La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Determinazione della temperatura di corpo nero di alcune stelle dell'ammasso aperto M 35 IL CIELO COME LABORATORIO – 2006/2007 Giorgio Bettineschi Laura.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Determinazione della temperatura di corpo nero di alcune stelle dell'ammasso aperto M 35 IL CIELO COME LABORATORIO – 2006/2007 Giorgio Bettineschi Laura."— Transcript della presentazione:

1 Determinazione della temperatura di corpo nero di alcune stelle dell'ammasso aperto M 35 IL CIELO COME LABORATORIO – 2006/2007 Giorgio Bettineschi Laura Bisigello Antonio Rodighiero Liceo Scientifico G.B. Quadri, Vicenza

2 Ammassi stellari Insiemi di stelle coeve formatesi dalla stessa nube di gas e polveri. Proprio per questo sono un laboratorio molto importante per lo studio della struttura e dell'evoluzione delle stelle. Ammassi aperti Ammassi stellari costituiti da stelle giovani che sono ancora nella fase di bruciamento dell'idrogeno nel nucleo. In generale è di fondamentale importanza ottenere stime attendibili delle grandezze fisiche proprie di queste stelle, in particolare la loro temperatura superficiale.

3 M 38 - Auriga

4 M 50 - Monoceros

5 M 34 - Perseo

6 M 35 (NGC 2168) Posizione di M 35, situato nella costellazione dei Gemelli

7 Ascensione Retta (2000)06h 09.00m Declinazione (2000)+24° 21.00´ Longitudine Galattica ° Latitudine Galattica2.219° Distanza (pc)816 Magnitudine Visuale5.3 Reddening (mag)0.262 Modulo di distanza (mag)10.37 Età (anni)10 8 Dati relativi a M35

8 Data osservazione31 gennaio 2007 OsservatorioAsiago Colle Pennar TelescopioGalileo Diametro specchio primario122 cm SpettrografoBoller & Chivens al fuoco Cassegrain Reticolo dello spettrografo300 tratti/mm Range spettrale nm Larghezza della fenditura350 micrometri

9 Raccolta e riduzione dei dati Stelle osservate Secondo la numerazione ricavata da Sung et al. (1992): 1, 3, 4, 5, 42, 46, 53, 58, 83 Calibrazione in lunghezza donda: lampada al ferro-argon in flusso: spettro della stella standard spettrofotometrica HD Gli spettri sono stati quindi ridotti utilizzando il software IRAF (NOAO)

10 Grafico complessivo con gli spettri di tutte le stelle osservate

11 Sovrapponendo i vari spettri si ottiene un confronto diretto tra le stelle

12 Descrizione del lavoro Per poter confrontare gli spettri con la curva di corpo nero di Planck, essi sono stati normalizzati imponendo che lintensità di energia valesse 1 in corrispondenza della lunghezza donda di 5500 Å. La curva di Planck, la cui equazione è: risulta nel nostro caso modificata per quanto riguarda il valore del termine C1, che diventa dipendente dalla temperatura:

13 Variando la temperatura si è poi cercato di ottenere la curva di Planck che meglio approssimasse lo spettro della stella.

14

15 Per ottenere un risultato oggettivo si è deciso di calcolare lo scarto tra la curva di corpo nero e lo spettro osservato.

16 O = spettro osservato C = curva di corpo nero A diverse temperature è stata calcolata la mediana di |O - C| Di questi valori è stato poi tracciato un grafico in relazione alla temperatura. La temperatura di corpo nero equivalente per quella data stella è quella corrispondente al valore minimo fra quelli ottenuti.

17 Qui di seguito riportiamo i grafici per ogni stella così composti: le curve di corpo nero ottenute (in rosso) sovrapposte allo spettro ed in basso i residui (osservato meno calcolato). In alto a destra del grafico è indicata la temperatura stimata.

18

19

20 StellaTemperatura (K) (*)

21 Con le temperature così ottenute abbiamo infine ricavato la curva (B-V) contro temperatura. Lindice di colore (B-V) dipende dal reciproco della temperatura, se il modello di corpo nero si adatta bene a descrivere lemissività di una stella; la relazione si può scrivere: (B-V) = A + B(1/T) con A e B costanti dipendenti dal colore. Tale relazione è uniperbole del piano (B-V) - T, che diventa una retta nel piano (B-V) - (1/T). Indici di colore (B-V) ricavati dai dati fotometrici di Sung et al. (1992)

22 Stima dellerrore Il procedimento con cui abbiamo ottenuto questi dati non permette di quantificare lerrore. Si può tuttavia ottenerne una stima ragionevole analizzando il grafico della mediana di |O-C| contro la temperatura.

23 100 K 4000 K


Scaricare ppt "Determinazione della temperatura di corpo nero di alcune stelle dell'ammasso aperto M 35 IL CIELO COME LABORATORIO – 2006/2007 Giorgio Bettineschi Laura."

Presentazioni simili


Annunci Google