La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CESI La valutazione ambientale strategica di linee elettriche AAT M. Marazzi *, M. Gatto°, G. Paris°, M. Crocetta°, C. Ceruti° *CESI SpA, Via Reggio Emilia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CESI La valutazione ambientale strategica di linee elettriche AAT M. Marazzi *, M. Gatto°, G. Paris°, M. Crocetta°, C. Ceruti° *CESI SpA, Via Reggio Emilia."— Transcript della presentazione:

1 CESI La valutazione ambientale strategica di linee elettriche AAT M. Marazzi *, M. Gatto°, G. Paris°, M. Crocetta°, C. Ceruti° *CESI SpA, Via Reggio Emilia 39, Segrate (MI), Italy - °Politecnico di Milano, DEI, Via Ponzio 34/5, Milano Attività svolta nellambito della Ricerca di Sistema per il Settore Elettrico, finanziata dal Ministero dellIndustria, del Commercio e dellArtigianato (D.M. 26/01/2000) SVILUPPO DELLE INTERCONNESSIONI INTERNAZIONALI E IPOTETICO POTENZIAMENTO DELLA DORSALE SARDA Tra le politiche energetiche nazionali riveste particolare importanza lammodernamento e lo sviluppo della rete di trasmissione elettrica. A tal proposito negli ultimi anni la Comunità Europea ha lanciato un progetto, il MEDRING (fig.1), il cui obiettivo è quello di promuovere uninterconnessione sempre più integrata tra i paesi del bacino mediterraneo. In questo scenario è stata ipotizzata uninterconnessione tra Italia ed Algeria che prevede tra i potenziali approdi italiani il sud della Sardegna. Se così fosse per la Sardegna potrebbe configurarsi la necessità di un potenziamento della propria rete di trasmissione regionale. OBIETTIVO DEL LAVORO: individuare dei corridoi preferenziali verso cui orientare il potenziamento della dorsale sarda nellambito di un processo decisionale volto ad unadeguata tutela ambientale quale può essere una procedura di VAS 2^ FASE: CALCOLO DELLIMPATTO Limpatto determinato dalla realizzazione di un nuovo elettrodotto può essere considerato come la variazione degli indici sintetici di qualità ambientale, ovvero la differenza tra lindice misurato in assenza della nuova opera e quello stimato in sua presenza. Il valore dellimpatto dovuto alla nuova opera si può calcolare, per ognuno degli indici sintetici, moltiplicando il valore dellindice sintetico, calcolato in assenza dellopera, per una produttoria di diversi fattori, ovvero (fig. 3): IMP i = IS i CIN i Π j CMI ij ANALISI DEGLI IMPATTI DELLE ALTERNATIVE PER LELETTRODOTTO TRA LE STAZIONI DI CODRONGIANOS E RUMIANCA E VALUTAZIONE MULTICRITERIALE Lapplicazione della metodologia alle cinque alternative individuate, porta ad identificare un valore numerico dellimpatto complessivo (impatto sullIndice Sintetico Complessivo) della linea per ogni alternativa esaminata. In base al valore della variazione dellISC è stato perciò possibile determinare un ordinamento fra le cinque alternative in ordine crescente dimpatto. Lordinamento che così si ottiene è Dopo aver analizzato i potenziali impatti delle cinque alternative, a conclusione del processo decisionale, è stata effettuata una Valutazione delle alternative mediante unAnalisi Multicriteri Classica. In primo luogo sono state individuate le alternative paretianamente efficienti al fine di escludere dal processo decisionale le alternative dominate. Lanalisi è stata condotta dividendo le cinque alternative in due gruppi, uno che privilegia lobiettivo ambientale (alternative 1,2,5), laltro quello tecnico-energetico (alternative 3 e 4). ALTERNATIVE DI TRACCIATO DELLA NUOVE DORSALE SARDA SINTESI DEI RISULTATI OTTENUTI METODOLOGIA PER LANALISI DEGLI IMPATTI DELLA LINEA ELETTRICA Per lindividuazione di corridoi ambientalmente sostenibili, si è utilizzata una metodologia sviluppata su scala nazionale dal CESI/Politecnico di Milano che consente di valutare limpatto di nuovi elettrodotti sul paesaggio e sugli ecosistemi naturali ed antropizzati. Lanalisi è stata fatta utilizzando come unità territoriale fondamentale il comune, per cui tutti gli indicatori ed indici sono stati calcolati su base comunale e standardizzati sullintero territorio italiano. Lo schema concettuale della metodologia viene riassunto in due fasi: 1^ FASE: SITUAZIONE EX-ANTE Calcolo della situazione ex-ante della qualità dellambiente per quanto riguarda i più importanti aspetti impattabili dallampliamento e ammodernamento della rete elettrica nazionale. Per lanalisi della situazione ex-ante, ossia prima che venga realizzato il nuovo elettrodotto, è stato calcolato, per ogni comune, un Indice Sintetico Complessivo (ISC). Tale indice è il risultato dellaggregazione di ulteriori tre indici (fig. 2), relativi rispettivamente alla qualità del paesaggio (Indice Sintetico di Qualità del Paesaggio-ISQP), alla sensibilità dellambiente abitato (Indice Sintetico della Sensibilità dellAmbiente Abitato - ISSAA) e al valore dei popolamenti faunistici (Indice Sintetico del valore dei Popolamenti Faunistici - ISVPF). Nella figura 2 sono presentati anche gli indicatori che sono stati utilizzati per classificare il territorio e dalla cui combinazione è stato possibile calcolare gli indici sintetici. La figura mostra le cinque alternative di tracciato individuate per lipotetica dorsale sarda. Le alternative 1, 2, 5 rispecchiano unesigenza prevalentemente ambientale poichè si affiancano alla dorsale già esistente, andando ad insistere su unarea già abbastanza infrastrutturata. Le alternative 3 e 4, invece,privilegiano lobiettivo tecnico in quanto creano una linea che, insieme alla dorsale già esistente, da luogo ad un anello elettrico con ovvi vantaggi di tipo distributivo. La figura mostra che, nellambito del primo gruppo (raggruppamento blu), lalternativa 5 è dominata dalla 1 e 2, mentre per quanto riguarda il secondo gruppo (raggruppamento giallo), lalternativa 3 è dominata dalla 4. Ne risulta che le alternative efficienti sono la 1,2 e 4. Determinate le alternative efficienti in senso paretiano, si è svolta unanalisi di sensitività sul valore dei pesi degli indici che formano lindice sintetico complessivo ISC (ottenuto attribuendo peso 45 a ISQP, peso 35 a ISSAA, peso 20 a ISVPF). Lanalisi ha dimostrato che lordinamento delle alternative, ottenuto applicando il vettore di pesi sopra citato agli indici che formano lindice sintetico complessivo, ricade pienamente in una vasta area di stabilità. Ciò implica che la scelta dei pesi, purché effettuata in un ambito di ragionevolezza, non influisce sullordinamento delle alternative. Alla luce delle considerazioni fatte, tra le alternative analizzate quella avente la minor diminuzione dellindice sintetico complessivo è lalternativa 1. La figura mostra limpatto complessivo. Il lavoro svolto ha consentito di testare la metodologia elaborata dal CESI/Politecnico, nellambito delle valutazioni ambientali, riguardanti le interazioni della rete elettrica AAT con il territorio italiano. I risultati ottenuti dallapplicazione della metodologia ad unipotetica nuova dorsale elettrica sarda sono del tutto simili a quelli ottenuti dal CESI nellambito di altri studi ambientali precedentemente condotti sul territorio della Sardegna. Il lavoro ha, inoltre, mostrato la ripercorribilità e la trasparenza della metodologia utilizzata e quanto questa possa essere un valido strumento per il Supporto alle Decisioni. Il lavoro ha, inoltre, permesso di verificare come questo strumento possa essere funzionale nellindividuare, a fronte di nuove esigenze di tipo energetico, i corridoi preferenziali verso cui orientare la pianificazione per lo sviluppo di una rete di trasmissione regionale, nellambito di un processo decisionale volto ad unadeguata tutela ambientale, quale può essere una procedura di valutazione ambientale strategica (VAS). POLITECNICO DI MILANO Per ogni IS IMPATTO = IS x CIN x Indicatori di Modulazione CIN = percentuale di ciascun IS che viene erosa dalla costruzione di una nuova tratta CIN(ISQP) = 1000 m CIN(ISSAA) = 50 m Figura 3 - Calcolo dellimpatto Figura 1 - Progetto MEDRING (Mediterranean Power Ring) ISC ISSAA ISVPF Morfologia del terreno Corpi idrici superficiali Uso del suolo Densità reti infrastrutturali Aree soggette a vincolo Densità della popolazione umana Presenza di siti migratori importanti per lavifauna ISQP Indice Sintetico di Qualità del Paesaggio Indice Sintetico di Sensibilità dellAmbiente Abitato Indice Sintetico del Valore dei Popolamenti Faunistici Indice Sintetico Complessivo Figura 2 - Calcolo del valore ambientale ex-ante per ogni comune dove IMP i è limpatto sullindice sintetico i-esimo IS i e CIN i è il coefficiente di impatto nominale, ovvero la percentuale di indice sintetico i-esimo che viene erosa dalla costruzione di una tratta di linea elettrica in un territorio con caratteristiche standard, mentre CMI ij sono i coefficienti di modulazione, che dicono come la caratteristica j-esima del territorio aumenta o diminuisce limpatto nominale sullindice sintetico i-esimo. Gli indicatori di modulazione, anchessi calcolati a partire dai dati territoriali disponibili, permettono di descrivere la vulnerabilità o la resistenza del territorio al possibile impatto generato da nuove porzioni di rete.


Scaricare ppt "CESI La valutazione ambientale strategica di linee elettriche AAT M. Marazzi *, M. Gatto°, G. Paris°, M. Crocetta°, C. Ceruti° *CESI SpA, Via Reggio Emilia."

Presentazioni simili


Annunci Google