgoglio; in tutti i documentari, nelle cartoline, nei depliants, nelle foto-ricordo di Villasimius è sempre presente il mare… …come se non ci fosse altro…

4 Ma se voltiamo lo sguardo… A nord del paese, sempre allinterno del territorio di Villasimius, ci sono molte colline di discreta altitudine che ricordano la Barbagia. Esplorandole si scopre che ne hanno lo stesso fascino e che sono quasi incontaminate: presentano testimonianze di un antico lavoro, quello che veniva svolto sfruttando ma rispettando gli elementi. I nomi antichi di questi monti, le mille tonalità di verde delle piante e degli arbusti, gli animali protetti che vedevamo solo nei documentari, le rocce scolpite dal vento e dalla pioggia, che nelle notti di luna piena assumono un colore lunare…i suoni misteriosi della montagna…

5 Potremmo avere unaltra occasione per gestire meglio il nostro territorio… intanto facciamolo conoscere ed amare ai futuri cittadini di Villasimius. Per rendere tutto più piacevole si è pensato di utilizzare un animale non molto conosciuto dai bambini ( perché è difficile da vedere, se non attraverso qualche documentario) come guida in un viaggio esplorativo che ci porterà a conoscenza di un altro angolo del nostro territorio, del suo fascino, delle sue risorse, della sua flora, della sua fauna, delle sue rocce.

6 Si incomincerà col piccolo racconto introduttivo dal titolo Un incontro fortunato, che darà il La per iniziare un lavoro di ricerca piacevolmente accompagnato da dialoghi e piccole storie reali o fantastiche (anche in lingua sarda) composte dagli alunni, coinvolgendo di volta in volta personaggi nuovi, quelli che verranno conosciuti durante il viaggio. Linterdisciplinarietà degli argomenti è infinita: ci aiuterà a prendere coscienza delle nostre risorse ed a diventare parte attiva nello sviluppo economico e sociale della comunità in cui viviamo. Il coinvolgimento degli anziani e delle istituzioni sarà essenziale e prezioso anche in questo percorso di crescita.

7 Faccias a monti. Su progettu chi seus presentendi est po is pippius de siscola primaria, ma podit srebiri fintze a is alunnus de sa segundaria de primu gradu e a is pippieddus de siscola de sinfantzia. Olit fai spostai sattenzioni, in duna bidda turistica, de su mari a is montis, (non funt tanti montis, ca non funt attus meda, ma nosu ddis naraus is montis. Tottus pensant sempri a sa bidda nostra cumenti a unu logu meda bellu ma chi ollit campai scetti de su turismu, de su portu, de sArea Marina Protetta…tottu cosas chi funt faccias a mari. Su mari ndi pigat tottus is attenzionis, is istudius, is ideas po unattividadi de traballu, sorgogliu nostru, in dogna filmau o fotografia de Crabonaxa ncest su mari, scetti su mari, sempri presenti, cument chi non ci siat atra cosa…

8 Ma chi si giraus faccias a Tremuntana, sempri a intrus de su territoriu de Crabonaxa, nci funt montis non meda artus chi si faint arregordai is logus de sa Barbagia. Bisitendiddus est cument chi siaus in sa provincia de Nuoru, cun sa bellesa de is montis e de is logus incontaminaus, cun presentzias scetti de antigu traballu, fattu chene spedri su patrimoniu de sa natura. Is nominis antigus de custus montis, is tonalidadis de su bidri de is matas e de is tupas, is animalis rarus chi eus biu fetti in sa televisioni, is arroccas stuvadas de su bentu e de sacqua, chi in is nottis de lugori parit ca siaus in sa Luna…is sonus misteriosus de is montis … podit essi unatera occasioni po podi sfruttai a su mellus su territoriu nostru… in sunteris ddu feus conosci e istimai a is piccioccheddus, chi ant a diventai is Crabonaxaius.

9 Po fai tottu cun prus prexeri eus pensau de pigai una bestiedda chi is pippius non conoscint meda ( poita non est meda facili su ddu biri chi non est in sa televisioni) po saccumpangiai in dunu viaggiu de istudiu po conosci unatera parti de su territoriu nostru, cun sa bellesa e sarricchesa sua, de is matas, de is animalis, de is arroccas.

10 Eus a incumentzai cun dunu contixeddu, Un attobiu fortunau, chi sat a strumbulai po imparai a conosci e istimai is arricchesas chi nci funt in is montis, po iscriri istorias de aterus animalis nostrus, in italianu e in sadru, beras o imbentadas cun sa fantasia, fendi a biri ca ddus attobiaus in custu viaggiu. Su collegamentu cun tottus is materias de istudiu non tenit fini; at a essi un aggiudu po imparai cun cuscientzia is cosas de su logu nostru e po essi meris de su chi olleus essi e su chi olleus fai a mannus, po cumentzai a pensai nosu a su chi podit diventai custarricchesa. Saggiudu de is beccius e de is istitutzionis at a essi utili e pretziosu, fintze in custa occasioni, po isciri e po imparai a fai cosas chi po nosu funt novidadis.

11 Presentazione del personaggio-guida Fideli, Bucch e meli. ( La Donnola ) La Donnola in lingua sarda si chiama Ucche meli, ovvero, Bocca di miele, o di mela, forse perché, ma non son sicura, le piace mangiare le cose dolci ed è molto vorace… Certe persone la chiamano Su Furittu…in realtà il furetto è presente in Italia ma non in Sardegna. Gli allevatori e i contadini ne hanno terrore perché divora tutto…ma è tanto simpatica.

12 Fideli, Bucche meli. Sa Ucche meli si tzerriat diaicci poita di praxit sa cosa drucci, su meli o sa mela, non seu sigura, fortzis poita est satzagona meda…Certus unus ddu tzerriant su Furittu…ma de veras su furittu bivit in is aterus logus de sItalia, ma non in sa Sardigna. Is chi allevant puddas e conillus e is chi tenint ortus dda timint poita ndi spedrit tottu…però est bellixedda meda.

13 Un incontro fortunato Era una bella giornata di tarda primavera, di quelle che fanno sentire lavvicinarsi dellestate: il sole caldissimo, laria fresca del maestralino. Nellaria volteggiavano i coraggiosi Falchetti e la maestosa Poiana: ansiosi di trovare nuovo cibo con poca fatica, si lasciavano trasportare dal vento e poi si fermavano sospesi dalle correnti ascensionali, muovendo leggermente la punta delle ali. A parte i suoni della natura, vento, uccellini, rapaci, pernici, rondoni e altri animali piccoli e grandi, il silenzio era totale, immenso, rassicurante, rilassante…il campo visivo a 360 gradi…chiunque si sarebbe sentito al sicuro e padrone della propria vita, del proprio tempo e del proprio spazio.

14 Ad un tratto, da dietro un sasso, velocissima e silenziosa, esce una donnola e si blocca in mezzo allo spiazzo. Si ferma e mi fissa. Io ho un piccolo sobbalzo di gioia e lei, spaventata e diffidente, si nasconde veloce. Decido di mettere per terra del pane per attirarla, e poi rimango immobile per qualche minuto… Eccola! Si affaccia con aria guardinga, si avvicina e con uno scatto prende il pane e scappa. Allora ne metto altri pezzetti, spargendoli un po qua e un po là, e aspetto… Eccola di nuovo…

15 - Ciao, piccolina! Come ti chiami? -Io sono una Donnola, detta anche Bucche meli, ma per gli amici sono Fideli. E tu chi saresti? -Eh, io sono una maestra, ma non farci caso. Vorrei solo farti conoscere agli alunni della mia scuola, magari potresti raccontar loro qualcosa della tua vita. -Ma molto volentieri! Anzi, sai cosa ti dico? Siccome a me piace tanto viaggiare, potremmo fare tutti insieme un bel viaggio in queste montagne, e così potrei far conoscere agli alunni, e anche a te, che non ti farebbe male, qualcosa in più sulla nostra terra. Perché, scusa se te lo dico, ma voi a Villasimius, non fate che parlare del mare, dei pesci, del porto, Area Marina di qua, Sviluppo Sostenibile di là…ma il territorio di Villasimius è vasto, comprende mari e monti…più che monti, colline…ma noi li chiamiamo monti.

16 Voi non sapete quante ricchezze sono presenti in queste montagne: animali, macchia mediterranea, microclimi, catene e piramidi alimentari…e silenzio, tanto silenzio…il silenzio che viene descritto anche da Walter Bonatti quando parla della scalata al K2…Cosa ne dici? - Cosa ne dico? Ma è una splendida idea la tua! Sicuramente i bambini ne saranno entusiasti almeno quanto me e te…Però bisognerebbe organizzarci. Potremmo fare così: tu organizzerai litinerario ed i percorsi, e noi ci occuperemo degli studi e degli approfondimenti scientifici. Parlerò con i bambini e ti farò sapere, va bene? - Va bene, ciao, a presto. Ah, grazie per la colazione. -Prego, figurati. Grazie a te per la bella chiacchierata.

17 Un attobiu fortunau Fiat una bella die de beranu, de cussas chi faint intendi ca sistadi es accostendusì: sastru callenti, saria frisca de sastru de maistrali. In su celu bolànt is astoris impitosus e sa pigàna maestosa, chi si oliant prandi chene traballai meda; bolendi facci a bentu abarrànt firmus in saria, movendi unu pagu is alas. Chi non fessat po is sonus de su bentu e de is animalis, su silentziu est cumpletu, chene misura, siguru, calmu…is ogus podint castiai in dogna logu…dognunu siat a crei su meri de su mundu e de sa vida sua. Tottun duna, de a palas de una pedra, cumenti unu lampu e chene perunu sciorroccu, ndi bessit unucche meli e si ponit in mese sa pratza. Si firmat e mi castiat. Deu mi tremu de su prexu e issa, atziccada, si fuit e si cuat. Intzandus pensu de ddi poni in terra unarroghe pani po dda ingridulai, e abarru frima abettendidda.

18 Llà. Ndi bessit cun prudentzia, saccostat a su pani, nde ddu pigat e si fuit. Intzandus ndi pongu aterus accoreddeddus, ispattinendiddus unu pagu in dogna logu, e abettu… Llà, unatarorta… -Ciau, pitticcheddedda! E ita ti nant? -Deu seu sUcche meli, ma su nomini miu est Fideli. E tui chini benis a essi? -Eh, deu seu una maistra, ma non nci donis. Tia a boli fai conosci is piccioccheddus de siscola mia, ddis iast a podi contai calencunu contixedu de sa vida tua. -

19 -Ma cun meda prexeri! Antzis, scis e ita ti nau? Ca sigumenti a mei mi praxit meda su viaggiai, emust a podi fai tottus impari unu viaggeddu in custus montis, e diaicci ia a podi fai conosci a is piccioccheddus, e a tui puru, ca gei non tiat fai mali, calencuna cosa in prus de sa terra nostra. Poita, mas a iscusai chi ti ddu nau, ma bosaterus in Crabonaxa non feis ateru che chistionai de su mari, de su pisci, de su portu, Area Marina de innoi, Sviluppu Sostenibili de inguddenis, …ma su territoriu de Crabonaxa est mannu, ddu est su mari e nci funt is montis…nosu ddis naraus montis, ma funt montixeddus. Osaterus non scieis cantus benis nci funt in custus logus: animalis, matas, sa vida pitticca e manna…e su silentziu, cussu chi at ispirau medas poetas e scrittoris cument a Walter Bonatti candu at descrittu simpresa chi at fattu po andai in su monti prus artu de su mundu…E ita ndi naras? -E ita ndi nau? Est una proposta stravanada sa tua! De siguru is piccioccheddus ant a essi prexaus cante a mei e a tui…però iat a toccai a sorganizzai beni.

20 Emust a podi fai diaicci: tui decidis is logus accantu depeus andai e nosu feus is istudius de is cosas scientificas po imparai melus. Apa chistionai cun is pccioccheddus e tap a fai isciri, andat beni? - Andat beni, ciau, a si biri mellus. Ah, gratzias meda po su mruzzu. _ Gei bis sa cosa! Gratzias a tui po sa bella arrexonada.

21 Sintesi degli obiettivi educativi e didattici Conoscere il proprio territorio come ambiente fisico. Conoscere il proprio territorio come storia e cultura. Conoscere la flora e la fauna tipiche del del nostro territorio. Fare ipotesi sulle possibilità di sfruttare in maniera sostenibile la parte a monte del territorio in vista di uno sviluppo economico e sociale. Migliorare la capacità di esprimersi in lingua sarda parlata o scritta. Conoscere ed apprezzare le proprie tradizioni. Conoscere e familiarizzare con la musica popolare sarda, con la letteratura, con larte figurativa e con il teatro. Stimolare la creatività e la fantasia. Stimolare la capacità di capire un periodo storico Stimolare la motricità fine. Migliorare i rapporti interpersonali socializzando e collaborando allinterno del gruppo classe e con lesterno. Coinvolgere e valorizzare gli anziani. Rivalutare gli antichi mestieri e i giochi di una volta. Conoscere le proprie radici. Migliorare la capacità di porsi in maniera empatica. Offrire alternative alleccessivo consumismo educando al riciclaggio di certi materiali poveri. Educare gli alunni a valorizzare il lavoro delle varie associazioni e delle risorse presenti nel territorio.

22 Attività previste Ricerca scientifica sullambiente (ecosistemi, clima, montagne, flora, fauna ecc…) Ricerca storica sul lavoro, sulla famiglia, sulle abitazioni (dai nuraghe alle villette). Ricerca sulle tradizioni culinarie. Ricerca sulle risorse della parte a monte del territorio e sul modo di utilizzarle. Ricerca sulle usanze e sulle feste tradizionali. Ricostruzione di ambienti, costumi e situazioni di un determinato periodo storico. Ricostruzione di arnesi da lavoro di una volta Teatro in lingua sarda collegato ad avvenimenti storici locali, regionali e nazionali, documentati o tramandati a voce. Canti tradizionali in lingua sarda. Ballo tradizionale sardo.

23 Realizzazione di piccole attività artistiche e manuali tradizionali. Ricostruzione dei giochi di una volta con materiale povero. Realizzazione di manufatti e di ricette culinarie con i prodotti della montagna. Raccolta di dati sul lavoro, sugli abitanti, sulle risorse del territorio, Visite a musei etnografici della Sardegna. Contribuire alla creazione di un piccolo museo etnografico coi lavori degli alunni. Partecipazione a concorsi e rappresentazioni in altri Comuni o Scuole della Sardegna

24 Destinatari Gli alunni della Scuola Primaria di Villasimius

25 Risorse umane e fonti a cui attingere Alunni Insegnanti Genitori Nonni Anziani del paese Poeti Musicisti Scrittori Scultori e pittori Membri della cooperativa Cuccureddus Membri della cooperativa Diomedea Membri del gruppo folk S. Raffaele Associazioni volontariato Biblioteca comunale Archivio comunale Amministratori comunali Parrocchia S. Raffaele con archivio parrocchiale Museo comunale

26 Insegnanti coinvolti Tutti i docenti della Scuola Primaria dellIstituto Comprensivo di Villasimius Classi coinvolte Tutte le classi della scuola primaria di Vllasimius

27 Tempi di realizzazione del progetto 90 ore per modulo da distribuire nellarco dellanno scolastico in orario extracurricolare, con incontri settimanali. 2009

28 Beni e materiali Materiali di facile consumo Videocamera digitale Fotocamere digitali Pannelli in compensato per scenografie teatrali e per mostre Libri illustrati sulla flora e sulla fauna della Sardegna.

29 Interventi esterni Fisarmonicista 50 ore Chitarrista 50 ore Gruppo folk 50 ore Biologo esperto della fauna e della flora della Sardegna

30 Produzione elaborato finale Rappresentazioni teatrali e musicali in luoghi pubblici (anfiteatro, Fortezza Vecchia, Spiaggia Fortezza Vecchia, piazza Incani.). Filmati e fotografie sulle attività svolte. Stampa di un libro sulle attività svolte. Stampa di libri con i racconti dei bambini e con le ricette antiche dei prodotti della montagna. Mostra dei manufatti e dei prodotti gastronomici. Mostra etnografica sulla ricostruzione degli ambienti storici. Stampa del lavoro di ricerca sulla storia, leconomia, usanze e tradizioni. Mostre fotografiche. Cartoline in diversi formati, con rappresentazioni grafiche dei lavori svolti dai bambini. Striscione o murale con temi prestabiliti attinenti al progetto.

31 Costi Ore di progettazione. Ore extracurriculari personale docente. Viaggi di istruzione. Escursioni sul territorio. Ore per esperti: biologo, insegnante ballo sardo, artigiano. Costo materiale vario di facile consumo. Costo materiale per la realizzazione dei prodotti della montagna Costo pannelli e materiali per allestimento scenografia teatrale e mostre. Sviluppo e stampa fotografie e filmati. Stampa libri finali. Stampa cartoline.

32 Monitoraggio, Verifica e Valutazione Le attività di monitoraggio verranno fatte in itinere e a fine percorso utilizzando schede, questionari ed interviste da somministrare ai ragazzi, animatori, esperti e genitori. Le verifiche saranno utili per valutare il raggiungimento degli obiettivi proposti e il controllo delle competenze raggiunte Lautovalutazione del progetto verrà fatta dai docenti, con incontri collegiali in fase intermedia, per apportare eventuali correttivi, e in fase finale per relazionare sui risultati raggiunti.

33 Scheda finanziaria Descrizione In misura non superiore al Costo Lavoro di progettazione e organizzazione5% 975,00 Attrezzature e materiali didattici: Libri, riviste, testi materiale audiovisivo: videocassette, filmati 1.500,00 Esperti : animatore e biologo30% 5.850,00 Attività didattiche aggiuntive degli insegnanti 20% 3.900,00 Mezzi di trasporto per visite guidate nel territorio 1.000,00 Produzione elaborati finali 5.300,00 Spese per attività di segreteria e funzionamento5% 975,00 Totale ,00

34 Insegnante responsabile del progetto: Maestra Gigliola Garau


Scaricare ppt "Istituto Comprensivo Statale Faccias a monti I.C.S. Villasimius."

Presentazioni simili


Annunci Google