La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Paola Di Matteo Bologna, giugno 2003 Interazione tra ammassi globulari e sferoide galattico: risultati e prospettive Roberto Capuzzo Dolcetta, Paolo Miocchi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Paola Di Matteo Bologna, giugno 2003 Interazione tra ammassi globulari e sferoide galattico: risultati e prospettive Roberto Capuzzo Dolcetta, Paolo Miocchi."— Transcript della presentazione:

1 Paola Di Matteo Bologna, giugno 2003 Interazione tra ammassi globulari e sferoide galattico: risultati e prospettive Roberto Capuzzo Dolcetta, Paolo Miocchi UdR Roma La Sapienza: R. Capuzzo Dolcetta, P. Miocchi, P. Di Matteo, A. Vicari

2 Interazione tra ammassi globulari e galassia La presenza del campo esterno influenza levoluzione di un a.g. Linterazione con il disco, il bulge e con aloni di materia oscura alterano levoluzione del sistema, la morfologia delle code mareali e la loro orientazione rispetto allorbita della.g. levoluzione della funzione di massa il tempo di decadimento orbitale e di disgregazione del sistema determinando:

3 Simulazioni numeriche Caratteristiche dellinterazione gravitazionale: scale temporali diverse complessità di calcolo di ordine N 2 utilizzo di passi di integrazione individuali e variabili nellintegrazione numerica delle eq. del moto Lungo range Corto range Approssimazione nel calcolo delle forze

4 Tecniche computazionali ATD (Adaptive Tree Decomposition Tree-Code) codice parallelo con direttive MPI per la dinamica di sistemi autogravitanti Approssimazione multipolare del potenziale che riduce il tempo di calcolo da O(N 2 ) a O(Nlog 8 N). Utilizzo di passi di integrazione individuali e variabili nel tempo Miocchi & Capuzzo Dolcetta, 2002, A&A 382, 758

5 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: modello galattico Modello triassiale di Schwarzschild, con rapporti assiali 1:1.25:2. M b = M r b =200pc Componente sferica: Schwarzschild, M., 1979, ApJ 232, 236

6 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: parametri dellammasso Modello multimassa di King Massa totale: M IMF: m -2.2 Concentrazione iniziale: c=1.1 Dimensione iniziale: 20pc

7 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: orbita quasi-circolare Distanza iniziale tra a.g. e centro galattico: 500 pc Periodo orbitale: 6.6 Myr eccentricità dellorbita: 0.05

8 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: orbita quasi-circolare

9

10 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: orbita circolare Dopo 25 Myr la.g. sviluppa code per 1 Kpc Le code mareali sono allineate lungo lorbita dellammasso Presenza di clumps nelle code Ma si osservano strutture così estese?

11 Code mareali: osservazioni Odenkirchen, M. et al., 2001, ApJ, 548, L165 Palomar 5 estensione dell a.g.: 4Kpc la massa nelle code é circa il 55% di quella nella.g.

12 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: distribuzione di densità I clumps si formano dopo circa 6 Myr Permangono alla stessa distanza dal centro della.g. per tutta la durata della simulazione

13 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: quanta massa popola le code? Dopo 25 Myr circa il 50% della massa iniziale del sistema e nelle code

14 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: quali stelle popolano le code? Le code sono prevalentemente popolate di stelle di piccola massa

15 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: cinematica t=0 t=25Myr

16 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: cinematica La los nelle zone centrali diminuisce circa del 15%

17 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: decadimento orbitale Parte dellen. cinetica traslazionale viene convertita in en. interna La.g. si riscalda e decade nelle regioni centrali della galassia

18 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: risultati Le code mareali tracciano lorbita della.g. Linterazione con il bulge aumenta la segregazione di massa Le zone centrali della.g. tendono a raffreddarsi

19 Interazione tra a.g. e sferoide galattico: prospettive Proseguire le simulazioni, includendo anche lattrito dinamico, in modo da ottenere ulteriori risultati da confrontare con le osservazioni, in particolare: distribuzione spaziale delle stelle nella.g. (disposizione delle code, evoluzione della funzione di massa) distribuzione delle velocitá (dispersione di velocitá in funzione del tempo e della distanza dal centro della.g.)


Scaricare ppt "Paola Di Matteo Bologna, giugno 2003 Interazione tra ammassi globulari e sferoide galattico: risultati e prospettive Roberto Capuzzo Dolcetta, Paolo Miocchi."

Presentazioni simili


Annunci Google