La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ambiente economico 29 ottobre 2013. Il contesto dellazione economica Esempio: una rappresentazione teatrale Occorre un contesto, un copione, distribuire.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ambiente economico 29 ottobre 2013. Il contesto dellazione economica Esempio: una rappresentazione teatrale Occorre un contesto, un copione, distribuire."— Transcript della presentazione:

1 Ambiente economico 29 ottobre 2013

2 Il contesto dellazione economica Esempio: una rappresentazione teatrale Occorre un contesto, un copione, distribuire delle parti e fare in modo che gli attori si mettano in relazione con gli altri attori e ci sarà poi un suggeritore ed un regista che possano coordinare le diverse parti assegnate. La rappresentazione avverrà in un posto preciso e ad una ora precisa-

3 Il contesto dellazione economica lavoro risparmi Consum i Azioni (famiglia) investimenti Produzione imprese Imprese / p.a.onpt imprese banche lavoro risparmi Consum i Azioni (famiglia) investimenti Produzione imprese Imprese / p.a.onpt imprese banche lavoro risparmi Consum i Azioni (famiglia) investimenti Produzione imprese Imprese / p.a.onpt imprese banche lavoro risparmi consumi Azioni (famiglia) investimenti Produzione imprese Imprese / p.a.onpt imprese banche Quando vogliamo osservare le attività di una impresa piuttosto che un altro attore economico dobbiamo essere in grado di rispondere sempre alle seguenti domande: CHI, COME E PERCHE?

4 Il contesto dellazione economica: ambiente generale ed economico Il contesto in cui si svolge una azione (economica) è descritto da un sistema di potenziali fattori materiali (risorse) ed immateriali (regole). Questi fattori possono agevolare (essere una opportunità) piuttosto che ostacolare (essere una minaccia) allazione dellimpresa Alcuni sono direttamente connessi con lazione economica (ambiente economico) ed altri invece più lontani (ambiente generale).

5 Il contesto dellazione economica: ambiente generale ed economico Il contesto in cui si svolge una azione (economica) è descritto da un sistema di potenziali fattori materiali (risorse) ed immateriali (regole). Questi fattori possono agevolare (essere una opportunità) piuttosto che ostacolare (essere una minaccia) allazione dellimpresa Alcuni sono direttamente connessi con lazione economica (ambiente economico) ed altri invece più lontani (ambiente generale).

6 Elementi dellambiente economico -Mercato: luogo in cui avvengono gli scambi economici e dove, in base alla domanda e all'offerta, sono definiti i prezzi dei beni economici. -Strutture di domanda/offerta: ogni mercato è caratterizzato dall'incontro dei compratori (domanda) e dei venditori (offerta) -Settori: insieme omogeneo di aziende accomunate da alcune caratteristiche dellattività di produzione. -Politiche economiche, monetarie e finanziarie: sono le decisioni che vengono prese dai Governi e tramutate in regolamenti/leggi attuati per gestire le questioni economiche, monetarie e finanziarie. -Sistema competitivo (in parte regolate dalle politiche del punto precedente): insieme dei concorrenti (a volte rispondono anche a logiche di collaborazione)

7 Un caso Anni 70: le vetture giapponesi nel mercato automobilistico. Negli anni 70, i produttori giapponesi di automobili sfidarono il predominio del settore statunitense puntando su una serie di vetture piccole ed efficienti. Sfuggendo alla logica dominante nel settore, che spingeva verso vetture grandi e con finiture di lusso, si orientarono verso il raggiungimento della qualità a tutti i costi, le dimensioni contenute, e i consumi ridotti. Quando, in quegli anni, scoppiò la crisi petrolifera, i consumatori statunitensi cominciarono sempre più ad acquistare le vetture robuste ed economiche prodotte da Honda, Toyota e Nissan (allora Datsun), a scapito delle auto prodotte dalle big three (General Motors, Ford e Chrysler). Poiché queste ultime erano concentrate sul benchmarking e sulla concorrenza reciproca, nessuna di loro aveva preso liniziativa di produrre vetture funzionali, compatte, e dai consumi contenuti, pur riconoscendo il loro potenziale a livello di mercato.

8 Il contesto dellazione economica: una rappresentazione

9

10 10 (a) Concorrenti, dimensione del settore e competività, settori collegati (b) Fornitori, produttori, beni immobili, servizi (c) Mercato del lavoro, agenzie di collocamento, università, scuole di formazione, dipendenti in altre aziende, sindacalizzazione (d) Mercati azionari, banche, risparmi e prestiti, investitori privati (e) Consumatori, clienti, potenziali utilizzatori di prodotti e servizi (f) Tecniche di produzione, conoscenze scientifiche, computer, information technology, e-commerce (g) Recessione, tasso di disoccupazione, tasso di inflazione, tasso di investimento, parametri economici, crescita (h) Città, Stato, leggi e regolamenti, tasse, servizi, sistema giudiziario, meccanismi politici (i)Età, valori, convinzioni, educazione, religione, etica del lavoro, movimenti dei consumatori ed ecologisti (j) Competizione e acquisizioni da parte di aziende straniere, ingresso in mercati esteri, dogane, regolamentazioni, tassi di cambio Esempio di ambiente di un'organizzazione (j) Settore internazionale (d) Settore delle risorse finanziarie (e) Settore del mercato (f) settore tecnologico (g) Settore delle condizioni economiche (a) Settore di appartenenza (h) Settore governativo (c) Settore delle risorse umane (b) Settore delle materie prime (i) Settore socioculturale ORGANIZZAZIONE Area di influenza

11 11 Modello per la rilevazione dell'incertezza ambientale Semplice + stabile = bassa incertezza 1. Basso numero di elementi esterni; gli elementi sono simili 2. Gli elementi rimangono immutati o cambiano lentamente Esempi: imbottigliatori di bevande, distributori di birra, produttori di imballaggi,industrie alimentari Semplice + instabile = alta-moderata certezza 1. Basso numero di elementi esterni; gli elementi sono simili 2. Gli elementi cambiano frequentemente e in maniera imprevedibile Esempi: e-commerce, abbigliamento alla moda, industria discografica, produttori di giocattoli Complesso + instabile = alta incertezza 1. Alto numero di elementi esterni; gli elementi sono dissimili 2. Gli elementi cambiano frequentemente e in maniera imprevedibile Esempi: produttori di computer, aziende aerospaziali, aziende di telecomunicazioni, compagnie aeree. Complesso + stabile = bassa-moderata incertezza CAMBIAMENTO AMBIENTALE STABILE INSTABILE 1. Alto numero di elementi esterni; gli elementi sono dissimili 2. Gli elementi rimangono immutati o cambiano lentamente Esempi: università, produttori di elettrodomestici,, aziende chimiche, compagnie assicurative Incertezza COMPLESSITÀ AMBIENTALE

12 12 Modello contingente per la risposta organizzativa dell'incertezza ambientale Semplice + stabile = bassa incertezza 1. Struttura meccanica: formale, centralizzata 2. Poche unità organizzative 3. Nessun ruolo di integrazione 4. Orientamento alle unità correnti Semplice + instabile = alta-moderata certezza 1. Struttura organica, lavoro di gruppo: partecipativa, decentralizzata 2. Poche unità organizzative,molte attività di confine 3. Pochi ruoli di integrazione 4. Orientamento alla pianificazione Complesso + instabile = alta incertezza 1. Struttura organica, lavoro di gruppo: partecipativa, decentralizzata 2. Molte unità differenziate, molte attività di confine 3. Molti ruoli di integrazione 4. Molta attività di pianificazione, previsione Complesso + stabile = bassa-moderata incertezza CAMBIAMENTO AMBIENTALE STABILE INSTABILE 1. Struttura meccanica: formale, centralizzata 2. Molte unità organizzative 3. Pochi ruoli di integrazione 4. Qualche attività di pianificazione Incertezza COMPLESSITÀ AMBIENTALE


Scaricare ppt "Ambiente economico 29 ottobre 2013. Il contesto dellazione economica Esempio: una rappresentazione teatrale Occorre un contesto, un copione, distribuire."

Presentazioni simili


Annunci Google