La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I.T.C. G.B. Bodoni Parma Lapprendimento cooperativo per una valutazione autentica Anna Segreto 2011.12.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I.T.C. G.B. Bodoni Parma Lapprendimento cooperativo per una valutazione autentica Anna Segreto 2011.12."— Transcript della presentazione:

1 I.T.C. G.B. Bodoni Parma Lapprendimento cooperativo per una valutazione autentica Anna Segreto

2 A che punto siamo? Nuovi obiettivi

3 APPRENDIMENTOCOOPERATIVO Comunità di apprendimento Differenziazione dellinsegnamento Motivazione Gestione della classe Valutazione autentica Competenze e curricoli Inclusione Competenze trasversali Orientamento Cognizione situata e distribuita Intelligenze multiple Scuola centrata sullo studente Apprendimento autentico

4 IDENTIKIT DELLINSEGNANTE COOPERATIVO Una rubrica per noi Livello di base: … svolge complici semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze e abilità essenziali e di saper applicare regole e procedure fondamentali. Livello intermedio: … svolge compiti e risolve problemi complessi in situazioni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscenze e le abilità acquisite. Livello avanzato: … svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nelluso delle conoscenze e delle abilità. Es. proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli. DM _Certificazione obbligo di istruzione

5 Obiettivo della valutazione è migliorare lapprendimento

6 Uno sfondo per orientarci Contributi dal mondo della pedagogia e della didattica

7 Sessione di studio Teoria dellautodeterminazione Certificare le competenze per promuovere apprendimento Curricoli di qualità Apprendimento cooperativo: alcune buone ragioni Teste numerate insieme Studio a coppie Decisione per consulto di gruppo Prendi appunti in coppia

8 Consegne per i gruppi I fase Seguire il copione di lavoro e per: 1. Analizzare il materiale Prepararsi a spiegarlo ad altri 15 II fase 1. Spiegare a turno quanto studiato Spiegare la modalità utilizzata per studiare Verificare la comprensione altrui10 Jigsaw

9 Consegne per i gruppi III fase sintesi di gruppo Quali i concetti fondamentali veicolati nella sessione di studio? Fate un elenco di parole chiave. Roundrobin (giro di tavolo)Alzati e condividi

10 Revisione In che misura i concetti di riferimento sono stati tenuti presenti nellorganizzazione dellattività di studio? Lezione tradizionale e lezione cooperativa a confronto Controllo reciproco in coppia

11 Riconnettiamoci Jigsaw Decisione per consulto di gruppo Prendi appunti in coppia Studio in coppia Teste numerate insieme Controllo reciproco in coppia Strutture di lavoro utilizzate. Quali?

12 Strumenti introdotti Copione di lavoro Foglio di riflessione/revisione Autonomia dei gruppi: tempi, ritmi, percezione di maggior autodeterminazione, … Differenziazione del lavoro Scaffolding = binario che modella le strategie da utilizzare Automonitoraggio della comprensione e del lavoro Ricognizione e rielaborazione Generalizzazione

13 Riflessione Quali competenze trasversali possono essere sviluppate attraverso lapprendimento cooperativo? Teste numerate insieme

14 Imparare ad imparare Acquisire ed interpretare linformazione Individuare collegamenti e relazioni Risolvere problemi Agire in modo autonomo e responsabile Collaborare e partecipare Comunicare Progettare Competenze trasversali

15 Solo unorganizzazione innovativa della classe sostiene lo sviluppo di abilità inerenti le competenze chiave trasversali.

16 I nostri obiettivi di miglioramento Costruzione di attività didattiche in apprendimento cooperativo Valutazione e promozione dellautovalutazione Gestione della classe Creazione di un positivo clima di classe Insegnamento/apprendimento di competenze sociali in compiti di apprendimento Simultaneità Revisione

17 Rubrica di valutazione: struttura e parole chiave Dimensioni Scala PrincipianteApprendistaPraticanteCompetente …… Scala qualitativ a Livelli Criteri Tratti Diverse tipologie di rubriche Quale lutilità di una rubrica? Giro di tavolo

18 … definire i criteri di apprezzamento e le aspettative specifiche relative ad una competenza. Una rubrica di valutazione per … Rende espliciti i criteri di valutazione Coinvolge il soggetto nellautovalutazione Orienta la progettazione di esperienze di apprendimento significative

19 Quando diremo che uno studente è competente nello studio? QUALI DIMENSIONI? QUALI CRITERI? Ragnatela di parole in gruppo

20 Un esempio DIMENSIONI 1 Ascolto e comprensione di discorsi e spiegazioni 2. Prelettura 3. Lettura globale 4. Lettura analitica 5. Organizzazione di concetti e informazioni 6. Rielaborazione/applicazione di concetti e informazioni 7. Memorizzazione 8. Esposizione 9.Interesse, impegno, … 10. Atteggiamento metacognitivo 11 … Costruiamo la nostra rubrica per lo studio - fine ciclo

21 Nei gruppi … Progettare una unità di percorso in apprendimento cooperativo Prima però … un ripassino Studiare insieme: seconda parte

22 Lezione cooperativa Interrompere la lezione due minuti prima della fine. Chiedere agli studenti di scrivere: 1. Il punto/i punti più importante/i della lezione 2.Il punto/i punti meno chiaro/i 3. ………………………….. Raccogliere i fogli. Utilizzare le risposte per programmare la lezione successiva. Strategie informali

23 Team in classe – * richiamare alla memoria il materiale già spiegato * rispondere ad una domanda – * iniziare a risolvere un problema – * elaborare il passaggio successivo in una dimostrazione – * pensare ad un esempio o ad unapplicazione *generare una domanda * riassumere una lezione Formare gruppi di 2-4, scegliere coloro che scrivono. Dare ai gruppi dai 30 secondi ai 5 minuti per:

24 Cerca la struttura … I gruppi hanno dei prodotti da condividere … State impostando una fase di ripasso … Volete sostenere lattenzione durante una spiegazione frontale … Siamo a fine lezione: volete chiudere con una rapida sintesi … Intendete attivare e coinvolgere gli studenti su un nuovo argomento … Il vostro obiettivo è migliorare la precisione nelle definizioni e nel lessico specialistico … Vi interessa sviluppare un civile e proficuo scambio di opinioni … In attività di esercitazione e consolidamento volete far lavorare in coppia (aiuto reciproco) … State progettando una sessione di studio/ricerca da svolgersi in classe …

25 PROGETTARE ATTIVITA COOPERATIVE PROGETTARE ATTIVITA COOPERATIVE PROGETTARE ATTIVITA COOPERATIVE STRUTTURATE PROGETTARE ATTIVITA COOPERATIVE STRUTTURATE Traguardo di competenza e obiettivi di apprendimento Traguardo di competenza e obiettivi di apprendimento Contenuto/ argomento Fasi della sequenza di lavoro Strutture cooperative Costituzione dei gruppi: grandezza e criteri Costituzione dei gruppi: grandezza e criteri Obiettivi di competenza sociale e modalità di insegnamento Criteri e modalità di valutazione Revisione: come? Materiali Organizzazione degli spazi Tempi prevedibili Strategie in relazione a particolari situazioni … …

26 ORGANIZZIAMOCI Formazione gruppi di lavoro Analisi griglia di progettazione: discutetene nei gruppi. PROGETTIAMO Definite inizialmente il canovaccio del lavoro. Si inizia Qualcosa non è chiaro? inviare le bozze a

27 Competenza Capacità dello studente di utilizzare conoscenze e abilità personali e sociali in contesti reali con riferimento alle discipline/ambiti disciplinari che caratterizzano ciascun asse culturale.


Scaricare ppt "I.T.C. G.B. Bodoni Parma Lapprendimento cooperativo per una valutazione autentica Anna Segreto 2011.12."

Presentazioni simili


Annunci Google