La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Osservazione Lanalisi mediante Strumenti di simulazione in generale Offre lopportunità Di una maggior comprensione delle dinamiche Di una razionalizzazione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Osservazione Lanalisi mediante Strumenti di simulazione in generale Offre lopportunità Di una maggior comprensione delle dinamiche Di una razionalizzazione."— Transcript della presentazione:

1 Osservazione Lanalisi mediante Strumenti di simulazione in generale Offre lopportunità Di una maggior comprensione delle dinamiche Di una razionalizzazione delle risorse Tutti i sistemi funzionano!, Anche i più complessi !! In questi casi però spesso non è noto quanto meglio potrebbero funzionare!

2 Operazioni carico / scarico in un porto

3 Modello: Arrivo Navi Arrivo Camion Operazioni carico / scarico mezzi Operazioni di movimentazione con carri ponte

4 Operazioni carico / scarico in un porto Parametri per analisi WHAT-IF volumi merce da movimentare numero dei carri ponte efficienza operazioni carico e scarico mezzi Obiettivo: Valutare disponibilità spazio per i container Valutare livelli di utilizzo dei carri ponte Valutare livello di traffico nel porto

5 Elemento base per i modelli Gli oggetti (documenti, clienti, parti, etc.) che vengono prodotti, movimentati, o comunque che vengono gestiti dal processo. I linguaggi di simulazione spesso sono di tipo entity-driven. Le entità rappresentano ogni persona, oggetto o cosa, sia reale che immaginario il cui movimento allinterno del sistema causa una variazione nello stato del sistema. ENTITA

6 Elemento base per i modelli RISORSE Utilizzate per rappresentare operatori, macchine, centri lavoro Le entità seize (si impadroniscono di) le risorse per acquisire il controllo di una o più unità della risorsa. Le entità release (rilasciano) le risorse quando non sono più richieste.

7 Elemento base per i modelli Transporter Per modellizzare il movimento le entità richiedono trasporters. Posso essere operatori che effettuano il movimento, muletti, camion, traslo, AGV, etc. Coveyor Il movimento delle entità può avvenire anche tramite nastri (ad accumulo o no).

8 Elemento base per i modelli CODE Area dove unentità risiede mentre aspetta che una risorsa diventi disponibile o aspetta di essere raggruppata (batch).

9 Esempio: operazioni su banchina Sistema Da una fabbrica dei pallet vengono riposti in un piazzale dal quale sono caricati su camion per il trasporto Arriva in modo random un pallet ogni 6 minuti In media arriva un camion ogni 60 minuti, ogni camion carica 10 pallet. Carico inizia solo se ho già 10 pallet

10 Esempio: operazioni su banchina Analisi what-if Verificare cambiando la regolarità di arrivo dei mezzi Dubbi (?) E sufficiente uno spazio per tre camion in attesa?

11 Esempio: operazioni su banchina ScenarioVariabilitàore Attesa (Media/Max) Numero In attesa (Media/Max) Situazioni critiche 110 minuti.1.3 / / minuti2.3 / / 633

12 Esempio: dimensionamento flotta Sistema Da una merce viene distribuita a 3 differenti destinazioni Un trasporto è associato ad un unico ordine, se la quantità supera la capacità del mezzo il carico viene suddiviso su più mezzi Deve essere evaso ordine al massimo entro 72 ore Costi trasporto: fisso + variabile (dipendente dal mezzo)

13 Esempio: dimensionamento flotta Analisi what-if Verificare al cambiare configurazione flotta come variano costi ed il livello di servizio Dubbi e vincoli (?) Possiamo dimensionare la flotta con due tipologie di mezzi: Alto volume / lenti basso volume / veloci Vincoli di compatibilità mezzo per una destinazione (destinazione 1 solo piccoli)

14 Esempio: dimensionamento flotta Scenario# grandi/ piccoli Tempo Attesa grandi Tempo Attesa grandi % ordini voluminosi Cliente 2 13 / % 24 / % 34 / % 44 / %

15 La Simulazione La Supply Chain

16 La Simulazione: supply chain La Supply Network

17 La Simulazione: supply chain Impresa estesa: connessione continua e collaborazione tra clienti, fornitori e partner commerciali. Nel modello di impresa estesa i flussi informativi che tradizionalmente mettono in relazione le principali funzioni aziendali (produzione, vendite, marketing ecc.) vengono estesi a tutti gli attori della catena per connettere i vari soggetti tra loro.

18 La Simulazione: supply chain Modello di impresa estesa che coinvolge clienti, fornitori, e partner commerciali, con obiettivi di: Aumentare la propria competitività; Migliorare la propria capacità di innovazione; Migliorare la capacità di risposta ai mutamenti; Aumentare la profittabilità; Aumentare la soddisfazione del cliente. Obiettivi:

19 La Simulazione: supply chain Gli elementi principali di una Supply Chain sono: Impianti assegnati ai prodotti Livello e numero dei magazzini Centri di distribuzione Compratori e relazioni con i fornitori Punto di specializzazione o differenziazione dei prodotti Numero di prodotti per ogni tipo necessari nel magazzino Scheduling di produzione e di distribuzione. Variabili Decisionali: scenari modello

20 La Simulazione: supply chain Un semplice modello didattico 1)il sistema lavora secondo il make to order 2)ogni ordine da parte del cliente è di una unità del bene 3)benché anche al fornitore arrivi l'ordine con quantità uno, lui produce e consegna 3 (suo lotto economico)

21 GRAZIE ! GRAZIE !! t GRAZIE !! t


Scaricare ppt "Osservazione Lanalisi mediante Strumenti di simulazione in generale Offre lopportunità Di una maggior comprensione delle dinamiche Di una razionalizzazione."

Presentazioni simili


Annunci Google