La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il processo esecutivo 1. 2 3 4 Dr. Emanuele Riviello Giudice delegato ai fallimenti Tribunale di Firenze Tribunale di Firenze.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il processo esecutivo 1. 2 3 4 Dr. Emanuele Riviello Giudice delegato ai fallimenti Tribunale di Firenze Tribunale di Firenze."— Transcript della presentazione:

1 il processo esecutivo 1

2 2

3 3

4 4 Dr. Emanuele Riviello Giudice delegato ai fallimenti Tribunale di Firenze Tribunale di Firenze

5 il processo esecutivo 5 RIFERIMENTI NORMATIVI Modifiche c.p.c. Art. 3 L. D.L. n. 35/2005 (convertito nella L. n. 80/2005) Entrata in vigore Art. 8 D.L. n. 115/2005 (convertito nella L. n. 168/2005) rinviata al 1° gennaio 2006 Art. 474 e ss. c.p.c. L. n.302/1998

6 il processo esecutivo 6 ULTERIORI MODIFICHE NORMATIVE L. 28 dicembre 2005 n. 263 introduce norme di modifica delle disposizioni del c.p.c. introdotte con la L. n. 80/2005 L. 24 febbraio 2006 n. 52 introduce altre modifiche sia allart. 492 c.p.c. che alle esecuzioni mobiliari

7 il processo esecutivo 7 ULTIME MODIFICHE D.L. 30/12/2005 n. 271 differisce al 1°/3/2006 entrata in vigore delle norme processuali introdotte con il D.L. n. 35/2005 convertito in L. n. 80/2005 (modificato dal D.L. n. 115/2005 convertito in L. n. 168/2005) DECRETO DECADUTO MA DIFFERIMENTO CONFERMATO DA ART. 39 bis L. 23/2/2006 n. 51

8 il processo esecutivo 8 APPLICABILITA DELLE NUOVE DISPOSIZIONI A TUTTE LE PROCEDURE ESECUTIVE PENDENTI AL MOMENTO DELLA ENTRATA IN VIGORE ESCLUSE QUELLE PER LE QUALI SIA STATA DISPOSTA LA VENDITA GLI INTERVENTI DEI CREDITORI SENZA TITOLO SONO EFFICACI SE AVVENUTI PRIMA DEL 1° MARZO 2006

9 il processo esecutivo 9 LE LINEE PORTANTI DELLA RIFORMA Nuova disciplina del titolo esecutivo Nuova disciplina degli interventi Nuove modalità di custodia Nuove modalità di vendita Nuova regolamentazione delle opposizioni

10 il processo esecutivo 10 LA RESPONSABILITA PATRIMONIALE Art c.c. Art c.c. Art c.c. FINALITA Evitando la dispersione del patrimonio del debitore Disponendo la ricostruzione del patrimonio del debitore (azione revocatoria ordinaria e fallimentare) Il debitore è responsabile con tutti i suoi beni presenti e futuri I creditori hanno diritto di soddisfarsi, salvo le legittime cause di prelazione Divieto patto commissorio Primato della legge (esclusa la responsabilità personale) Massimizzazione della liquidazione del patrimonio del debitore Garanzia del soddisfacimento dei diritti dei creditori

11 il processo esecutivo 11 A B Esecuzione individuale (aggressione di uno o più beni da parte del creditore procedente e degli intervenuti) Si soddisfano solo i creditori che vi partecipano: A.1) in proporzione del ricavato A.2) salvo le legittime cause di prelazione purché compiano atti di impulso Procedura concorsuale (di rilevanza pubblica, investe tutti i beni del debitore e viene condotta dal curatore) Officiosa – tende a soddisfare tutti i creditori (iniziativa del curatore) LA PAR CONDICIO CREDITORUM

12 il processo esecutivo 12 Le procedure concorsuali sono (art. 52 L.F.): A.1) universali (liquidazione intero patrimonio del debitore) A.2) collettive (soddisfacimento ragioni dei creditori) Le procedure individuali sono caratterizzate al potere dispositivo: B.1) del creditore (scelta di iniziare o proseguire lazione esecutiva) B.2) del debitore (di insorgere o limitare la portata dellazione esecutiva)

13 il processo esecutivo 13 Processo giurisdizionale (serie coordinata di atti successivi funzionale ad un fine) Processo giurisdizionale (serie coordinata di atti successivi funzionale ad un fine) Processo di cognizione (decisione rapporto in contestazione) Processo di esecuzione (realizzazione concreta del diritto consacrato nel titolo esecutivo) Azione esecutiva Presupposto Condizione di ammissibilità Inadempimento titolo esecutivo Sanzione esecutiva

14 il processo esecutivo 14 Rapporti processo di cognizione e processo di esecuzione situazione di incertezza iniziale cristallizzazione di assoluta certezza finale permanenza inadempimento CognizioneEsecuzione certezza del diritto riconoscimento della realizzazione diritto solo prestazioni fungibili Fallimento Esecuzione individuale

15 il processo esecutivo 15 Mancanza di contraddittorio Non significa mancanza di rapporti tra le parti (notifica titolo esecutivo e precetto) Non significa mancanza di rapporti con il giudice (udienze-audizione)

16 il processo esecutivo 16 TITOLO ESECUTIVO ( con formula esecutiva) Giudiziale 1. Sentenza 2. Ordinanza 3. Decreto Stragiudiziale 1. Titoli di credito 2. Atti notarili o di pubblico ufficiale 3. Altre figure 4. Scritture private autenticate per somme di danaro

17 il processo esecutivo 17 INNOVAZIONE NORMATIVA del D.L. n. 35/2005 convertito in L. 80/2005 La funzione della forza esecutiva delle scritture private autenticate (da notaio) è quella di ridurre il ricorso alla tutela giurisdizionale

18 il processo esecutivo 18 Altri titoli stragiudiziali Qualsiasi atto contenente il riferimento ad obbligazioni di somme di denaro di cui negli stessi si dia atto, ricevuti da A) notai B) altro pubblico ufficiale Segretario comunale o provinciale Console allestero in funzione di notaio

19 il processo esecutivo 19 TITOLO ESECUTIVO EUROPEO Regolamento 21 aprile 2004 n. 805 del Parlamento Europeo e del Consiglio - art. 33 (in vigore dal 21 ottobre 2005) crediti non contestati non occorre delibazione dello Stato membro dove il titolo deve essere eseguito si applica in materia civile e commerciale

20 il processo esecutivo 20 EFFETTI DEL TITOLO ESECUTIVO NON IMPLICA ACCERTAMENTO NE CERTEZZA DELLESISTENZA DEL DIRITTO DI CREDITO Alcuni titoli giudiziari si fondano su cognizione sommaria Vi sono titoli Vi sono titoli Contro tutti i titoli debitore può insorgere (art. 615 c.p.c.) giudiziali stragiudiziali stragiudiziali

21 il processo esecutivo 21 CARATTERISTICA DEI TITOLI ESECUTIVI Sono solo quelli indicati come tali dalla legge Sono un numerus clausus Né il giudice né le parti possono crearne di diversi Norme che li prevedono sono di carattere eccezionale (esclusa analogia art. 14 preleggi)

22 il processo esecutivo 22 REQUISITI DEL CREDITO PORTATO DAL TITOLO ESECUTIVO (artt. 474 c.p.c. e 525 c.p.c.) certo (contenuto del diritto di credito determinato in modo preciso o facilmente determinabile) liquido (determinato esattamente nellammontare o determinabile con mere operazioni matematiche) esigibile (non sottoposto a termine o condizione)

23 il processo esecutivo 23 Inizio del processo esecutivo Atti stragiudiziali 1. Notifica titolo esecutivo alla parte di persona 2. Precetto (adempimento entro 10 gg) contenente trascrizione cambiale, assegno, vaglia cambiario, scrittura privata autenticata (presupposti o condizioni preliminari) Atto giudiziale Pignoramento Primo atto esecutivo Mobiliare Immobiliare Apprensione Trascrizione beni

24 il processo esecutivo 24 Deviazioni Deviazioni Opposizioni Coinvolgimento legittimo di terzi Comproprietà Rinvio Cose del debitore in possesso di terzi Crediti verso terzi Beni mobili legittimamente presso terzi Beni di terzi su cui il debitore vanti legittima causa di prelazione Separazione in natura Giudizio di divisione (sospensione necessaria)

25 il processo esecutivo 25 a)Notifica pignoramento (1° atto esecutivo-art. 491 c.p.c.) b)Deposito istanza di vendita entro 90 gg. pena inefficacia pignoramento (art. 497 c.p.c) c)Rinuncia: espressa (art. 629 c.p.c.) o per fatti concludenti (art c.p.c.) Mancata riassunzione Mancata partecipazione a due udienze consecutive d) Intervento nella procedura esecutiva promossa da altro creditore e) Richiesta di assegnazione del bene POTERI DISPOSITIVI DEL CREDITORE

26 il processo esecutivo 26 Funzione del pignoramento ( atto pubblico) Individuazione dei beni Garanzia contro atti di disposizione Si assoggetta il bene a procedimento di trasformazione in somma di denaro

27 il processo esecutivo 27 Effetti del pignoramento Processuale Inizio esecuzione Sostanziali 1. perdita possesso (o detenzione) 2. inefficacia atti di disposizione 3. assoggettamento a pignoramento anche dei frutti del bene

28 il processo esecutivo 28 FORMA DEL PIGNORAMENTO MOBILI IMMOBILICREDITI O COSE PRESSO TERZI materiale apprensione del bene trascrizione citazione per provocare dichiarazione

29 il processo esecutivo 29 Forma del pignoramento (ufficiale giudiziario) (art. 492) Ingiunge a debitore di astenersi dal sottrarre beni Invita il debitore a dichiarare residenza o eleggere domicilio in uno dei comuni del circondario (in difetto o in caso di irreperibilità al domicilio: notifiche in cancelleria) Avverte il debitore della possibilità di avvalersi della conversione di cui allart. 495

30 il processo esecutivo 30 per soddisfare creditore procedente U.G. richiede INSUFFICIENZA BENI PIGNORATI O MANIFESTA LUNGA DURATA LIQUIDAZIONE (estensione del pignoramento) di indicare altri beni pignorabili di indicare altri beni pignorabili luoghi dove si trovano luoghi dove si trovano generalità terzi debitori generalità terzi debitori avvertenza sanzione per omessa o falsa dichiarazione (V c. art. 388 c.p.: reclusione fino a 1 anno o multa fino a 516)

31 il processo esecutivo 31 MOBILI INSUFFICIENZA BENI PIGNORATI O MANIFESTA DURATA LIQUIDAZIONE (debitore indica altri beni) considerati pignorati dal momento della dichiarazione (U.G. accede e apprende denaro, preziosi, titoli e beni) crediti o mobili presso terzi: pignoramento perfezionato nei confronti del debitore dal momento della sua dichiarazione

32 il processo esecutivo 32 CUSTODIA MOBILI INSUFFICIENZA BENI PIGNORATI O MANIFESTA LUNGHEZZA DELLA LIQUIDAZIONE (debitore indica altri beni) Denaro: depositato da cancelliere nelle forme dei depositi giudiziari Preziosi e titoli: custoditi nei modi indicati dal G.E Debitore custode quando terzo paga o consegna prima della notifica del ricorso per dichiarazione

33 il processo esecutivo 33 INSUFFICIENZA BENI PIGNORATI O MANIFESTA LUNGHEZZA DELLA LIQUIDAZIONE (debitore indica altri beni) IMMOBILI Creditore procedente notifica pignoramento trascrizione

34 il processo esecutivo 34 INSUFFICIENZA BENI PIGNORATI PER INTERVENTO (estensione del pignoramento) Ricerca dei beni e dei crediti Anagrafe tributaria Altre banche dati pubbliche creditore procedente può chiedere a U.G. di procedere come per il caso precedente non individuati individuati ma insufficienti U.G. a richiesta procedente chiede informazioni

35 il processo esecutivo 35 DEBITORE IMPRENDITORE COMMERCIALE INSUFFICIENZA BENI PIGNORATI PER INTERVENTO (estensione del pignoramento) U.G. A RICHIESTA CREDITORE PROCEDENTE CHIEDE SCRITTURE NOMINA NOTAIO – COMMERCIALISTA – AVVOCATO PER INDIVIDUARE COSE E CREDITI PIGNORABILI SPESE A CARICO DEL PROCEDENTE

36 il processo esecutivo 36 DEBITORE IMPRENDITORE COMMERCIALE INSUFFICIENZA BENI PIGNORATI PER INTERVENTO (estensione del pignoramento) PROFESSIONISTA COSE O CREDITI NON DICHIARATI: SPESE A CARICO DEL DEBITORE CHIEDE INFORMAZIONI A UFF. FINANZ. SU LUOGO DI TENUTA E MODALITA CONSERVAZIONE E ACCEDE CON ASSISTENZA U.G (SE OCCORRE) TRASMETTE RELAZIONE A CREDITORE ISTANTE E U.G. (CHE LIQUIDA SPESE)

37 il processo esecutivo 37 Creditore pignorante può indicare ai chirografari tempestivi altri beni pignorabili (499 IV comma) INSUFFICIENZA BENI PIGNORATI PER INTERVENTO (estensione del pignoramento) li invita a pignorare se muniti di titolo esecutivo anticipa lui le spese se privi di titolo esecutivo pignoramento non esteso nei 30 gg.: procedente ha diritto di essere preferito nella distribuzione

38 il processo esecutivo 38 a)Limitazione mezzi espropriazione (art. 483) b)Pagamento a mani ufficiale giudiziario (art. 494) c)Conversione (art. 495) d)Riduzione pignoramento (art. 496) e)Cessazione esecuzione quando il prezzo raggiunga limporto delle spese e dei crediti (art. 504) POTERE REATTIVO O DISPOSITIVO DEL DEBITORE PER LIMITARE O SCONGIURARE GLI EFFETTI DEL PIGNORAMENTO

39 il processo esecutivo 39 OPPOSIZIONE CUMULO MEZZI ESPROPRIAZIONE CREDITORE UTILIZZA A SUA DISCREZIONE I MEZZI PREVISTI DALLA LEGGE ESECUZIONE MOBILIARE ESECUZIONE IMMOBILIARE OPPOSIZIONE G.E. CON ORDINANZA LIMITA AL MEZZO scelto dal creditore scelto da lui stesso

40 il processo esecutivo 40 Pagamento a mani dellufficiale giudiziario Evita lintervento di altri creditori Fa salva la ripetizione della somma E pagamento unilaterale che esclude lintervento del G.E.

41 il processo esecutivo 41 CONVERSIONE Debitore può chiedere la sostituzione delle cose pignorate con una somma di danaro comprensiva delle spese di esecuzione delle spese di esecuzione del credito del pignorante del credito del pignorante dei crediti degli intervenuti dei crediti degli intervenuti prima che sia disposta la vendita con versamenti rateali fino a 18 mesi

42 il processo esecutivo 42 EFFETTI DELLA CONVERSIONE Rimessa al G.E. valutazione di sospensione dellesecuzione Preclusi interventi dopo lordinanza di conversione Crediti da considerare quelli esistenti fino alludienza di comparizione delle parti

43 il processo esecutivo 43 Valore dei beni pignorati supera ammontare RIDUZIONE PIGNORAMENTO delle spese di esecuzione delle spese di esecuzione del credito del pignorante del credito del pignorante dei crediti degli intervenuti dei crediti degli intervenuti tutti comprensivi di capitale, interessi e spese G.E. Su istanza di parte dufficio dufficio può disporre la riduzione oppure

44 il processo esecutivo 44 CESSAZIONE VENDITA FORZATA VENDITA PUO AVVENIRE IN PIU VOLTE IN PIU LOTTI IN UNICO CONTESTO CESSA QUANDO PREZZO OTTENUTO RAGGIUNGE IMPORTO SPESE E CREDITI

45 il processo esecutivo 45 INTERVENTI (fino al 28 febbraio 2006) Creditore procedente Creditori intervenuti (deve essere in possesso (terzi che vantino un di un titolo esecutivo) credito anche senza titolo esecutivo) privilegiati chirografari privilegiati chirografari tempestivi tardivi intervenuti prima della dopo udienza di autorizzazione la vendita con titolo senza titolo

46 il processo esecutivo 46 INTERVENTI (dal 1° marzo 2006) condizioni creditori con titolo esecutivo creditori che al momento del pignoramento avevano eseguito un sequestro sui beni pignorati un diritto di prelazione risultante da pubblici registri un diritto di prelazione risultante da pubblici registri un pegno un pegno un diritto di credito pecuniario risultante da scritture contabili (art c.c.) un diritto di credito pecuniario risultante da scritture contabili (art c.c.) possono compiere atti esecutivi (art. 526)

47 il processo esecutivo 47 INTERVENTI (dal 1° marzo 2006) tempo (art. 525) Piccola espropriazione mobiliare (valore entro euro ) Generalità dei casi non oltre la data di presentazione dellistanza di assegnazione o di vendita non oltre la prima udienza fissata per lautorizzazione dellassegnazione o della vendita (art. 499 lo impone prima delludienza in cui è disposta la assegnazione o la vendita)

48 il processo esecutivo 48 INTERVENTI (dal 1° marzo 2006) effetti (art. 500) partecipa alla distribuzione della somma ricavata partecipa alla espropriazione del bene pignorato Creditore intervenuto provoca i singoli atti di espropriazione

49 il processo esecutivo 49 INTERVENTI (dal 1° marzo 2006) contenuto del ricorso indicazione del credito indicazione del titolo domanda di partecipazione alla distribuzione del ricavato dichiarazione di residenza o elezione di domicilio allegazione dellestratto autentico delle scritture (se credito risulta da esse)

50 il processo esecutivo 50 INTERVENTI (tipologia) Si distinguono a seconda del MOMENTO dellintervento tempestivitardivi entro la prima udienza fissata per lautorizzazione alla vendita chirografari Oltre quelludienza si soddisfano se avanza iscritti e privilegiati concorrono in ragione dei diritti di prelazione

51 il processo esecutivo 51 INTERVENUTI Tempestivi si soddisfano in ogni caso (se vi è attivo) secondo le legittime cause di prelazione o in assenza secondo il principio della par condicio creditorum (salvo per omessa aggressione beni indicati dal creditore procedente: soddisfacimento solo su residuo Tardivi 1. si soddisfano solo sul residuo come i chirografi 2. se sono creditori iscritti e privilegiati e intervengono prima della distribuzione si soddisfano secondo le legittime cause di prelazione

52 il processo esecutivo 52 Avviso ai creditori iscritti a cura del procedente (art. 498) Provoca interventi dei creditori con diritto di prelazione risultante da pubblici registri ( titolare di diritto reale di garanzia non può fare opposizione di terzo, ma deve intervenire) Intervento deve avvenire prima delludienza di distribuzione (art. 566) In mancanza G.E. non può disporre la vendita Avviso solo ai creditori iscritti perché i titolari di pegno hanno la materiale disponibilità della cosa

53 il processo esecutivo 53 TRATTAMENTO DEI CREDITORI PRIVI DI TITOLO ESECUTIVO Giudice fissa udienza di comparizione del debitore e dei creditori intervenuti privi di titolo nella quale il debitore compare e non contesta in tutto o in parte i crediti (ai soli fini dellesecuzione) compare e contesta (accantonamento somme in attesa dellottenimento del titolo esecutivo) non compare (crediti riconosciuti)

54 il processo esecutivo 54 INTERVENTI PRIVI DI TITOLO ESECUTIVO EFFETTUATI ENTRO 28 FEBBRAIO 2006 SONO EFFICACI IN FORZA DELLA LEGGE ANTERIORE E PERMETTONO PARTECIPAZIONE AL RICAVATO

55 il processo esecutivo 55 PIGNORAMENTO SUCCESSIVO conservatore che trascrive e rileva esistenza di precedente pignoramento ne fa menzione nella nota di trascrizione atto depositato in cancelleria e inserito in un unico fascicolo

56 il processo esecutivo 56 CUSTODIA BENI PIGNORATI non lo sostituisce (manca utilità) lo sostituisce con delegato o commissionario G.E. PROVVEDE DUFFICIO

57 il processo esecutivo 57 CUSTODIA BENI PIGNORATI

58 il processo esecutivo 58 OBBLIGHI DEL CUSTODE SE DEBITORE ABITA SE G.E. AUTORIZZA (NON PIU PREVISTO ASSEGNO ALIMENTARE SE PRIVO DI MEZZI) CHIUNQUE SIA RENDE IL CONTO LOCA BENE SOLO CON AUTORIZZAZIONE DEL G.E. FA ESAMINARE AD OFFERENTI BENE IN VENDITA AMMINISTRA E GESTISCE BENE ESERCITA AZIONI PER AVERE DISPONIBILITA

59 il processo esecutivo 59 LIBERAZIONE IMMOBILE se non ritiene di autorizzare il debitore ad abitarlo quando lo aggiudica o lo assegna G.E. provvede con ordinanza non impugnabile se revoca autorizzazione ad abitarlo titolo esecutivo eseguito dal custode AGGIUDICATARIO O ASSEGNATARIO PROVVEDONO DA SE

60 il processo esecutivo 60 PRESUPPOSTI PERCHE SIA DISPOSTA LA VENDITA BENI MOBILI BENI IMMOBILI ISTANZA DI VENDITA POSSESSO DI TITOLO ESECUTIVO DECORSI 10 GG. DAL PIGNORAMENTO

61 il processo esecutivo 61 VENDITA VENDITA MOBILIMOBILI IMMOBILIIMMOBILI REGISTRATI IN PUBBLICI REGISTRI ALTRI BENI Notai o altri delegati I.V.G. o altri soggetti specializzati I.V.G. CANCELLIERE O U.G. altri soggetti specializzati G.E. G.E. NOTAI NOTAI ALTRI DELEGATI ALTRI DELEGATI

62 il processo esecutivo 62 Mezzi di trasformazione del bene pignorato in denaro (forme alternative a scelta del creditore) Vendita forzata (il bene entra nel patrimonio di un terzo estraneo) Mobili Immobili offerte in cancelleria Vendita per contanti saldo entro 60gg Assegnazione forzata (il bene entra nel patrimonio di un creditore concorrente) solo assegnazione solo assegnazione: crediti del debitore verso terzi immediatamente esigibili (o esigibili entro 90 gg)

63 il processo esecutivo 63 MODALITA DELLA VENDITA DEI BENI MOBILI CON INCANTO SENZA INCANTO S ECONDO QUANTO STABILITO DAL G.E.

64 il processo esecutivo 64 VENDITA ORDINATA PRIMA DEL 1° MARZO 2006 HA LUOGO CON LE MODALITA PREVISTE DALLE NORME ABROGATE

65 il processo esecutivo 65 PUBBLICITA BENI MOBILI (534) BENI IMMOBILI (570 e 576) NUOVO INCANTO DOPO QUELLO ANDATO DESERTO (591) AUMENTO DI 1/5 (584)

66 il processo esecutivo 66 PUBBLICITA AVVISI AFFISSIONE ALLALBO TRE GIORNI CONSECUTIVI INTERNET MOBILI REGISTRATI DI VALORE SUPERIORE A MOBILI REGISTRATI DI VALORE SUPERIORE A IMMOBILI IMMOBILI QUOTIDIANI

67 il processo esecutivo 67 PUBBLICITA AVVISI INTERNETQUOTIDIANI OBBLIGATORIA AVVISO ORDINANZA STIMA NAZIONALI LOCALI ALMENO 45 GG. PRIMA DELLA GARA INFORMAZIONE LOCALE SETTIMANALI MULTISETTIMANALI

68 il processo esecutivo 68 PUBBLICITA AVVISI FACOLTATIVA NELLE FORME DELLA PUBBLICITA COMMERCIALE

69 il processo esecutivo 69 VENDITA DI BENI MOBILI CON INCANTO (534) Valore risultante da listino di borsa o di mercato (prezzo della quotazione del giorno precedente) Giudizio di stimatore Beni offerti singolarmente o per lotti Prezzo base e aggiudicazione al miglior offerente Nuovo incanto e se non vi è richiesta di assegnazione offerta libera

70 il processo esecutivo 70 VENDITA DI BENI MOBILI SENZA INCANTO (532) G.E. NOMINA STIMATORE FISSA PREZZO MINIMO IMPORTO GLOBALE FINO AL RAGGIUNGEMENTO DEL QUALE LA VENDITA DEVE ESSERE ESEGUITA SOGGETTO ASSUME QUALITA DI COMMISSIONARIO

71 il processo esecutivo 71 VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO Operazioni preliminari deposito istanza di vendita deposito documentazione estratto del catasto e delle mappe censuarie (dal 1° marzo queste ultime non richieste) certificato di destinazione urbanistica di non oltre tre mesi (dal 1° marzo non richiesto) certificati delle iscrizioni e trascrizioni dellultimo 20ennio dal pignoramento (dal 1°/3) (o certificato notarile sostitutivo)

72 il processo esecutivo 72 VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO DEPOSITATI I DOCUMENTI DI CUI SOPRA IL G.E. ENTRO 30 GIORNI Provvedimenti Provvedimenti NOMINA ESPERTO STIMATORE FISSA UDIENZA COMPARIZIONE PARTI E CREDITORI ART. 498 NON INTERVENUTI LUDIENZA DEVE TENERSI ENTRO 120 GG.

73 il processo esecutivo 73 RELAZIONE DI STIMA BENI IDENTIFICAZIONE (CONFINI E DATI CATASTALI) SOMMARIA DESCRIZIONE STATO POSSESSO FORMALITA VINCOLI E ONERI ANCHE CONDOMINIALI CHE RESTERANNO E VINCOLI SULLA ATTITUDINE EDIFICATORIA E STORICO - ARTISTICI FORMALITA VINCOLI E ONERI CHE SI CANCELLERANNO REGOLARITA URBANISTICA E AGIBILITA PREVIA ACQUISIZIONE CERTIFICATO DESTINAZIONE URBANISTICA

74 il processo esecutivo 74 VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO UDIENZA UDIENZA OSSERVAZIONI SU TEMPO E MODALITA VENDITA E OPPOSIZIONI ATTI ESECUTIVI Non vi sono opposizioni o si raggiunge laccordo Vi sono opposizioni G.E. EMETTE ORDINANZA DI VENDITA TRIBUNALE DECIDE CON SENTENZA

75 il processo esecutivo 75 VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO ORDINANZA DI VENDITA FISSAZIONE TERMINE OFFERTE ( GG.) UDIENZA PER LA DECISIONE E LA GARA FISSA LINCANTO: a) non vi sono offerte b) non sono effficaci c) sono inferiori a stima d) vendita non avviene per altro motivo

76 il processo esecutivo 76 VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO OFFERTE CHIUNQUE PUO OFFRIRE ENTRO IL TERMINE PRESENTATA IN BUSTA CHIUSA CON CAUZIONE E INDICAZIONE DELLOFFERTA NON E EFFICACE: a) oltre il termine b) inferiore al prezzo c) mancanza cauzione

77 il processo esecutivo 77 VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO OFFERTA IRREVOCABILE SALVO CHE IL G.E. DISPONGA LA GARA TRA GLI OFFERENTI SALVO CHE IL G.E. DISPONGA LINCANTO DOPO 120 GG DA PRESENTAZIONE SENZA ACCOGLIMENTO

78 il processo esecutivo 78 VENDITA IMMOBILI SENZA INCANTO GARA Unico offerente Più offerenti si aggiudica il bene se lofferta è superiore al valore di stima + 1/5 offerta inferiore e dissenso del creditore procedente o con valutazione del G.E.: VENDITA CON INCANTO gara sullofferta più alta se vi è adesione senza adesione maggiore offerente incanto

79 il processo esecutivo 79 VENDITA DI IMMOBILI CON INCANTO REDAZIONE AVVISO ART ) vendita in uno o più lotti 2) prezzo base dellincanto e misura del rilancio 3) giorno e ora dellincanto 4) termine intercorrente tra pubblicità e incanto 5) forme di pubblicità straordinaria 6) cauzione e termine del suo versamento 7) termine deposito saldo prezzo (max. 60 gg.) e relative modalità

80 il processo esecutivo 80 VENDITA DI IMMOBILI CON INCANTO ADEMPIMENTI E MODALITA 1) VERSAMENTO CAUZIONE 2) AGGIUDICAZIONE MIGLIOR OFFERENTE 3) POSSIBILE RILANCIO DI 1/5 ENTRO 10 GG 4) VERSAMENTO DEL PREZZO 5) TRASFERIMENTO DEL BENE

81 il processo esecutivo 81 AGGIUDICAZIONE Aggiudicatario creditore ipotecario (o assuntore) versa solo spese e somme per soddisfare altri creditori capienti VENDITA DI IMMOBILI CON INCANTO Versamento del prezzo entro 60 gg (termine perentorio) Contratto di finanziamento va indicato in decreto e va iscritta contestuale ipoteca

82 il processo esecutivo 82 OFFERTE DOPO LINCANTO ENTRO 10 GIORNI RILANCIO DI ALMENO 1/5 DEL PREZZO DELLINCANTO CON LA FORMA DELLE OFFERTE SENZA INCANTO CAUZIONE DOPPIA TERMINE PERENTORIO PER ALTRE OFFERTE PARTECIPANO ALLA GARA AGGIUDICATARIO OFFERENTI PRECENTENTE INCANTO CHE INTEGRINO CAUZIONE OFFERENTI IN AUMENTO

83 il processo esecutivo 83 OFFERTE DOPO LINCANTO MANCATA PARTECIPAZIONE ALLA GARA AGGIUDICAZIONE ORIGINARIA DIVENTA DEFINITIVA PERDITA DELLA CAUZIONE DEGLI OFFERENTI IN AUMENTO SALVO DOCUMENTATO E GIUSTIFICATO MOTIVO

84 il processo esecutivo 84 INCANTO DESERTO G.E. DISPONE AMMINISTRAZIONE GIUDIZIARIA G.E. FISSA NUOVO INCANTO E NUOVE CONDIZIONI SE FISSA NUOVE CONDIZIONI DA CORSO A UNA NUOVA PROCEDURA DI VENDITA SENZA INCANTO

85 il processo esecutivo 85 Modalità della assegnazione ( occorre che lassegnatario non alteri le reciproche condizioni di concorso e lesistenza di cause di prelazione) Determinazione di: Valore del bene Credito di chi chiede lassegnazione Spese di procedura Ammontare crediti privilegiati Somma crediti non privilegiati

86 il processo esecutivo 86 ASSEGNAZIONEASSEGNAZIONE ISTANZA DA PROPORSI DAL CREDITORE ALMENO 10 GG. PRIMA DELLINCANTO DEVE CONTENERE OFFERTA PREZZO G.E. ASSEGNA CON INCANTO DESERTO

87 il processo esecutivo 87 LA DELEGA DELLE VENDITE IMMOBILIARI I PROFESSIONISTI DELEGABILI 1) notai 2) avvocati 3) commercialisti che risultino inscritti negli elenchi predisposti ex art. 179-ter d.a. c.p.c.

88 il processo esecutivo 88 LA DELEGA DELLE VENDITE IMMOBILIARI I PROFESSIONISTI DELEGABILI AVENTI CON PREFERENZA SEDE NEL CIRCONDARIO NOTAIAVVOCATI E COMMERCIALISTI ANCHE ISCRITTI IN ALBI DIVERSI PURCHE ISCRITTI NEGLI ELENCHI

89 il processo esecutivo 89 ELENCHI (art. 179 ter d.a. c.p.c.) CONSIGLIO NOTARILE DISTRETTUALE CONSIGLIO ORDINE AVVOCATI CONSIGLIO ORDINE COMMERCIALISTI

90 il processo esecutivo 90 TRASMESSI OGNI TRIENNIO AI PRESIDENTI DEI TRIBUNALI ELENCHI (art. 179 ter d.a. c.p.c.) CORREDATI DI SCHEDE REDATTE DAI PROFESSIONISTI SU ESPERIENZE PREGRESSE IN PROCEDURE INDIVIDUALI O CONCORSUALI PRESIDENTE DEL TRIBUNALE FORMA ELENCHI

91 il processo esecutivo 91 ELENCHI (art. 179 ter d.a. c.p.c.) PRESIDENTE DEL TRIBUNALE FORMA ELENCO DEI PROFESSIONISTI DISPONIBILI TRASMETTE ELENCO E SCHEDE INFORMATIVE A G.E. CANCELLA OGNI SEMESTRE PROFESSIONISTI REVOCATI

92 il processo esecutivo 92 REVOCA DELLA DELEGA MANCATO RISPETTO DEL TERMINE FISSATO DAL G.E. MANCATO RISPETTO DELLE DIRETTIVE DEL G.E. ESCLUSIONE PER IL TRIENNIO IN CORSO E IL TRIENNIO SUCCESSIVO

93 il processo esecutivo 93 LA DELEGA DELLE VENDITE Le operazioni delegabili vendita di beni mobili iscritti in pubblici registri con o senza incanto Vendita beni immobili senza incanto vendita beni immobili con incanto solo in mancanza dellI.V.G.

94 il processo esecutivo 94 LA DELEGA DELLE VENDITE Ordinanza del G.E. (sentiti gli interessati) per stabilire termine per lo svolgimento delle operazioni delegate modalità di pubblicità luogo di presentazione delle offerte luogo di espletamento della gara tra offerenti luogo di svolgimento delleventuale incanto AUDIZIONE NON VINCOLA G.E.

95 il processo esecutivo 95 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO DETERMINAZIONE VALORE DELLIMMOBILE (stima e osservazioni) art ° comma c.p.c. venuto meno richiamo art. 15 c.p.c.: d.P.R. 29/9/1973 n. 597 abolisce imposizione diretta su immobili

96 il processo esecutivo 96 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO AVVISO VENDITA (senza o con incanto) E INDIZIONE GARE RELATIVE 1. DELIBERAZIONE SULLOFFERTA 2. AGGIUDICAZIONE

97 il processo esecutivo 97 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO INDIZIONE INCANTO 1. SECONDO PREVISIONI DELEGA 2. SE RICORRONO LE CONDIZIONI PER LE QUALI ANCHE IL G.E. ORDINEREBBE INCANTO

98 il processo esecutivo 98 ULTERIORI ADEMPIMENTI REDAZIONE AVVISO ART vendita in uno o più lotti 2. prezzo base dellincanto e misura del rilancio 3. giorno e ora dellincanto 4. termine intercorrente tra pubblicità e incanto 5. forme di pubblicità straordinaria 6. cauzione e termine di versamento 7. termine di deposito del saldo prezzo

99 il processo esecutivo 99 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO RICEZIONE DICHIARAZIONE AVVOCATO AGGIUDICATARIO PER PERSONA DA NOMINARE Aggiudicazione per persona da nominare (art. 583 c.p.c.) ENTRO 3 GG. DA INCANTO DEPOSITO MANDATO IN MANCANZA AGGIUDICAZIONE AD AVVOCATO

100 il processo esecutivo 100 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO OFFERTE DOPO LINCANTO OFFERTE DOPO LINCANTO Art. 584 c.p.c. PRESENTATE IN CANCELLERIA DELEGATO INDICE GARA CANCELLIERE DA PUBBLICO AVVISO E COMUNICAZIONE AD AGGIUDICATARIO DELEGATO ESPLETA GARA

101 il processo esecutivo 101 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO VERSAMENTO DEL PREZZO Art. 585 c.p.c. NEL TERMINE PERENTORIO FISSATO NEL BANDO DASTA

102 il processo esecutivo 102 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO NUOVO INCANTO INADEMPIENZA AGGIUDICATARIO ASSENZA DOMANDE ASSEGNAZIONE INCANTO DESERTO ART. 591 C.P.C.

103 il processo esecutivo 103 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO ISTANZA DI ASSEGNAZIONE ART. 590 C.P.C. MANCANZA OFFERTE ISTANZA INTERESSATO TERMINE VERSAMENTO CONGUAGLIO

104 il processo esecutivo 104 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO AUTORIZZAZIONE ASSUNZIONE DEBITI (ART. 508 C.P.C.) ASSEGNATARIO PEGNO O IPOTECA AGGIUDICATARIO CONCORDANO CON CREDITORE GARANTITOASSUNZIONE DEBITO LIBERANO DEBITORE MENZIONE NEL PROVVEDIMENTO VENDITA O ASSEGNAZIONE

105 il processo esecutivo 105 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO SPECIFICAZIONE CHE TUTTE LE OPERAZIONI COMPIUTE NORMALMENTE IN TRIBUNALE SARANNO EFFETTUATE PRESSO IL SUO STUDIO O IN ALTRO LUOGO INDICATO NELLORDINANZA DEL G.E.

106 il processo esecutivo 106 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO AVVISO DEVE CONTENERE INDICAZIONE DESTINAZIONE URBANISTICA NOTIZIE SU REGOLARITA URBANISTICA MENZIONE INSUFFICIENZA NOTIZIE

107 il processo esecutivo 107 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO REDAZIONE VERBALE VENDITA E SUA SOTTOSCRIZIONE CIRCOSTANZE DI LUOGO E DI TEMPO SVOLGIMENTO OPERAZIONI GENERALITA PRESENTI DESCRIZIONE ATTIVITA AGGIUDICAZIONE E AGGIUDICATARIO

108 il processo esecutivo 108 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO MANCATO PAGAMENTO DEL SALDO PREZZO NEL TERMINE FISSATO AVVISO AL G.E. TRASMISSIONE FASCICOLO AL G.E.

109 il processo esecutivo 109 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO PREDISPONE DECRETO TRASFERIMENTO ALLEGA CERTIFICATO DESTINAZIONE URBAN ISTICA DOPO VERSAMENTO PREZZO VERSA SALDO PREZZO IN BANCA O POSTA

110 il processo esecutivo 110 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO TRASMETTE FASCICOLO A G.E. NON ASSEGNA NON FA ALTRI INCANTI

111 il processo esecutivo 111 PROVVEDIMENTI RISERVATI AL G.E. SOSPENDE LA VENDITA CON PREZZO INFERIORE A QUELLO GIUSTO PRONUNCIA DECRETO TRASFERIMENTO ORDINA CANCELLAZIONE ISCRIZIONI E TRASCRIZIONI ANCHE SUCCESSIVE INGIUNGE RILASCIO IMMOBILE VENDUTO

112 il processo esecutivo 112 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO ESECUZIONE FORMALITA DI a) registrazione b) trascrizione c) voltura catastale decreto trasferimento d) formalità di cancellazione e) comunicazione alle P.A.

113 il processo esecutivo 113 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO FORMAZIONE PROGETTO DISTRIBUZIONE ENTRO 30 GG. Art 596 c.p.c. TRASMESSO A G.E. unico creditorepiù creditori assegnazione somma G.E. CORREGGE E DEPOSITA PROGETTO IN CANCELLERIA

114 il processo esecutivo 114 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO PAGAMENTO QUOTE RISULTANTI DAL PROGETTO PAGAMENTO QUOTE RISULTANTI DAL PROGETTO ART. 598 C.PC. PROGETTO APPROVATO ACCORDO TRA LE PARTI

115 il processo esecutivo 115 ADEMPIMENTI DEL PROFESSIONISTA DELEGATO ORDINA RESTITUZIONE CAUZIONI E OGNI ALTRA SOMMA VERSATA ALLA PROCEDURA DAI SOGGETTI NON AGGIUDICATARI

116 il processo esecutivo 116 RICORSO AL G.E. DELEGATO QUANDO INSORGANO DIFFICOLTA PARTI E INTERESSATI CON RECLAMO A DECRETO E CONTRO ATTI DEL DELEGATO G.E. DECIDE CON ORDINANZA ART. 591 TER C.P.C. NEL CORSO DELLE OPERAZIONI G.E. DECIDE CON DECRETO

117 il processo esecutivo 117 LA DISTRIBUZIONE MASSA ATTIVA ricavo dalla vendita ricavo dalla vendita conguaglio cose assegnate conguaglio cose assegnate rendimento cose pignorate rendimento cose pignorate somme versate per conversione dal debitore inadempiente somme versate per conversione dal debitore inadempiente perdita cauzioni perdita cauzioni differenza tra prezzo non versato e nuova aggiudicazione differenza tra prezzo non versato e nuova aggiudicazione

118 il processo esecutivo 118 LA DISTRIBUZIONE MASSA ATTIVA 1. aggiudicatario inadempiente (587) (DECRETO G.E. A TITOLO DI MULTA) 2. 1/10 per omessa ingiustificata partecipazione (580) 3. offerta dopo lincanto (584) (SE NESSUNO DEGLI OFFERENTI PARTECIPA ALLA GARA ) PERDITA CAUZIONI

119 il processo esecutivo 119 LA DISTRIBUZIONE MASSA PASSIVA SEMPRE DOVUTE SPESE DI PROCEDURA C.T.U. PROFESSIONISTI (avvocati e delegati) CUSTODE CANCELLAZIONI ISCRIZIONI E TRASCRIZIONI VOLTURE VOLTURE

120 il processo esecutivo 120 LA DISTRIBUZIONE MASSA PASSIVA UNICO PROCEDENTE INTERVENUTI SPESE PROCEDURA SPESE PROCEDURA CREDITO DEL PROCEDENTE CREDITO DEL PROCEDENTE EVENTUALE RESIDUO A DEBITORE EVENTUALE RESIDUO A DEBITORE OCCORRE PROCEDERE ALLA GRADUAZIONE DEI CREDITI CON EVENTUALE ACCANTONAMENTO

121 il processo esecutivo 121 LA DISTRIBUZIONE PLURALITA DI CREDITORI 1) SPESE 2) MUNITI DI CAUSE LEGITTIME DI PRELAZIONE (ANCHE INTERVEN UTI TARDIVAMENTE) 3) PROCEDENTE E INTERVENUTI TEMPESTIVAMENTE 4) INTERVENUTI TEMPESTIVAMENTE CHE NON ABBIANO ESTESO IL PIGNORAMENTO AD ALTRI BENI 5) INTERVENUTI TARDIVAMENTE 6) DEBITORE O TERZO ESPROPRIATO

122 il processo esecutivo 122 LA DISTRIBUZIONE COLLOCAZIONE DELLE SPESE Art Estensione degli effetti della iscrizione. [I] L'iscrizione del credito fa collocare nello stesso grado le spese dell'atto di costituzione d'ipoteca, quelle della iscrizione e rinnovazione e quelle ordinarie occorrenti per l'intervento nel processo di esecuzione. Per il credito di maggiori spese giudiziali le parti possono estendere l'ipoteca con patto espresso, purché sia presa la corrispondente iscrizione.

123 il processo esecutivo 123 LA DISTRIBUZIONE COLLOCAZIONE DEGLI INTERESSI Art Estensione degli effetti della iscrizione. [II]. Qualunque sia la specie d'ipoteca, l'iscrizione di un capitale che produce interessi fa collocare nello stesso grado gli interessi dovuti, purché ne sia enunciata la misura nell'iscrizione. La collocazione degli interessi è limitata alle due annate anteriori e a quella in corso al giorno del pignoramento, ancorché sia stata pattuita l'estensione a un maggior numero di annualità; le iscrizioni particolari prese per altri arretrati hanno effetto dalla loro data.

124 il processo esecutivo 124 LA DISTRIBUZIONE COLLOCAZIONE DEGLI INTERESSI Art Estensione degli effetti della iscrizione. [III]. L'iscrizione del capitale fa pure collocare nello stesso grado gli interessi maturati dopo il compimento dell'annata in corso alla data del pignoramento, però soltanto nella misura legale e fino alla data della vendita. Art Estensione degli effetti della iscrizione. [III]. L'iscrizione del capitale fa pure collocare nello stesso grado gli interessi maturati dopo il compimento dell'annata in corso alla data del pignoramento, però soltanto nella misura legale e fino alla data della vendita.

125 il processo esecutivo 125 LA DISTRIBUZIONE INTERESSI MATURATI NELLANNATA IN CORSO E NELLE DUE ANTERIORI ALLO SCADERE DELLANNATA IN CORSO FINO A VENDITA (DECRETO DI TRASFERIMENTO) COLLOCAZIONE INTERESSI IPOTECARI IN SEDE PRIVILEGIATA TASSO LEGALE TASSO CONVENZIONALE

126 il processo esecutivo 126 LA DISTRIBUZIONE DIFFERENZA TRA INTERESSI CONVENZIONALI E LEGALI DA PIGNORAMENTO FINO A VENDITA COLLOCAZIONE INTERESSI IPOTECARI IN CHIROGRAFO INTERESSI CONVENZIONALI ANTERIORI ALLE TRE ANNATE PRIMA DEL PIGNORAMENTO

127 il processo esecutivo 127 LA DISTRIBUZIONE ANNO CORRENTE INTESO COME DURATA CONTRATTUALE (12 MESI A PARTIRE DAL CONTRATTO) BIENNIO ANTERIORE COLLOCAZIONE INTERESSI IPOTECARI PERIODO SUCCESSIVO AL TASSO LEGALE FINO ALLA VENDITA

128 il processo esecutivo 128 LA DISTRIBUZIONE DOVUTI INTERESSI CONVENZIONALI MATURATI NELLA MISURA INDICATA IN ISCRIZIONE NON SONO DOVUTI NEPPURE NELLA MISURA LEGALE INTERESSI IPOTECARI TASSO NON INDICATO IN ISCRIZIONE TASSO INDICATO IN ISCRIZIONE

129 il processo esecutivo 129 LA DISTRIBUZIONE REALIZZO PRIMO GRUPPO DI BENI SUFFICIENTE A SODDISFARE CREDITORE PLURALITA DI BENI GRAVATI DALLA MEDESIMA IPOTECA INTERESSI VANNO CALCOLATI FINO AL PAGAMENTO SENZA ARRESTARSI ALLA PRIMA VENDITA

130 il processo esecutivo 130 LA DISTRIBUZIONE REALIZZO PRIMO GRUPPO DI BENI INSUFFICIENTE A SODDISFARE CREDITORE PLURALITA DI BENI GRAVATI DALLA MEDESIMA IPOTECA SI FERMANO AL PAGAMENTO SOLO INTERESSI RELATIVI A SOMMA CORRISPOSTA CREDITO RESIDUO MATURA INTERESSI FINO ULTIMA VENDITA NECESSARIA PER INTERO SODDISFACIMENTO

131 il processo esecutivo 131 LA DISTRIBUZIONE COLLOCAZIONE DEGLI INTERESSI Art Prelazione per il credito di interessi. La prelazione ha luogo anche per gli interessi dellanno in corso alla data del pignoramento o, in mancanza di questo, alla data della notificazione del precetto. La prelazione ha luogo inoltre per gli interessi successivamente maturati, nei limiti della misura legale, fino alla data della vendita. Art Prelazione per il credito di interessi. La prelazione ha luogo anche per gli interessi dellanno in corso alla data del pignoramento o, in mancanza di questo, alla data della notificazione del precetto. La prelazione ha luogo inoltre per gli interessi successivamente maturati, nei limiti della misura legale, fino alla data della vendita.

132 il processo esecutivo 132 LA DISTRIBUZIONE IN PRIVILEGIO PER TUTTO LANNO IN CORSO ALLA DATA DEL PIGNORAMENTO IN PRIVILEGIO DALLA DATA DEL PIGNORAMENTO FINO ALLA VENDITA INTERESSI CREDITORE PIGNORATIZIO INTERESSI LEGALI INTERESSI CONVENZIONALI

133 il processo esecutivo 133 LA DISTRIBUZIONE IN CHIROGRAFO INTERESSI CREDITORE PIGNORATIZIO INTERESSI CONVENZIONALI DIFFERENZA TRA INTERESSI CONVENZIONALI E LEGALI DA PIGNORAMENTO A VENDITA ANTERIORI ANNATA IN CORSO

134 il processo esecutivo 134 LA DISTRIBUZIONE COLLOCAZIONE DEGLI INTERESSI Art Estensione del privilegio. Il privilegio accordato al credito si estende alle spese ordinarie per lintervento nel processo di esecuzione. Si estende anche agli interessi dovuti per lanno in corso alla data del pignoramento e per quelli dellanno precedente. Gli interessi successivamente maturati hanno privilegio nei limiti della misura legale fino alla data della vendita Art Estensione del privilegio. Il privilegio accordato al credito si estende alle spese ordinarie per lintervento nel processo di esecuzione. Si estende anche agli interessi dovuti per lanno in corso alla data del pignoramento e per quelli dellanno precedente. Gli interessi successivamente maturati hanno privilegio nei limiti della misura legale fino alla data della vendita

135 il processo esecutivo 135 LA DISTRIBUZIONE PRIVILEGIO FINO AL PIGNORAMENTO CHIROGRAFO DA PIGNORAMENTO A VENDITA INTERESSI DEL CREDITORE PRIVILEGIATO INTERESSI CONVENZIONALI

136 il processo esecutivo 136 DECRETO DI TRASFERIMENTO Opera il passaggio di proprietà (acquisto a titolo derivativo) Genera la purgazione di iscrizioni e trascrizioni

137 il processo esecutivo 137 INTANGIBILITA DEGLI ATTI ESECUTIVI COMPIUTI RESTANO FERMI GLI EFFETTI AGGIUDICAZIONE (ANCHE SE PROVVISORIA) ASSEGNAZIONE IN CASO DI ESTINZIONE CHIUSURA ANTICIPATA

138 il processo esecutivo 138DIVISIONEDIVISIONE PIGNORAMENTO INTEROQUOTA CREDITORE PIGNORANTE AVVISA COMPROPRIETARI DI NON LASCIARE SEPARARE LA QUOTA SEPARAZIONE QUOTA SU ISTANZA CREDITORE PIGNORANTE COMPROPRIETARI separazione non chiesta o non possibile DIVISIONE(PREFERITA) VENDITA QUOTA

139 il processo esecutivo 139 Posizione del terzo Posizione del terzo Posizione reale Opponibile (trascritta prima) Intangibile Posizione reale Inopponibile (trascritta dopo) Travolta Beni immobili Beni mobili Diritto incompatibile (prevale il terzo anche senza opposizione, ma con azione di rivendica) Diritto compatibile (nuda proprietà usufrutto) coesistono Acquirente perde il diritto reale paga il prezzo

140 il processo esecutivo 140 Vizi del procedimento esecutivo Vizi del procedimento esecutivo Non esistono 1. Garanzia per vizi 2. Azione di rescissione per lesione Aspetto pubblicistico della vendita Irrilevanza dei vizi del procedimento esecutivo verso il terzo (indispensabile per il funzionamento del sistema e per spingere gli acquirenti a partecipare alle aste) Eccezione collusione creditore procedente e terzo Nessun parallelo con la vendita di diritto privato: potere giurisdizionale dello stato ingenera un mutamento della titolarità con atto imperativo

141 il processo esecutivo 141 Opposizioni EsecuzioneAtti esecutiviDistribuzioneTerzo Regolarità formale titolo (debito-credito) Diritto di procedere (solo debitore) primadopo prima Giudice competente per materia o valore e territorio G.E. Giudice 480 III comma G.E. Prima della vendita o assegnazione Contrasto su sussistenza o ammontare crediti (debito-credito) ordinanza G.E. reclamabi le 617 c.p.c. Diritto reale Entro 20 gg.

142 il processo esecutivo 142 OPPOSIZIONI ESECUZIONE ART. 615 ATTI ESECUTIVI ART. 617 DISTRIBUZIONE ART. 512 DI TERZO ALLESECUZIONE ART. 619

143 il processo esecutivo 143 OPPOSIZIONE ESECUZIONE SI CONTESTA DIRITTO A PROCEDERE NON INIZIATA INIZIATA OPPOSIZIONE A PRECETTO CON CITAZIONE A GIUDICE COMPETENTE PER MATERIA E VALORE RICORSO A G.E. PUO SOSPENDERE EFFICACIA TITOLO PUO SOSPENDERE ESECUZIONE PER GRAVI MOTIVI

144 il processo esecutivo 144 OPPOSIZIONE ATTI ESECUTIVI SI CONTESTA REGOLARITA FORMALE 1. TITOLO 2. NOTIFICA TITOLO E PRECETTO 3. SINGOLI ATTI ESECUZIONE DOPO INIZIOPRIMA INIZIO CITAZIONE DAVANTI AD A.G. COMPETENTE RICORSO A G.E. TERMINE PERENTORIO 20 GG.

145 il processo esecutivo 145 OPPOSIZIONE DI TERZO VANTATI PROPRIETA O ALTRO DIRITTO REALE RICORSO AL G.E. PRIMA DELLA VENDITA O DELLASSEGNAZIONE

146 il processo esecutivo 146 OPPOSIZIONE DISTRIBUZIONE CONTROVERSIA TRA CREDITORI CONCORRENTI CREDITORE E DEBITORE O TERZO ASSOGGETTATO ALLESECUZIONE SUSSISTENZA O AMMONTARE CREDITI DIRITTI DI PRELAZIONE

147 il processo esecutivo 147 SOSPENSIONE ESECUZIONE SOSPENSIONE ESECUZIONE di terzo allesecuzione NECESSARIA Giudizio di divisione DISCREZIONALE allesecuzione (se iniziata) su istanza di tutti i creditori con titolo fino a 24 mesi e per una sola volta OPPOSIZIONI distri - buzione

148 il processo esecutivo 148 ESTINZIONE RINUNCIA AGLI ATTI TUTTI I CREDITORI (DOPO VENDITA) CREDITORE PROCEDENTE E INTERVENUTI CON TITOLO (PRIMA DI AGGIUDICAZIONE O VENDITA)

149 il processo esecutivo 149 ESTINZIONE INATTIVITA DELLE PARTI MANCATA PROSECUZIONE O RIASSUNZIONE PIGNORAMENTO DIVENUTO INEFFICACE PER DECORSO TERMINE 90 GG. SENZA CHIEDERE LA VENDITA 1. ACCERTAMENTO OBBLIGO TERZO 2. DEFINIZIONE GIUDIZIO DIVISIONE 3. CESSATA CAUSA SOSPENSIONE MANCATA PARTECIPAZIONE A DUE UDIENZE CONSECUTIVE

150 il processo esecutivo 150 ESTINZIONE PRIMADOPO EFFETTI AGGIUDICAZIONE O ASSEGNAZIONE INEFFICACIA ATTI COMPIUTI RICAVATO A DEBITORE CANCELLAZIONE PIGNORAMENTO

151 il processo esecutivo 151 FINE DELLA PRESENTAZIONE SI RINGRAZIA PER LA CORTESE ATTENZIONE


Scaricare ppt "Il processo esecutivo 1. 2 3 4 Dr. Emanuele Riviello Giudice delegato ai fallimenti Tribunale di Firenze Tribunale di Firenze."

Presentazioni simili


Annunci Google