La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del territorio Laurea specialistica in pianificazione e politiche per lambiente Laboratorio bonifiche.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del territorio Laurea specialistica in pianificazione e politiche per lambiente Laboratorio bonifiche."— Transcript della presentazione:

1 Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del territorio Laurea specialistica in pianificazione e politiche per lambiente Laboratorio bonifiche dei siti inquinati e programmi di riqualificazione urbana Geografia dei siti contaminati in Italia Renato Gibin, dP - Università Iuav di Venezia - 13 gennaio 2006

2 Geografia dei siti contaminati in Italia Qualè la dimensione del fenomeno? Problemi definitori: cosa sono i siti contaminati? Problemi conoscitivi: le fonti di informazione. Quanti sono e dove sono i siti contaminati italiani? Alcuni casi esemplari: Milano, Bicocca Genova, Campi Firenze, Novoli Venezia, San Giuliano Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

3 Geografia dei siti contaminati in Italia Le fonti principali: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields statistiche ufficiali European Environment Agency, Progress in management of contaminated sites, 2005 APAT, Annuario dei dati ambientali, 2004 reports EU/CLARINET (Contaminated Land Rehabilitation Network for Environmental Technologies) Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

4 Fuori i numeri… Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio siti (US EPA, 2005) siti (CLARINET, 2002)

5 Fuori i numeri.. Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

6 Le dimensioni del fenomeno secondo CLARINET (2002)

7 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori le statistiche utilizzano la definizione di sito contaminato di fonte normativa (sito contaminato, sito potenzialmente contaminato, sito di interesse nazionale, brownfield) la qualità del dato dipende dallefficacia della normativa e dallefficienza della PA le normative nazionali sono diverse, alcune non contemplano tutte le definizioni

8 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori Le principali fonti normative italiane (vigenti): decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (Decreto Ronchi) D. M. 25 ottobre 1999, n. 471 (Regolamento recante criteri, procedure e modalita' per la messa in sicurezza, la bonifica e il ripristino ambientale dei siti inquinati) L. 426/1998, L. 388/2000, D.M. 468/2001, L. 179/2002 (siti di interesse nazionale)

9 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori sito contaminato è un sito che presenta livelli di contaminazione o alterazioni chimiche, fisiche o biologiche del suolo o del sottosuolo o delle acque superficiali o delle acque sotterranee tali da determinare un pericolo per la salute pubblica o per l'ambiente naturale o costruito (art.1, D.M. 471/1999) il D.M. 471/1999 stabilisce i valori limiti di concentrazione delle sostanze oltre i quali il sito è considerato contaminato

10 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori La logica: una tabella di valori limite di concentrazione (per il suolo distingue 2 tipologie di uso)

11 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori Se uno solo dei parametri è superato il sito è contaminato Se (Arsenico > 20 mg) allora sito contaminato Se (Arsenico <= 20 mg) allora non sito contaminato

12 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori La logica tabellare non è lunica possibile, una delle alternative è lanalisi di rischio sito specifica Consiste in uno studio dettagliato del sito, finalizzato a verificare che non esistano rischi per la salute pubblica o lambiente. Implica unanalisi dettagliata del sito, delle matrici ambientali, dei vettori di trasmissione (del suolo, delle acque, ecc.). è ammessa anche dalla normativa italiana, seppure in casi particolari.

13 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori Fenomeno di definizione normativa significa che perché un sito venga identificato come contaminato è necessario che: Si attivi il procedimento specifico; Il procedimento amministrativo attivato riconosca il sito come contaminato.

14 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori Il procedimento si avvia con una comunicazione, quando: Il responsabile o il proprietario comunicano il superamento, anche accidentale, o il pericolo di superamento dei limiti tabellari; Soggetti pubblici, nellesercizio delle proprie funzioni istituzionali, accertano il superamento dei limiti; Il proprietario del sito chiede una trasformazione duso, ammessa dagli strumenti di pianificazione, verso utilizzi che prevedono limiti più restrittivi.

15 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori Il procedimento continua con: Accertamenti preliminari e verifica della necessità di interventi di messa in sicurezza di emergenza Realizzazione degli interventi di messa in sicurezza di emergenza Redazione del piano della caratterizzazione Approvazione del piano della caratterizzazione Redazione del progetto preliminare di bonifica Approvazione del progetto preliminare di bonifica Redazione del progetto definitivo di bonifica Approvazione del progetto definitivo di bonifica e autorizzazione degli interventi Realizzazione della bonifica Controllo di conformità e certificazione dellavvenuta bonifica Le approvazioni possono essere subordinate a integrazioni

16 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori Dentro il procedimento il sito è definibile esclusivamente come potenzialmente contaminato, fino a quando la contaminazione non viene accertata. Laccertamento della contaminazione può avvenire in diverse fasi del procedimento: nella notifica iniziale al proprietario del sito da parte di un sogegtto pubblico; In seguito agli accertamenti preliminari per verificare la necessità della messa in sicurezza di emergenza; In fase di caratterizzazione; Nel progetto preliminare (in caso di caratterizzazione integrativa); In corso di bonifica.

17 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori procedimentodefinizione Comunicazione Sito potenzialmente contaminato se non è stata evidenziata la contaminazione Eventuale messa in sicurezza di emergenza Piano della caratterizzazione Progetto preliminare di bonifica Sito contaminato Progetto definitivo di bonifica Realizzazione della bonifica Certificazione di avvenuta bonifica Sito bonificato

18 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi definitori La forma del procedimento è essenzialmente la stessa per molte fattispecie: Sversamenti accidentali (ad esempio un incidente stradale di un automezzo che trasporta sostanze chimiche); Impianti industriali in attività, di qualsiasi dimensione; Aree dismesse o in trasformazione duso, con precedenti attività potenzialmente inquinanti, a prescindere dalla loro dimensione (dal distributore di carburanti al grande impianto industriale)

19 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi conoscitivi Le fonti di informazione ufficiali: Anagrafe dei siti da bonificare, di competenza regionale (art. 17 dlgs 22/1997 e art. 17 D.M. 471/1999) comprende i siti di interesse nazionale Censimento dei siti potenzialmente contaminati, di competenza regionale (D.M. 185/1989), che serve alla redazione dei piani regionali di bonifica stima basata (anche) sul tipo di attività produttive svolte dovrebbe contenere anche le aree di raccolta, smaltimento e trattamento dei rifiuti, ed i siti a rischio di incidente rilevante i piani regionali di bonifica comprendono anche i siti contaminati

20 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Problemi conoscitivi LAnagrafe dei siti da bonificare È fondata sui procedimenti amministrativi relativi ai siti contaminati; È realizzata con criteri definiti a livello nazionale; È la fonte con la quale lItalia contribuisce alle attività EEA sulla materia dei siti contaminati; Non è implementata completamente

21 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Quanti sono in Europa? Fonte: EEA, Progress in management of contaminated sites (CSI 015) - May 2005 Assessment

22 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Quanto si spende per le bonifiche? Fonte: EEA, Progress in management of contaminated sites (CSI 015) - May 2005 Assessment

23 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Quanto si spende per le bonifiche? (quota del PIL) Fonte: EEA, Progress in management of contaminated sites (CSI 015) - May 2005 Assessment

24 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Chi paga? Fonte: EEA, Progress in management of contaminated sites (CSI 015) - May 2005 Assessment

25 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Quanti sono in Italia? Fonte: APAT, Annuario dei dati ambientali, 2004

26 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006 Quanti sono in Italia? Fonte: APAT, Annuario dei dati ambientali, 2004

27 Una particolare categoria di siti contaminati I siti di interesse nazionale Sono siti di grande rilevanza ambientale, sia per le superfici interessate, sia per le tipologie di contaminazione presenti. I siti sono inseriti nel Programma Nazionale di Bonifica dei siti inquinati ex Legge 426/1998 Sono stati individuati con Leggi o D.M. applicativi di leggi Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

28 Una particolare categoria di siti contaminati 50 siti di interesse nazionale 15 siti sono stati individuati dallart.1 comma 4 della Legge 426/1998 riportati nellallegato e nelle schede descrittive dellAllegato B del D.M. 468/2001; 3 siti di interesse nazionale individuati dagli artt. 114 commi 24 e 25 della Legge 388/2000, riportati nellallegato C e descritti nelle schede dellAllegato D del D.M. 468/2001; 23 siti di interesse nazionale individuati dallo stesso D.M. 468/2001 sulla base dei criteri stabiliti dallart.18 comma 1 lettera n) del D. Legislativo 22/97 e dallart.15 D.M. 471/99, elencati nellallegato E e descritti nelle schede riportate nellallegato 9 siti previsti dallart.14 della legge 31 luglio 2002, n.179 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

29 Una particolare categoria di siti contaminati I siti contaminati di interesse nazionale hanno una gestione separata dagli altri siti contaminati in quanto le operazioni di bonifica sono coordinate direttamente dal Ministero dellAmbiente e della Tutela del Territorio. Le perimetrazioni dei 50 siti in questione sono state stabilite, sito per sito con decreti Ministeriali. I provvedimenti di perimetrazione sono stati emessi tra lanno 1999 ed il 2002, ma la perimetrazione ha carattere di provvisorietà, e potrà subire modifiche in seguito alle attività di caratterizzazione. Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

30 Una particolare categoria di siti contaminati Gli interventi di interesse nazionale definiti prioritari dal programma nazionale di bonifica: messa in sicurezza demergenza bonifica messa in sicurezza permanente ripristino ambientale Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

31 Una particolare categoria di siti contaminati Messa in sicurezza demergenza: ogni intervento necessario ed urgente per rimuovere le fonti inquinanti, contenere la diffusione degli inquinanti e impedire il contatto con le fonti inquinanti presenti nel sito, in attesa degli interventi di bonifica e ripristino ambientale o degli interventi di messa in sicurezza permanente (art. 2, D.M. 471/199) Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

32 Una particolare categoria di siti contaminati Bonifica: linsieme degli interventi atti ad eliminare le fonti di inquinamento e le sostanze inquinanti o a ridurre le concentrazioni delle sostanze inquinanti presenti nel suolo, nel sottosuolo, nelle acque superficiali o nelle acque sotterranee ad un livello uguale o inferiore ai valori di concentrazione limite accettabili stabiliti dal presente regolamento (art. 2, D.M. 471/199) Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

33 Una particolare categoria di siti contaminati Messa in sicurezza permanente: insieme degli interventi atti a isolare in modo definitivo le fonti inquinanti rispetto alle matrici ambientali circostanti qualora le fonti inquinanti siano costituite da rifiuti stoccati e non sia possibile procedere alla rimozione degli stessi pur applicando le migliori tecnologie disponibili a costi sopportabili, secondo i principi della normativa comunitaria. In tali casi devono essere previste apposite misure di sicurezza, piani di monitoraggio e controllo, ed eventuali limitazioni duso rispetto alle previsioni degli strumenti urbanistici. I valori di concentrazione delle sostanze inquinanti nelle matrici ambientali influenzate dallinquinamento derivante dai rifiuti stoccati non devono superare nel suolo, sottosuolo, acque sotterranee e acque superficiali i valori previsti nellallegato 1; (art. 2, D.M. 471/199) Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

34 Una particolare categoria di siti contaminati Ripristino ambientale: gli interventi di riqualificazione ambientale e paesaggistica, costituenti complemento degli interventi di bonifica nei casi in cui sia richiesto, che consentono di recuperare il sito alla effettiva e definitiva fruibilità per la destinazione duso conforme agli strumenti urbanistici in vigore, assicurando la salvaguardia della qualità delle matrici ambientali; (art. 2, D.M. 471/199) Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

35 Una particolare categoria di siti contaminati Gli interventi sui siti interesse nazionale sono finanziati con il concorso pubblico, in favore di: pubbliche amministrazioni, per interventi aventi ad oggetto aree o beni pubblici; pubbliche amministrazioni che intervengono in surroga di responsabili o proprietari; soggetti privati titolari di diritti reali su beni immobili sui quali insistano manufatti ad uso residenziale, a condizione che la costruzione dei predetti manufatti o il cambio di destinazione d'uso siano avvenuti anteriormente all'entrata in vigore del D.M. 471/1999 e conformi alla vigente normativa urbanistica ed edilizia Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

36 Dove sono i siti di interesse nazionale Fonte: APAT, Annuario dei dati ambientali, 2004 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

37 i siti di interesse nazionale - 1 Fonte: APAT, Annuario dei dati ambientali, 2004 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

38 i siti di interesse nazionale - 2 Fonte: APAT, Annuario dei dati ambientali, 2004 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

39 i siti di interesse nazionale – le attività Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

40 Alcuni casi esemplari Pirelli, Bicocca Firenze, Novoli Genova, Campi Venezia, San Giuliano Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

41 Pirelli Bicocca Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

42 Pirelli Bicocca: qualche numero anagrafica del sito denominazionePIRELLI – BICOCCA localizzazioneNell'area nord-est milanese, al confine con il Comune di Sesto San Giovanni. enti locali di competenzaComune di Milano dimensione mq (area Bicocca) mq di SLP (area Bicocca), mq di SLP (area ex Ansaldo) (1) proprietàPrivata (due diversi proprietari) responsabile inquinamentoPer 9 siti il proprietario è responsabile dell'inquinamento destinazione d'usoIndustriale stato dell'attivitàQuasi tutte le aree sono dimesse dal tipo di attività industrialeProduzione impianti a pressione per centrali nucleari etc.; dipoli elettrici. Industria metallurgica Industria chimica Centrale termica di servizio Depositi, produzione e vulcanizzazione di pneumatici informazioni sull'inquinamento e sul processo di bonifica inquinamentoPresenza di amianto e contaminazione dei suoli da idrocarburi, metalli, IP A, PCB, Composti Organoalogenati, Cianuri, solventi clorurati, solventi aromatici, aldeidi, Lane Minerali, oli minerali, aromatici, clorurati e fenoli processo di bonificaAttivato su alcune aree dal responsabile, in alcuni casi da un soggetto interessato. Alcune aree sono in attesa di certificazione di avvenuta bonifica elementi valutabili in sede di concertazione localizzazionen.a. vincoli al cambiamento di destinazione d'uso n.a. interessi espressi dalla pa e da soggetti locali n.a. Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

43 Pirelli Bicocca: qualche numero Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields Progetto intervento previstoDe-industrializzazione / re-industrializzazione (parte attiva) nuova destinazione d'usoPluri-funzionale (residenziale, commerciale, servizi pubblici e privati) promotoriProprietario delle aree informazioni sull'inquinamento e sul processo di bonifica tipo di inquinamentoIidrocarburi, metalli, IPA, PCB, Composti Organoalogenati, Cianuri, solventi clorurati, solventi, aromatici, aldeidi, Lane Minerali,oli minerali, aromatici, clorurati, fenoli area inquinata (m2) Inquinamento faldaIn alcuni casi la falda risulta inquinata (in un caso come agente inq. è indicato il triclorofluorometano, in un altro idrocarburi) esecutore bonificaIn alcuni casi il proprietario privatoEsec responsabile, in altri il terzo interessato Esecutore operativoPIRELLI (P) tecniche utilizzatePer un'area è stata applicata la tecnica dell'ossidazione/riduzione chimica, per le altre quella di rimozione del terreno contaminato lavori e tipologie di costiCosti di pre-urbanizzazione per: Demolizioni fabbricati (20 milioni per l'area Bicocca e 1,48 milioni per l'area ex Ansaldo) Interventi di bonifica (10 milioni per l'area Bicocca e 5,58 milioni per l'area ex Ansaldo) Costi di urbanizzazione: 132 milioni per l'area Bicocca e 20 milioni per l'area ex Ansaldo [1] [1] altre informazioni sull'intervento strumenti e procedure per la realizzazione degli interventi di riqualificazione Strumenti urbanistici Modalità di attuazione tempi per la realizzazione dell'intervento di riqualificazione I tempi di realizzazione dell'intero intervento ammontano a circa 20 anni. Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

44 Firenze Novoli Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

45 Firenze Novoli Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields anagrafica del sito denominazioneEX AREA FIAT AUTO DI NOVOLI localizzazionePeriferia Nord – Ovest di Firenze enti locali di competenzaComune di Firenze dimensione32 ettari proprietà Prima Fiat Auto S.p.A. poi Immobiliare Novoli S.p.A. partecipata dalla Fiat (40%), dalla Novoli Investors (30%), dalla Cassa di Risparmio di Firenze (15%), dalla Sansedoni (10%) e dalla Banca Toscana (5%) soggetto responsabile inquinamento proprietario destinazione duso Industria Meccanica stato dellattività Dismessa nel 1995 tipo di attività Produzione di pezzi meccanici per la trasmissione del moto negli autoveicoli quali trasmissioni, semialberi, tripodi e giunti omocinetici, barre di torsione per veicoli industriali. Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

46 Firenze Novoli Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields informazioni sullinquinamento e sul processo di bonifica inquinamentoConcentrazioni di: olii minerali in concentrazioni variabili (da alcune centinaia ad alcune migliaia di p.p.m.). Due (o tre) di queste aree concentrazioni più elevate (max 0,5%); idrocarburi localizzati in corrispondenza di serbatoi interrati; alcuni metalli (Zn, Cr, Pb) localizzati processo di bonifica1985: accordo di programma tra Futurauno (oggi Immobiliare Novoli) il Comune di Firenze e la Regione Toscana con oggetto dismissione dello stabilimento e bonifica ambientale, secondo L.R. 29/93 e successive delibere regionali di settore. 1997: la società Futurauno richiede lapprovazione del Progetto di bonifica ambientale e linserimento dellarea nel Piano regionale di bonifica delle aree inquinate. 1998: Approvazione del Progetto di bonifica con decreto della Giunta Regionale e definizione della destinazione duso residenziale (o assimilabile) 2000: Provincia di Firenze (settore ambiente) certifica lavvenuta bonifica dellarea. Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

47 Firenze Novoli Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields progetto Intervento realizzatoLarea è destinata ad un mix funzionale: nuovo Palazzo di Giustizia, il Polo delle Scienze Sociali dellUniversità di Firenze, un albergo, spazi commerciali, unità residenziali, uffici direzionali, un parco pubblico di 12 ettari, parcheggi pubblici e pertinenziali. Nuova destinazione duso Residenziale e mista Promotorisocietà proprietaria dellarea e Immobiliare Novoli S.p.A. Distribuzione superficieTotale area32 ettari Totale progetto32 ettari edificata mc libera12 ettari destinati a parco urbano Ripartizione volumetriePalazzo di Giustizia: mc Residenze ed attrezzature ricettive: mc Sedi Universitarie: mc Attività commerciali ed amministrative: mc Centro Polivalente: mc informazioni sullinquinamento e sul processo di bonifica Tipo di inquinamentoTerreni con presenza di olii minerali, idrocarburi e metalli pesanti Terreno inquinato (m3) m3Inquinamento faldaNo Esecutore bonificaProprietàEsecutore operativoTeseco S.p.A. Tecniche utilizzateScavo e smaltimento in discarica di tutti i volumi di suolo contaminato. Costo di bonifica Lo scavo e smaltimento in discarica di tutti i volumi di suolo contaminato venne a costare Lire e fu sostenuto interamente da parte privata. Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

48 Firenze Novoli Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields Costi dellintervento di riqualificazione COSTO TOTALE: MLD Fonti di FinanziamentoCOMUNE MLD RISORSE PRIVATE MLD Ministero LL. PP (bando PRU, D.M. 21/12/1994) MLD Strumenti e procedure per la realizzazione degli interventi di riqualificazione Strumenti urbanisticiIl progetto si colloca all'interno della variante al Prg per il recupero delle aree "Fiat" e "Carapelli", approvata con un primo accordo di programma, ex art. 27 L. 142/90, stipulato il 27 aprile 1993 tra Regione, Comuni di Firenze e Campi Bisenzio, Provincia di Firenze, e con un secondo accordo approvato con decreto della Giunta regionale n°1168 del 26 settembre (lintero iter seguito è riportato nella tabella successiva) Tempi per la realizzazione dellintervento di riqualificazione Periodo in cui larea è stata non utilizzata Tempi di promozione e tecnici precedenti allinizio dei lavori Dal 1984 al 1996 Tempi lavori (bonifica, urbanizzazione, opere)Data inizio 1998 si stima che i lavori saranno ultimati entro il 2008 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

49 Firenze Novoli Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields DataAttività IndustrialeIter UrbanisticoIter Bonifica 1939Inizio attività (produzione per fini bellici) 1945Conversione dellattività (produzione mezzi meccanici per autoveicoli) 1962-PRG prevede per larea un PP (effetti solo sulla viabilità). Fanno seguito numerosi PdL privati o convenzioni con il Comune per la realizzazione di attrezzature e servizi 1984La Fiat decide di dismettere la fabbrica 1984/1 986 Predisposizione della variante al PRG (Variante Nord- Ovest) 1985Accordo con il Comune di Firenze: il Comune in cambio della cessione del terreno per il nuovo Palazzo di Giustizia e di una consistente parte di verde pubblico ha permesso alla Fiat di costruire sullarea a seguito del cambiamento delle destinazione duso. Accordo con la Fiat: il Comune in cambio della cessione del terreno per il nuovo Palazzo di Giustizia e di una consistente parte di verde pubblico ha permesso alla Fiat di costruire sullarea a seguito del cambiamento delle destinazione duso. 1985/ Studi di un piano specifico per il nuovo sviluppo dellarea: proposta di Halprin ed altri proposta di Ricci-Dallerba 1991-Variante al PRG (variante di tutela, adeguamento degli standards e di recupero) – la volumetria dellarea Fiat passa da mc a mc. Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

50 Firenze Novoli Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields DataAttività IndustrialeIter UrbanisticoIter Bonifica 1992La Fiat cede lo stabilimento alla società GKN Componenti Firenze S.p.a. dove le lavorazioni proseguono sino al 1995 Nuovo PRG 1993La Fiat sigla un accordo di programma con il comune di Campi Bisenzio per il trasferimento dello stabilimento di Novoli Variante al PRG 1994-Pubblicazione del Piano Guida di Leon Krier La proprietà affida la stesura del Piano Attuativo agli architetti Gabbetti e Isola 1995Trasferimento dellattività nella nuova sede n.a.Alla GKN Componenti Firenze S.p.a. subentra, come proprietario dellarea di Novoli, la Futurauno S.p.a. n.a.Alla Futurauno S.p.a. subentra, come proprietario dellarea di Novoli, la Immobiliare Novoli S.p.a. (developer del piano di recupero) 1996La società proprietaria affida alla società Fisia lincarico di condurre le indagini e le opere di monitoraggio 1998Fideiussione bancaria per un importo di circa 12 miliardi di lire Approvazione del Progetto di bonifica Inizio lavori di bonifica 2008Prevista la fine dei lavori Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

51 Genova Campi Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

52 Genova Campi Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields 1988 – chiusura dello stabilimento siderurgico IRI L. 181/1989 – piano speciale di reindustrializzazione nelle aree della crisi siderurgica 1989 il CIPI affida a Sviluppo Italia Aree produttive i compiti: Acquisizione dellarea di Campi (21 ha) Bonifica Infrastrutturazione e lottizzazione dellarea; Cessione dei lotti a prezzo agevolato 1989, PTC Liguria prevede la realizzazione del polo tecnologico di Campi 1990, viene acquisita larea ed inizia la bonifica Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

53 Genova Campi Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields 1988 – chiusura dello stabilimento siderurgico IRI L. 181/1989 – piano speciale di reindustrializzazione nelle aree della crisi siderurgica 1989 il CIPI affida a Sviluppo Italia Aree produttive i compiti: Acquisizione dellarea di Campi (21 ha) Bonifica Infrastrutturazione e lottizzazione dellarea; Cessione dei lotti a prezzo agevolato 1989, PTC Liguria prevede la realizzazione del polo tecnologico di Campi 1990, viene acquisita larea ed inizia la bonifica Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

54 Genova Campi Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields mq superficie edificata attività manifatturiera (39%), artigianato e commercio ( 22,4%), alta tecnologia (12,8%) e servizi alle imprese (10,8%). 100 aziende piccole e medie 1860 addetti Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

55 Genova Campi: il bilancio Fonte: ricerca dP/APAT Redazione di linee guida per il recupero ambientale e valorizzazione economica dei brownfields COSTIValore (in M) Acquisto dell'area3,1 Demolizione e bonifica11,8 Infrastrutturazione10,3 Altri oneri vari17,0 TOTALE COSTI42,4 RICAVIValore (in M) Vendita area13,0 Vendita immobili3,6 Vendita materiali recupero9,8 Contributo legge 181/8918,1 TOTALE RICAVI44,5 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

56 Venezia San Giuliano Fonte: Gino Berro, Riequilibrio del territorio e potenziamento dei servizi ambientali: da discarica sofferta a distretto industriale Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

57 Venezia San Giuliano , discarica di rifiuti industriali e da demolizioni, rifiuti urbani, rifiuti industriali da Porto Marghera , discarica di rifiuti industriali da Porto Marghera: gessi, calce da carburo, terre e scorie di fonderia , stoccaggio RSU 1970 – 1990, stazione di travaso per i rifiuti urbani del centro storico Fonte: Gino Berro, Riequilibrio del territorio e potenziamento dei servizi ambientali: da discarica sofferta a distretto industriale Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

58 Venezia San Giuliano Analisi effettuate nel 1985, 1993, 1994 e 1996 Nel 1996 le misurazioni evidenziano cocnentrazioni superiori alle soglie di accettabilità (normativa Regione Toscana) Suolo idrocarburi, metalli pesanti e solventi organici Acque fino a -4,5 metri dal livello medio mare: COD, azoto ammoniacale e solfuri; Acque profonde: non contaminate secondo opinione diffusa. 1,2 milioni di tonnellate di mc di suolo da rimuovere Fonte: Gino Berro, Riequilibrio del territorio e potenziamento dei servizi ambientali: da discarica sofferta a distretto industriale Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

59 Venezia San Giuliano , concorso internazionale per il parco di San Giuliano 1995, approvazione del piano guida del parco 1997, progetto esecutivo del primo lotto, finanziato con risorse pubbliche (anche UE) 1998, iniziano i lavori Marzo 1999, cantiere sequestrato dalla magistratura Ottobre 1999, nuove regole: il d.m. 471/99 Dicembre 1999, il cantiere viene dissequestrato Febbraio 2000,si definisce il perimetro del sito di interesse nazionaledi Marghera, San Giuliano è incluso 2000, il costruttore del primo lotto rescinde il contratto 2001, progetto di messa in sicurezza e bonifica nei termini del dm 471/ , nuovo bando per I lavori Maggio 2004, viene inaugurato il parco 2005 … continua Fonte: Gino Berro, Riequilibrio del territorio e potenziamento dei servizi ambientali: da discarica sofferta a distretto industriale Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

60 Venezia San Giuliano Fonte: Comune di Venezia, Urban a Venezia, 2003 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

61 Venezia San Giuliano Fonte: Comune di Venezia, Urban a Venezia, 2003 Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

62 Venezia San Giuliano Fonte: Gino Berro, Riequilibrio del territorio e potenziamento dei servizi ambientali: da discarica sofferta a distretto industriale La bonifica: bonifiche Hot spot (mercurio, zinco, cadmio, PCB, idrocarburi) Messa in sicurezza permanente con capping Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

63 Venezia San Giuliano Costo stimato: 77 M Finanziameni dei tre primi lotti Programma comunitario Urban Italia euro; Comune di Venezia euro; Regione Veneto euro; Magistrato alle Acque di Venezia (marginamenti sponde) euro. Totale Euro Fonte: Gino Berro, Riequilibrio del territorio e potenziamento dei servizi ambientali: da discarica sofferta a distretto industriale Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

64 Venezia San Giuliano Fonte: Il Piano Guida interessa un'area di 700 ettari di cui 475 ettari di terreno e 225 ettari di canali, barene e laguna. L'area aperta al pubblico ha una superficie di 74 ettari ed e' suddivisa in Lotto A2 per 12.4 ettari e Lotto B1 ( escluso il futuro Polo Nautico ) per 61.6 ettari. Le opere realizzate ed aperte al pubblico comprendono: Area di recupero ambientale messa in sicurezza: 30 ha Lotto B1 area messa in sicurezza 19 ha Sono stati utilizzati mc di argilla per il capping e mc di diaframma plastico di contenimento dei depositi tossico nocivi Lotto A2 l'area messa in sicurezza 11 ha Movimenti terra: mc Lotto A mc Lotto B mc Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

65 In sintesi: alcune questioni Tratti comuni ai casi descritti: aree dismesse e progetti di trasformazione urbana: le aree dismesse sono occasione (richiedono?) rilevanti interventi di ridisegno urbanistico tempi lunghi di gestazione, progettazione, realizzazione Cè sempre un intervento pubblico, diretto o indiretto Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

66 In sintesi: alcune questioni Aree contaminate Un problema ambientale: i rischi per la salute e lambiente Aree dismesse contaminate (brownfields) un problema ambientale: i rischi per la salute e lambiente; un problema di governo del territorio: la spirale del degrado urbanistico e sociale; unopportunità per il governo del territorio: una occasione per il ridisegno urbanistico in aree dense (la distribuzione delle funzioni, la dotazione di servizi, gli standard) Unoccasione per lo sviluppo sostenibile: il risparmio di suolo, la rinuncia ad utilizzare i greenfields, un limite alla diffusione Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

67 Per concludere: alcune questioni Aree dismesse contaminate e intervento pubblico Il dlgs 22/1997 ed il D.M. 471/1999 Il principio chi inquina paga Lonere della bonifica è in capo al responsabile, o al proprietario (tramite lonere reale) La salvaguardia della salute e dellambiente In surroga interviene lattore pubblico Che separatamente provvede al recupero delle spese per le opere di bonifica Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

68 Per concludere: alcune questioni Una questione delicata: l a contaminazione come esternalità negativa. Nel caso dell'area contaminata dismessa: l'area è stata un fattore di produzione, ed ha progressivamente ceduto alla produzione un valore che è pari al costo della sua ricostituzione alle condizioni originarie. La contaminazione è una esternalità perchè il costo della ricostituzione (o mantenimento) delle condizioni originarie del sito non è stato imputato correttamente alla produzione. Terminata la produzione nell'area rimane una contaminazione, ed il valore dell'area ha il segno negativo del costo da sopportare per la sua ricostituzione, cioè il costo dell'intervento di bonifica. Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

69 Per concludere: alcune questioni La definizione normativa della contaminazione, la percezione delle esternalità, varia nel tempo, e ciò che era considerato legittimo ieri non lo è più oggi. La normativa italiana non distingue la contaminazione rispetto al momento in cui è stata causata La Direttiva 2004/35/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e riparazione del danno ambientale, distingue fra danni causati prima e dopo lentrata in vigore (30/04/2007) Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

70 Per concludere: alcune questioni In Italia, nonostante il principio chi inquina paga, lintervento pubblico è decisivo nella bonifica e valorizzazione delle aree contaminate dismesse. il problema non si pone quando, e accade, il responsabile della contaminazione è un attore pubblico Quando il responsabile è un altro soggetto lintervento pubblico consente al developer di ottenere benefici finanziari superiori ai costi della bonifica e della valorizzazione: Con un intervento finanziario diretto Consentendo cambi di destinazione duso e volumetrie Localizzando funzioni pubbliche Con investimenti nelle infrastrutture Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006

71 Per concludere: alcune questioni Un approccio simile agli impact fees anglosassoni negato (tranne recenti eccezioni) dalle norme applicato nella pratica senza il sostegno esplicito di modelli di valutazione Generalmente laccordo fra amministrazione locale e developer non tiene conto degli impatti dellintervento di bonifica e valorizzazione: La rinuncia allinvestimento pubblico in altri progetti urbanistici La redistribuzione dei diritti edificatori a sfavore di altri soggetti E neanche degli effetti positivi della valorizzazione, come la variazione dei valori immobiliari (che potrebbe essere tassata) Iuav / fPT / cdLPPA / Geografia dei siti contaminati in Italia, 13 gennaio 2006


Scaricare ppt "Università Iuav di Venezia Facoltà di Pianificazione del territorio Laurea specialistica in pianificazione e politiche per lambiente Laboratorio bonifiche."

Presentazioni simili


Annunci Google