La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL COMPITO UNITARIO COME STRUMENTO PER RILEVARE LE COMPETENZE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL COMPITO UNITARIO COME STRUMENTO PER RILEVARE LE COMPETENZE."— Transcript della presentazione:

1 IL COMPITO UNITARIO COME STRUMENTO PER RILEVARE LE COMPETENZE

2 PROGETTO DI RICERCA-AZIONE REALIZZATO DALLE SCUOLE DI: Amelia - Scuola dellInfanzia Ciatti C. D. Amelia - Scuola Primaria Orsini Amelia – Sc. sec. di primo grado A. Vera I. C. di Attigliano I. C. di Guardea Bartolomeo dAlviano C. D. Narni Capoluogo C. D. di Narni Scalo

3 IL CONCETTO DI COMPETENZA

4 OPINIONI A CONFRONTO Il termine competenza sino ad allora utilizzato nel lavoro e nelle professioni, è entrato prepotentemente nellapprendimento e nella scuola ed ha trasformato in profondità il paradigma didattico imperniato sugli obiettivi di prestazione, sino ad allora dominante. Una didattica per obiettivi è centrata sull attività degli insegnanti, una didattica per competenze è centrata sui processi degli allievi. Il regolamento per lautonomia ha affidato al concetto di competenza il valore di processo formativo e di traguardo educativo: gli allievi piccoli o grandi che siano, apprendono per competenze. La competenza è lagire riflessivo di un ragazzo, è la personalizzazione di un sapere che si manifesta in un contesto. (Fiorino Tessaro ) La competenza è data dallinsieme delle conoscenze, abilità e atteggiamenti che consentono ad un individuo di ottenere risultati utili al proprio adattamento negli ambienti per lui/lei significativi. (P.Boscolo ) La competenza viene vista come un integrazione delle risorse possedute dallindividuo che comporta lattivazione di conoscenze, abilità e disposizioni personali relative sia al piano cognitivo e al piano socio-affettivo e volitivo. La sua espressione richiede di mettere in gioco e mobilitare la globalità della persona nelle sue molteplici dimensioni, non può ridursi a prestazioni isolate e delimitate… (Mario Castoldi ).

5 La competenza è la capacità di far fronte ad un compito o ad un insieme di compiti, riuscendo a mettere in moto e ad orchestrare le proprie risorse interne, cognitive, affettive, volitive e a utilizzare quelle esterne disponibili in modo coerente e fecondo… (Michele Pellerey) La competenza è lagire personale di ciascuno, basato sulle conoscenze e abilità acquisite, adeguato in un determinato contesto, a rispondere ad un bisogno, a risolvere un problema, ad eseguire un compito, realizzare un progetto. Non è mai un agire semplice, atomizzato, astratto, ma è sempre un agire complesso che coinvolge tutta la persona… (C.M.84/2005)

6 Alcuni autori rappresentano la complessità della competenza come un iceberg che rinvia ad una duplicità della sua composizione: una parte esplicita ed una che appartiene alle capacità ed alle attitudini dellindividuo.

7 Dunque la definizione maggiormente condivisa appare la seguente: LA COMPETENZA E UN PROCESSO MENTALE CON IL QUALE IL SOGGETTO E IN GRADO DI RISOLVERE, IN UN CONTESTO DOTATO DI SENSO, UN PROBLEMA COMPLESSO. PER FARE QUESTO SELEZIONA, VALUTA E UTILIZZA SAPERI ED ABILITA, SCEGLIENDO TRA DIVERSE STRATEGIE IN MODO PERSONALE.

8

9 LA COMPETENZA PUÒ ESSERE VALUTATA?

10 COSA DICONO GLI ESPERTI… La sfida consiste nel passare da ciò che lo studente sa a ciò che sa fare con ciò che sa…(Wiggins). Descrivere evidenziando le condizioni duso del sapere:un richiamo ai saperi procedurali,condizionali e dichiarativi, e alle loro modalità dimpiego. Sa fare le seguenti pr4stazioni PER soddisfare un determinato bisogno o compito. (da Margiotta) Non è possibile prescindere dalla natura processuale della competenza per la quale non può essere fissata in una prestazione,bensì richiede di essere assunta nella sua valenza dinamica( Castoldi). La competenza è un processo personale di sviluppo reciproco del sapere nell agire. Non puoessere valutato come le conoscenze dichiarative attraverso prove strutturate, né come le abilità mediante esercizi e procedure. La competenza si avvale anche di prove, ma soprattutto di osservazioni, di riflessioni interpretative CON e MENTRE il soggetto agisce (Tessaro). La valutazione autentica raccoglie informazioni attraverso prestazioni che richiedono: la ricostruzione di conoscenze lapplicazione di conoscenze a problemi e contesti reali la connessione con linsegnamento cioè lallineamento dellinsegnamento nella direzione di ciò che sarà valutato (Comoglio).

11 VALUTARE LE COMPETENZE E POSSIBILE ma implica: Procedure particolari Percorsi didattici finalizzati Un contesto reale o verosimile

12 UNO STRUMENTO PER VALUTARE LE COMPETENZE: IL COMPITO UNITARIO

13 Ermanno Puricelli esprime il concetto personalista di competenza con un algoritmo: f(P) C = cu (sit) c, a definendo la competenza come un saper fare personalizzato f(P), basato su conoscenze e abilità (c, a), applicato ad un compito unitario (cu) in situazione (sit). Competenze così definite vengono trasformate e storicizzate in obiettivi formativi multidisciplinari e/o transdisciplinari che coinvolgono: ESPERIENZE – PROCESSI - SAPERI - ABILITÀ COMUNI A PIU DISCIPLINE

14 COS È IL COMPITO UNITARIO? COS È IL COMPITO UNITARIO?

15 NELLA NOSTRA IPOTESI ESSO È: Un problema da risolvere in un contesto non conosciuto ma significativo; la sua soluzione comporta la necessità di scegliere tra più strategie e di usare saperi ed abilità che ciascuno reperisce da diverse fonti che poi seleziona ed utilizza in modo personale. Ciò che distingue soprattutto la valutazione tradizionale da quella autentica è la sua tendenza a cercare la misura solo della comprensione scolastica di un contenuto o dell acquisizione di unabilità da parte dello studente e non della capacita con la quale questultimo da senso ai problemi d vita quotidiana o risolve problemi reali utilizzando le conoscenze che possiede. (Comoglio,2004 )

16 COME SI FA?

17 Per rendere operativa la definizione del CU si è elaborata una procedura: ORGANIZZAZIONE DEL COMPITO UNITARIO (elaborata dal gruppo territoriale di ricerca-azione) PREMESSA 1. La competenza è: Una struttura mentale in grado di risolvere problemi complessi in contesti reali selezionando e utilizzando saperi, abilità, strategie adeguate in modo consapevole. 2.L apprendimento unitario è: Rendere concreto un obiettivo formativo Sviluppare processi mentali che rendono le persone capaci di risolvere problemi concreti la cui soluzione non è predeterminata. 3.Il compito unitario è: Un problema concreto da risolvere, individuando quali sono i saperi e le abilità che occorrono e andandosele a cercare, scegliendo la strategia più adeguata, scegliendo fra diverse, possibili soluzioni.

18 PROCEDURA A – Definire il bisogno formativo (Indicare, ove possibile, con quali strumenti è stato rilevato). B – Trasformare il bisogno formativo in obiettivi formativi congruenti rispetto al bisogno. B1. Essi sono, almeno, multidisciplinari (meglio se interdisciplinari o transdisciplinari). B2. Essi sono finalizzati allo sviluppo della competenza nelle sue tre dimensioni: Cognitiva Relazionale/Affettiva Metacognitiva quindi sono più di uno (TRE) per ciascuna UNITAdAPPRENDIMENTO C –Individuare lapprendimento unitario calibrandolo sul bisogno formativo di quegli alunni. - Deve essere attuabile in un contesto - Deve essere un comportamento osservabile - Non deve servire per valutare saperi e abilità

19 D – Realizzare il compito unitario: - Come problema concreto che preveda più possibili soluzioni - Che preveda, per la soluzione, luso di saperi ed abilità desunti da discipline diverse - Che preveda un contesto in cui sia possibile reperire saperi ed abilità da più fonti. E – Per losservazione dei comportamenti/alunni durante il CU si usa una tabella a doppia entrata contenente: E1 – Una lista di descrittori che trasformano gli OF in comportamenti osservabili (n. minimo: TRE, uno per ciascuna dimensione) E2 – Tre livelli di sviluppo: - Parzialmente raggiunto - Raggiunto - Completamente raggiunto F – Mentre lo strumento dosservazione è unico gli osservatori debbono essere più di uno; ove possibile tre, coinvolgendo persone diverse dagli insegnanti che lo hanno progettato; magari operatori, personale ATA, gli alunni stessi.

20 ORGANIZZARE IL CONTESTO E REALIZZARE IL COMPITO UNITARIO: ALCUNI ESEMPI… ORGANIZZARE IL CONTESTO E REALIZZARE IL COMPITO UNITARIO: ALCUNI ESEMPI…

21 OSSERVARE LE PRESTAZIONI Per osservare e descrivere le competenze espresse dagli alunni nel contesto, si è scelto di fissare alcune condizioni operative: Osservatori: almeno due Lista di descrittori relativi agli obiettivi formativi considerati Livelli: Parzialmente Raggiunto (PR) Raggiunto (R) Completamente Raggiunto (CR) Strumento per raccogliere le informazioni: tabella a doppia entrata

22 SCUOLA DELLINFANZIA AMELIA Ciatti NARNI CAP. S. Lucia

23 SCUOLA DELLINFANZIA CIATTI- AMELIA UNITA DI APPRENDIMENTO IL CIBO NELLE FIABE 1) RILEVAZIONE DEI BISOGNI FORMATIVI Dallosservazione delle abitudini alimentari degli alunni rilevate sia al momento della colazione che durante la mensa scolastica è emersa la necessità di educare i bambini ad una corretta alimentazione. 2) MESSA IN EVIDENZA DELLA DISSONANZA COGNITIVA Conversazione con i bambini riguardo a cosa siano gli alimenti. Ciò costituirà lavvio di un percorso multicampo che, attraverso diverse esperienze, porterà gli alunni alla conoscenza e relativa acquisizione di un sano comportamento alimentare.

24 OBIETTIVI FORMATIVI 1.Conoscere il valore delle regole della corretta alimentazione per ottenere una buona salute. 2.Interiorizzare le regole della corretta alimentazione e comportarsi adeguatamente a mensa. 3.Interagire e collaborare nel gruppo dei pari per la realizzazione di un compito. APPRENDIMENTO UNITARIO Promuovere comportamenti consapevoli rispetto alla questione alimentare. COMPITO UNITARIO Preparazione di un minestrone e relativa degustazione. A conclusione dellintero percorso le insegnanti hanno portato a scuola, verdure fresche e legumi ed è stato proposto agli alunni di utilizzare il tutto per la preparazione di un minestrone, che poi è stato cotto nella cucina della mensa scolastica e degustato a pranzo. Le insegnanti, nelle varie fasi del compito assegnato, per ciascun alunno, hanno osservato vari comportamenti, in relazione agli obiettivi formativi individuati, ovvero : - Conosce limportanza delle verdure per una buona salute? - Accetta di assaggiare il cibo che è stato preparato? - Non litiga ? - Non versa il materiale? - Non usa il materiale per giocare?

25 SCUOLA DELLINFANZIA S. LUCIA - NARNI COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE: Racconto linverno. Unità di apprendimento: Le stagioni Bisogno formativo: Necessità del bambino di organizzare e ordinare le conoscenze possedute attraverso esperienze mirate. Tale bisogno è stato rilevato attraverso losservazione. Obiettivi formativi: DIMENSIONE RELAZIONALE E AFFETTIVO RELAZIONALE Sviluppare lautonomia delle proprie scelte per conseguire un fine prestabilito. (Il sé e laltro). DIMENSIONE COGNITIVA Saper leggere ed interpretare simboli convenzionali (Fruizione e produzione dei messaggi). Riconoscere ed identificare una parola ripetuta. (Fruizione e produzione dei messaggi). Riuscire ad adattare il proprio corpo ai mutamenti climatici (indumenti, sistemi di riscaldamento, ecc.). (Corpo, movimento e salute). DIMENSIONE METACOGNITIVA Sviluppare la capacità di parlare, descrivere e raccontare lasciando trasparire fiducia nelle proprie capacità di espressione e comunicazione (Fruizione e produzione di messaggi). Saper leggere ed interpretare i fenomeni legati alla stagione (Esplorare, conoscere e progettare).

26 Apprendimento unitario Sviluppare nel bambino la capacità di organizzare e ordinare le conoscenze possedute. Compito unitario in situazione Racconto linverno. Attuazione del compito unitario Dopo aver svolto lunità di apprendimento relativa alle stagioni, i bambini, guidati dalle insegnanti, elencano le conoscenze acquisite sulla stagione invernale. Il compito unitario si svolge poi individualmente, dunque ciascun bambino sceglie il percorso che preferisce per raccontare linverno, potendo scegliere tra le diverse soluzioni: Rappresentazione grafica dellinverno (linguaggio grafico – pittorico) Racconto verbale dellinverno (linguaggio verbale) Rappresentazione dellinverno attraverso il corpo (linguaggio mimico – gestuale) Riconoscimento delle parole dellinverno in mezzo ad altre parole (linguaggio scritto)

27 SCUOLA PRIMARIA AMELIA Orsini ATTIGLIANO GUARDEA I.C. Bartolomeo dAlviano NARNI CAPOLUOGO NARNI SCALO S. Pertini

28 CLASSI TERZE-ORSINI II-AMELIA ORGANIZZAZIONE DEL COMPITO UNITARIO (u.a. 2) BISOGNI FORMATIVI Trovare dati utili alla formulazione di ipotesi. Uso di linguaggi per esprimere opinioni. I bisogni formativi nascono dal compito di formulare ipotesi e sostenerle su alcune osservazioni scientifiche periodiche effettuate costantemente dal mese di settembre sul moto apparente del sole. OBIETTIVI FORMATIVI Formulare ipotesi sulla base dei dati osservati. Motivare logicamente le ipotesi effettuate. Confrontare le ipotesi. APPRENDIMENTO UNITARIO Porsi in atteggiamento critico nei confronti della realtà osservata. COMPITO UNITARIO Costruire un modellino di ambienti, strumenti, esperienze effettuate, utilizzando materiale di recupero e avendo la possibilità di consultare testi.

29 CLASSI TERZE-ORSINI II-AMELIA ORGANIZZAZIONE DEL COMPITO UNITARIO (u. a. 3) BISOGNI FORMATIVI Selezionare informazioni su un testo scritto. Utilizzare le misure convenzionali. Organizzare gli spazi di diverse dimensioni, vissuti e rappresentati. Orientarsi nello spazio: riferimenti convenzionali. Orientarsi nel tempo: le misure convenzionali del tempo. I bisogni formativi nascono dallesigenza di rielaborare le esperienze effettuate relativamente alle osservazioni sistematiche del sole, avvalendosi anche di testi scritti. OBIETTIVI FORMATIVI Trovare il proprio spazio/ruolo e rispettare quello degli altri nel gruppo. Ordinare testi, grandezze, fenomeni Rappresentare fenomeni e relazioni APPRENDIMENTO UNITARIO Utilizzare le informazioni e i codici per rappresentare i fenomeni analizzati. COMPITO UNITARIO Organizzare una gimkana di biciclette lungo il Percorso della salute del Rio Grande di Amelia, dopo la supervisione del luogo e avendo a disposizione testi di tutta la segnaletica esistente.

30 CLASSE V A - ORSINI I - AMELIA U.A. 1 : ARGOMENTARE BISOGNO FORMATIVO La rete di associazioni cittadine Prendiamoci per mano, di cui la scuola Primaria fa parte, organizza una Giornata per la Pace, che prevede il coinvolgimento dei ragazzi in attività di vario tipo lungo le vie del Borgo amerino. Gli alunni di quinta, nel corso di una conversazione guidata, scelgono di preparare levento approfondendo le motivazioni del recente conflitto tra Libano e Israele, anche con lattivazione di un laboratorio di giornalismo. Lintento è quello di analizzare articoli di giornale e ricercare notizie su Internet, per poi fare una sintesi del lavoro di ricerca e commentare i fatti sul giornale di classe Argento Vivo. Questo lavoro richiede laffinamento di abilità che vanno dal cercare, raccogliere ed elaborare informazioni, al corretto uso dei sussidi, alla capacità di formulare ed esprimere le proprie argomentazioni in modo convincente ed appropriato al contesto. E anche necessario lavorare sulla disponibilità al dialogo critico e costruttivo e sullinteresse ad interagire con gli altri. OBIETTIVI FORMATIVI · Costruire ragionamenti e argomentazioni, organizzando il proprio pensiero in modo logico e consequenziale. · Riferire il proprio pensiero attraverso esemplificazioni, argomentazioni e dimostrazioni. · Ricostruire le strategie intraprese per argomentare con coerenza logica. APPRENDIMENTO UNITARIO Rielaborare dati e conoscenze a scopo informativo- argomentativo. COMPITO UNITARIO Realizzazione di due numeri del giornalino Argento Vivo.

31 Argento vivo n. 2 - Ottobre2006 Un anno insieme… Laboratorio di giornalismo, classe quinta A Un anno insieme… Laboratorio di giornalismo, classe quinta A Jole Orsini 1° Amelia

32 CLASSE V A - ORSINI I - AMELIA U. A. 2: SEGNI, SEGNALI, FIGURE, STORIE RILEVAZIONE DELLA DISSONANZA COGNITIVA E DEL BISOGNO FORMATIVO Dalla lettura delle tabelle di osservazione del comportamento di ascolto, si osserva che la più alta frequenza riguarda il descrittore non esegue correttamente. Ci si pone il problema se tale difficoltà sia legata strettamente allattenzione ed alla memoria uditiva o anche possa comprendere il livello cognitivo, magari strettamente legato alla semantica. OBIETTIVI FORMATIVI Ascoltare, leggere e comprendere testo, segno, simbolo. Interagire nello scambio comunicativo laboratoriale di ascolto e manipolazione di storie, di circle- time, di conversazioni collettive. Essere consapevole delle strategie adottate nella comprensione dei problemi incontrati. APPRENDIMENTO UNITARIO Decodificare simboli, istruzioni, elementi testuali e linguistici codificati oralmente, fisicamente, con la scrittura e le immagini.

33 COMPITO UNITARIO Comporre un puzzle attraverso sette tessere che si guadagnano con la soluzione di giochi prevalentemente enigmistici, che utilizzano messaggi codificati in modi diversi; la soluzione di ciascun gioco può prevedere una pluralità di risposte. La prova è individuale, ogni bambino ha un tempo massimo di 10 minuti per risolverla. Appena risolto il gioco lalunno va dalle insegnanti: se la prova è corretta conquista una tessera giusta, se è sbagliata ne vince una di uguale forma, ma di un puzzle diverso. Quando il bambino ha le sette tessere può comporre il puzzle e, se si accorge che ci sono tessere sbagliate, può chiedere di riprovare, anche chiedendo aiuto allinsegnante o ad un compagno. A titolo esemplificativo, ecco alcune delle prove somministrate ai bambini:

34

35 Trova il valore delle frecce e completa calcolando le addizioni: significa……… significa……… significa………

36 PUZZLE DA COMPORRE

37 CLASSI II – ORSINI II – AMELIA U. A. 2: VERIFICA DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI EFFETTUATA A LIVELLO DI EQUIPE PEDAGOGICA COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Comporre un puzzle con tessere che si guadagnano con la soluzione di giochi enigmistici che utilizzano messaggi codificati in modi diversi; la soluzione di ciascun gioco può prevedere una pluralità di risposte. LIVELLI DI ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE IN USCITA A. Pienamente Raggiunto (risolve senza aiuto) B. Raggiunto (risolve tutte le prove ma con aiuto o ne sbaglia soltanto una) C. Parzialmente Raggiunto (se sbaglia circa la metà delle prove)

38 CLASSI II – ORSINI II – AMELIA U. A 3: MESSAGGI NASCOSTI RILEVAZIONE DEL BISOGNO FORMATIVO Dalla lettura delle tabelle di osservazione del compito unitario si rileva una difficoltà in ordine alle seguenti competenze: 1) Comprendere informazioni non esplicite 2) Trasferire saperi ed abilità in contesti nuovi 3) Affrontare difficoltà ed ostacoli con la capacità di tenere sotto controllo lansia DISSONANZA COGNITIVA Preparazione in classe della pizza. Preparare la ricetta e fotocopiare; dividere la classe in gruppi di 3 alunni e fornire ad ogni gruppo il materiale occorrente (farina, sale, acqua, lievito) e lasciarli sperimentare dando un limite al tempo (30 minuti).

39 OBIETTIVI FORMATIVI 1. Scoprire informazioni implicite nei saperi disciplinari e trasferirli in contesti nuovi 2. Comprendere informazioni implicite nelle abilità procedurali e riutilizzarli funzionalmente 3. Comprendere le proprie emozioni ed esprimerle APPRENDIMENTO UNITARIO 1. Scoprire e comprendere inferenze in testi in vari codici mantenendo il controllo emotivo 2. Svolgere e risolvere compiti non usuali utilizzando saperi e abilità mantenendo il controllo emotivo COMPITO UNITARIO 1. Organizzare un gioco per lultimo giorno di scuola ( i bambini lavorando in gruppi da 3 inventano un gioco, lo illustrano alla classe motivando le scelte fatte) 2. Gioco Spalla contro spalla; codificare e decodificare procedure per la composizione di figure per mezzo di forme geometriche. I bambini lavorano a coppie: Ogni bambino sceglie 6 pezzi dei Numeri in coloree costruisce una figura Scrive le istruzioni necessarie per far ricomporre la stessa figura al compagno Decodifica le istruzioni del compagno e ricompone la figura VINCE LA COPPIA CHE RIESCE A CODIFICARE E DECODIFICARE IN MODO ESATTO

40 CLASSI II – I. C. ATTIGLIANO Unità di apprendimento n°3: Vedo e ammiro. A spasso con i miei sensi. BISOGNO FORMATIVO Gli alunni mostrano qualche impaccio nellaffrontare problemi consueti della vita quotidiana. APPRENDIMENTO UNITARIO Avviare allautonomia di scelta nellindividuare gli elementi utili alla risoluzione di situazioni problematiche quotidiane. OBIETTIVI FORMATIVI DIMENSIONE COGNITIVA Formulare ipotesi per la soluzione di un problema. DIMENSIONE METACOGNITIVA Riflettere sulla capacità di comprendere i propri bisogni e le proprie capacità. DIMENSIONE AFFETTIVO-RELAZIONALE Socializzare e confrontare le proprie opinioni con i compagni. COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Scrivere e disegnare la lista degli oggetti da portare nello zaino per effettuare una gita di una giornata in montagna.

41 SCUOLA PRIMARIA DI ATTIGLIANO - CLASSE II Descrizione dellattività Fase preparatoria Dopo aver letto e spiegato agli alunni della classe lesperienza che dovevano illustrare e verbalizzare, le insegnanti distribuiscono il materiale occorrente. Osservazione della fase attiva Losservazione viene effettuata da tre insegnanti. Gli alunni iniziano a lavorare in modo serio e autonomo. Alcuni utilizzano il foglio in modo diverso dagli altri. Tutti procedono con sicurezza tranne uno che, sentendosi in difficoltà, cerca continuamente rassicurazioni chiedendo spiegazioni sul colore, sulla grandezza e la forma degli oggetti. Altri si consultano e confrontano il loro lavoro. Uno dopo aver controllato gli oggetti illustrati effettua delle modifiche. Fase post-attiva Lo svolgimento del compito viene seguito da un momento metacognitivo, durante il quale i bambini vengono invitati a riflettere sul lavoro svolto ed a motivare le scelte effettuate. Dalla discussione emerge che allinizio la difficoltà maggiore è stata nelloperare una scelta delle cose veramente necessarie da portare via. Nellesecuzione del lavoro si sentivano comunque tranquilli e sereni. Dopo aver socializzato e confrontato le proprie opinioni in modo positivo, tutti si dichiarano soddisfatti della prova effettuata.

42 SCUOLA PRIMARIA DI PENNA IN TEVERINA CLASSI I E II Fase preoperatoria Viene spiegato agli alunni che occorre un foglio da disegno, una matita e i colori.Tutto il materiale è in loro possesso. In seguito viene comunicato che le insegnanti vogliono progettare una gita in montagna di una giornata in primavera. I bambini dovranno preparare lo zaino e tutto loccorrente per la gita da soli, senza laiuto dei genitori e delle insegnanti. Viene cosi chiesto ai bambini della classe prima di disegnare la lista degli oggetti da portare, mentre ai bambini della classe seconda di disegnarli e scriverli. Prima di iniziare il lavoro le insegnanti decidono di chiedere agli alunni se hanno chiaro il concetto di montagna. Essendoci delle incertezze, danno delle delucidazioni attraverso la lettura di alcuni brani sullargomento. Osservazione della fase attiva Losservazione viene effettuata da tre insegnanti. Gli alunni iniziano il lavoro con serietà e con impegno, con qualche incertezza. Procedono tutti con sicurezza e svolgono il lavoro in autonomia. Tutti i bambini portano a termine il lavoro nei tempi stabiliti ed in modo adeguato alle richieste. Fase post-attiva Dopo lo svolgimento del compito, gli alunni vengono invitati a riflettere sul lavoro svolto. Dalla discussione risulta che la maggior parte degli alunni non ha trovato difficoltà.

43 SCUOLA PRIMARIA DI GIOVE - CLASSE I Descrizione dellattività Le attività riferite allo svolgimento del compito unitario di apprendimento sono state proposte in compresenza da due insegnanti. La proposta è stata organizzata con la seguente modalità: -primo momento di discussione e di preparazione; -esecuzione del compito; -confronto finale e scambio di opinioni sullattività. Fase preparatoria Gli insegnanti hanno chiesto ai bambini di ricordare se avevano mai fatto gite di una sola giornata; i bambini hanno subito cominciato a raccontare le loro esperienze, hanno descritto i luoghi visitati, hanno riferito di alcune avventure più o meno comiche vissute durante le loro gite. La conversazione era guidata dagli insegnanti con domande stimolo, e si è rivelata molto utile ai fini della realizzazione del compito, sia perché ha contribuito a creare un clima disteso, sia perché ci ha permesso di introdurre il lavoro da svolgere in modo significativo per i bambini. Durante questa fase tutti i bambini sono stati molto coinvolti, hanno trovato piacere nel raccontare le loro esperienze e hanno ascoltato con interesse i racconti dei compagni.

44 Osservazione della fase attiva Gli insegnanti hanno distribuito ad ogni alunno un foglio bianco, hanno spiegato e quindi assegnato il compito. Tutti i bambini hanno compreso la consegna senza difficoltà; potevano scegliere di scrivere o di disegnare gli oggetti da portare per effettuare la gita. Tutti hanno preparato una lista dove cera scritto il nome delloggetto con accanto il relativo disegno. Raramente hanno chiesto spiegazioni, spesso facevano delle riflessioni a voce alta, che coinvolgevano tutto il gruppo. Fase post-attiva Quando tutti i bambini hanno consegnato le loro liste ci siamo seduti in cerchio, ogni bambino ha appoggiato davanti a sé il proprio foglio ed è cominciata la discussione. Uno alla volta ha mostrato il proprio lavoro; i bambini potevano fare domande ai compagni, chiedere ad esempio il motivo per cui era stato scelto un oggetto al posto di un altro, il bambino in questione argomentava e dava le proprie motivazioni. In questo modo ha preso vita una discussione molto interessante, che ha permesso a noi insegnanti di osservare, in ciascun alunno, la capacità di difendere e, allo stesso momento, di saper confrontare le proprie opinioni con gli altri.

45 CLASSE QUARTA SCUOLA PRIMARIA DI GUARDEA Alunni coinvolti N°22 Bisogno formativo Lavorare in gruppo per creare il gruppo; discutere per darsi delle regole dazione, progettare insieme per imparare a valorizzare le collaborazioni ed affrontare eventuali defezioni. Obiettivi formativi Ricercare, acquisire e rielaborare dati e informazioni; Acquisire la capacità di pensiero astratto e ragionamento logico; Trasformare le competenze acquisite in vari linguaggi. Apprendimento unitario Accrescere la motivazione ad apprendere riappropriandosi anche di conoscenze pregresse. Compito unitario in situazione Realizzazione di sei teglie di pizza

46 ATTUAZIONE DEL COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE sono stati affrontati (in classe a livello disciplinare) argomenti che hanno svolto la funzione di prerequisito per la realizzazione di questo compito unitario. Gli argomenti riguardavano: Il testo regolativo I lieviti e le muffe Gli Ebrei e il pane azzimo La video scrittura Il calore e i materiali Le unità di misura e le equivalenze. Acquisite questa serie di conoscenze abbiamo cercato di trasformarle in competenze applicandole ad un contesto diverso e puntando principalmente sul lavoro di gruppo. Nata lidea della pizza è stata stilata la lista degli ingredienti calcolandone naturalmente le giuste quantità, sono stati preventivati i tempi di realizzazione per la preparazione, la lievitazione e la cottura e si è proceduto allacquisto del materiale necessario Così facendo gli alunni hanno completato la realizzazione del compito unitario in completa autonomia gestendo spazi e tempi, sotto la sorveglianza dei docenti incaricati della triangolazione per la valutazione.

47 SCUOLA PRIMARIA CASTELCHIARO – NARNI CAP – CLASSE II LA BISOGNO FORMATIVO Esplicitare le idee e i valori presenti nellesperienza. Dalle conversazioni svolte in classe, noi docenti ci siamo resi conto della difficoltà degli alunni di esporre le proprie idee e soprattutto di comunicarle correttamente agli altri. OBIETTIVI FORMATIVI Sostenere lo scambio comunicativo. Favorire linserimento in un testo degli aspetti emozionali. Rafforzare la capacità di esprimere le proprie opinioni, sostenendole con motivazioni consapevoli. APPRENDIMENTO UNITARIO Potenziare la capacità comunicativa. COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Invio di un alla scuola primaria di Lucca. ATTUAZIONE DEL COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Dopo aver svolte attività legate alla comunicazione sia orale che scritta ( racconti, cartoline, lettere, biglietti, SMS ed ); ci siamo posti il problema di comunicare ad una insegnante,trasferitasi in un'altra città, e alla sua scolaresca le nostre esperienze di questo anno di vita a scuola. Tenuto conto della mancanza sul territorio di un ufficio postale e persino di una cassetta per la spedizione della posta, gli alunni hanno pensato di esprimersi e di comunicare con i compagni di Lucca tramite la posta elettronica. La fase successiva è stata la scrittura collettiva del testo della e la scelta dei contenuti da inviare. Lattività prosegue nellaula di informatica: accensione del computer, apertura del programma Outlook-express, scrittura del testo e invio della . Successivamente abbiamo controllato la posta elettronica per leggere la risposta ottenuta. Le attività nellaula di informatica sono state svolte da tutti gli alunni collettivamente; ciascuno di loro ha collaborato con un apporto personale alle varie fasi operative.

48 SCUOLA PRIMARIA G. E A. GARIBALDI – NARNI. CLASSI IV A E IV B Compito Unitario in Situazione: Come sono creativo! BISOGNO FORMATIVO Esprimere la propria creatività OBIETTIVI FORMATIVI DIMENSIONE RELAZIONALE E AFFETTIVO-MOTIVAZIONALE Incoraggiare la libera espressione dellallievo attraverso lutilizzo dei codici comunicativi preferiti DIMENSIONE COGNITIVA Promuovere la capacità di saper comunicare e diffondere un messaggio DIMENSIONE METACOGNITIVA Potenziare la capacità di giustificare e sostenere le proprie tesi in modo consapevole ed originale APPRENDIMENTO UNITARIO Sviluppare la creatività del fanciullo COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Realizzazione di uno spot pubblicitario volto a convincere un pubblico di bambini a bere molto latte. PROCEDURA PER LA REALIZZAZIONE DEL CU Guidati dagli insegnanti gli alunni riassumono oralmente i fattori principali (già presentati ed appresi dagli allievi in precedenza) che rendono il latte un alimento indispensabile per una sana crescita. Gli insegnanti spiegano lobiettivo del CU, lo scrivono alla lavagna in modo che gli alunni abbiano la possibilità di controllare in ogni momento lattinenza di ciò che intendono produrre e rispondono alle eventuali domande relative al compito, che viene svolto individualmente. Il prodotto da realizzare può essere (a scelta dellalunno): un manifesto; una filastrocca in rima; un depliant; una sequenza a fumetti; un testo informativo; un testo narrativo di fantasia. Durante lesecuzione del lavoro gli alunni possono consultare del materiale informativo precedentemente raccolto. Il compito deve essere effettuato in circa due ore di tempo.

49

50 SCUOLA PRIMARIA G. e A. GARIBALDI- CLASSE V SEZ. A BISOGNO FORMATIVO Necessità di confrontarsi con gli altri (alunni e genitori ). Tale bisogno è emerso attraverso la conversazione. OBIETTIVI FORMATIVI -Saper ascoltare gli altri -Saper manifestare idee,proposte ed esigenze -Saper esprimere pareri personali motivandoli. APPRENDIMENTO UNITARIO Sviluppare labitudine al dialogo e al confronto COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Effettuare un incontro-dibattito con i genitori per decidere la realizzazione della seconda edizione delle Narnimpiadi, manifestazione sportiva a carattere competitivo. PROCEDURA PER LA REALIZZAZIONE DEL CU Dopo un breve riassunto di quanto realizzato nella precedente edizione, si apre il dibattito per la scelta di: tema e nome della manifestazione luogo e data nomi delle squadre e simboli materiali da produrre modifiche da apportare alla scaletta della precedente manifestazione. Durante lincontro gli alunni possono mostrare materiali, precedentemente prodotti, per spiegare le modifiche che intendono proporre. La durata dellincontro è di due ore.

51 SCUOLA PRIMARIA G. E A. GARIBALDI CLASSE V SEZ. B SC. PR. C. CASTELLANI S. LUCIA CL. V SEZ. A BISOGNO FORMATIVO (rilevato dalla lettura del libro Odissea e dalla visione di alcune immagini) Potenziare il piacere per la lettura OBIETTIVI FORMATIVI Sollecitare il dialogo e la collaborazione allinterno del gruppo di lavoro (Dimensione Relazionale e Affettivo - motivazionale) Potenziare nellalunno la capacità di proporre e attuare strategie risolutive durante lesecuzione dellattività Sviluppare la consapevolezza che la lettura è un mezzo di divertimento e di conoscenza (Dimensione Cognitiva) Potenziare la capacità di giudizio relativa alle proprie proposte e a quelle dei compagni Potenziare la capacità di esprimere e sostenere le proprie idee in modo coerente e costruttivo (Dimensione Metacognitiva) APPRENDIMENTO UNITARIO Promuovere, attraverso luso di tecnologie informatiche, la scoperta che la lettura è uno strumento di conoscenza COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Realizzazione di una mappa in preparazione allipertesto

52 PROCEDURA PER LA REALIZZAZIONE DEL CU Lettura del libro: Odissea Dopo la lettura delle avventure di Ulisse le insegnanti sollecitano gli alunni a riflettere sui luoghi, le azioni, i personaggi incontrati, il tempo in cui lazione si svolge, gli interventi esterni favorevoli o sfavorevoli al protagonista … per visualizzare concretamente questa molteplicità di richieste, ognuno viene invitato a scrivere, su un grande foglio bianco le parole, gli aggettivi, le azioni che secondo loro possano esprimere meglio le idee, le sensazioni, i sentimenti provati durante la lettura. Successivamente gli alunni sono invitati a individuare alcuni temi che emergono dalle parole scritte a caso sul cartellone esempio: mare, eroe, coraggioso, divinità, viaggio, difficoltà, avventura, furbo, … E a creare collegamenti tra alcune parole formando così il primo nodo ad esempio: ULISSE. Dopo aver individuato altri collegamenti e averli classificati si divide la classe in sottogruppi lasciando gli alunni liberi di scegliere i compagni con cui lavorare. Ogni gruppo decide quale argomento o nodo intende sviluppare e comincia a stendere un piano di lavoro. Esempio ULISSE: quali notizie si ritengono più utili fornire per spiegare chi fosse e che cosa è accaduto ad Ulisse? In conclusione i vari gruppi illustreranno agli altri le scelte effettuate e cercheranno di spiegarne le motivazioni. Il compito deve essere effettuato nellarco della mattinata scolastica, circa quattro ore.

53 SCUOLA PRIMARIA SANDRO PERTINI - NARNI SCALO - CLASSE I D UNITA DI APPRENDIMENTO IO E GLI ALTRI Bisogno formativo: formazione di un nuovo gruppo classe Obiettivi formativi Ascoltare gli altri e comprendere il contenuto della comunicazione. Parlare di sé e delle proprie esperienze. Comunicare attraverso codici verbali e non. Condividere le regole del gruppo. Apprendimento unitario: attivare modalità relazionali con i compagni e con gli adulti. Compito unitario di apprendimento: progettazione e realizzazione di un gioco VERBALIZZAZIONE DELLATTIVITA SVOLTA: LOSSERVAZIONE Losservazione è stata condotta dalle insegnanti Patrizia Sensini e Sandra Deangelis in due fasii: durante lideazione, progettazione e costruzione del gioco e durante lo svolgimento da parte di gruppi di cinque alunni per volta. Nella prima fase si è focalizzata lattenzione sulla partecipazione alla discussione di classe per la scelta del gioco (da tavolo o allaperto) e per lindividuazione delle regole. Gli alunni hanno optato per il gioco da tavolo da fare in classe nellora del dopo-mensa. Tutti hanno partecipato alla decisione. Al momento di individuare le regole del gioco alcuni sono stati più partecipi di altri. La maggior parte ha suggerito le regole che conosceva già per averle osservate in altri giochi da tavolo come ad esempio il gioco delloca. Le stesse regole sono state suggerite più volte. Nel complesso la classe ha saputo gestire questo momento di condivisione, non ci sono stati litigi e gli alunni che non hanno partecipato hanno comunque accettato ciò che è stato deciso dagli altri. Gli alunni sono stati poi fatti giocare in gruppi di cinque. I bambini hanno mostrato comportamenti diversi se osservati durante il gioco o lasciati giocare spontaneamente. Hanno infatti rispettato le regole stabilite ed il turno di gioco in presenza dellinsegnante mentre le hanno rispettate meno nel momento del gioco spontaneo durante lora del dopo mensa quando sono stati meno timorosi, più decisi e sicuri di sé ne difendere i propri diritti di gioco. Di seguito viene riportato quanto deciso collettivamente degli alunni guidati dalle insegnanti.

54 GIOCO DELLA CHIOCCIOLA REGOLE STABILITE COLLETTIVAMENTE Si gioca in non più di 5 persone. Tutti i giocatori devono partire dalla casella start usando una pedina segnaposto: obiettivo del gioco è raggiungere per primi la casella finish. Si lancia il dado a turno con un solo tentativo e si avanza di tante caselle a seconda del numero uscito dal lancio del dado. Il giocatore può fermarsi in diversi tipi di caselle: casella vuota - si aspetta il turno successivo casella con la scritta miss a turn - si deve saltare un turno di gioco casella con la scritta throw again - si deve rilanciare il dado unaltra volta casella con la scritta take a card – si deve pescare una carta da un mazzo, linsegnante legge il comando in lingua inglese ed il giocatore deve eseguirlo correttamente per avere la possibilità di lanciare nuovamente il dado. Quando gli alunni avranno imparato bene i comandi si passerà ad una seconda fase in cui linsegnante mostrerà al giocatore limmagine corrispondente ad un comando e questi dovrà pronunciarlo correttamente. FASE POST-ATTIVA. La fase attiva del gioco è stata seguita da un momento di riflessione generale che li ha portati a ripensare al proprio comportamento durante la progettazione e costruzione del gioco e durante lattività ludica. I bambini si sono dichiarati entusiasti, hanno espresso la volontà di giocare nuovamente e hanno dichiarato tutti di aver compreso il valore delle regole nei momenti di relazione con i compagni.

55 SCUOLA PRIMARIA SANDRO PERTINI – NARNI SCALO - CLASSE I D UNITA DI APPRENDIMENTO IO OSSERVO CIO CHE CAMBIA BISOGNO FORMATIVO Esplorare in modo consapevole la realtà che ci circonda a partire dalla propria esperienza. Osservare ed analizzare gli spazi più vicini. Orientarsi nello spazio e nel tempo. OBIETTIVI FORMATIVI Osservare e confrontare gli elementi di un ambiente noto (larboreto). Intervenire nella conversazione in modo ordinato e pertinente. Esprimere opinioni e stati danimo. APPRENDIMENTO UNITARIO Sviluppo della consapevolezza della realtà che ci circonda e dei suoi cambiamenti ciclici e stagionali Compito unitario di apprendimento: Visita guidata al parco organizzata dagli alunni e presentazione e descrizione di foto VERBALIZZAZIONE DELLATTIVITA SVOLTA: LOSSERVAZIONE Losservazione è stata condotta dalle insegnanti Patrizia Sensini e Sandra Deangelis durante unuscita al parco adiacente la scuola. Una delle insegnanti ha condotto la conversazione guidando la discussione con domande stimolo ed orientando losservazione dellambiente circostante. Le modalità di partecipazione di ciascuno degli alunni sono state varie. Due alunni non hanno partecipato affatto, attratti dal parco ed inclini al gioco non hanno mostrato di comprendere quello che si stava facendo. Un gruppo si è parzialmente interessato ed ha partecipato in modo discontinuo giocando ed intervenendo nella discussione a volte senza seguire il filo del discorso e quindi ripetendo quanto già detto da altri. Alcuni, pur tranquilli ed apparentemente integrati nel gruppo, in realtà non hanno saputo centrare lattenzione sul tema. Due alunne sono state sempre attente ma poco partecipative, una a causa della timidezza si è sempre limitata a mostrarsi daccordo con quanto detto da altri. Un gruppo di quattro alunni ha gestito la discussione in modo brillante e propositivo, apportando un notevole contributo personale.

56 NARNI SCALO - SCUOLA PRIMARIA S: PERTINI CLASSE III A COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE RIFERITO ALL U. A. 2 MI IMPEGNO PER CRESCERE BISOGNO FORMATIVO Assumere atteggiamenti responsabili durante lattività scolastica APPRENDIMENTO UNITARIO Portare a termine responsabilmente un compito assegnato, rispettando le regole procedurali e quelle di relazione con il gruppo COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Organizzare e condurre la rappresentazione di una storia inventata, utilizzando il linguaggio verbale e corporeo DESCRIZIONE DEL COMPITO UNITARIO Gli alunni, guidati e coordinati dallinsegnante di italiano, hanno inventato una favola in forma di testo collettivo, sul tema dellamicizia e della relazionalità. Gli elementi contenuti nella storia potevano essere rappresentati dagli alunni come posizioni yoga, attività compresa nel laboratorio di Espressività Corporea, condotta con la collaborazione di uninsegnante specialista che, pertanto, è stata coinvolta nellosservazione del C. U. svolto. Ogni alunno ha eseguito il compito secondo la seguente procedura: scelta dellelemento da rappresentare (animale, cosa, persona) e della corrispondente posizione descrizione e dimostrazione dellesercizio ai compagni richiesta dellesecuzione collettiva nel rispetto delle indicazioni fornite controllo e correzione delle posizioni non eseguite correttamente. Lattività è stata integrata da una successiva riflessione sullesperienza, nello spazio del circle time, e dalla presentazione di un questionario finalizzato a verificare il grado di consapevolezza dellimpegno assunto e ad individuare i punti di forza e di debolezza di ciascun alunno. Il compito è stato osservato da tre insegnanti e dalloperatrice del laboratorio di Espressività Corporea, in due diversi giorni di laboratorio.

57 OSSERVAZIONE DELLA FASE OPERATIVA Losservazione viene effettuata da tre insegnanti. Gli alunni, dopo aver letto la scheda, si forniscono del materiale occorrente, al tavolo (qualcuno imita lazione dei compagni). Iniziano il lavoro con serietà ed impegno, ad eccezione di C., che si guarda intorno senza lavorare e di L. che, sentendosi in difficoltà, scoppia in un pianto dirotto. Alcuni procedono con sicurezza rispettando la sequenza operativa indicata dalle istruzioni, altri appaiono più incerti e si consultano con il compagno di banco. C. inizia a lavorare, ma appare poco motivato; legge, ma poi si rivolge alla compagna vicina. L. supera il momento di crisi e riesce a realizzare il prodotto osservando il lavoro della vicina e chiedendole indicazioni. Tutti gli alunni portano a termine il lavoro in tempi ragionevoli, ad eccezione di due di loro che omettono loperazione di ritaglio finale. Circa i due terzi degli alunni utilizzano in piena autonomia la competenza di decodifica dei messaggi. FASE POST-ATTIVA Lo svolgimento del compito unitario viene seguito da un momento metacognitivo, durante il quale gli alunni vengono invitati a riflettere sul lavoro svolto. Dalla discussione emerge che la maggior parte degli alunni, allinizio del lavoro ha provato disagio, per il timore di non riuscire a svolgere unattività in piena autonomia. Alcuni di loro, pur possedendo un buon livello di conoscenze ed abilità richieste, hanno manifestato qualche insicurezza in fase operativa ed hanno sentito il bisogno di consultarsi con i compagni. Alcuni sono ricorsi a strategie integrative delle indicazioni (spezzatura della pasta per adeguarne le dimensioni alla superficie da decorare; utilizzo parziale del cartoncino per riservarne una parte come scorta). Tutti gli alunni si dichiarano soddisfatti per essersi messi alla prova e dimostrano un buon grado di consapevolezza dei propri punti deboli e di forza.

58 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO AMELIA - A. Vera I. C. ATTIGLIANO – Giove I. C. GUARDEA - Alviano

59 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A. VERA - AMELIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO Alla scoperta del significato dei simboli COMPETENZA ( PECUP – POF) Saper comprendere, per il loro valore, la complessità dei sistemi simbolici e culturali APPRENDIMENTO UNITARIO Riconosce i significati simbolici racchiusi nei vari linguaggi. COMPITO UNITARIO O PROVA COMPLESSA Identificare in testi poetici, musicali e opere darte i simboli e i significati ad esso attribuiti

60 COMPITO UNITARIO: ARTE IMMAGINE Riproduci con tecnica a tua scelta (tempera, pastelli, solo matita con chiaro scuro, etc…) lanimale tratto dai bestiari medievali che simboleggia, nella iconografia cristiana, forza e giustizia ma anche misericordia e regalità di Cristo. Indica lanimale che intendi riprodurre. AGNELLO BASILISCO LEONE ELEFANTE UNICORNO

61

62 COMPITO UNITARIO: LINGUA ITALIANA Trova, sottolineandole, le simbologie presenti nei seguenti testi, scrivi poi a fianco il loro significato. LA SELVA OSCURA Nel mezzo del cammin di nostra vita Mi ritrovai per una selva oscura Che la diritta via era smarrita. Ah quanto a dir qual era è cosa dura Esta selva selvaggia e aspra e forte Che nel pensier rinova la paura. E l duca lui: Caròn, non ti crucciare: vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole, e più non dimandare. ………………………………………

63 I.C. ATTIGLIANO – SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO - GIOVE BISOGNO FORMATIVO PARLARE PER COMUNICARE Lalunno sviluppa le capacità di usare: termini corretti e specifici, un linguaggio chiaro ed efficace; una strutturazione sintatticamente corretta. Lalunno coglie la necessità di dover utilizzare strumenti e linguaggi propri di più discipline al fine di relazionarsi con lambiente che lo circonda. COMPITO UNITARIO Organizzazione di un viaggio culturale in una città della Francia o della Gran Bretagna e vendita del pacchetto. Gli alunni accedendo ad Internet e consultando materiale turistico, devono costruire un itinerario di visite culturali a quei Paesi, organizzando le tappe, le visite guidate, i mezzi di trasporto e lalloggio. Successivamente debbono presentare litinerario alla classe illustrandolo per mezzo di un testo persuasivo ad argomento.

64 CLASSE TERZA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI ALVIANO Alunni coinvolti : n°13 BISOGNO FORMATIVO Essere in grado di riconoscere situazioni problematiche individuando i dati da cui partire e lobiettivo da conseguire OBIETTIVI FORMATIVI Formulare ipotesi sullutilizzo di unarea urbana in disuso Rilevare aree e volumi Contattare gli enti proprietari dello spazio Analizzare rappresentare lo spazio reale attraverso modelli e grafici utilizzare il codice specifico della relazione mirando alla correttezza formale e alla chiarezza espositiva APPRENDIMENTO UNITARIO Acquisire la consapevolezza delle azioni e delle conoscenze necessarie per concretizzare unidea COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Progettazione di unarea pic nic

65 ATTUAZIONE DEL COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE Le tappe per la realizzazione del lavoro sono state le seguenti: Lettura e decodifica di leggi regionali inerenti largomento Lettura della mappa catastale e individuazione dellarea da esaminare Ricognizione in loco Delimitazione dei campi dindagine Rilevazione di dati precisi e riduzione in scala Utilizzo del registro della relazione per la presentazione del progetto Lattività è stata realizzata nelle aule scolastiche, nello spazio sottostante la chiesa parrocchiale e nel laboratorio informatico.

66 OSSERVAZIONE Per raccogliere le informazioni dellosservazione dei comportamenti adottati dagli alunni durante il compito unitario, si è scelto di utilizzare come strumento una tabella a doppia entrata. I livelli di sviluppo delle competenze sono indicati in numero di tre: Completamente raggiunto Raggiunto Parzialmente raggiunto

67 Amelia – Scuola dellInfanzia Ciatti UNITA DI APPRENDIMENTO IL CIBO NELLE FIABE VERIFICA DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI, EFFETTUATA A LIVELLI DI EQUIPE PEDAGOGICA COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE: PREPARAZIONE DI UN MINESTRONE E RELATIVA DEGUSTAZIONE LIVELLI DI ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE IN USCITA: CR: Completamente Raggiunto; R: Raggiunto; PR: Parzialmente Raggiunto. alunni descrittori … Conosce limportanza delle verdure per una buona salute Accetta di assaggiare il cibo che è stato preparato Non litiga Non versa il materiale Non usa il materiale per giocare

68 C. D. Narni Capoluogo – Scuola dellInfanzia S. Lucia Griglia per la rilevazione delle osservazioni effettuate durante l'esecuzione ed al termine del compito unitario Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente Raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente Raggiunto DESCRITTORI ELENCO ALUNNI … Lavora autonomamente Partecipa con interesse Legge ed interpreta simboli convenzionali Rispetta le regole concordate Identifica una parola ripetuta Usa i 5 sensi per ricavare informazioni dall'ambiente Osserva gli elementi naturali confrontando e ordinando

69 C. D. Amelia - Scuola Primaria Orsini – Classe III Griglia per la rilevazione delle osservazioni effettuate durante lesecuzione ed al termine del Compito Unitario C.U Collocazione spaziale Rispetto delle proporzioni. Caratteristiche riprodotte. Realizzazione progettuale Presentazione del lavoro al gruppo: motivazione delle scelte effettuate. OSSERVAZIONE Losservazione è stata svolta da due insegnanti per ogni classe, in un primo momento mentre i bambini prendevano appunti delle idee durante il percorso e in un momento successivo di rielaborazione in classe.

70 C. D. Amelia - Scuola Primaria Orsini – Classe III Griglia per la rilevazione delle osservazioni effettuate durante lesecuzione ed al termine del Compito Unitario C.U Utilizzare il codice stradale. Organizzare il percorso su foglio. Comunicare e motivare le proprie scelte. Confrontare e sintetizzare con scelte di gruppo. OSSERVAZIONE Losservazione è stata svolta da due insegnanti per ogni classe, in un primo momento mentre i bambini prendevano appunti delle idee durante il percorso e in un momento successivo di rielaborazione in classe.

71 C. D. Amelia - Scuola Primaria Orsini – classe V A VERIFICA DELL'OBIETTIVO FORMATIVO, EFFETTUATA A LIVELLO DI EQUIPE PEDAGOGICA U.A. n 1 Compito unitario in situazione : I ragazzi realizzano due numeri del giornalino scolastico Argento Vivo, dedicati ai temi della PACE e della PENA DI MORTE. Il lavoro va dalla ricerca di notizie e dati al dialogo-confronto nellambito del gruppo-classe, alla rielaborazione e produzione di testi di tipo informativo-argomentativo, sia individuali che collettivi, infine, alla progettazione e realizzazione della pagina di giornale. LIVELLI DI ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE IN USCITA: Parzialmente raggiunto (PR) – Raggiunto (R) - Completamente raggiunto (CR) Alunni Descrittori Estrapola dati da testi per informarsi e per apprendere Rielabora dati e conoscenze a scopo informativo- argomentativo. Esplicita il proprio pensiero attraverso argomentazioni, esemplificazioni, dimostrazioni. Utilizza un linguaggio appropriato per esporre le proprie conoscenze. Produce testi scritti per argomentare. Costruisce ragionamenti logici per risolvere problemi.

72 C. D. Amelia - Scuola Primaria Orsini – classe V UNITÀ DI APPRENDIMENTO N.2 SEGNI,SEGNALI,FIGURE STORIE VERIFICA DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI EFFETTUATA A LIVELLO DI EQUIPE PEDAGOGICA COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE: Comporre un puzzle con tessere che si guadagnano con la soluzione di giochi enigmistici che utilizzano messaggi codificati in modi diversi; la soluzione di ciascun gioco può prevedere una pluralità di risposte. LIVELLI DI ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE IN USCITA CR : Completamente Raggiunto (risolve senza aiuto); R : Raggiunto (risolve tutte le prove ma con aiuto o ne sbaglia soltanto una); PR: Parzialmente Raggiunto (se sbaglia circa la metà delle prove). Alunni descrittori (O.F. n.1) Ricostruisce il puzzle Numero tessere LIVELLI DI ACQUISIZIONE DELLE COMPETENZE IN USCITA : SI NO LO.F. n.2 si considera pienamente raggiunto con 3 SI Alunni descrittori (O.F. n.2) Chiede aiuto, materiali… Presta aiuto, materiali… Evita il conflitto

73 INVENTIAMO UN GIOCO Chiede aiuto Collabora con i compagni Modifica il proprio punto di vista Tiene conto delle variabili spazio, tempo, nro alunni Utilizza codici diversi Utilizza funzionalmente saperi/abilità Utilizza funzionalmente materiali Controllo emotivo C. D. Amelia - Scuola Primaria Orsini – classe II U.A. n. 3 MESSAGGI NASCOSTI

74 Gioco Spalla a spalla Scrive le istruzioni Decodifica le istruzioni Costruisce la figura In modo corretto In modo corretto parzialmente corretto Per tentativi ed errori e/o con aiuto dellinsegnante C. D. Amelia - Scuola Primaria Orsini – classe II U.A. n. 3 MESSAGGI NASCOSTI

75 I. C. Guardea – Scuola Primaria – Classe IV GRIGLIA DI OSSERVAZIONE DELLE COMPETENZE … Mostra interesse per il lavoro Collabora con i compagni per la riuscita dellattività Accoglie e rispetta le opinioni degli altri Espone oralmente le fasi dellesperienza Si adatta a contesti diversi, riappropriandosi in modo creativo di conoscenze pregresse Esprime la propria opinione circa: Facilità compito Riuscita del compito Piacevolezza del compito Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente raggiunto Losservazione degli alunni durante lesecuzione del compito unitario verrà effettuata dagli insegnanti di classe.

76 I. C. di ATTIGLIANO – Scuola Primaria - Classi: 1° e 2° PENNA IN TEVERINA, 2° ATTIGLIANO, 1° GIOVE UNITÀ DI APPRENDIMENTO N°3 VEDO E AMMIRO. A SPASSO CON I MIEI SENSI. VERIFICA DELLOBIETTIVO FORMATIVO EFFETTUATA A LIVELLO DI ÉQUIPE PEDAGOGICA COMPITO UNITARIO IN SITUAZIONE: Disegnare (classe i), scrivere e disegnare (classe ii) la lista degli oggetti da portare nello zaino per effettuare una gita di una giornata in montagna. Luscita è prevista in primavera. O.F.: Operare scelte in un contesto definito per affrontare una nuova situazione. Livelli di acquisizione delle competenze in uscita: SÌ NO LO.F. si considera (CR) COMPLETAMENTE RAGGIUNTO CON 3 SÌ, (R) RAGGIUNTO CON 2 SÌ, (PR)ALTRIMENTI PARZIALMENTE RAGGIUNTO. Alunni Descrittori … COGNITIVO Formula ipotesi per la soluzione di un problema. METACOGNITIVO Riflette sulla capacità di comprendere i propri bisogni e le proprie capacità AFFETTIVO- RELAZIONALE Socializza e confronta le proprie opinioni con il gruppo. Obiettivo formativo

77 C. D. Narni Capoluogo – Scuola Primaria Castelchiaro – Classe II GRIGLIA DI OSSERVAZIONE DELLE COMPETENZE … Mostra interesse per il lavoro Collabora con i compagni per la riuscita dellattività Accoglie e rispetta le opinioni degli altri Espone oralmente le fasi dellesperienza Produce, con il gruppo classe, il testo dell usando un linguaggio adeguato Propone modalità pertinenti per inviare il messaggio Invia il messaggio seguendo la procedura corretta. Esprime la propria opinione circa: Facilità compito Riuscita del compito Piacevolezza del compito Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente raggiunto Losservazione degli alunni durante lesecuzione del compito unitario verrà effettuata dagli insegnanti di classe.

78 C. D. Narni Capoluogo - Scuola primaria G. e A. Garibaldi – Classi IV A e IV B. Griglia per la rilevazione delle osservazioni effettuate durante lesecuzione ed al termine del Compito Unitario. Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente Raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente Raggiunto DESCRITTORI ELENCO ALUNNI … Lalunno chiede chiarimenti e/o fa riflessioni pertinenti rispetto al compito. Esegue il compito con continuità e nel tempo previsto. Lavora in modo ordinato, preciso ed il prodotto è pienamente comprensibile. Esegue il compito in modo autonomo e pertinente. Nel compito realizzato esprime contenuti ben definiti e coerenti. Esprime un giudizio critico rispetto al prodotto realizzato. Motiva in modo completo e adeguato le scelte effettuate. Losservazione degli alunni durante lesecuzione del Compito Unitario e del prodotto da essi realizzato verrà effettuata dai tre insegnanti della classe.

79 C. D. Narni Capoluogo Scuola primaria G. e A. Garibaldi – Classe V A Griglia per la rilevazione delle osservazioni effettuate durante lesecuzione e al termine del compito unitario Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: parzialmente raggiunto R: raggiunto CR:completamente raggiunto DESCRITTORI … Rispetta le regole della conversazione Interviene in modo pertinente Si esprime con chiarezza E coerente Rispetta le opinioni altrui Manifesta pareri Motiva le proprie argomentazioni E propositivo Suscita attenzione nellinterlocutore Utilizza materiali e mezzi idonei per spiegare iniziative ed attività.

80 C. D. Narni Capoluogo: Scuola primaria G. e A. Garibaldi cl V B – Sc. prim. C. Castellani cl V A Griglia per la rilevazione delle osservazioni effettuate durante lesecuzione ed al termine del Compito Unitario. Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente Raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente Raggiunto DESCRITTORIELENCO ALUNNI … Dim. Rel/Aff Interagisce correttamente con i compagni Collabora allinterno del gruppo Assume un ruolo definito allinterno del gruppo Dim. Cogniti va Sintetizza il contenuto Scrive un proprio pensiero Organizza i dati a disposizione Esprime le proprie idee in modo coerente Individua collegamenti coerenti tra gruppi di parole Dim. Metacog nitiva Giustifica in maniera pertinente le proprie scelte e quelle del gruppo di lavoro Propone strategie risolutive Illustra le scelte effettuate in modo coerente e costruttivo Losservazione degli alunni durante lesecuzione del compito unitario verrà effettuata dagli insegnanti di classe.

81 C. D. Narni Scalo – Scuola Primaria S. Pertini – Classe I D VERIFICA UNITA DI APPRENDIMENTO N° 2 IO E GLI ALTRI Numero progressivo alunni Descrittori … Stabilisce delle regole da condividere Rispetta il proprio turno di gioco Rispetta le regole stabilite Mantiene lattenzione durante lo svolgersi del gioco Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente Raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente Raggiunto

82 C. D. Narni Scalo – Scuola Primaria S. Pertini – Classe I D VERIFICA UNITA DI APPRENDIMENTO N°4 IO OSSERVO CIOCHE CAMBIA Numero alunni Descrittori … Osserva e confronta gli elementi di un ambiente noto (larboreto) Interviene nella conversazione in modo ordinato e pertinente Coglie somiglianze e differenze Esprime opinioni e stati danimo Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente Raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente Raggiunto

83 C. D. Narni Scalo – Scuola Primaria S. Pertini – Classe III U. A. 2 - "MI IMPEGNO PER CRESCERE" Griglia per la rilevazione delle competenze Alunni Descrittori per la rilevazione delle competenze dell' U. A … Descrive la posizione da rappresentare. Rappresenta la posizione descritta. Adegua la comunicazione alle esigenze di chi ascolta (volume, pause,..). Riconosce gli errori dei compagni e li corregge. Ha consapevolezza dell'impegno assunto. Individua i punti di forza e di debolezza della propria prestazione. Rilevazione sommativa delle competenze. Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente raggiunto

84 Scuola Secondaria di primo grado – A. Vera – Amelia TABELLA RILEVAZIONI DATI U.A. Alla scoperta del significato dei simboli Alunni … Riconosce i simboli Comprende il significato del simbolo Comprende gli elementi comuni delle diverse simbologie Sa collegare i simboli analizzati al periodo storico di riferimento Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente Raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente Raggiunto

85 I. C. Guardea – Scuola Secondaria di Primo Grado di Alviano GRIGLIA DI OSSERVAZIONE DELLE COMPETENZE … Mostra interesse per il lavoro Collabora con i compagni per la riuscita dellattività Accoglie e rispetta le opinioni degli altri Formula ipotesi creative e si da obiettivi precisi per arrivare a soluzioni originali Gestisce gli spazi gli strumenti e i tempi Esprime la propria opinione circa: Facilità compito Riuscita del compito Piacevolezza del compito Legenda relativa ai livelli di sviluppo: PR: Parzialmente raggiunto R: Raggiunto CR: Completamente raggiunto Losservazione degli alunni durante lesecuzione del compito unitario verrà effettuata dagli insegnanti di classe.

86 CONCLUSIONI

87 Punti forti Passaggio dalla valutazione sommatoria, quantitativa sanzionatoria, alla valutazione autentica che osserva i processi allo scopo, non di esprimere giudizi nei confronti degli alunni, ma di trarre informazioni per adeguare lazione didattica. Importante opportunità per osservare COME il soggetto approcci una situazione dapprendimento, le strategie che seleziona, le reazioni davanti alle difficoltà, la capacità di trovare soluzioni alternative (stile dapprendimento). Lattenzione alla predisposizione di contesti operativi in cui la gestione collegiale è condizione irrinunciabile pena linattuabilità dellazione stessa.

88 Punti deboli Sono rintracciabili allinterno degli stessi punti forti. Le competenze essendo processuali possono essere descritte, non misurate; non è dunque possibile riferirsi a parametri preesistenti, né tanto meno avvalersi di indicatori quantitativi; gli insegnanti devono costruire liste di descrittori riferite allOF ed allAU di riferimento adeguate al contesto ed al gruppo. Obiettivamente è una difficoltà che potrà essere superata con il tempo. I dati desunti dallosservazione sono indubbiamente soggettivi anche se il fatto che gli osservatori siano più di uno riduce il margine di soggettività. E necessario interpretarli e questo pone una certa dose di difficoltà collegata alla necessità di avere consonanza tra coloro che osservano.

89 Perciò riteniamo indispensabile: Ridurre drasticamente le competenze del curricolo Organizzare più compiti unitari, a distanza di tempo, per ciascuna delle competenze prese in esame Condividere nel Collegio Docenti una procedura standard per lorganizzazione di compiti unitari


Scaricare ppt "IL COMPITO UNITARIO COME STRUMENTO PER RILEVARE LE COMPETENZE."

Presentazioni simili


Annunci Google