La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corpo Musicale di Brenno Useria Lezioni del corso di approfondimento di teoria musicale Lezione 1 La produzione del suono, le sue caratteristiche (volume,

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corpo Musicale di Brenno Useria Lezioni del corso di approfondimento di teoria musicale Lezione 1 La produzione del suono, le sue caratteristiche (volume,"— Transcript della presentazione:

1 Corpo Musicale di Brenno Useria Lezioni del corso di approfondimento di teoria musicale Lezione 1 La produzione del suono, le sue caratteristiche (volume, frequenza e timbro) ed il concetto di intonazione

2 La musica è larte dei suoni (P. Bona) Suono: fenomeno fisico dovuto alla vibrazione di un corpo elastico Il corpo elastico produce il suono, ma perché esso possa essere avvertito occorre un mezzo di trasmissione, laria

3 Le vibrazioni prodotte dal corpo elastico (la forcella del diapason) sono trasmesse allaria e laria le trasmette a sua volta al nostro orecchio Che cosa succede nellaria?

4 Alcuni definizioni di fisica Oscillazione completa Periodo (T) Intensità Intensità: ampiezza della vibrazione = volume del suono Periodo (T): il tempo necessario per unoscillazione completa, si misura in secondi Frequenza (f = 1/T): il numero di oscillazioni nel tempo di un secondo (si misura in Hertz) = altezza del suono

5 Il concetto di volume (intensità) di un suono Tempo Ampiezza oscillazione Alto volume (forte): ampiezza delloscillazione maggiore Basso volume (piano): ampiezza delloscillazione minore Il tutto indipendentemente dallaltezza del suono!! Lintensità di un suono si misura in Decibel (dB)

6 Il concetto di altezza (frequenza) di un suono Tempo Ampiezza oscillazione Suono più alto (acuto): numero di oscillazioni in un secondo più elevato = frequenza più alta Suono più basso (grave): numero di oscillazioni in un secondo minore = frequenza più bassa Il tutto indipendentemente dallintensità del suono!!

7 Il concetto di timbro Il suono del diapason è costituito da ununica onda ad andamento sinusoidale, detta fondamentale Con sorgenti di suono differenti londa sonora può presentare forme differenti da quella sinusoidale È possibile dimostrare che onde più complesse derivano dalla sovrapposizione (somma) di più onde sinusoidali, la fondamentale e le armoniche, che presentano frequenza multipla (2 volte, 3 volte ecc) rispetto alla fondamentale La sovrapposizione di tali onde è diversa da uno strumento allaltro, così ogni strumento fa vibrare laria in modo diverso ed ha quindi una sua voce caratteristica, detta timbro

8 Rumore Tempo Ampiezza oscillazione Somma di oscillazioni irregolari, intermittenti o statisticamente casuali dellaria Le frequenze secondarie che si sovrappongono alla principale non sono armoniche (ovvero hanno frequenze che non sono multipli interi della fondamentale), loscillazione risultante ha un andamento casuale

9 Intonazione È una caratteristica legata allaltezza di un suono ed esprime la differenza tra la frequenza del suono e quella di un suono di riferimento Lintonazione è giusta se tale differenza è nulla, mentre si ha una stonatura se il suono emesso ha frequenza più bassa (calante) o più alta (crescente) rispetto al riferimento Le differenze di frequenza si rilevano con intonatori o valutando i battimenti Negli strumenti a fiato lintonazione dipende da numerosi fattori (imboccatura, respirazione, temperatura, umidità, dinamiche) e si modifica accorciando (se lo strumento è calante) o aumentando (se lo strumento è crescente) la lunghezza dello strumento Intonare significa pertanto fare in modo che sulla nota di intonazione tutti gli strumenti producano la medesima frequenza, quella della nota di riferimento


Scaricare ppt "Corpo Musicale di Brenno Useria Lezioni del corso di approfondimento di teoria musicale Lezione 1 La produzione del suono, le sue caratteristiche (volume,"

Presentazioni simili


Annunci Google