La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

G.De Plato 1 Disturbo Schizofrenico e Disturbi Psicotici Università degli Studi di Bologna Facoltà di Psicologia Sede di Cesena Insegnamento di Psichiatria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "G.De Plato 1 Disturbo Schizofrenico e Disturbi Psicotici Università degli Studi di Bologna Facoltà di Psicologia Sede di Cesena Insegnamento di Psichiatria."— Transcript della presentazione:

1 G.De Plato 1 Disturbo Schizofrenico e Disturbi Psicotici Università degli Studi di Bologna Facoltà di Psicologia Sede di Cesena Insegnamento di Psichiatria Prof. Giovanni De Plato A.A

2 G.De Plato2 Definizione di psicosi (Bergeret) Incapacità di fare un corretto esame di realtà (delirio e allucinazioni) Incapacità di fare un corretto esame di realtà (delirio e allucinazioni) Relazione oggettuale fusionale (la rappresentazione dellaltro è confusa con la rappresentazione del sè) Relazione oggettuale fusionale (la rappresentazione dellaltro è confusa con la rappresentazione del sè) Angoscia di frammentazione (il soggetto ha come limpressione di andare in pezzi) Angoscia di frammentazione (il soggetto ha come limpressione di andare in pezzi) Meccanismi di difesa primitivi sostengono o tentano di arginare le condizioni precedenti Meccanismi di difesa primitivi sostengono o tentano di arginare le condizioni precedenti

3 G.De Plato3 Disturbi psicotici Classificazione del DSM IV TR Disturbo Schizofrenico Disturbo Schizofrenico Disturbo schizofreniforme Disturbo schizofreniforme Disturbo schizoaffettivo Disturbo schizoaffettivo Disturbo psicotico breve Disturbo psicotico breve Disturbo delirante Disturbo delirante Follia a due Follia a due Disturbo psicotico indotto da condizioni mediche generali o da abuso di sostanze Disturbo psicotico indotto da condizioni mediche generali o da abuso di sostanze Disturbo bipolare (episodio maniacale con manifestazioni psicotiche) Disturbo bipolare (episodio maniacale con manifestazioni psicotiche)

4 G.De Plato4 Schizofrenia Sindrome schizofrenica Disturbo schizofrenico Disturbo psicotico primario

5 G.De Plato5

6 6 Schizofrenia: Background storico Dementia Praecox Kraepelin 1896 Schizofrenia E. Bleuler 1911 Decorsi Esiti Segni e sintomi primari Jaspers 1911 Regola gerarchica dei livelli Diagnosi Schneider 1950 Sintomi di primo rango Eco del pensiero Voci commentanti Esperienze di passività somatica Furto ed influenzamento del pensiero Percezioni deliranti

7 G.De Plato7 Schizofrenia: Background storico Sintomi Positivi Sintomi negativi Strauss et al 1974 Crow, 1980) Classificazione Andreasen 1985 Anedonia Asocialità Deficit Cognitivi Brirchwood MC Gorry 2000 Early Detection Prevenzione Carpenter 1985 Sintomi negativi primari (intrinseci) e secondari (depressione; EPS) Deficit Schizophrenia

8 G.De Plato8 D. Schizofrenico: definizione La schizofrenia è un disturbo mentale grave caratterizzato da sintomi psicotici, apatia e ritiro sociale, deficit cognitivi che determinano un ridotto funzionamento nel lavoro, nello studio, nelle relazioni familiari ed interpersonali, condizionando la cura di sé e la possibilità di una vita indipendente. La schizofrenia è un disturbo mentale grave caratterizzato da sintomi psicotici, apatia e ritiro sociale, deficit cognitivi che determinano un ridotto funzionamento nel lavoro, nello studio, nelle relazioni familiari ed interpersonali, condizionando la cura di sé e la possibilità di una vita indipendente. Tra i disturbi mentali la Schizofrenia è quello associato a maggior disabilità e ai maggiori costi sociali, sanitari ed economici. Tra i disturbi mentali la Schizofrenia è quello associato a maggior disabilità e ai maggiori costi sociali, sanitari ed economici. La combinazione di costi economici e sociali fanno si che la Schizofrenia sia al decimo posto nella classifica delle cause di disabilità La combinazione di costi economici e sociali fanno si che la Schizofrenia sia al decimo posto nella classifica delle cause di disabilità

9 G.De Plato9 D. Schizofrenico: epidemiologia Lo 0,5-1% della popolazione mondiale soffre di schizofrenia. Lo 0,5-1% della popolazione mondiale soffre di schizofrenia. Una persona ogni 150 soffre nel mondo di un disturbo schizofreniforme. Una persona ogni 150 soffre nel mondo di un disturbo schizofreniforme. Incidenza annuale per mille Incidenza annuale per mille Stessa incidenza in paesi diversi (controverso) Stessa incidenza in paesi diversi (controverso) Stessa prevalenza ed incidenza tra maschi e femmine; le femmine hanno un esordio più tardivo ed un decorso più benigno Stessa prevalenza ed incidenza tra maschi e femmine; le femmine hanno un esordio più tardivo ed un decorso più benigno

10 G.De Plato10 I disturbi mentali nel mondo (in milioni di pazienti) Fonte: World Development Report

11 G.De Plato11 D. Schizofrenico: Eziologia La schizofrenia è un disturbo ad eziologia ignota Giocano un ruolo diversi fattori di rischio (eziopatogenesi multifattoriale) per molti dei quali si sono accumulate evidenze scientifiche nel corso degli anni I fattori di rischio agiscono su un substrato di vulnerabilità geneticamente determinato

12 G.De Plato12 Eziopatogenesi del D. Schizofrenico: il modello bio-psico-sociale Interazione Fattori di Vulnerabilità personale Disfunzioni dopaminergiche Ridotta Capacità di processazione Tratti Schizotipici di personalità Fattori Protettivi personali Coping Farmaci Antipsicotici Fattori Protettivi ambientali Famiglia Interventi Psicosociali Stressor e Fattori Ambientali precipitanti Expressed emotion Eventi di vita

13 G.De Plato13 D.Schizofrenico: Fattori di rischio

14 G.De Plato14 Genetica del D. Schizofrenico Il rischio di sviluppare il d.schizofrenico è di circa l1% popolaz. adulta Il rischio di sviluppare il d.schizofrenico è di circa l1% popolaz. adulta Del 10% nel caso di parenti di primo grado sia cresciuti nello stesso ambiente che dati in adozione Del 10% nel caso di parenti di primo grado sia cresciuti nello stesso ambiente che dati in adozione Del 17% per gemelli fraterni e del 48% se identici. Del 17% per gemelli fraterni e del 48% se identici. Le forme più gravi di d.schizofrenico potrebbero essere più ereditabili di quelle lievi Le forme più gravi di d.schizofrenico potrebbero essere più ereditabili di quelle lievi

15 G.De Plato15 Nei gruppi ad alto rischio, le complicazioni alla nascita e i disturbi di attenzione comportano un > rischio di d. schizofrenico. Nei gruppi ad alto rischio, le complicazioni alla nascita e i disturbi di attenzione comportano un > rischio di d. schizofrenico. I geni di suscettibilità al d. schizofrenico potrebbero essere quelli associati ai cromosomi 6,13, e 22 I geni di suscettibilità al d. schizofrenico potrebbero essere quelli associati ai cromosomi 6,13, e 22 I geni per il recettore della dopamina, DRD3 e per il recettore della serotonina, 5HT2a, (che mediano gli effetti farmacologici) potrebbero anchessi svolgere un ruolo nella patogenesi. I geni per il recettore della dopamina, DRD3 e per il recettore della serotonina, 5HT2a, (che mediano gli effetti farmacologici) potrebbero anchessi svolgere un ruolo nella patogenesi. Genetica del D. Schizofrenico

16 G.De Plato16 D.Schizofrenico: Clinica sintomi positivi (deliri, allucinazioni e pensiero e comportamento disorganizzato); sintomi positivi (deliri, allucinazioni e pensiero e comportamento disorganizzato); sintomi negativi (mancanza di logica e volontà); sintomi negativi (mancanza di logica e volontà); deficit cognitivi (attenzione, memoria, funzioni esecutive); relazioni personali disturbate. relazioni personali disturbate.

17 G.De Plato17 D.Schizofrenico: Clinica Sintomi positivi del d. schizofrenico AllucinazioniDeliri Comportamento bizzarro Disturbi formali del pensiero

18 G.De Plato18 D.Schizofrenico: Clinica Sintomi negativi del d. schizofrenico Appiattimento affettivo Alogia Assenza di volizione -apatia Anedonia - asocialità

19 G.De Plato19 D. Schizofrenico:Clinica Deficit Cognitivi MemoriaAttenzione Funzioni esecutive

20 G.De Plato20 D.Schizofrenico: sintomi positivi Le allucinazioni Le allucinazioni sono un disturbo della percezione. Sono false percezioni che si manifestano in assenza di qualsiasi stimolo esterno identificabile. Possono essere percepite in ognuna delle modalità sensoriali: uditiva, tattile, gustativa,olfattiva e visiva.

21 G.De Plato21 D.Schizofrenico: sintomi positivi. Le allucinazioni Uditive Il soggetto riferisce voci, rumori o altri suoni. Le allucinazioni uditive più comuni sono rappresentate dall'udire voci che parlano al paziente, che commentano le sue azioni, critiche o francamente insultanti ma anche incensanti. Le voci possono essere familiari o sconosciute e critiche o complimentose. I soggetti affetti da d. schizofrenico esperiscono le voci come spiacevoli e negative. I soggetti affetti da d. schizofrenico esperiscono le voci come spiacevoli e negative.

22 G.De Plato22 D.Schizofrenico: sintomi positivi. Le allucinazioni Uditive L e voci commentanti e dialoganti sono state considerate patognomoniche del d. schizofrenico (Sintomi di primo rango, K. Schneider). Voci commentanti Comprendono l'ascoltare una voce che commenta continuamente il comportamento o il pensiero del paziente non appena vengono a manifestarsi. Voci dialoganti Esse comprendono l'ascoltare due o più voci che parlano tra di loro e che di solito discutono di qualcosa che riguarda il paziente.

23 G.De Plato23 D.Schizofrenico: sintomi positivi. Le allucinazioni Cenestesiche S ono rappresentate dalla percezione di particolari sensazioni somatiche. Includono sensazioni di bruciore, prurito e percezioni che il corpo sia cambiato in forma o dimensione

24 G.De Plato24 D.Schizofrenico: sintomi positivi. Le allucinazioni Olfattive La persona sente odori inconsueti e comunque sgradevoli. A volte lodore sgradevole viene percepito come emanato dal proprio corpo.

25 G.De Plato25 D.Schizofrenico: sintomi positivi. Le allucinazioni Visive Visione di forme, colori, o persone che non sono realmente presenti. Tipicamente sono sembianze umane o simil-umane. Possono anche essere immagini a carattere religioso, come il Diavolo o Cristo.

26 G.De Plato26 D.Schizofrenico: sintomi positivi. I Deliri Disturbo di contenuto del pensiero. Sono false convinzioni che non possono essere spiegate sulla base del background religioso o culturale del paziente. Il comportamento del soggetto può essere o meno influenzato dai suoi deliri. Il comportamento del soggetto può essere o meno influenzato dai suoi deliri. La valutazione di gravità del pensiero delirante dovrebbe considerare la loro persistenza, la complessità, in quale misura il soggetto li controlla, in quale misura dubita di essi e in quale misura tali convinzioni deviano da quelle della gente normale. La valutazione di gravità del pensiero delirante dovrebbe considerare la loro persistenza, la complessità, in quale misura il soggetto li controlla, in quale misura dubita di essi e in quale misura tali convinzioni deviano da quelle della gente normale.

27 G.De Plato27 D.Schizofrenico: sintomi positivi. I Deliri Deliri di Persecuzione Le persone affette da deliri di persecuzione credono che qualcuno trami qualcosa contro di loro o li perseguiti Manifestazioni comuni includono la convinzione di essere seguito, che la propria casa sia spiata o perquisita, che il telefono sia controllato, o che la polizia, i funzionari del governo, i vicini o i compagni di lavoro lo perseguitino. I deliri di persecuzione sono talvolta relativamente isolati o frammentari, ma talvolta il paziente ha un complesso sistema di deliri che comprende un'ampia varietà di forme di persecuzione

28 G.De Plato28 D.Schizofrenico: sintomi positivi. I Deliri Deliri di Gelosia La persona crede, senza alcuna reale evidenza, che sua moglie abbia una relazione con qualcun altro. Mette in relazione un certo numero di indizi come "prova". Tenta con tutti i mezzi di provare l'esistenza della relazione, cercando capelli nelle lenzuola, l'odore di lozione da barba o di fumo sui vestiti di lei, o ricevute e scontrini, che indichino che lei ha comprato un regalo per l'amante. Fa spesso piani complicati per sorprendere insieme i due.

29 G.De Plato29 D.Schizofrenico: sintomi positivi. I Deliri Deliri Megalomanici la persona crede di avere poteri e capacità speciali. Può pensare di essere veramente un personaggio famoso, ad es. Napoleone o Cristo. Può credere di scrivere un libro di importanza decisiva, comporre un importante pezzo musicale, o sviluppare qualche nuova invenzione straordinaria. Il paziente sospetta spesso che qualcuno cerchi di sottrargli le idee e può veramente adirarsi se le sue capacità sono messe in dubbio.

30 G.De Plato30 D.Schizofrenico: sintomi positivi. I Deliri Deliri Mistici La persona ha false convinzioni di natura religiosa che talvolta fanno parte integrante di un sistema religioso convenzionale, come convinzioni sulla "Seconda Venuta", l' Anticristo, o la possessione da parte del Diavolo. Altre volte possono riguardare un sistema religioso interamente nuovo o un insieme di convinzioni su una varietà di religioni. I deliri religiosi possono essere combinati con deliri di grandezza. I deliri mistici devono essere considerati tenendo conto del back- ground culturale o religioso della persona.

31 G.De Plato31 D.Schizofrenico: sintomi positivi. I Deliri Deliri Somatici La persona crede che in qualche modo il suo corpo sia ammalato, anormale, o cambiato. Per esempio può credere che il suo stomaco o il cervello vadano in putrefazione, che parti del suo corpo si siano allargate o che siano diverse dal solito (dismorfofobia). Talvolta i deliri somatici sono accompagnati da allucinazioni cenestesiche

32 G.De Plato32 D.Schizofrenico: sintomi positivi. I Deliri Deliri di riferimento La persona crede che osservazioni, affermazioni o eventi insignificanti si riferiscano a lui o abbiano qualche speciale significato che lo riguardi. Per esempio entra in una stanza, vede che le persone ridono e sospetta che stiano parlando o ridendo di lui. Talvolta notizie lette sul giornale, sentite alla radio o viste in TV sono considerate messaggi speciali rivolti a lui. Si parla di delirio di riferimento quando il soggetto crede realmente che le affermazioni o gli eventi si riferiscano a lui.

33 G.De Plato33 D.Schizofrenico: Sintomi Positivi I Deliri Deliri di influenzamento Esperienza soggettiva che le sue sensazioni o azioni siano controllate da qualche forza esterna. Il soggetto riferisce che il suo corpo è stato posseduto da qualche forza estranea che lo fa muovere in modi particolari, o che gli sono mandati dei messaggi al cervello con le onde radio inducendolo a provare sensazioni particolari che egli non riconosce come proprie.

34 G.De Plato34 D.Schizofrenico: Sintomi Positivi I Deliri Deliri di lettura del pensiero La persona crede che la gente possa leggere nella sua mente o conoscere i suoi pensieri. La persona soggettivamente ha la sensazione e quindi crede che gli altri conoscano i suoi pensieri, ma non pensa che possa essere udito il suono di essi all'esterno La persona soggettivamente ha la sensazione e quindi crede che gli altri conoscano i suoi pensieri, ma non pensa che possa essere udito il suono di essi all'esterno

35 G.De Plato35 D.Schizofrenico: Sintomi Positivi I Deliri Deliri di diffusione del pensiero La persona crede che i suoi pensieri si diffondano al di fuori di lui in modo che egli stesso o gli altri possano udirli. La persona crede che i suoi pensieri si diffondano al di fuori di lui in modo che egli stesso o gli altri possano udirli. Talvolta percepisce i suoi pensieri come una voce fuori della sua testa. Altre ancora crede che i suoi pensieri siano registrati da un microfono e trasmessi per radio o TV.

36 G.De Plato36 D.Schizofrenico: Sintomi Positivi I Deliri Deliri di inserzione del pensiero La persona crede che pensieri che non riconosce come propri siano stati inseriti nella sua mente. La persona crede che pensieri che non riconosce come propri siano stati inseriti nella sua mente. Per esempio può credere che un vicino stia praticando una pratica magica ed inserisca pensieri estranei contro il suo volere. Questo sintomo non dovrebbe essere confuso con l'esperienza di pensieri spiacevoli, che il paziente riconosce come propri, o i deliri di persecuzione o di colpa.

37 G.De Plato37 D.Schizofrenico: Sintomi positivi Comportamento Bizzarro Il comportamento del soggetto è inconsueto, bizzarro o strano. Per esempio può urinare nel vaso dello zucchero, dipingere le due metà del corpo di colori differenti etc. Deve essere escluso il comportamento bizzarro dovuto ad effetti immediatamente successivi all'abuso di alcool o di droghe. Deve essere escluso il comportamento bizzarro dovuto ad effetti immediatamente successivi all'abuso di alcool o di droghe. Come sempre, nella valutazione devono essere considerate le consuetudini sociali

38 G.De Plato38 D.Schizofrenico: Sintomi Positivi Disturbi Formali del Pensiero Tangenzialità È il rispondere a una domanda di traverso o in maniera irrilevante. La risposta può essere correlata alla domanda alla lontana, oppure può non essere correlata e sembrare totalmente irrilevante. Nel passato la tangenzialità è stata usata in modo approssimativamente equivalente alla labilità dei nessi associativi o al deragliamento. II concetto di tangenzialità è stato parzialmente ridefinito: comprende solo le risposte alle domande e non i passaggi nel discorso spontaneo.

39 G.De Plato39 D.Schizofrenico: Sintomi positivi Disturbi Formali del Pensiero Deragliamento È un tipo di discorso spontaneo in cui le idee passano da un tema ad un altro che è correlato in modo marginale ma chiaro o ad uno che è completamente non correlato. Talvolta le connessioni tra le idee possono essere vaghe, altre volte non si rileverà alcuna connessione. Questo tipo di discorso è spesso caratterizzato dall'apparire "sconnesso". Talvolta le connessioni tra le idee possono essere vaghe, altre volte non si rileverà alcuna connessione. Questo tipo di discorso è spesso caratterizzato dall'apparire "sconnesso". Colui che parla perde il filo del discorso ad ogni deragliamento, senza mostrare alcuna consapevolezza che la sua risposta non ha più connessione con la domanda posta. Questa anomalia è spesso caratterizzata da mancanza di coesione tra frasi e da ambiguità per quanto riguarda il soggetto delle frasi.

40 G.De Plato40 D.Schizofrenico: Sintomi Negativi Appiattimento Affettivo Diminuizione della normale gamma di emozioni. Si può associare allesperienza soggettiva di perdita delle emozioni (rabbia, amore etc) Segni: riduzione della mimica facciale riduzione movimenti spontanei riduzione movimenti spontanei carenza gestualità espressiva carenza gestualità espressiva monotonia tono di voce monotonia tono di voce

41 G.De Plato41 D.Schizofrenico: Sintomi Negativi Apatia Abulia Anergia Si riferiscono alla riduzione/assenza della volonta, delliniziativa e dellenergia Apatia assenza di reattività emotiva Abulia scarsa prontezza e capacità decisionale, bassa capacità volitiva Anergia perdita della spinta vitale, sensazione di perdita di forze Segni: scarsa cura personale ed igiene carenza di costanza sul lavoro carenza di costanza sul lavoro

42 G.De Plato42 D.Schizofrenico: Sintomi Negativi Alogia Povertà di linguaggio Povertà di contenuto dl linguaggio Maggior lentezza di risposta

43 G.De Plato43 D.Schizofrenico: Sintomi Negativi Anedonia-Asocialità Perdita dinteresse nelle attività ricreative Perdita di interesse sessuale Incapacità di sentire legami di intimità Incapacità di sentire legami di amicizia

44 G.De Plato44 D.Schizofrenico: Sintomi Negativi Attenzione Incapacità a focalizzare lattenzione su stimoli rilevanti Distraibilità

45 G.De Plato45 D.Schizofrenico: Sintomi Negativi Memoria Alterazioni della memoria a breve e a lungo termine Alterazioni della memoria semantica e della working memory

46 G.De Plato46 D.Schizofrenico: Sintomi Negativi Funzioni Esecutive Deficit nellelaborazione e nella conduzione di progetti o nella risoluzione di problemi con vario grado di complessità DistraibilitàPerseverazione Associata ad alterazioni anatomofunzionali della corteccia prefrontale

47 G.De Plato47 D.Schizofrenico: Motricità Le alterazioni più frequenti sono: EccitamentoRallentamento Arresto psicomotorio AbuliaTicImpulsivitàNegativismo Obbedienza automatica Manierismi e stereotipie Bizzarrie.

48 G.De Plato48 D.Schizofrenico: Motricità Arresto psicomotorio: riduzione delle attività fino allarresto –stupore (arresto e mutismo) –catatonia (rigidità motoria, postura bizzarra,mantenimento postura imposta, mimica assente, impulsi improvvisi ) Abulia: riduzione della spinta volitiva con inibizione delliniziativa Impulsività: comportamento insensato ed imprevedibile che non è sotto il controllo della volontà e non risponde alla riflessione. Negativismo: resistenza o opposizione alle domande, alle richieste o ai comandi di una persona mutacismo (ostinato rifiuto a rispondere).

49 G.De Plato49 D.Schizofrenico: Criteri Diagnostici A Sintomi caratteristici. Almeno due dei seguenti sintomi, osservabili per buona parte del tempo durante un periodo di un mese: 1. Deliri. 2. Allucinazioni. 3.Linguaggio disorganizzato (incoerenza o frequenti divagazioni). 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico. 5. Sintomi negativi, per esempio appiattimento delle emozioni e dellumore, mancanza di volontà (abulia) o mancanza di logica. Adattato dal DSM IV

50 G.De Plato50 D.Schizofrenico: Criteri Diagnostici Disfunzione sociale o professionale. Marcata riduzione rispetto al passato dellefficienza sul lavoro, nei rapporti interpersonali o nella cura di sé fin dalla comparsa dei sintomi iniziali (nei bambini o negli adolescenti: incapacità di raggiungere i livelli previsti di funzionamento interpersonale, scolastico o professionale). Durata. Persistenza continua dei segni del disturbo per almeno sei mesi, di cui almeno un mese con i sintomi caratteristici descritti sopra. Esclusione di altre possibili diagnosi. La valutazione psichiatrica esclude il disturbo schizoaffettivo, le condizioni cliniche e i problemi provocati dalluso di sostanze chimiche come possibili cause del disturbo.

51 G.De Plato51 D.Schizofrenico: Sottotipi Tipo Paranoide Un tipo di d.Schizofrenico nel quale risultano soddisfatti i seguenti criteri: A. Preoccupazione relativa a uno o più deliri o frequenti allucinazioni uditive. B. Nessuno dei seguenti sintomi è rilevante: eloquio disorganizzato, comportamento disorganizzato o catatonico, affettività appiattita o inadeguata Tipo Disorganizzato Un tipo di d.Schizofrenico in cui risultano soddisfatti i seguenti criteri A.Sono in primo piano tutti i seguenti sintomi:1) eloquio disorganizzato; 2) comportamento disorganizzato;3) affettività appiattita o inadeguata B. Non risultano soddisfatti i criteri per il Tipo Catatonico.

52 G.De Plato52 D.Schizofrenico : Sottotipi Tipo Catatonico Un tipo di d.Schizofrenico nel quale il quadro clinico è dominato da almeno due dei seguenti sintomi: 1) arresto motorio come evidenziato da catalessia (inclusa flessibilità cerea) o da stupor; 2) eccessiva attività motoria (che è apparentemente senza scopo e non influenzata da stimoli esterni); 3) negativismo estremo (resistenza apparentemente senza motivo a tutti i comandi o mantenimento di una postura rigida contro i tentativi di mobilizzazione) o mutacismo; 4) peculiarità del movimento volontario, come evidenziato dalla tendenza alla postura fissa (assunzione volontaria di pose inadeguate o bizzarre), da movimenti stereotipati, da rilevanti manierismi o smorfie; 5) ecolalia o ecoprassia.

53 G.De Plato53 D.Schizofrenico : Sottotipi Tipo Indifferenziato Un tipo di D.Schizofrenico nel quale sono presenti i sintomi che soddisfano il Criterio A, ma che non soddisfano i criteri per il Tipo Paranoide, Disorganizzato o Catatonico Tipo Residuo Un tipo di D.Schizofrenico nel quale risultano soddisfatti i seguenti criteri: A. Assenza di rilevanti deliri e allucinazioni, eloquio disorganizzato e comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico. B. Vi è manifestazione continua del disturbo, come indicato dalla presenza di sintomi negativi o di due o più sintomi elencati nel Criterio A per la Schizofrenia, presenti in forma attenuata (per es., convinzioni strane, esperienze percettive inusuali).

54 G.De Plato54 D.Schizofrenico: Decorso Periodo Premorboso Nel 50% dei casi non sono riscontrabili tratti di personalità distintivi Nel 25% sono stati evidenziati tratti aspecifici (elevata sensibilità, instabilità, difficoltà a stare con altri) Nel 25% disturbo schizoide e schizotipico di personalità (Spettro Schizofrenico)

55 G.De Plato55 D.Schizofrenico: Decorso Periodo Prodromico Modificazioni emotive: sospettosità,perplessità, depressione, ansia, irritabilità, impulsività, tensione. Modificazioni Cognitive: difficoltà di concentrazione, vaghezza, idee bizzarre. Modificazioni della percezione di sé (ad es depersonalizzazione, dismorfofobia) e degli altri (ad es.derealizzazione) Modificazioni delle abitudini e dei comportamenti (alterazione appetito, ritmo sonno-veglia, ritiro sociale..) Abuso di alcool e sostanze (autoterapia?)

56 G.De Plato56 D.Schizofrenico: Decorso Esordio/Fase acuta (Episodio) Sintomi Positivi Sintomi Negativi Deficit Cognitivi variamente combinati tra loro con prevalenza delluno o dellaltro eterogeneità del quadro clinico eterogeneità del quadro clinico

57 G.De Plato57 Abuso di sostanze: lesordio psicotico è spesso associato ad abuso di sostanze. Se i sintomi persistono per più di una settimana nonostante una documentata disintossicazione,si può considerare se il quadro sia primariamente psicotico. In adolescenza, non è raro che il primo break coincida con labuso di sostanze, che agiscono come fattore esacerbante piuttosto che essere agente primario (Unis, Mc Lellan, 1993) D.Schizofrenico ed abuso di Sostanze

58 G.De Plato58 D.Schizofrenico: Decorso Remissione Diverso da guarigione (restitutio ad integrum) Fase di plateau (dopo la fase di acuzie, succede poco,descritta come fase di riorganizzazione, del tenersi insieme) Esiti variegati: persistenza di sintomi positivi (allucinazioni uditive) non responsivi al trattamento sintomi negativi primari e secondari

59 G.De Plato59 D.Schizofrenico: Decorso Fase di remissione/residua Apatia generale: emozioni o reazioni non appropriate. Mancanza di volontà (abulia): non disponibilità a portare a termine un compito. Mancanza di logica: la persona salta da un argomento allaltro senza un apparente ordine logico o passa da unattività allaltra

60 G.De Plato60 D.Schizofrenico: Decorso Fase di remissione/residua Incapacità di provare piacere (anedonia): assenza di gioia. Compromissione dellattenzione: la persona non è in grado di concentrarsi su un compito anche se semplice. Compromissione della capacità di instaurare rapporti con gli altri: isolamento quasi totale o eccessiva dipendenza dai genitori o da altre persone.

61 G.De Plato61 D.Schizofrenico: Comprensione Psicodinamica Il modello del conflitto e quello del deficit Il ritiro autistico (Freud) Le difficoltà precoci interpersonali (Sullivan) Difettoso confine dellIo (Federn) I fattori genetici e la famiglia (Wahlberg) I sintomi psicotici hanno un significato

62 G.De Plato62 D.Schizofrenico: Approccio terapeutico Solo un numero limitato di persone (circa 10%) risponde a un trattamento con psicofarmaci o con ricovero breve. La libertà dai sintomi positivi è quasi una conditio sine qua non per i trattamenti psicosociali (Keith e Matthews) Alleanza terapeutica Trattamento combinato

63 G.De Plato63 D.Schizofrenico: Approccio terapeutico Farmacoterapia la non-compliance alla terapia è un problema. La prescrizione di un farmaco antipsicotico deve tendere a stabilire una alleanza terapeutica Psicoterapia Il trattamento alternato o combinato di Farmaci e Psicoterapia permette di raggiungere esiti migliori. Il trattamento alternato o combinato di Farmaci e Psicoterapia permette di raggiungere esiti migliori.

64 G.De Plato64 D.Schizofrenico: Approccio terapeutico Programma personalizzato ed integrato: Farmacoterapia Psicoterapia individuale Psicoterapia di gruppo Intervento sulla famiglia Intervento sulle capacità psicosociali Trattamento ospedaliero Riabilitazione e reinserimento sociale

65 G.De Plato 65 Disturbi Dissociativi

66 G.De Plato66 I Disturbi Dissociativi I disturbi sono dovuti alla separazione di alcuni processi mentali dalla coscienza. Le alterazioni non permettono la integrazione della coscienza con la memoria e la identità. Sono modificati il senso di Sé e la capacità di integrare i ricordi e le percezioni.

67 G.De Plato67 I Disturbi Dissociativi Disturbi dellidentità e del senso di sé Disturbi dellidentità e del senso di sé Disturbo dissociativo dellidentità Amnesia dissociativa Disturbo di depersonalizzazione Fuga dissociativa

68 G.De Plato68 Disturbo Dissociativo dellIdentità Presenza allinterno di una persona di due o più stati di identità o di personalità distinti. Almeno due di questi stati di personalità assumono ripetutamente il controllo del comportamento della persona. Incapacità di ricordare informazioni personali importanti. Lalterazione non è dovuta agli effetti diretti di sostanze o a una condizione clinica generale. Adattato dal DSM IV.

69 G.De Plato69 Amnesia Dissociativa Uno o più episodi, solitamente a seguito di trauma o di stress, in cui la persona è incapace di ricordare importanti informazioni personali. Questa alterazione non si manifesta unicamente come un sintomo di disturbo dissociativo dellidentità, di fuga dissociativa, di disturbo post-traumatico da stress, di disturbo da stress acuto o di disturbo da somatizzazione, e non è dovuta agli effetti diretti di una sostanza (per esempio una droga dabuso o un farmaco) né è riconducibile a una condizione neurologica o ad altra condizione clinica generale. I sintomi provocano notevole sofferenza o comportano difficoltà in ambito sociale, professionale o in altri importanti campi di attività. Adattato dal DSM IV.

70 G.De Plato70 Disturbo di Depersonalizzazione Esperienze persistenti o ricorrenti in cui la persona si sente distaccata dai propri processi mentali o dal proprio corpo e si comporta da osservatore estraneo. Durante questa esperienza la percezione della realtà rimane intatta. Adattato dal DSM IV

71 G.De Plato71 Disturbo di Depersonalizzazione La depersonalizzazione provoca notevoli difficoltà in ambito sociale, professionale o in altri campi di attività, e causa acuta sofferenza. Lesperienza non si verifica esclusivamente nel corso di un altro disturbo mentale, quale d. schizofrenico, identità dissociativa, stress acuto o disturbo da attacchi di panico, e non è dovuta agli effetti diretti di una sostanza né risulta riconducibile a una condizione clinica generale. Adattato dal DSM IV

72 G.De Plato72 Fuga Dissociativa Lalterazione principale è unimprovvisa, inaspettata fuga da casa o dallabituale posto di lavoro, unita allincapacità di ricordare il passato. Confusione riguardo allidentità personale o assunzione di unidentità parzialmente o completamente nuova. Lalterazione non si manifesta solamente nel corso di un disturbo dissociativo dellidentità e non è dovuta agli effetti diretti di una sostanza o a una condizione clinica generale. I sintomi provocano sofferenza significativa o difficoltà in ambito sociale, professionale o in altri campi di attività. Adattato dal DSM IV

73 G.De Plato73 Disturbi Dissociativi: Comprensione psicodinamica Influenza patogenetica dei conflitti Influenza patogenetica degli eventi reali La dissociazione come difesa da un trauma che permette il distacco per poi collocare levento Completa adesione ad alcuni aspetti della esperienza, ignorandone del tutto gli altri Il trauma come interruzione della continuità della esperienza.

74 G.De Plato74 Disturbi Dissociativi: Approccio Terapeutico Farmacoterapia La psicoterapia e lalleanza terapeutica La psicoterapia psicodinamica Il trattamento ospedaliero Il trattamento ambulatoriale Trattamento integrato Programma terapeutico-riabilitativo personalizzato

75 G.De Plato75 Disturbo Schizofreniforme

76 G.De Plato76 Il Disturbo Schizofreniforme Sintomi caratteristici. Almeno due dei seguenti sintomi, osservabili per buona parte del tempo nellarco di un mese: 1. Deliri. 2. Allucinazioni. 3. Linguaggio disorganizzato. 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico. 5. Sintomi negativi, per esempio appiattimento delle emozioni e dellumore, mancanza di volontà (abulia) o mancanza di logica.

77 G.De Plato77 Il Disturbo Schizofreniforme Durata. Un episodio dura almeno un mese, ma meno di sei mesi. Esclusione di altre possibili diagnosi. La valutazione psichiatrica esclude il disturbo schizoaffettivo, le condizioni mediche e i problemi provocati dalluso di sostanze chimiche come possibili cause del disturbo. Adattato dal DSM IV

78 G.De Plato78 Disturbo Schizoaffettivo

79 G.De Plato79 Disturbo schizoaffettivo Definizioni nosografiche non uniformi ICD10: condizioni morbose caratterizzate dalla presenza contemporanea di una sintomatologia di tipo schizofrenico e di una di tipo affettivo (depressione, disturbo maniacale, misto) DSM-IV: come ICD-10 ed inoltre richiede che la persona abbia presentato in passato sintomi psicotici in assenza di alterazioni dellumore.

80 G.De Plato80 Disturbo schizoaffettivo Per alcuni autori le sindromi schizoaffettive sono in realtà varietà atipiche della schizofrenia o dei disturbi dellumore maggiori e pertanto costituiscono diagnosi provvisoria Altri autori e considerano entità diagnostica autonoma

81 G.De Plato81 Disturbo Psicotico Breve

82 G.De Plato82 Disturbo Psicotico Breve: storia Insieme di quadri clinici eterogenei accomunati da: - Sintomi psicotici (deliri, allucinazioni, alterazione esame di realtà etc) - Esordio acuto (fattori precipitanti identificabili di notevole impatto emotivo) - Buon livello di adattamento premorboso - Decorso remittente (buona prognosi) Psicosi schizofreniforme (Langfeld 1937) Psicosi cicloidi (Leonhard e scuola tedesca) Psicosi reattica breve (scuola scandinava) Bouffèe delirante (Ey e scuola francese)

83 G.De Plato83 Disturbo Psicotico Breve: DSM-IV Almeno uno dei seguenti sintomi: 1. Deliri. 2. Allucinazioni. 3. Linguaggio disorganizzato. 4.Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico. Adattato dal DSM IV

84 G.De Plato84 Disturbo Psicotico Breve: DSM-IV Durata di almeno un giorno ma non superiore al mese, con pieno ritorno al precedente livello di funzionalità. Durata di almeno un giorno ma non superiore al mese, con pieno ritorno al precedente livello di funzionalità. Il disturbo non è imputabile alla schizofrenia, agli effetti diretti di una sostanza chimica (droghe dabuso o farmaci), a un disturbo dellumore o a una condizione medica generale. Il disturbo non è imputabile alla schizofrenia, agli effetti diretti di una sostanza chimica (droghe dabuso o farmaci), a un disturbo dellumore o a una condizione medica generale. Adattato dal DSM IV

85 G.De Plato85 Disturbo Delirante

86 G.De Plato86 Disturbo Delirante: DSM-IV Deliri non bizzarri (riguardanti situazioni reali, per esempio essere convinti di venire seguiti, avvelenati, contagiati, amati a distanza, di avere una malattia o di venire traditi dal coniuge o dallamante) che durano almeno un mese. Nessun sintomo di schizofrenia per più di qualche ora. Adattato dal DSM IV

87 G.De Plato87 Disturbo Delirante: DSM-IV Nessuna compromissione funzionale o nessun comportamento strano o bizzarro, fatta eccezione per il delirio e per le sue conseguenze. Eventuali sintomi di breve durata di un disturbo dellumore. I sintomi non sono imputabili agli effetti diretti di una sostanza chimica (droghe dabuso o farmaci) o a una condizione medica generale. Adattato dal DSM IV

88 G.De Plato88 Folie a deux

89 G.De Plato 89 Il Disturbo Psicotico Condiviso Una persona che vive in stretta relazione con un soggetto con delirio psicotico sviluppa a sua volta un delirio dello stesso contenuto FOLIE A DEUX


Scaricare ppt "G.De Plato 1 Disturbo Schizofrenico e Disturbi Psicotici Università degli Studi di Bologna Facoltà di Psicologia Sede di Cesena Insegnamento di Psichiatria."

Presentazioni simili


Annunci Google