La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

D.P.C.M. 23 Dicembre 2003 Attuazione dell'art. 51, comma 2 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, come modificato dall'art. 7 della legge 21 ottobre 2003,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "D.P.C.M. 23 Dicembre 2003 Attuazione dell'art. 51, comma 2 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, come modificato dall'art. 7 della legge 21 ottobre 2003,"— Transcript della presentazione:

1

2 D.P.C.M. 23 Dicembre 2003 Attuazione dell'art. 51, comma 2 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, come modificato dall'art. 7 della legge 21 ottobre 2003, n. 306, in materia di «tutela della salute dei non fumatori». Data Emanazione: 23/12/2003 Data Pubblicazione: 29/12/2003 G.U. n. 300 del 29 Dicembre 2003

3 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l'art. 5 della legge 23 agosto 1988, n. 400; Visto l'art. 51, comma 2 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, e successive modificazioni, in materia di «tutela della salute dei non fumatori»; Visto il parere espresso dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano nella seduta del 24 luglio 2003 sullo schema di decreto del Presidente della Repubblica recante «Regolamento di attuazione dell'art. 51, comma 2, della legge 16 gennaio 2003, n. 3; Visto l'accordo tra Stato, regioni e province autonome di Trento e Bolzano sulla tutela della salute dei non fumatori, di cui all'art. 51, comma 2 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, sancito nella seduta della Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, regioni e province autonome del 24 luglio 2003; Sulla proposta del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze; Decreta:

4 Art Il presente decreto recepisce l'Accordo tra Stato, regioni e province autonome di Trento e Bolzano sulla tutela della salute dei non fumatori, sancito nella seduta della Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, regioni e province autonome del 24 luglio 2003.

5 Art Sono definiti nell'allegato 1, che costituisce parte integrante del presente decreto, i requisiti tecnici dei locali per fumatori, dei relativi impianti di ventilazione e di ricambio d'aria e dei modelli dei cartelli connessi al divieto di fumare.

6 Allegato 1 REQUISITI TECNICI DEI LOCALI PER FUMATORI, DEI RELATIVI IMPIANTI DI VENTILAZIONE E DI RICAMBIO D'ARIA E DEI MODELLI DEI CARTELLI CONNESSI AL DIVIETO DI FUMO

7 1. I locali riservati ai fumatori, di cui all'art. 51, comma 1, lettera b) della legge 16 gennaio 2003, n.3 devono essere contrassegnati come tali e realizzati in modo da risultare adeguatamente separati da altri ambienti limitrofi, dove e' vietato fumare. A tal fine i locali per fumatori devono rispettare i seguenti requisiti strutturali:

8 a) essere delimitati da pareti a tutta altezza su quattro lati; b) essere dotati di ingresso con porta a chiusura automatica, abitualmente in posizione di chiusura; c) essere forniti di adeguata segnaletica, conforme a quanto previsto dai successivi punti 9 e 10; d) non rappresentare un locale obbligato di passaggio per i non fumatori.

9 2. I locali per fumatori devono essere dotati di idonei mezzi meccanici di ventilazione forzata, in modo da garantire una portata d'aria di ricambio supplementare esterna o immessa per trasferimento da altri ambienti limitrofi dove e' vietato fumare. L'aria di ricambio supplementare deve essere adeguatamente filtrata. La portata di aria supplementare minima da assicurare e' pari a 30 litri/secondo per ogni persona che può essere ospitata nei locali in conformità della normativa vigente, sulla base di un indice di affollamento pari allo 0,7 persone/mq. All'ingresso dei locali e' indicato il numero massimo di persone ammissibili, in base alla portata dell'impianto.

10 3. I locali per fumatori devono essere mantenuti in depressione non inferiore a 5 Pa. (Pascal) rispetto alle zone circostanti. 4. La superficie destinata ai fumatori neg li esercizi di ristorazione, ai sensi dell'art. 51 della legge 16 gennaio 2003, n.3, deve comunque essere inferiore alla metà della superficie complessiva di somministrazione dell'esercizio.

11 5. L'aria proveniente dai locali per fumatori non e' riciclabile, ma deve essere espulsa all'esterno attra verso idonei impianti e funzionali aperture, secondo quanto previsto dalla vigente normativa in tema di emissioni in atmosfera esterna, nonché dai regolamenti comunali di igiene ed edilizi.

12 6. La progettazione, l'installazione, la manutenzione ed il collaudo dei sistemi di ventilazione devono essere: conformi alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in tema di sicurezza; di risparmio energetico; come pure alle norme tecniche dell'Ente italiano di unificazione (UNI) Comitato elettrotecnico italiano (CEI).

13 I soggetti abilitati sono tenuti a rilasciare idon ea dichiarazione della messa in opera degli impianti secondo le regole dell'arte ed in conformità dei medesimi alla normativa vigente. Ai fini del necessario controllo, i certificati di installazione comprensivi dell'idoneità del sistema di espulsione, e i certificati annuali di verifica e di manutenzione degli impianti di ventilazione devono essere conservati a disposizione dellautorità' competente.

14 7. Nei locali in cui e' vietato fumare sono collocati appositi cartelli, adeguatamente visibili, che evidenziano tale divieto. Ai fini della omogeneità sul territorio nazionale, tecnicamente opportuna, tali cartelli devono recare la scritta: «VIETATO FUMARE», integrata dalle indicazioni della relativa prescrizione di legge, delle sanzioni applicabili ai contravventori e dei soggetti cui spetta vigilare sull'osservanza del divieto e cui compete accertare le infrazioni.

15 8. Nelle strutture con piu' locali, oltre al modello di cartello riportato al punto 7, da situare nei luoghi di accesso o comunque di particolare evidenza, sono adottabili cartelli con la sola scritta «VIETATO FUMARE». 9. I locali per fumatori sono contrassegnati da appositi cartelli, con l'indicazione luminosa contenente, per le ragioni di omogeneità di cui al punto 7, la scritta «AREA PER FUMATORI».

16 10. I cartelli di cui al punto 9 sono comunque integrati da altri cartelli luminosi recanti, per le ragioni di omogeneità di cui al punto 7, la dizione: «VIETATO FUMARE PER GUASTO ALL'IMPIANTO DI VENTILAZIONE», che si accendono automaticamente in caso di mancato o inadeguato funzionamento degli impianti di ventilazione supplementare, determinando la contestuale esclusione della scritta indicativa dell'area riservata.

17 11. Il locale non rispondente, anche temporaneamente, a tutte le caratteristiche tecniche di cui ai punti precedenti non e' idoneo all'applicazione della normativa di cui all'art. 51 della legge 16 gennaio 2003, n. 3.

18 Norma numero: UNI 10339:1995 – Titolo: Impianti aeraulici al fini di benessere. Generalita', classificazione e requisiti. Regole per la richiesta d'offerta, l'offerta, l'ordine e la fornitura.

19 Sommario: Fornisce una classificazione degli impianti, la definizione dei requisiti minimi e i valori delle grandezze di riferimento durante il funzionamento.

20 DOVE SI APPLICA? agli impianti aeraulici destinati al benessere delle persone, comunque installati in edifici chiusi, con esclusione: -degli impianti per la climatizzazione invernale degli edifici adibiti ad attivita' industriale o artigianale (per i quali si applica la UNI 8852); - degli impianti destinati a scopi diversi, per esempio quelli per la conservazione di prodotti deteriorabili e/o per la realizzazione di condizioni adatte a particolari lavorazioni industriali (impianti di processo); degli impianti di solo riscaldamento invernale e raffrescamento estivo senza immissione di meccanica di aria esterna.

21 Figura 1, la dinamica dell'eliminazione del fumo di tabacco da un locale può essere paragonata a quella dell'acqua torbida da un contenitore: si può aggiungere acqua pulita in eccesso miscelandola a quella sporca fino alla massima diluizione; oppure, si può introdurre lentamente acqua pulita dal basso, in modo da espellere l'acqua sporca senza contaminare la parte sottostante ed utilizzando una quantità di liquido molto inferiore. Quest'ultimo metodo è più indaginoso ma senz'altro da preferire, se vogliamo ottenere bassissime concentrazioni di inquinanti senza dover ricorrere a volumi di diluizione impraticabili.

22 Ventilazione a Miscelazione Figura 2, la soluzione di ventilare il locale a miscelazione con mandata e ripresa a soffitto è decisamente la più semplice, e può funzionare abbastanza bene per climatizzare l'ambiente: non deve però essere usata in presenza di fumo di tabacco. Infatti, l'immissione di aria fredda dall'alto provoca l'immediata precipitazione del fumo nella parte bassa del locale, dove può permanere per moltissimo tempo senza poter raggiungere la griglia di ripresa, se non dopo avere saturato completamente l'ambiente. Con questo schema non è possibile raggiungere una diluizione soddisfacente nemmeno con volumi di ricambio molto elevati, anche perla probabile presenza di cortocircuito nel flusso d'aria. L'unico intervento possibile in questo caso consiste nel sequestrare il fumo installando depuratori a ricircolo ad alta efficienza.

23 Ventilazione a Dislocamento Figura 3,come esemplificato nell'esempio del contenitore d'acqua, il metodo migliore per rimuovere efficacemente il fumo di tabacco da un locale fumatori consiste nella ventilazione a dislocamento: il fumo, data la sua temperatura elevata, tende naturalmente a stratificare ad una certa altezza, mentre l'aria pulita e più fresca immessa inferiormente a bassa velocità sospinge gli inquinanti verso la ripresa, senza consentirne la ricaduta. Studi sperimentali hanno dimostrato una efficacia di rimozione del fumo molto elevata, anche con volumi di ricambio relativamente bassi.

24 Ventilazione a Dislocamento Parziale (Aria distribuita a pavimento) Figura 4, la ventilazione tramite diffusori a pavimento rappresenta una scelta di compromesso abbastanza semplice da realizzare per chi può ricorrere alla installazione di pavimenti flottanti. Con una attenta progettazione, è possibile raggiungere una efficienza di rimozione del fumo vicina a quella ottenibile con il dislocamento, a patto di scegliere dei diffusori a bassa turbolenza.


Scaricare ppt "D.P.C.M. 23 Dicembre 2003 Attuazione dell'art. 51, comma 2 della legge 16 gennaio 2003, n. 3, come modificato dall'art. 7 della legge 21 ottobre 2003,"

Presentazioni simili


Annunci Google