La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CEREAL DOCKS SPA Nuova Energia dallAgricoltura Una sfida da Cogliere? Relatore: Dott. Maurizio De Maria.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CEREAL DOCKS SPA Nuova Energia dallAgricoltura Una sfida da Cogliere? Relatore: Dott. Maurizio De Maria."— Transcript della presentazione:

1 CEREAL DOCKS SPA Nuova Energia dallAgricoltura Una sfida da Cogliere? Relatore: Dott. Maurizio De Maria

2 Storia della Cereal Docks SpA 1983 Aurora: raccolta - essiccazione cereali 1991 Cereal Docks srl: inizia la produzione soia integrale tostata 2000 Cereal Docks SPA: impianto di estrazione di olio da semioleosi (1000 TM/giorno semi soia)

3 2002 centro di raccolta e stoccaggio a Portogruaro(VE): magazzino di mq ( TM tra cereali e semioleosi) Storia della Cereal Docks SpA

4 TM capacità di stoccaggio complessiva TM materie prime lavorate nel 2005 Soia: viene trasformato circa il 35% del raccolto nazionale( TM) Mais: progetto Cereali Sicuri(es. basso contenuto in aflatossine) Lazienda Cereal Docks, quindi, si è sviluppata nelle aree di maggior produzione di cereali e di semioleosi a stretto contatto con gli agricoltori. I numeri di Cereal Docks

5 Diversificare le produzioni verso destinazioni non alimentari Con lentrata dei 10 nuovi stati membri(UE): a) 10 milioni n° di agricoltori b) 30% aumento dei terreni coltivabili Liberalizzazione dei mercati e riduzione dei dazi Difficoltà per le colture tradizionali Necessità di trovare alternative sostenibili

6 Nuove destinazioni delle colture tradizionali e/o nuove colture Crescente attenzione verso la sostenibilità ambientale dei processi produttivi (già a partire dai campi): 1. 1.Importanza agronomica (rotazioni colturali) 2. 2.Importanza tecniche low-input 3. 3.Produzione materie prime rinnovabili Diversificare le produzioni verso destinazioni non alimentari

7 LAgricoltura diventa il punto centrale di una nuova Politica Energetica Riconsiderare il ruolo del settore primario: Materie prime zootecnico alimentare Scopi energetici

8 Ragioni principali che spingono lagricoltura alla produzione di materie prime per produrre energia 1. 1.Ragioni di natura ambientale (protocollo di Kyoto) 2. 2.Il prezzo del petrolio continua a salire (> 70$/barile) 3. 3.Il prezzo delle materie agricole sono in calo a) liberalizzazione dei mercati b) riduzione del sostegno di prezzo alle produzioni agricole(disaccoppiamento)

9 È in questa ottica che si concentrano i programmi futuri della Cereal Docks. È in questa ottica che si concentrano i programmi futuri della Cereal Docks. La nostra azienda vuole sfruttare, infatti, il forte radicamento nel territorio per proporre al settore primario dei contratti di filiera per la produzione di semioleosi che possono essere destinati alla produzione di Biodiesel ed Energia elettrica. La nostra azienda vuole sfruttare, infatti, il forte radicamento nel territorio per proporre al settore primario dei contratti di filiera per la produzione di semioleosi che possono essere destinati alla produzione di Biodiesel ed Energia elettrica. Lazienda coinvolge circa produttori(privati, consorzi, cooperative) interessando gran parte del territorio del Veneto e del Friuli Lazienda coinvolge circa produttori(privati, consorzi, cooperative) interessando gran parte del territorio del Veneto e del Friuli Obiettivo: sviluppare un mercato dellenergia verde puntando sui biocarburanti e sullenergia elettrica coinvolgendo il settore primario

10 Cereal Docks: Programmi Futuri 1.Un impianto di produzione di biodiesel (1° semestre 2007) 2.Tre impianti di cogenerazione per una produzione tot. di 18 MWe alimentati ad olio vegetale per la produzione combinata di E. elettrica E. termica (2° semestre 2007)

11

12 Analisi Quantitativa per 1 ha di soia ProduzioneTonn/ha % grassi % grassi estraibili Resa in olio Kg/ha 4,5 4,

13 Analisi Quantitativa per 1 ha di colza ProduzioneTonn/ha % grassi % grassi estraibili Resa in olio Kg/ha 3,5 3,

14 Biodiesel - Prospettive Legge 81/2006: dal 1° luglio cè lobbligo delle imprese petrolifere a miscelare l1% di biocarburanti nel diesel. La quota crescerà dell 1% ogni anno fino al 2010 per arrivare al 5% dovrà derivare da materie agricole nazionali Legge 81/2006: dal 1° luglio cè lobbligo delle imprese petrolifere a miscelare l1% di biocarburanti nel diesel. La quota crescerà dell 1% ogni anno fino al 2010 per arrivare al 5% dovrà derivare da materie agricole nazionali Impatto sullagricoltura nazionale è interessante: Impatto sullagricoltura nazionale è interessante: (consumo diesel nel 2005 pari a 24 milioni di tonn) ANNO % biodiesel tonn biodiesel ha terreno

15 Biodiesel - Prospettive Progetto finanziaria 2007: Obiettivi indicativi nazionali Entro il 31/12/2008: 2,5% Entro il 31/12/2010: 5,0% Dal 1° gennaio 2007: tutti coloro che immettono in consumo benzina e gasolio hanno lobbligo lanno successivo di immettere una quota minima (2,5%) di biocarburanti Anno 2007?

16 Progetto finanziaria 2007 Entro 6 mesi dalla entrata in vigore della legge dovranno essere dettati: Criteri, condizioni e modalità per lattuazione dellobbligo…secondo obiettivi di sviluppo delle filiere agroenergetiche dando priorità ai progetti pluriennali ad alta intensità occupazionale e maggiori benefici ambientali. Il decreto stabilirà anche le sanzioni

17 Progetto finanziaria 2007 Contingente viene elevato a ton (a cui bisogna aggiungere le quote fondi antitrust e le quote non utilizzate lanno precedente) Sul biodiesel viene messa nel 2007 unaccisa pari al 20% (rispetto a quella del gasolio) Entro 3 mesi dalla entrata in vigore della legge saranno stabiliti: criteri per lassegnazione delle quote che dovranno tenere in particolare conto dellintensità di occupazione generata e dei benefici ambientali

18 Biodiesel - Prospettive Fattori che ci preoccupano sono la scarsità di materia prima agricola nazionale: la disponibilità è insufficiente a soddisfare gli obblighi di legge La possibilità dei biocarburanti di competere con i carburanti fossili è legata anche al mondo agricolo al quale va destinata una parte dei benefici, affinché lagricoltore trovi una effettiva convenienza nella scelta di produrre materie prime vegetali per la filiera energetica(no food).

19 Incentivare le filiere agricole nazionali Prima filiera per la produzione di biodiesel da soia Nel mese di luglio è stato firmato il primo accordo di filiera per la produzione di biodiesel da soia per iniziativa di Confagricoltura Bologna. Nel mese di luglio è stato firmato il primo accordo di filiera per la produzione di biodiesel da soia per iniziativa di Confagricoltura Bologna. Laccordo interessa circa ettari tra le province di Bologna e Ferrara Laccordo interessa circa ettari tra le province di Bologna e Ferrara Per una produzione finale di biodiesel di circa 1000 tonnellate Per una produzione finale di biodiesel di circa 1000 tonnellate

20 Filiera per la produzione di biodiesel da colza (Regioni del Veneto e del Friuli) Cereal Docks con la collaborazione: 1)maggiori associazioni agricole(Confagricoltura, C.I.A, …) 2)operatori del settore agricolo(consorzi agrari, cooperative, centri di raccolta ….) 3)operatori del settore del trasporto pubblico(es. az. municipalizzate) Intende sviluppare la produzione di semioleosi in Italia, in maniera concreta, stipulando dei contratti vantaggiosi per le imprese agricole che sono in sofferenza negli ultimi anni. Inoltre, il prodotto agricolo a fini energetici, del tutto analogo a quello alimentare, è sempre stato pagato meno, ma con il recente sviluppo del mercato dei biocombustibili i semioleosi hanno raggiunto un prezzo che ne rende la coltivazione competitiva(anche fuori dal set aside)

21 Accordi di filiera SOIA (Bologna e Ferrara) COLZA (Veneto e Friuli) Superfici interessate ha ha Prezzi garantiti 210 euro/ton 240 euro/ton Controvalore agricolo 2 milioni 8,4 milioni euro Produzione finale biodiesel ton ton ton biocarburante prodotto a partire da coltivazioni nazionali a disposizione delle industrie petrolifere

22 Ruolo delle istituzioni Cereal Docks per favorire una fase di sperimentazione dellaccordo di filiera si è impegnata a supportare la costituzione della filiera della soia e del colza anche in assenza del contingentamento da parte del ministero (Finanziaria 2006). Le istituzioni dovrebbero fare delle scelte politiche che possono favorire lo sviluppo dei biocombustibili: 1. 1.Aumentare la quota di defiscalizzazione del biodiesel 2. 2.Favorire le intese di filiera nazionale 3. 3.Istituire dei certificati verdi per gli agricoltori 4. 4.Incentivare lutilizzo dei biocombustibili da parte delle flotte municipalizzate (autobus, corriere)

23 Nuova Energia dallAgricoltura Una sfida da Cogliere? SI


Scaricare ppt "CEREAL DOCKS SPA Nuova Energia dallAgricoltura Una sfida da Cogliere? Relatore: Dott. Maurizio De Maria."

Presentazioni simili


Annunci Google