La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Domanda di innovazione delle Aziende alimentari Toscane delle filiere acquacoltura e pesca Marco Gilmozzi A.P.I. ACQUACOLTURA IN ORBETELLO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Domanda di innovazione delle Aziende alimentari Toscane delle filiere acquacoltura e pesca Marco Gilmozzi A.P.I. ACQUACOLTURA IN ORBETELLO."— Transcript della presentazione:

1 Domanda di innovazione delle Aziende alimentari Toscane delle filiere acquacoltura e pesca Marco Gilmozzi A.P.I. ACQUACOLTURA IN ORBETELLO

2 La sensibilità dei consumatori nei confronti della sicurezza alimentare è notevolmente cresciuta negli ultimi tempi, da quando nuove emergenze, non ultime BSE, OGM e diossina, hanno destato forti preoccupazioni. E inoltre diventato sempre più importante avere la sicurezza della qualità del cibo in relazione alla salute.

3 La definizione ufficiale di tracciabilità (UNI 10939) è: La capacità di ricostruire la storia e di seguire lutilizzo di un prodotto mediante identificazioni documentate, relativamente ai flussi materiali ed agli operatori di filiera. Uno strumento per garantire la sicurezza alimentare è la TRACCIABILITA

4 Per lelevata specializzazione e tecnologia utilizzata, lacquacoltura è in grado di garantire la completa applicazione delle norme sulla tracciabilità. Esistono notevoli differenze fra la gestione e lapplicazione della tracciabilità nel settore della pesca e dellacquacoltura

5 Attualmente, possono essere ricostruite tutte le fasi del processo produttivo che compongono la filiera dellacquacoltura: dal riproduttore al pesce destinato alla vendita Il settore dellacquacoltura può funzionare come modello di tracciabilità, che una volta messo a punto e sperimentato, può essere esportato nel settore della pesca.

6 La filiera della pesca si affianca a quella dellacquacoltura solo nel momento della cattura Nel settore della pesca, non tutte le fasi del processo produttivo sono rintracciabili.

7

8 Ciclo di distribuzione comune PESCA E ACQUACOLTURA

9 Fornisce solo poche e generiche informazioni: ad esempio mancano la data di pesca, di confezionamento, nonché il nome dellallevatore o della barca da pesca Lattuale normativa sulla tracciabilità (D.L. 109/92 e seguenti modifiche apportate dalle Direttive Europee, Regolamento CE 104/2000 e 2065/2001) è comunque ancora inadeguata

10 La piena tracciabilità del prodotto è quindi possibile solo a livello volontario, in quelle aziende che adottano un sistema di gestione (tipo ISO 9001, disciplinari di produzione interni o legati alla GDO) in grado di garantire la qualità del processo produttivo

11 Ad Orbetello, diversi allevamenti adottano da diversi anni disciplinari interni di produzione, approvati dalla GDO, che rendono trasparenti tutte le fasi del processo produttivo mediante registrazioni e frequenti controlli chimico-fisici sia sulle materie prime che sul prodotto finale La tracciabilità in Toscana Studio condotto con ARSIA

12 Elenco determinazioni analitiche effettuate dalle aziende facenti parte del gruppo Coo.P.A.M. * *su tutti i lotti prima della vendita

13

14

15

16

17 Il risultato

18 Le nuove linee guida (Regolamento CEE 178/2002) stabiliscono i principi ed i requisiti della legislazione alimentare Per favorire le nuove linee guida, grazie a TRACE FISH,un progetto finanziato dalla CE, sono state definite le informazioni che devono essere tracciate e trasmesse agli operatori di filiera

19 EAN International, per lapplicazione della tracciabilità nel settore ittico, ha definito una soluzione basata sullo standard EAN/UCC Nellambito di questo progetto INDICOD ha avviato la propria attività con lo scopo di realizzare un sistema uniforme per la tracciabilità e letichettatura

20 Il sistema EAN/UCC prevede limpiego di codici univoci (codice a barre) per identificare merci, servizi, beni e sedi in tutto il mondo Tale sistema è quindi valido e riconosciuto in tutti i paesi europei ed extra europei

21 CRITICITA Le aziende Toscane di acquacoltura, pur avendo sviluppato un sistema per la tracciabilità che già risponde alla normativa che dovrebbe entrare in vigore a partire dal 1 Gennaio 2005, necessitano di una standardizzazione del sistema di codifica delle fasi produttive utilizzabile sia a livello Toscano, ma anche Nazionale ed Internazionale.

22 COSA SI PUO FARE Utilizzando lesperienza ed i risultati ottenuti dalle aziende ittiche toscane, è possibile realizzare un sistema di gestione della tracciabilità corrispondente ai requisiti della nuova normativa europea, indicati da INDICOD

23 COSA MANCA SOFTWARE Sviluppo degli strumenti necessari alla applicazione del sistema indicato da INDICOD HARDWARE COMUNICAZIONE E PUBBLICIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI AL CONSUMATORE

24

25

26


Scaricare ppt "Domanda di innovazione delle Aziende alimentari Toscane delle filiere acquacoltura e pesca Marco Gilmozzi A.P.I. ACQUACOLTURA IN ORBETELLO."

Presentazioni simili


Annunci Google