La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

STUDIO ARCHEOMETRICO DI CAMPIONI DI OPUS SIGNINUM DA DECORAZIONI PAVIMENTALI ROMANE SITUATE NEL CENTRO STORICO DI VERONA – 29 Si NMR e 27 AL NMR DELLE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "STUDIO ARCHEOMETRICO DI CAMPIONI DI OPUS SIGNINUM DA DECORAZIONI PAVIMENTALI ROMANE SITUATE NEL CENTRO STORICO DI VERONA – 29 Si NMR e 27 AL NMR DELLE."— Transcript della presentazione:

1 STUDIO ARCHEOMETRICO DI CAMPIONI DI OPUS SIGNINUM DA DECORAZIONI PAVIMENTALI ROMANE SITUATE NEL CENTRO STORICO DI VERONA – 29 Si NMR e 27 AL NMR DELLE MATRICI GEOPOLIMERICHE Federica Fenzi, Sergio Tamburini CNR-ICIS, Padova Emanuela Callone, Sandra Dirè, Univ. Trento, Laboratorio NMR Stato Solido Dip. di Ingegneria dei Materiali e Tecnologie Industriali Giuliana Cavalieri Manasse, Soprintendenza per i Beni Archeologici del Veneto Settore Territorio Sede di Padova – Nucleo di Verona C.N.R. Istituto di Chimica Inorganica e delle Superfici., C.so Stati Uniti 4, 35127 Padova, ITALY Quinta Giornata di Studio. Gruppo di Lavoro «Geopolimeri» Materiali Geopolimerici per i Beni Culturali 21 marzo 2012

2 Introduzione Lintonaco utilizzato dai Romani per il rivestimento di cisterne e bacini idrici, e anche per la realizzazione di pavimentazioni ovvero lOpus Signinum, si forma in seguito ad una reazione di geopolimerizzazione ed è uno dei più antichi materiali geopolimerici prodotti dalluomo. Cocciopesto: cocci finemente macinati + calce spenta = reazione di geopolimerizzazione + lento processo di carbonatazione Figura 2. Schema della tessitura di un Opus Signinum, costitutito da una matrice fine e dagli aggregati ceramici visibili ad occhio nudo Particolare di Opus Signinum con tessere e losanghe lapidee bianche e nere, dal sito di S. Cosimo 3 (centro storico di Verona) Scopo: Studio archeometrico di una campionatura scelta di reperti provenienti da pavimentazioni di epoca romana del centro storico di Verona - caratterizzazione del materiale di partenza (cocci finemente macinati) e della matrice calcica, in particolare della frazione allumino-silicatica geopolimerica.

3 Primo sito – Piazzetta Nogara Campione 1 (ambiente G): OS1 matrice; OS2 e OS3 aggregati ceramici (cocci); Campione 2 (ambiente L, primo livello): OS4 matrice; OS5 e OS6 aggregati ceramici (cocci); Campionatura Secondo sito – S.Cosma-3 - Campione 1 (matrice friabile rosa, preparazione dellOpus Sectile): OS7 matrice; OS8, OS9 e OS10 aggregati ceramici (cocci);

4 Risultati preliminari Caratterizzazione: spettroscopia MAS-NMR 29 Si della matrice geopolimerica OS1OS4OS7 δ (ppm) Rel. amou nt % δ (ppm) Rel. amoun t % δ (ppm) Rel. amou nt % Hypothetical structural unit -71.012,5Q1 [CaSiO4] -78.16,9Q2 [Ca3Si2O7] -83.711,4Q4(4Al) -86.016,6Q4(3Al) -95.092,9-95.156,1-95.257,0Q4(2Al) -101.54,2 Q3(0Al) o metacaol. crist. -106.71,5-106.77,3-106.36,2Q4(1Al) -113.65,6-116.311,8-111.38,1Q4(0Al) Analisi elementare ESEM-EDS espressa come % in atomi OS1OS4OS7 Si/Al2.9Si/Al2.3Si/Al 2.5 Ca42Ca77.4Ca27.7 29 Si solid state NMR of the samples. Peaks marked with * are spinning sidebands

5 27 Al : Presenza di 2 picchi a 60.0 e 8.0 ppm attribuibili rispettivamente a siti tetraedrici Al(IV) e ottaedrici Al(VI). Spalla destra del picco principale (campione OS1) attribuita a risonanza di specie Al(V) oppure ad Al(IV) in reticolo molto distorto [4]. Risultati Preliminari Analisi semiquantitativa per i tre campioni esaminati: OS1 Al(IV):Al(VI) = 84:16, OS4 Al(IV):Al(VI) = 89:11, OS7 Al(IV):Al(VI) = 87:13. Caratterizzazione spettroscopia MAS- NMR 27 Al della matrice geopolimerica Analisi elementare ESEM-EDS espressa come % in atomi OS1OS4OS7 Si/Al2.9Si/Al2.3Si/Al 2.5 Ca42Ca77.4Ca27.7 Conclusioni: BUON GRADO DI TRASFORMAZIONE DELLA COMPONENTE METACAOLINITICA – BASSA % DI Al(VI)

6 Indagini in corso: studio MAS-NMR degli aggregati ceramici e sua comparazione con quello delle rispettive matrici geopolimeriche - valutazione sul grado di polimerizzazione/reattività di questi ultimi – valutazioni sulla struttura polimerica dellOpus Signinum prodotto. Conclusioni Indagini da effettuare: diffrattometria - XRD a polveri per lindividuazione dei minerali contenuti nellimpasto ceramico; Studio petrografico della sezione sottile - caratterizzazione dellimpasto ceramico degli aggregati utilizzati (matrice argillosa, smagranti, minerali refrattari) analisi chimiche quantitative ICP-MS la quantificazione degli elementi in ultratraccia ed in particolare delle terre rare e degli isotopi del Pb (studio comparato sulla provenienza dellargilla impiegata); Prospettive: estendere lo studio ad altri reperti di cocciopesto proveneienti dal centro storico di Verona- pavimenti ed intonaci per opere idriche (geopolimeri impermeabili!!!). Bibliografia Davidovits J. and Davidivits F., (1999), Archaeological Analogues and long-term stability of geopolimeric materials. Results from the European research project Geocistem, Geopolymers 99 Proceedings, 283-295. Davidovits J., (1994), Geopolymers: man-made rock geosynthesis and the resulting development of very early high strength cement, J. Mater. Educ., 16, 91-137. E. Prudhomme et al., J. Non –Cryst. Solids, 2011, 357, 3637-3647 M.R. Wang, et al, Mater. Letters, 2010, 64, 2551- 2554. G. Engelhardt and D. Micheal, 1987, High Resolution solid State NMR of silicates and Zeolites, Chichester, John Wiley &Sons. F. Zibouche et al., Appl.Clay Sci., 2009, 43, 453- 458. M. Magi et al., J. Phys. Chem., 1984, 88, 1518.


Scaricare ppt "STUDIO ARCHEOMETRICO DI CAMPIONI DI OPUS SIGNINUM DA DECORAZIONI PAVIMENTALI ROMANE SITUATE NEL CENTRO STORICO DI VERONA – 29 Si NMR e 27 AL NMR DELLE."

Presentazioni simili


Annunci Google