La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GESTIONE DIFFERENZE INDIVIDUALI. UN PROBLEMA NON DA POCO: GESTIRE L ETEROGENEITA COMPLESSITA MMMM M PROBLEM SOLVING PROBLEM POSING.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GESTIONE DIFFERENZE INDIVIDUALI. UN PROBLEMA NON DA POCO: GESTIRE L ETEROGENEITA COMPLESSITA MMMM M PROBLEM SOLVING PROBLEM POSING."— Transcript della presentazione:

1 GESTIONE DIFFERENZE INDIVIDUALI

2 UN PROBLEMA NON DA POCO: GESTIRE L ETEROGENEITA COMPLESSITA MMMM M PROBLEM SOLVING PROBLEM POSING

3 CHI E DIVERSO RISPETTO A CHI? extrascuola Classe confronto DINAMICHE contrapposizione mediazione negoziazione Alunno docente compagni

4 STYLE WARS ? STILI DI STILI DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO SUCCESSO INSUCCESSO INCONTRO SCONTRO

5 STILI DI APPRENDIMENTO Caratteristici comportamenti cognitivi, affettivi e fisiologici che funzionano come indicatori relativamente stabili di come i discenti percepiscono lambiente di apprendimento, interagiscono con esso e vi reagiscono ( Keefe ) Dimensione comportamentale Globalità del concetto Relativa stabilità Funzione di filtro Interazione e reazione con lambiente

6 dove, quando, luce temperatura,Consumi personali, posture… visiva, uditiva, cinestetica, visivo-Verbale, visivo – non verbale

7 Modalità di elaborazione delle informazioni Acquisizione in memoria con procedure di associazione e classificazione Recupero dalla memoria

8 DESCRITTORI = INDICATORI DI TENDENZE Non etichettano Aiutano a definire il profilo personale Sollecitano losservazione e lanalisi ( contesto in cui la tendenza si manifesta, rispetto a quali compiti di apprendimento, i condizionamenti che produce…)

9

10

11 DESCRITTORI E PROFILI 1. cinestetico 2. analitico 3. estroverso 4. impulsivo 5. uditivo 6. sistematico 7. introverso 8. intuitivo 9. visivo 10. globale 11. riflessivo Le classificazioni e i descrittori definienti un profilo non possono essere rigidamente utilizzati per descrivere la ricchezza di ogni stile di apprendimento individuale

12 STILI DI APPRENDIMENTO area A area B area C Canali sensoriali Elaborazione informazioni Modalità di lavoro Visivo-verbale Visivo- non verbale Uditivo cinestetico Analitica Globale Individuale Di gruppo

13 Una didattica Strategica e metacognitiva

14 ADATTAMENTO DEL COMPITO / AL COMPITO

15 Adattare i compiti agli alunni Alternanza di stimoli visivi, uditivi, cinestetici Approcci analitici-sistematici-riflessivi; globali- impulsivi, intuitivi Attività individuali, di coppia, di gruppo e a classe intera VARIETA DI COMPITI VARIETA DI APPROCCI Alternanza di attività modalità variate di presentazione della stessa attività

16 ADATTAMENTO DEL COMPITO AGLI ALUNNI MODALITA SEQUENZIALE SIMULTANEA Tutti gli alunni eseguono in sequenza gli stessi compiti Variati, in modo tale che, a turno ciascuno trovi uno o più compiti adatti al suo stile Suddivisione della classe in gruppi di alunni che eseguono, nello stesso arco temporale, compiti differenziati per uno o più fattori

17 UN ESEMPIO… Il trattamento della grammatica approcci deduttivi (studio delle "regole" e loro applicazione in esercizi manipolativi: a vantaggio, ad esempio, di "stili" sistematici, convergenti) e approcci induttivi ("scoperta delle regole" attraverso l'osservazione sistematica, la formulazione e la verifica di ipotesi: a vantaggio di "stili" più intuitivi e divergenti); focalizzazione sulle "forme" e sulla loro correttezza (a vantaggio di "stili" analitici e riflessivi) e focalizzazione anche sui significati e gli scopi comunicativi (a vantaggio di "stili" più globali e intuitivi);

18 lavori individuali (ad esempio, con la possibilità di controllare le chiavi degli esercizi in fondo al libro di testo o su schede: a vantaggio di "stili" indipendenti) e lavori a gruppi (ad esempio, con una correzione degli esercizi in coppia: a vantaggio di "stili" più dipendenti); attività dagli esiti ben definiti (come esercitazioni "chiuse": a vantaggio di "stili" cauti e poco disponibili al rischio) e attività dai contorni volutamente più incerti (dal dialogo su traccia ai giochi di ruolo: a vantaggio di "stili" meno ansiosi, più tolleranti dell'ambiguità);... e, naturalmente, tutte le possibili combinazioni di queste opzioni.

19 Adattare gli alunni ai compiti 1° APPROCCIO Compito : esercizio di comprensione di un testo scritto ( domande a risposta multipla ) Prima dell'esercizio: Considera attentamente queste strategie. Leggi tutto il testo una prima volta per fartene un'idea generale. Leggi con attenzione ogni domanda e le relative risposte a-b-c-d. Individua il paragrafo e la/e frase/i del testo a cui si riferisce la domanda. Anche se ti sembra di individuare subito la risposta corretta, considera con attenzione le altre tre alternative e cerca di capire perché sono sbagliate. Fai sempre riferimento al testo: lo puoi leggere e rileggere quante volte vuoi! Segna a matita le risposte che ti sembrano corrette. Metti un asterisco (*) accanto alle domande su cui hai più dubbi. Rileggi le domande dall'inizio, prestando particolare attenzione a quelle con (*). Cancella e cambia le risposte se necessario.

20 Durante l'esercizio Cerca di mettere in pratica le strategie. Dopo l'esercizio Rileggi le strategie, segna con quelle che hai effettivamente usato e dai un tuo giudizio sulle strategie usate: *** = molto utile ** = abbastanza utile * = inutile. Confronta il lavoro con i tuoi compagni

21 2° APPROCCIO Compito: esercizio di completamento di spazi vuoti in un testo scritto Per ogni spazio sono proposte quattro alternative di parole tra cui scegliere. Dopo l'esercizio: 1. Quali spazi vuoti hai trovato particolarmente difficili da riempire? · 2.Come hai cercato di far fronte a queste difficoltà? Hai usato qualcuna tra le strategie di cui abbiamo parlato all'inizio? · 3. Quali informazioni hai usato per scegliere le parole? Hai per esempio considerato le categorie grammaticali a cui appartengono (es. sostantivo, verbo, aggettivo, preposizione)? la loro posizione nella frase, rispetto alle parole che precedono e seguono? le regole delle forme grammaticali (es. verbi seguiti o meno da to) i tempi verbali implicati nelle frasi (es. vari tipi di passato)? il significato dei vocaboli? il contesto delle singole frasi e dell'intero paragrafo? Puoi scrivere, nella colonna sulla destra, uno o due esempi di parole scelte in base alle informazioni che hai usato?

22 QUALI DIFFERENZE ? 1° ESEMPIO Insegnamento diretto di strategie Fa riferimento al singolo per la valutazione e la personalizzazione delle strategie stesse 2° ESEMPIO Scoperta di strategie Punto di partenza è lesperienza pregressa degli alunni, sollecitati a esplicitare i modi in cui hanno affrontato il compito, a verbalizzare e socializzare le strategie utilizzate

23 Si dovrebbero insegnare i principi di strategia che permettano di affrontare i rischi, l'inatteso e l'incerto, e di modificarne l'evoluzione grazie alle informazioni acquisite nel corso dell'azione. Bisogna apprendere a navigare in un oceano d'incertezze attraverso arcipelaghi di certezza. E.Morin


Scaricare ppt "GESTIONE DIFFERENZE INDIVIDUALI. UN PROBLEMA NON DA POCO: GESTIRE L ETEROGENEITA COMPLESSITA MMMM M PROBLEM SOLVING PROBLEM POSING."

Presentazioni simili


Annunci Google