La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Metodi di caratterizzazione strutturale Metodi di caratterizzazione strutturale (4 CFU, 32 ore, 2° ciclo) Prof.ssa Elisabetta Mezzina,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Metodi di caratterizzazione strutturale Metodi di caratterizzazione strutturale (4 CFU, 32 ore, 2° ciclo) Prof.ssa Elisabetta Mezzina,"— Transcript della presentazione:

1 Metodi di caratterizzazione strutturale Metodi di caratterizzazione strutturale (4 CFU, 32 ore, 2° ciclo) Prof.ssa Elisabetta Mezzina, CHIM/06

2 Come è possibile seguire tali processi ? Uno strumento importante è rappresentato dalle tecniche strumentali che ci permettono di osservare ciò che accade a livello molecolare, cioè di caratterizzare e distinguere molecole di grandi dimensioni. Per capire l'intima essenza dei fenomeni che avvengono attorno a noi ed in noi, occorre scendere a livello atomico e molecolare. La complessità delle molecole presenti nelle cellule viventi e la loro interazione mediante organizzazione in sistemi chiamati supermolecole ha permesso di formare in Natura sistemi molto complessi (gli enzimi) capaci di compiere le funzioni necessarie alla vita.

3 Metodi fisici per caratterizzare una macromolecola Un metodo ideale per analizzare la struttura di una macromolecola dovrebbe avere le seguenti caratteristiche: dare informazioni a livello atomico essere estremamente sensibile fornire informazioni sul profilo dinamico della molecola in oggetto In molti casi luso combinato di: Spettrometria di Massa Spettroscopia NMR rende possibile raggiungere questi obiettivo.

4 per identificare biomarcatori in patologie oncologiche rendendo quindi possibile diagnosticare alcune forme di cancro. nei campioni biologici per identificare composti di rilevanza farmacologica-tossicologica (es. ricerca di un farmaco, pesticidi, droghe dabuso, veleni). spettrometria di massa In campo clinico la spettrometria di massa viene utilizzata……. Utilizzo di spettrometri di massa per la diagnosi precoce Spettrometria di massa Lo sviluppo di nuove metodologie di ionizzazione in Spettrometria di massa (ESI-MS, MALDI, FAB) ha permesso lo studio di molecole complesse e polari Test per malattie metaboliche rare. spettrometri di massa tandem Test per malattie metaboliche rare. Prevede l'uso di spettrometri di massa tandem che permettono di indagare su gruppi di malattie diverse, a esordio neonatale, con un solo prelievo nei primi giorni di vita del bambino. Una diagnosi appropriata e tempestiva è in grado di contenere gli esiti fortemente invalidanti. Tutto ciò è possibile perché la spettrometria di massa può identificare rapidamente una sostanza di grandi dimensioni semplicemente determinando il suo peso molecolare Tutto ciò è possibile perché la spettrometria di massa può identificare rapidamente una sostanza di grandi dimensioni semplicemente determinando il suo peso molecolare.

5 Spettrometria di massa: analisi e sequenziamento di proteine, polipeptidi e oligonucleotidi Guaina di N 2 Sonda riscaldata ESI Ago ESI Pennacchio di ioni ±5 kV Gas di nebulizzazione N 2 ELECTROSPRAY WINGS FOR MOLECULAR ELEPHANTS Nobel Lecture, December 8, 2002 JOHN BENNETT FENN Interazioni proteina-ligando

6 La spettrometria NMR ha rappresentato storicamente la prima applicazione del principio fisico della Risonanza Magnetica per ottenere informazioni di carattere scientifico Le applicazioni principali sono orientate soprattutto nellanalisi chimica delle molecole organiche e delle macromolecole biologiche. Il principale vantaggio della tecnica NMR è la possibilità di effettuare indagini per lo più dirette, si configurano come non distruttive. I campi magnetici utilizzati sono molto più potenti e ciò consente di investigare una molteplicità di elementi ed avere un bagaglio di informazione sullo stesso substrato molto più ampio La Spettroscopia NMR Il campo magnetico è fornito da un criomagnete superconduttore. Probe Il Probe contiene la bobina che fornisce il campo magnetico che permette la transizione NMR

7 tutte le Università il settore farmaceutico La spettrometria NMR è una tecnica di indagine analitica utilizzata in tutte le Università, allinterno di centri di ricerca pubblici e privati, in molti contesti industriali, tra i quali spicca il settore farmaceutico, allinterno di laboratori di controllo qualità e analisi chimica Utilizzo di NMR

8 Cronologia NMR 1945 Prima osservazione di un segnale NMR Bloch e coll. Stanford Un. ( 1 H in H 2 O) Purcell e coll. Harvard Un. ( 1 H in paraffina) (nobel 1952) 1950Scoperta del Chemical Shift 1961 Primo spettrometro commerciale CW 1970 Primo spettrometro commerciale FT Primi esperimenti 2D (Ernst 1991 Nobel) 1976Primi esperimenti 2D (Ernst 1991 Nobel) 1980Spettrometri NMR di II generazione: multinucleare, MRI, CP-MAS

9 …….nuovi farmaci NMR Lo sviluppo delle tecniche multidimensionali in NMR (COSY, TOCSY, eterocorrelate, NOESY) ha permesso lo studio di molecole complesse. risonanza magnetica nucleare La risonanza magnetica nucleare viene utilizzata nellindustria farmaceutica per determinare la struttura di molecole che possono essere di interesse come bersaglio di nuovi farmaci. NMR di complessi macromolecolari quali proteina- ligando (proteina-peptide, proteina-DNA, proteina- carboidrato, enzima-substrato) mettendo in luce il riconoscimento molecolare al livello atomico, possono fornire informazioni utili sull' individuazione dei siti di legame (binding site mapping) per applicazioni nel campo della progettazione di nuovi farmaci.

10 NMR: per capire occorre vedere in soluzione! Lanalisi delle correlazioni fra i vari nuclei presenti in una macromolecola permette di ricostruire la disposizione dei vari atomi nello spazio. Risonanza Magnetica Nucleare: struttura tridimensionale delle molecole in soluzione, ovvero in condizioni più vicine a quelle che troviamo nei sistemi biologici. Molecole di grandi dimensioni danno origine a spettri molto complessi. Lutilizzo delle tecniche multidimensionali permette di individuare più facilmente i molti segnali presenti nello spettro. COSY Tecniche eteronucleari NOESYTOCSY

11 obiettivo del corso Il principale obiettivo del corso è quello di: fornire una descrizione degli aspetti teorici e sperimentali di: Metodi di caratterizzazione strutturale Spettroscopia di risonanza magnetica nucleare (NMR), Spettroscopia di risonanza magnetica nucleare (NMR), in particolare, verranno illustrate le basi della teoria NMR a impulsi, verranno descritti gli esperimenti NMR mono- e multi-dimensionali più moderni e le loro applicazioni per la determinazione di una struttura complessa Spettrometria di massa Spettrometria di massa e, in particolare, le tecniche di ionizzazione per determinare la massa di macromolecole riconoscimento molecolare Verranno approfonditi inoltre aspetti importanti quali il riconoscimento molecolare e cioè linterazione fra molecole differenti, fenomeno che è alla base di molti processi vitali.

12 Metodi di caratterizzazione strutturale – Prof. Mezzina Risonanza Magnetica Nucleare a) Princìpi generali: interazione Zeeman tra spin nucleare e campo magnetico esterno; lo spostamento chimico e i fattori strutturali che ne determinano la grandezza; precessione, frequenza di Larmor, condizione di risonanza, segnale NMR. b) Tecniche impulsate. Il modello vettoriale nella descrizione degli esperimenti impulsati. Trasformata di Fourier. Esperimenti impulsati: sequenza di impulsi 1D, misura del tempo di rilassamento T 1, eco di spin e misura del tempo di rilassamento T 2, eco di spin ed accoppiamento eteronucleare, esperimento APT, soppressione del segnale dell'acqua in campioni biologici. c) Trasferimento di polarizzazione, INEPT, DEPT. d) Tecniche NMR bidimensionali: correlazione omonucleare COSY; correlazione eteronucleare HETCOR, HMSC, HMQC, HMBC e loro utilizzo nella determinazione della struttura di molecole complesse. e) Effetto nucleare Overhauser e suo utilizzo nella determinazione delle distanze atomiche. Il caso del sistema a due spin. NOE steady-state. Diffusione di spin, NOE transiente e NOESY. Spin-locking, TOCSY e ROESY. g) NMR di proteine, analisi della struttura primaria e secondaria, assegnazione di spin, andamenti NOE caratteristici, assegnazione sequenziale, accoppiamenti e angoli diedri. Spettrometria di Massa a) Princìpi generali: massa nominale, massa esatta, peso atomico. Schema a blocchi di uno spettrometro di massa. Sistemi di ionizzazione: ionizzazione per impatto elettronico (EI), ionizzazione chimica (CI). Analizzatori: settori magnetici, a quadrupolo, FT-ICR, tempo di volo (TOF). Rivelazione degli ioni. Composizione isotopica di una molecola. b) Metodi di ionizzazione di macromolecole mediante desorbimento: ionizzazione elettrospray (ESI-MS), formazione dello ione molecolare, formazione di ioni multicarica, calcolo del peso molecolare di una proteina. Spettrometria di massa a desorbimento/ionizzazione laser (MALDI). Bombardamento con atomi veloci (FAB). c) Accoppiamento di altri strumenti con spettrometri di massa (GC-MS, HPLC-MS). Spettrometria di massa tandem (MS-MS). Sequenza peptidica mediante tecniche di ma ssa.


Scaricare ppt "Metodi di caratterizzazione strutturale Metodi di caratterizzazione strutturale (4 CFU, 32 ore, 2° ciclo) Prof.ssa Elisabetta Mezzina,"

Presentazioni simili


Annunci Google