La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Relazione tra il Settore Pubblico e le Aziende Non Profit Unesperienza.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Relazione tra il Settore Pubblico e le Aziende Non Profit Unesperienza."— Transcript della presentazione:

1 Relazione tra il Settore Pubblico e le Aziende Non Profit Unesperienza

2 Un equilibrio tra i due obiettivi è possibile? FARE IMPRESA FARE IMPRESA Fare/gestire servizi, lavori, attività secondo gestione dimpresa modelli di gestione dimpresa Buon rapporto qualità/prezzo/inserimenti Investimenti FARE SOCIALE integrare le persone svantaggiate Fare sociale ovvero Promuovere il benessere della comunità ed integrare le persone svantaggiate COOPERATIVASOCIALE La cultura della cooperazione sociale

3 Cooperative Sociali Art. 1. Definizione 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini attraverso: a) la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi; b) lo svolgimento di attività diverse - agricole, industriali, commerciali o di servizi - finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate.

4 CS&L è un Consorzio Sociale costituito da 43 realtà di cui 11 cooperative sociali di tipo A 30 cooperative sociali di tipo B 1 consorzio sociale 1 associazione ONLUS

5 La nostra Mission Il Consorzio è retto e disciplinato dai principi del movimento cooperativo dellAssociazionismo tra cooperative, del rispetto della persona, del diritto di cittadinanza ed uguaglianza Sociale tra donne e uomini e non ha finalità speculative di lucro. Il Consorzio non ha solo lo scopo della mutualità interna, ma persegue anche il benessere generale dei cittadini…..

6 Le funzioni del consorzio General contractor per le coop A e B; Creazione di reti con le P.A. ed i loro servizi; Integrazione socio-lavorativa di soggetti svantaggiati per le coop B; Collaborazione e integrazione tra le coop consorziate; Consulenza alle cooperative socie; Progettazione complessa di fondi comunitari e regionali;

7 Lattenzione alla persona svantaggiata Collaborazione a diversi livelli con la PA sia come gestori di Servizi alla persona che come contesti di inserimento lavorativo – SertServizio Tossicodipendenze – NOAServizio Alcolisti – Area HServizi per disabili – CPSServizi Psichiatria – CSSAServizio Detenuti – Area MinoriServizi per Minori – Sil/Nil/UoilServizi di inserimento lavorativo – Servizi Sociali ComunaliServizi per fasce deboli, grave emarginazione

8 Tipologie svantaggio –invalidi fisici –psichici e sensoriali –gli ex degenti di istituti psichiatrici –i soggetti in trattamento psichiatrico –i tossicodipendenti –gli alcolisti –minori –i minori in età lavorativa in situazione di difficoltà familiare –i condannati ammessi alle misure alternative alla detenzione –Nomadi –Extracomunitari –Grave emarginazione

9 Inserimenti lavorativi al

10 Analisi – Aumento delle situazioni multiproblematiche – Aumento delle situazioni a rischio di emarginazione (le fasce deboli) – bassa professionalizzazione, formazione scolastica media/bassa, ultraquarantenne – Aumento delle competenze sociali nelle cooperative di tipo B con conseguente aumento del successo degli inserimenti – Meno risorse al pubblico: meno operatori nei servizi pubblici, meno risorse per servizi complementari (es. Sert – reinserimento sociale, abitativo, lavorativo) – Rischio delega/scollegamento con intervento specialistico per cui richiesta di coprogettazione e collaborazione attiva nella gestione, ovvero mantenimento del servizio pubblico del ruolo di referente delle politiche sociali e coordinamento degli interventi

11 Cooperative B le attività Manutenzione del Verde Pulizie uffici e Palestre Raccolta Rifiuti e gestione di piattaforme ecologiche Altri servizi (Ristorazione, Affissioni, Educazione Ambientale, Idraulica ed impianti di irrigazione, Servizi Informatici, Gestione di centri sportivi )

12 Le attività principali delle cooperative A sono Servizi per disabili Gestione di Centri Socio- Educativi Servizi per minori Servizi per giovani gestione di Centri di Aggregazione Giovanile (C.A.G.) ed interventi di Educativa di Strada Assistenza Domiciliare Minori Gestione di Comunità Alloggio Progetti/Servizi per inserimento lavorativo Gestione di interventi nellambito della prevenzione alle dipendenza Gestione del servizio Informa Giovani e degli interventi di sviluppo di comunità, sostegno alla sussidiarietà e alla progettazione integrata Integrazione scolastica disabili Area Anziani, ass. domiciliare ed altri interventi

13 Analisi 1.Aumento costante e progressivo della capacità produttiva e imprenditoriale 2.Miglioramento dellorganizzazione interna alle cooperative 3.Capacità di gestione di servizi e lavori sempre più complessi ed articolati 4.Predisposizione alla progettazione territoriale 5.TIPO A – Minor ricorso al prezzo più basso La necessità da parte delle PA di offrire servizi alla persona attenti e professionali ha spinto le PA a formulare gare dappalto sempre meno vincolate al massimo ribasso e sempre più vincolate ad un progetto. Inoltre sono in aumento le gare in cui è previsto un punteggio per la certificazione ISO e soprattutto, in relazione alla legge 328, alla presenza di piani di zona e tavoli di zona, è previsto un punteggio per la presenza ed operatività sul territorio 6.TIPO B – Stabilità nel ricorso agli affidamenti diretti La Deroga alla disciplina delle gare dappalto per i lavori tipo B è per commesse fino alla soglia dei DSP = ( euro – 2006/2007) per le attività agricole, industriali, commerciali o di servizi 7.Stabilità nei servizi di pulizia e manutenzione del verde, diminuzione nel settore raccolta rifiuti, aumento di servizi diversi (gestione piattaforme ecologiche, informatica, web, ristorazione, global service, arredi) 8.Aumento gare con progetto gestionale e richiesta la certificazione SOA e la certificazione ISO

14 La committenza pubblica Territorio di riferimento del Consorzio PROVINCIA DI MILANO e MONZA Territorio di riferimento delle cooperative socie Regione Lombardia (Provincia di Milano, Varese, Bergamo, Pavia, Lodi) Tipologia committenti Comuni Consorzi di comuni Aziende speciali S.p.A. a capitale pubblico Asl Mi 1, 2 e 3, Asl Città di Milano Aziende Ospedaliere Provincia di Milano

15 Il rapporto con le P.A. Le forme contrattuali possibili tra Cooperazione Sociale e P.A. – gara dappalto aperta a tutti i soggetti (non profit e profit); – trattativa privata con invito di soggetti non profit e profit – gara dappalto/trattativa privata con invito esclusivo alle sole cooperative sociali – Affidamento diretto in base allart. 5 della legge 381/91 solo per le cooperative sociali – progettazioni partecipate (coprogettazione); es. leggi di settore (L. 45, L. 285,L. 328) – progetti in cui è determinante il rischio dimpresa – In evoluzione il quadro disegnato dal nuovo codice degli appalti (dlgs 163/2006) che, fatte salve le norme sulle coop. sociali, introduce altri possibili percorsi (art. 52 e art. 69)

16 Progetti in cui è determinante il Rischio dImpresa Convenzione complessiva CS&L, Comune di Cavenago e Cem Ambiente S.p.A – Affidamento di strutture per la realizzazione di servizi sociali e socio-educativi Due strutture per comunità alloggio Una struttura per attivita formativa/attività animativa – Affidamento di Terreni per attività agricole – Affidamento di lavori presso area ex discarica Manutenzione del verde Recupero a verde delle aree ex discarica Gestione della piattaforma ecologica

17 Convenzione CS&L, Comune di Cinisello Balsamo – Affidamento struttura ex Scuola Arnesano Per attività di incubatore e supporto alla nascita e crescita di cooperative sociali nel territorio (CRIS – Centro Risorse per lImpresa Sociale) Servizi di custodia, guardiania, centralino e pulizie locali Convenzione CS&L e Comune di Agrate per la gestione del Parco A. Moro (progressiva diminuzione degli affidamenti del Comune – verde, custodia, guardinia e progressivo aumento quota del Consorzio a rischio dimpresa) – Affidamento di strutture per sviluppare un progetto sociale/aggregativo Affidamento del ristorante/bar Affidamento parco Affidamento attività animative Affidamento attività aggregative

18 Cooprogettare insieme alle PA Il nuovo welfar della politica sociale richiede nuove forme di collaborazione tra pubblico e privato sociale. Per questo motivo viene richiesta la partnership nelle rilevazione dei bisogni, nella valutazione degli stessi, nella definizione di obiettivi e strategie per gestire i problemi sociali, per prevenirli e per gestire i servizi di tipo socio-sanitario e socio-educativo anche innovativi e sperimentali Istituzionalizzazione dei Tavoli di zona in cui vengono definiti i piani di zona (bisogni, obiettivi, strategie, strumenti, verifiche): partecipazione delle cooperative socie, collegamento tra le stesse, partecipazione diretta del Consorzio sul tema inserimento lavorativo

19 Alcune leggi di settore: Legge 45 FNLD, Ex Legge 285, Legge 23, Legge 40 vincolo della individuazione della società gestrice in fase di progettazione scambio di know-how, responsabilità condivisa, apporto gestionale, valutazione partecipata Individuato il bisogno, stesura progetto e, a seguito della approvazione, cogestione Titolarità CS&L e collaborazione stretta con ASL o comuni: Progetto Promozione Sociale Asl 2/Sert e UOIL, privato sociale Titolarità Comune/ASL e affidamento in convenzione della gestione del servizio: Progetto SPIF III (in continuità) Vincolo di un accordo di programma o ATS (associazione temporanea di scopo) formalizzati: progettazione FSE, Progetti Equal

20 Progetti inserimento socio-lavorativo e abitativo persone tossicodipendenti ed ex- tossicodipednenti, detenuti ed ex detenuti, grave emarginazione, sofferenti psichici, (L. 45, L.328, L40) Progetti di re-inserimento sociale, abitativo e lavorativo in partnership con ASL, Comuni, Provincia di Milano, Privato Sociale: Progetti Equal ( Partner privati, privato sociale e PA) Equal Luoghi della qualità sociale - Capofila Associazione Lavoro e Integrazione Equal Reti In Rete – Capofila Comune di Monza Equal Agenzia di Cittadinanza – Capofila Fondazione Caritas Ambrosiana Progetti Equal ( Partner privati, privato sociale e PA) Imprese sociali per il sistema parchi e territorio Equal Imprese sociali per il sistema parchi e territorio - Capofila Associazione Lavoro e Integrazione Equal Territori per la salute mentale - Capofila Assocoop Brescia Equal Agenzia di Cittadinanza II Fase – Capofila Fondazione Caritas Ambrosiana

21 Rapporto tra Cooperativa Sociale e Pubbliche Amministrazioni Rapporto tra Cooperativa Sociale e Pubbliche Amministrazioni Punti debolezza Punti di forza immagine fornita Qualità dei lavori Investimenti come risorse umane Investimenti come risorse economiche Progetto cooperativo condiviso Marketing Rete e Sistema tra servizi di tipo A e di tipo B Progettazione Lobbyng MinacceOpportunità Budget PA Cultura Scelte politiche Immagine percepita Appalti concorso Formazione Normativa

22 Punti di debolezza Immagine fornita Viene fornita (spesso!) una immagine buonista (dateci soldi perché facciamo del bene), abbiamo bisogno di soldi per aiutare le persone più sfortunate di noi: richiesta di contributi, di investimenti anche cospicui, richiesta di lavoro a condizioni qualitative differenti da ogni altra impresa Immagine di onnipotenza: con la volontà e la motivazione si possono fare tutti i mestieri e risolvere i problemi del mondo di tutti col rischio di fare diversi lavori e male Investimenti in risorse umane –Scarso investimento su Risorse umane qualificate. I criteri di selezione sono Capacità personali e professionali rapporti amicali la motivazione al lavoro semigratuito Volenteroso

23 Qualità dei lavori –Quello che conta è che facciamo del bene, non possono criticarci se il lavoro non è fatto bene, non è fatto perché facciamo del bene e il volontario non riesce a sopperire sempre alla mancanza/incapaci tà della persona svantaggiata –Facciamo tutto e cerchiamo di fare tutto: ci imbarchiamo in progetti e lavori che vanno oltre le nostre capacità e competenze sulle ali dellentusiasmo Investimenti in risorse economiche –Le poche risorse economiche destinate agli investimenti in attrezzature e personale (mancanza di efficienza gestionale e organizzativa) subiscono ulteriori contrazioni nei periodi in cui le PA hanno meno risorse (taglio dei finanziamenti statali) e meno donazioni private (periodi di crisi): questi elementi portano la cooperativa sociale ad un bivio: la cooperativa fa un salto di qualità (investendo risorse proprie per stare sul mercato) chiude un settore o addirittura chiude la cooperativa –Di fronte alle banche poco credito (nel senso della credibilità), poche garanzie (reali), poca capacità di vendere il progetto (il profit è capace di vendere ed avere credito senza particolari garanzie) –Il rapporto col privato se filtrato dalla solidarietà/pietismo, oltre a fornire una immagine di scarsa qualità ma buonista, non diventa stimolo per migliorare

24 Marketing Promuovere unimmagine diversa, professionale, capace, trasparente (codice etico, bilancio sociale) Pubblicizzare le proprie risorse e capacità Progetto cooperativo condiviso –Mancanza di condivisione degli obiettivi, dellorganizzazione, dei rischi e della fatica portano ad uno sfaldamento della struttura cooperativa

25 minacce Budget delle PA –Contrazione risorse PA per tagli, contrazione delle risorse per la gestione di servizi (servizi per disabili, anziani, malati) e per le attività ordinarie (verde, rifiuti, pulizie) –Contrazione delle commesse di lavoro con affidamento diretto –Presenza di Gare al massimo ribasso (sia per le profit, che per le A e B) con conseguenze diminuzione degli standard qualitativi e dignità del lavoratore (salario convenzionale, lavoratori atipici, lavoro nero) –Il risparmio ottenuto serve per rientrare nel budget di previsione e per realizzare altri interventi: così facendo viene meno il principio e lo stimolo al controllo qualitativo, al rispetto contrattuale e dei diritti dei lavoratori –Rischio di entrare come cooperative sociali nella logica (vengo meno a dei principi e valori per acquisire il lavoro)

26 Politica – Apertura/chiusura ideologica ma non culturale verso situazioni di svantaggio – Cambio indirizzo politiche sociali (rischio assistenzialismo o privatizzazione) – Stabilità politica e continuità, nel tempo, delle politiche sociali –Conoscenza parziale/errata della normativa Cultura –La cultura pietistico/solidaristica/buonista non risponde alla cultura della integrazione socio- lavorativa e di impresa, ovvero occorre avere il coraggio di offrire reali opportunità di lavoro ed individuare postazioni lavorative adeguate alle persone che pur con capacità fisiche, psichiche ridotte possono esprimere ed esprimono capacità lavorative, autonomie –Immaginario del potere taumaturgico del lavoro

27 Immagine percepita Cooperative sociali come le organizzazioni di volontariato, come gruppo di persone volenterose e volontarie, col cuore grande, che accolgono qualsiasi persona svantaggiata o con problemi e lo aiutano facendogli del bene, ovvero gli fanno fare qualcosa e gli danno qualcosa La cooperativa sociale talvolta viene giocata in termini di propaganda/giustificativo rispetto allattenzione al sociale

28 Punti di forza Fare Rete e Sistema –Sistema eterogeneo con legami forti –Commesse di lavoro e progettazioni integrate –Sistema sociale che rileva continuamente il bisogno delle PA e delle persone e cerca soluzioni anche innovative Progettazione –Capacità e voglia di investire su progetti nuovi, innovativi, sperimentali –Cultura dellintegrazione sociale, lavorativa, culturale –Progettare partendo dal bisogno e non dal prodotto Lobbyng –Aggregare attorno ad una idea, ad un progetto Cultura del Percorso educativo e della attenzione alla persona –(approccio al mondo del lavoro semplicistico – luomo ha bisogno di lavorare, ha necessità di denaro per cui è sufficiente un posto di lavoro ed uno stipendio: per le persone svantaggiate non è così semplice, soprattutto il mondo del lavoro richiede molto)

29 OPPORTUNITA Appalti concorso –Gareggiare con aziende profit ma a pari condizioni ovvero dando il giusto peso alla attenzione sociale, ai diritti dei lavoratori e non giocando solo al massimo ribasso Formazione –Migliorare le professionalità dellorganizzazione –Formare alla cultura sociale –Utilizzare finanziamenti/crediti Normativa –Maggior tutela nella gestione del denaro pubblico –Maggiori controlli sul rispetto dei contratti di lavoro –Maggior controllo dei risultati

30

31


Scaricare ppt "Relazione tra il Settore Pubblico e le Aziende Non Profit Unesperienza."

Presentazioni simili


Annunci Google