La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GIOVANNI Agostino Placido PASCOLI (1855-1912) Una vita tra il nido e la poesia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GIOVANNI Agostino Placido PASCOLI (1855-1912) Una vita tra il nido e la poesia."— Transcript della presentazione:

1 GIOVANNI Agostino Placido PASCOLI ( ) Una vita tra il nido e la poesia

2 L'INFANZIA Giovanni Pascoli nasce a San Mauro di Romagna nel 1855 da una modesta famiglia ed è il quarto di dieci fratelli. Giovanni Pascoli nasce a San Mauro di Romagna nel 1855 da una modesta famiglia ed è il quarto di dieci fratelli. La sua infanzia viene turbata nel 1867 dalla morte del padre, assassinato; nel 1868 da quella della madre e di una sorella; nel 1871 da quella del fratello Luigi. La sua infanzia viene turbata nel 1867 dalla morte del padre, assassinato; nel 1868 da quella della madre e di una sorella; nel 1871 da quella del fratello Luigi. La perdita di questi suoi cari influenzerà tutta la sua vita e la sua produzione poetica. La perdita di questi suoi cari influenzerà tutta la sua vita e la sua produzione poetica.

3 LA CASA NATALE

4 La casa natale

5

6

7 La morte del padre Il padre è amministratore di una tenuta dei principi Torlonia. Il 10 Agosto 1867, mentre torna a casa, viene assassinato. Il 10 Agosto 1867, mentre torna a casa, viene assassinato. Non si scopre mai l'assassino, i famigliari tuttavia hanno dei fondati sospetti. Per la famiglia iniziano le difficoltà economiche: la vedova resta sola con i numerosi figli ancora bambini. Per la famiglia iniziano le difficoltà economiche: la vedova resta sola con i numerosi figli ancora bambini. Questa tragedia sarà il tema di alcuni suoi componimenti poetici.

8 X Agosto di Giovanni Pascoli

9 San Lorenzo, io lo so perché tanto di stelle per laria tranquilla

10 Arde e cade, perché sì gran pianto nel concavo cielo sfavilla

11 Ritornava una rondine al tetto :

12 Ella aveva nel becco un insetto: la cena dei suoi rondinini

13 Ora là, come in croce,che tende quel verme a quel cielo lontano,

14 E il suo nido è nellombra,che attende, che pigola sempre più piano

15 Anche un uomo tornava al suo nido: luccisero; disse:Perdono;

16 E restò negli aperti occhi un grido: portava due bambole

17 Ora là,nella casa romita, lo aspettano, aspettano in vano:

18 Egli immobile,attonito,addita le bambole al cielo

19 E tu,Cielo,dallalto dei mondi sereni,infinito,immortale, Oh! Dun pianto di stelle lo inondi questatomo opaco del male

20 La cavalla storna di Giovanni Pascoli

21 Nella torre il silenzio era già alto. Sussurravano i pioppi del Rio Salto.

22 I cavalli normanni alle lor poste frangean la biada con rumor di croste

23 Là in fondo la cavalla era, selvaggia, nata tra i pini su salsa spiaggia;

24 che nelle froge avea del mar gli spruzzi ancora, e gli urli negli orecchi aguzzi

25 Con su la greppia gomito, da essa era mia madre; e le dicea sommessa:

26 O cavallina, cavallina storna, che portavi colui che non ritorna;

27 tu capivi il suo cenno ed il suo detto! Egli ha lasciato un figlio giovinetto;

28 il primo dotto tra miei figli e figlie: e la sua mano non toccò mai briglie.

29 Tu che ti senti ai fianchi l uragano, tu dai retta alla sua piccola mano tu chai nel cuore la marina brulla, tu dai retta alla sua voce fanciulla

30 La cavalla volgea la scarna testa verso mia madre, che dicea più mesta: O cavallina, cavallina storna, che portavi colui che non ritorna; lo so, lo so, che tu lamavi forte! Con lui ceri tu sola e la sua morte

31 O nata in selve tra londate e il vento, tu tenesti nel cuore il tuo spavento; sentendo lasso nella bocca il morso, nel cuor veloce tu premesti il corso: adagio seguitasti la tua via, perché facesse in pace lagonia...

32 La scarna lunga testa era daccanto al dolce viso di mia madre in pianto. O cavallina, cavallina storna, che portavi colui che non ritorna; oh! due parole egli dové pur dire! E tu capisci, ma non sai ridire.

33 Tu con le briglie sciolte tra le zampe, con dentro gli occhi il fuoco delle vampe, con negli orecchi leco degli scoppi, seguitasti la via tra gli alti pioppi: lo riportavi tra il morir del sole, perché udissimo noi le sue parole.

34 Stava attenta la lunga testa fiera. Mia madre labbracciò su la criniera O cavallina, cavallina storna, portavi a casa sua chi non ritorna! a me, chi non ritornerà più mai! Tu fosti buona... Ma parlar non sai!

35 Tu non sai, poverina; altri non osa. Oh! ma tu devi dirmi una cosa! Tu lhai veduto luomo che luccise: esso tè qui nelle pupille fise.

36 Tu non sai, poverina; altri non osa. Oh! ma tu devi dirmi una una cosa! Tu lhai veduto luomo che luccise: esso tè qui nelle pupille fise. Chi fu? Chi è? Ti voglio dire un nome. E tu fa cenno. Dio tinsegni, come.

37 Ora, i cavalli non frangean la biada: dormian sognando il bianco della strada. La paglia non battean con lunghie vuote: dormian sognando il rullo delle ruote. Mia madre alzò nel gran silenzio un dito: disse un nome... Sonò alto un nitrito.

38 La carriera di insegnante liceale e universitario In seguito agli eventi drammatici sopra descritti, tra la fine del 1871 e gli inizi del 1872 abbandona gli studi presso il collegio dei padri Scolopi di Urbino per trasferirsi a Rimini, dove si iscrive al liceo classico Giulio Cesare. Frequenta in seguito l'Università di Bologna e nel 1882 si laurea in Letteratura greco -latina. Lo stesso anno inizia la carriera di insegnante nei licei.

39 Nel 1897 ottiene la cattedra di Letteratura latina a Messina; nel 1903 passa all'Università di Pisa. Nel 1907 succede al Carducci all'Università di Bologna.

40 ROMAGNA

41 Di Giovanni PASCOLI

42 Sempre un villaggio, sempre una campagna mi ride al cuore (o piange), Severino: il paese ove, andando, ci accompagna l'azzurra vision di San Marino:

43 sempre mi torna al cuore il mio paese cui regnarono Guidi e Malatesta, cui tenne pure il Passator cortese, re della strada, re della foresta.

44 Là nelle stoppie dove singhiozzando va la tacchina con l'altrui covata, presso gli stagni lustreggianti, quando lenta vi guazza l'anatra iridata,

45 oh! fossi io teco; e perderci nel verde, e di tra gli olmi, nido alle ghiandaie, gettarci l'urlo che lungi si perde dentro il meridiano ozio dell'aie;

46 mentre il villano pone dalle spalle gobbe la ronca e afferra la scodella, e 'l bue rumina nelle opache stalle la sua laboriosa lupinella.

47 Da' borghi sparsi le campane in tanto si rincorron coi lor gridi argentini: chiamano al rezzo, alla quiete, al santo desco fiorito d'occhi di bambini.

48 Gia' m'accoglieva in quelle ore bruciate sotto l'ombrello di trine una mimosa, che fioria la mia casa ai di' d'estate co' suoi pennacchi di color di rosa; Già m'accoglieva in quelle ore bruciate sotto l'ombrello di trine una mimosa, che fioria la mia casa ai di' d'estate co' suoi pennacchi di color di rosa;

49 e s'abbracciava per lo sgreto alto muro un folto rosaio a un gelsomino; guardava il tutto un pioppo alto e slanciato, chiassoso a giorni come un birichino.

50 Era il mio nido: dove immobilmente, io galoppava con Guidon Selvaggio e con Astolfo; o mi vedea presente l'imperatore nell'eremitaggio.

51 E mentre aereo mi poneva in via con l'ippogrifo pel sognato alone, o risonava nella stanza mia muta il dettare di Napoleone;

52 udia tra i fieni allor falciati de' grilli il verso che perpetuo trema, udiva dalle rane dei fossati un lungo interminabile poema.

53 E lunghi, e interminati, erano quelli ch'io meditai, mirabili a sognare: stormir di frondi, cinguettio d'uccelli, riso di donne, strepito di mare.

54 Ma da quel nido, rondini tardive, tutti tutti migrammo un giorno nero; io, la mia patria or è dove si vive; gli altri son poco lungi; in cimitero.

55 Così più non verrò per la calura tra que' tuoi polverosi biancospini, ch'io non ritrovi nella mia verzura del cuculo ozioso i piccolini,

56 sempre mi torna al cuore il mio paese cui regnarono Guidi e Malatesta, cui tenne pure il Passator cortese, re della strada, re della foresta.

57 La casa di Castelvecchio Nel 1895 si trasferisce a Castelvecchio, situato nel comune di Barga, in provincia di Lucca. Alterna il suo soggiorno a Castelvecchio con periodi trascorsi a Bologna, dove lo trattengono impegni lavorativi.

58 Il 6 Aprile 1912, il poeta muore a Bologna e qui è sepolto.

59 Immagini di CASTELVECCHIO

60

61

62

63 LE OPERE Le raccolte di liriche pascoliane sono diverse ; le più significative tuttavia sono : Myricae Canti di Castelvecchio Primi e nuovi poemetti Poemi conviviali

64 IL FANCIULLINO Pascoli pubblica questo importante scritto sulla propria poetica e sulla poesia nel Egli sostiene che la funzione del poeta sia di cogliere la realtà nascosta, che sta al di sotto delle forme visibili e tangibili e di cui tali forme sono simbolo. Il poeta ha la dote, che è propria del fanciullo, di vedere al di là dell'apparenza delle cose; una dote intuitiva che gli uomini comuni perdono via via che diventano adulti.

65 DA ''IL FANCIULLINO'' E' dentro di noi un fanciullino che parla alle bestie, agli alberi, ai sassi alle nuvole, alle stelle … egli è quello che piange e ride, senza perché, di cose che sfuggono ai nostri sensi e alla nostra ragione... Il fanciullino vede tutto con meraviglia o tutto come per la prima volta. L'uomo, le cose interne ed esterne, non le vede come le vedi tu: egli sa tanti particolari che tu non sai... Poesia è trovare nelle cose il loro sorriso e la loro lacrima … La poesia è quella che migliora e rigenera l'umanità...

66 17/04/12 Al mio cantuccio, donde non sento se non le reste brusir del grano, il suon dell'ore viene col vento dal non veduto borgo montano:

67 17/04/12 suono che uguale, che blando cade, come una voce che persuade.

68 Tu dici, E` l'ora; tu dici, E` tardi, voce che cadi blanda dal cielo. Ma un poco ancora lascia che guardi l'albero, il ragno, l'ape, lo stelo,

69 17/04/12 cose ch'han molti secoli o un anno o un'ora, e quelle nubi che vanno.

70 Lasciami immoto qui rimanere fra tanto moto d ale e di fronde; e udire il gallo che da un podere chiama, e da un altro l'altro risponde,

71 e, quando altrove l'anima è fissa, gli strilli d'una cincia che rissa.

72 E suona ancora l'ora, e mi manda prima un suo grido di meraviglia tinnulo, e quindi con la sua blanda voce di prima parla e consiglia, e grave grave grave m'incuora: mi dice, E` tardi; mi dice, E` l'ora.

73 17/04/12 Tu vuoi che pensi dunque al ritorno, voce che cadi blanda dal cielo! Ma bello è questo poco di giorno che mi traluce come da un velo! Lo so ch'è l'ora, lo so ch'è tardi; ma un poco ancora lascia che guardi.

74 17/04/12 Lascia che guardi dentro il mio cuore, lascia ch'io viva del mio passato; se c'è sul bronco sempre quel fiore, s'io trovi un bacio che non ho dato! Nel mio cantuccio d'ombra romita lascia ch'io pianga su la mia vita!

75 E suona ancora l'ora, e mi squilla due volte un grido quasi di cruccio, e poi, tornata blanda e tranquilla, mi persuade nel mio cantuccio: è tardi! è l'ora! Sì, ritorniamo dove son quelli ch'amano ed amo.

76 Classi 2A-2B Scuola Media Statale «Padre V. Zasio» PRALBOINO 23 aprile 2012


Scaricare ppt "GIOVANNI Agostino Placido PASCOLI (1855-1912) Una vita tra il nido e la poesia."

Presentazioni simili


Annunci Google