La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Promuovere lequità in sanità: dalla programmazione agli strumenti di valutazione Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Promuovere lequità in sanità: dalla programmazione agli strumenti di valutazione Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda."— Transcript della presentazione:

1 Promuovere lequità in sanità: dalla programmazione agli strumenti di valutazione Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

2 Introduzione al tema dellequità nelle attenzioni del sistema di accreditamento Sonia Cicero Marcella Fanelli (Ausl Ravenna ) Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

3 In questa visita si è valutato come le politiche aziendali hanno acquisito il tema dellequità e del rispetto delle differenze e come ciò trova riscontro ai diversi livelli organizzativi aziendali Verbale dellintervista sperimentale sul tema dellequità Visita di verifica per laccreditamento DSM DP Ausl Ravenna maggio 2012 Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

4 Livello Aziendale Politica 1.1 Nei documenti della politica aziendale, si fa riferimento al tema dellequità e del rispetto delle differenze? In che modo viene inteso e declinato? Nellatto aziendale lequità è intesa come valore fondante in cui lAzienda dovrà garantire, a parità di bisogno e di competenza, parità e tempestività nellaccesso alle prestazioni, ai servizi, alle facilities e agli strumenti messi a disposizione dellAzienda dal Servizio Sanitario, per assicurare alla popolazione di riferimento livelli di assistenza adeguati, appropriati e di buona qualità, economicamente sostenibili per la comunità (atto del 2007). Principio dellequità ripreso in altri documenti quali il Bilancio di Missione 1.2 Si possiede evidenza di formazione/coinvolgimento del personale in tema di politiche e iniziative volte a garantire lequità e il rispetto delle differenze? Vari dipendenti dellAusl di Ravenna hanno partecipato negli ultimi tre anni a diverse iniziative formative internazionali, regionali e aziendali in tema di equità e rispetto delle differenze. 1.3 Sono state assegnate specifiche responsabilità per la gestione di aspetti che rimandano allequità e al rispetto delle differenze? Con una delibera aziendale è stato istituito il Gruppo Aziendale per lequità con lindividuazione di un coordinatore Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

5 Livello Aziendale Pianificazione 2.1 Si è provveduto alla individuazione di uno o più referenti in tema di equità e rispetto delle differenze? Sono stati individuati i referenti in ambito di board aziendale 2.3 Si dispone di un piano annuale delle attività in tema di equità e rispetto delle differenze? Non si ha evidenza di un piano annuale che contempli obiettivi in tema di equità anche se sono state pianificate e messe in atto diverse iniziative in tal senso che sarebbe bene valorizzare formalizzandole in un documento di pianificazione. Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

6 Livello Aziendale Procedure 8.1 Sono state redatte procedure specifiche per garantire equità e rispetto delle differenze al momento dellaccesso? Le procedure per laccesso alla struttura sono state sottoposte ad una valutazione di impatto di equità? Pur in assenza di specifiche procedure sono state introdotte delle modalità per la valutazione di specifiche attività anche se non sono stati forniti riscontri formali di misurazione e/o valutazione di esito e/o di impatto. Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

7 Livello Aziendale Verifica dei risultati 9.2 Il Piano di verifica periodica aziendale tiene conto dei temi relativi ad equità e rispetto delle differenze? Viene dichiarato che nel Bilancio di Missione si riafferma il principio dellequità ed in particolare si fa riferimento ad azioni di trasparenza rispetto al personale. Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

8 Livello Aziendale Sintesi LAzienda non dà sempre evidenza di documentazione delle iniziative intraprese in tema di equità, rispetto delle differenze e contrasto alle disuguaglianze. Tale impegno può essere maggiormente efficace se adeguatamente valorizzato allinterno del quadro delle strategie aziendali (al pari del contenimento dei costi, della gestione del rischio, dellappropriatezza clinico- organizzativa) e come tale rappresentato nei documenti di politica, pianificazione e rendicontazione dellAzienda (ad esempio: manuale organizzativo, budget, bilancio di missione, piano della formazione aziendale). In particolare rispetto ai cittadini/utenti, è ben evidente lattenzione a specifiche categorie di utenti, e quindi a garantire equità e non discriminazione in base a genere, età, nazionalità/lingua parlata, disabilità fisica e psichica, condizioni di dipendenza. Non è stata portata evidenza o citate iniziative di particolare attenzione verso altre categorie di utenti in condizioni di fragilità sociale. Rispetto ai dipendenti, è evidente lo sforzo di garantire pari opportunità di accesso alle funzioni dirigenziali, tramite la definizione di criteri trasparenti per lattribuzione degli incarichi. E inoltre evidente lattenzione a cogliere le esigenze degli operatori ispirate ad alcune strategie del Diversity Management (forme di flessibilità lavorativa, part-time, telelavoro, flessibilità degli orari; azioni di tutoring per nuovi assunti e nei casi di cambi di ruolo; formazione continua per lo sviluppo di carriera…) verso cui lazienda è orientata ad investire maggiormente. Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

9 Livello Dipartimentale/UU.OO. Pianificazione 2.1 Il Dipartimento/UU.OO. ha affrontato il tema dellequità? Come? Manuale per laccreditamento DSM DP Principio dellequità: garantisce il rispetto dellequità nellerogazione delle proprie prestazioni non perpetrando discriminazioni di genere, età, religione, etnia grazie alla formazione trasversale che garantisce omogeneità di trattamento; alladeguatezza delle piante organiche rispetto al bacino di utenza; alla presenza capillare sul territorio dei punti di erogazione dei prodotti; alla garanzia di libero accesso; alla possibilità di avvalersi di un sevizio di mediazione culturale Deliberazione del Direttore Generale n. 545/2012 Presa datto composizione board equità Un medico rappresenta il DSMDP al Board Equità Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

10 Livello Dipartimentale/UU.OO. Pianificazione 2.3 Il tema dellequità trova riscontro negli obiettivi, nelle caratteristiche qualitative dei prodotti e standard, nei percorsi assistenziali e prevede punti e modalità di verifica? Protocollo di intervento integrato Donne tossicodipendenti e/o alcoldipendenti e figli Percorso condiviso, tra diversi Servizi Territoriali ed Ospedalieri dellAzienda Sanitaria Locale di Ravenna (Servizio per le Tossicodipendenze, Pediatria Ospedaliera e Territoriale, Neuropsichiatria Infantile, Ginecologia Ospedaliera, Consultori familiari e Medicina Legale) ed i Servizi Sociali delle tre zone presenti nellambito provinciale (Servizio Tutela Minori e Servizi Territoriali) sia ai fini del sostegno alla maternità che ai fini della tutela del bambino figlio di madri tossicodipendenti o alcoldipendenti, pazienti in fase attiva di dipendenza o in situazioni particolarmente instabili per le quali gli operatori ritengono opportuno attivare il percorso. D.G.R. 2/2010 Assistenza alle persone detenute con dipendenza patologica e Progetto salute mentale in carcere Si garantisce il diritto alle cure alle persone detenute in carcere favorendo una maggiore appropriatezza diagnostica e farmacologica attraverso: 1.presa in carico tempestiva dei soggetti detenuti con problemi di tossico alcoldipendenza 2.distribuzione diretta in carcere della terapia farmacologica appropriata 3.aumento delle ore dello psicologo per fronteggiare il rischio suicidario Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

11 Livello Dipartimentale/UU.OO. Comunicazione 3.2 Le modalità e gli strumenti in uso per linformazione e lascolto degli utenti sono idonei allo scopo (equi e sensibili alle diversità)? Guida ai Servizi DSM DP Questionario soddisfazione utenti tradotto in lingua araba Deliberazione n. 1147/2002 Attività di mediazione culturale e predisposizione di strumenti informativi destinati agli utenti stranieri Questionario soddisfazione utenti somministrato da pazienti a pazienti (esperienza UO Riabilitazione) Flyer informativi multilingue: alcool, sostanze, malattie sessualmente trasmesse… Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

12 Livello Dipartimentale/UU.OO. – alcuni esempi Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

13 Livello Dipartimentale/UU.OO. Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

14 Livello Dipartimentale/UU.OO. Procedure 8.2 Sono state tenute in considerazione, nellapplicazione delle procedure aziendali per laccesso, le diversità maggiormente rappresentate nella specifica U.O. o quelle che rischiano maggiormente di essere discriminate? PD 06 Procedura per la prevenzione e il contrasto della disabilità: accoglienza e presa in cura precoce PD 07 Procedura per il sostegno alle persone con disabilità psichiatrica per la permanenza nel loro contesto di vita secondo il concetto di recovery PD 10 Pazienti con polidiagnosi: lavorare per progetti centrati sulla persona con trattamenti integrati interdisciplinari e multidimensionali Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

15 Livello Dipartimentale/UU.OO. Verifica dei risultati 9.2 Nella valutazione è possibile rilevare eventuali problemi in merito allequità in riferimento allo specifico target del Dipartimento/U.O.? Analisi dei reclami Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

16 Livello Dipartimentale/UU.OO. Sintesi Per quanto riguarda la declinazione del principio di equità e le conseguenti azioni, si ritiene importante sottolineare che nel manuale di dipartimento, fra i principi cui lo stesso si ispira, il 13° è il principio di equità e tutta la riorganizzazione dipartimentale (nellapplicazione del nuovo metodo, nellimponente attività di formazione ma anche nellagire quotidiano) ne tiene conto e la fa propria nella logica del miglioramento continuo (es. superamento dei sistemi di contenzione, coinvolgimento di diversi attori, anche non sanitari, quali care giver, associazioni nel progetto di cura e reinserimento), deistituzionalizzazione quale obiettivo prioritario del nuovo modello organizzativo in fase di applicazione, ma anche la forte attenzione al rimotivare il personale dequipe. Occorre ovviamente ricollocare tali attività e tutto ciò che riguarda il tema dellequità e del diversity management nella documentazione dipartimentale al fine di rendere visibile e valutabile la grande mole di lavoro svolta e in fase di attuazione per perseguire questi obiettivi. Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini

17 Livello Dipartimentale/UU.OO. Miglioramento 10.2 Esistono processi documentati/progetti che hanno obiettivi di azioni correttive, preventive e di miglioramento dellequità, che nascono dalla valutazione o da segnalazioni quali reclami o altre fonti (indagini di soddisfazione…)? Formazione trasversale e congiunta tra le UU.OO. CSM, SPDC, SERT, Riabilitazione Psichiatrica (Budget 2012 Obiettivi DSM DP) Formazione trasversale e congiunta tra le UU.OO. in cui si affronta lo studio di tre pratiche basate sullevidenza: illness managment, social skill training, psicoeducazione individuale e familiare (Budget 2013 Obiettivi DSM DP) Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda Usl di Ravenna Azienda Usl di Rimini


Scaricare ppt "Promuovere lequità in sanità: dalla programmazione agli strumenti di valutazione Rimini 8 maggio 2013 Azienda Usl di Cesena Azienda Usl di Forlì Azienda."

Presentazioni simili


Annunci Google