La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Evoluzione del modello organizzativo di Poste Italiane 27 Luglio 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Evoluzione del modello organizzativo di Poste Italiane 27 Luglio 2005."— Transcript della presentazione:

1 Evoluzione del modello organizzativo di Poste Italiane 27 Luglio 2005

2 2 Collegamento tra piano triennale e organizzazione Principali driver del cambiamento organizzativo Focalizzazione sui processi chiave del core business postale Modello Commerciale Struttura Organizzativa Poli Territoriali di Shared Services Focus su Recapito AGENDA

3 3 ALLO SCOPO DI ABILITARE LIMPLEMENTAZIONE DELLE STRATEGIE AZIENDALI PER IL CONSEGUIMENTO DEGLI SFIDANTI OBIETTIVI DI MERCATO, MARGINI E QUALITA IL MODELLO ORGANIZZATIVO AZIENDALE EVOLVERA NELLARCO DI PIANO SULLA BASE DELLE SEGUENTI DIRETTRICI PRIORITARIE EVOLUZIONE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AZIENDALE SINERGIE OPERATIVE ricercare sinergie tra le funzioni aziendali dedicate alla gestione degli asset logistici sviluppare lintegrazione e lefficacia dei canali commerciali per garantire la migliore valorizzazione dei potenziali di business dei diversi territori INTEGRAZIONE COMMERCIALE 43

4 4 EVOLUZIONE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO AZIENDALE semplificare i processi decisionali e di governo attraverso lo snellimento delle funzioni organizzative sviluppare dei servizi condivisi tesi a migliorare il livello di performance dei processi di supporto al business accrescere la focalizzazione diretta sugli obiettivi strategici e la dotazione di leve operative alle funzioni territoriali sviluppare prodotti innovativi ad alta potenzialità di mercato SHARED SERVICES PRESIDIO DEL TERRITORIO INNOVAZIONE SISTEMA DOFFERTA SEMPLIFICAZIONE ORGANIZZATIVA 44

5 5 La declinazione in termini organizzativi degli obiettivi di redditività inseriti a piano implica: fasi chiave del core business postalesviluppo prodotti innovativi operation Aumento della focalizzazione sulle fasi chiave del core business postale: sviluppo prodotti innovativi (con obiettivi di crescita dei volumi postali) e operation (con obiettivi di riduzione dei costi e presidio della qualità) Unificazione organizzativa del processo di recapito Unificazione organizzativa del processo di recapito (abilita riduzione dei costi e presidio della qualità) deleghe al territorio Rafforzamento delle deleghe al territorio presidio commerciale del territorio Miglioramento del presidio commerciale del territorio Riduzione delle strutture e delle risorse indirette Riduzione delle strutture e delle risorse indirette rispetto al business e dei relativi costi Semplificazione della macrostruttura e dei processi decisionali Semplificazione della macrostruttura e dei processi decisionali PRINCIPALI DRIVER DEL CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO

6 6 FOCALIZZAZIONE SUI PROCESSI CHIAVE DEL CORE BUSINESS POSTALE AMMINISTRATORE DELEGATO DIVISIONE CORRISPONDENZA MARKETING OPERATION POLI LOGISTICI AMMINISTRATORE DELEGATO CORRISPONDENZA Direct Marketing Corr. Trad/Ibrida SVA Prodotti Internaz. OPERAZIONI LOGISTICHE POLI LOGISTICI TERRITORIALI PRECEDENTE NUOVA DIVISIONE RETE TERRITORIALE RECAPITO

7 7 MODELLO COMMERCIALE AMMINISTRATORE DELEGATO DIVISIONE RETE TERRITORIALE DIREZIONE COMMERCIALE BUSINESS COUNTRY (9) AREE COMMERCIALI BUSINESS (9) Segmenti: Retail SOHO Segmenti: Business PAC, PAL PRECEDENTE NUOVA AMMINISTRATORE DELEGATO RETE TERRITORIALE AREE TERRITORIALI Segmenti: Business PAC, PAL Retail SOHO Country – Aree Territoriali non sono più coinvolte sul processo di recapito hanno un ampliamento di scopo determinato da: responsabilità estesa a segmenti Business e PAL ruolo trasversale su alcuni servizi condivisi in tal modo realizzano un presidio completo e più efficace sul territorio di propria competenza

8 8 PROGETTI TRASVERSALI INTEGRAZIONE RECAPITO ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE ACQUISTI TERRITORIALI 3 Gruppi di Lavoro responsabilizzati sugli aspetti più complessi di implementazione organizzativa

9 9 STRUTTURA ORGANIZZATIVA Amministratore Delegato Risorse Umane e Organizzazione Amministrazione Finanza e Controllo Information & Communication Technology Internal Auditing Immobili e Acquisti Tutela Aziendale Pianificazione Strategica Communication & Advertising Affari legali Affari Istituzionali e Regolamentari Segreteria Organi Societari Espresso, Log., Pacchi Corrispondenza Servizi finanziari e bancari Postevita SpA Bancoposta Fondi SpA Rete Territoriale Aree Territoriali Operazioni Logistiche Poli Logistici Territoriali Recapito Direct Marketing Corr. Trad/Ibrida SVA Prodotti Internaz. FilateliaBancoPosta (*) ( * ) La funzione Finanza in ambito AFC fa capo anche al Condirettore Generale

10 10 POLI TERRITORIALI DI SHARED SERVICES DRT/ Aree Territoriali Dir. Sistemi e Tecnologie Poli territoriali (9) Direzione ICT ICT Operations Aree territoriali (3) Direzione Internal Audit Auditing Fin. Amm. Ser. Post. Corporate Direzione Affari Legali Direzione Centrale RU e Org.ne Direzione Com. e Rel. Esterne Direzione Immobili e Acquisti Risorse Umane Regionali (9) Aree territoriali (9) Comunicazione Rel. con Istituzioni Locali Affari legali Acquisti Locali Servizi Condivisi Div OPERAZ. LOGIST. / Poli Logistici Territoriali Acquisti Locali

11 11 FOCUS SU PROGETTO INTEGRAZIONE RECAPITO: SINTESI PIANO TEMPORALE FASE 1 29/7/2005Confluenza nei Poli Logistici Territoriali delle Funzioni Recapito a livello Country e Filiale FASE 2 1/9/2005 Confluenza nei Poli Logistici Territoriali delle risorse operative di recapito per le quali erano già state definite le figure di Capo Squadra 1/9/2005 – 31/10/2005 Individuazione Capi Squadra mancanti 1/9/2005 – 30/11/2005Confluenza nei Poli Logistici Territoriali di tutte le rimanenti risorse operative di recapito

12 12 COUNTRY MANAGER RECAPITO FILIALI SERVIZIO RECAPITO POLI LOGISTICI TERRITORIALI RECAPITO URBANO RECAPITO PROVINCIALE UP RECAPITO FOCUS SU PROGETTO INTEGRAZIONE RECAPITO : FUNZIONI DI TRASFERIMENTO FASE 1 Addetti Recapito

13 13 COUNTRY MANAGER RECAPITO FILIALI SERVIZIO RECAPITO POLI LOGISTICI TERRITORIALI RECAPITO URBANO RECAPITO PROVINCIALE UP RECAPITO Addetti Recapito Capo Squadra Addetti Recapito FOCUS SU PROGETTO INTEGRAZIONE RECAPITO : FUNZIONI DI TRASFERIMENTO A REGIME

14 14 LE INIZIATIVE INDIVIDUATE IN QUESTO AMBITO HANNO LO SCOPO DI INCREMENTARE IL LIVELLO DI EFFICIENZA DEI PROCESSI AZIENDALI MAGGIORMENTE LABOUR INTENSIVE INSATURAZIONE I progetti individuati come prioritari sono PROGETTO RECAPITO Sviluppo del recapito: azioni volte ad affrontare le minacce competitive e di sostituzione (allargamento offerta, direct mail) maggiore utilizzo del recapito come strumento di contatto con il mercato Incrementare il livello di efficienza del processo di recapito attraverso: il ridisegno ottimale delle zone di recapito e dei percorsi di gita la revisione di alcuni parametri dellattuale metodologia di determinazione della prestazione del portalettere Definire lottimale allocazione del personale negli UP in funzione dei carichi di lavoro e dei livelli di servizio definiti PROGETTO RIEQUILIBRIO UP 46


Scaricare ppt "Evoluzione del modello organizzativo di Poste Italiane 27 Luglio 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google