La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Conoscere il passato per educare alla legalità: la memoria del terrorismo e delle stragi. Da piazza Fontana allomicidio Alessandrini (1969-1979) introduzione.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Conoscere il passato per educare alla legalità: la memoria del terrorismo e delle stragi. Da piazza Fontana allomicidio Alessandrini (1969-1979) introduzione."— Transcript della presentazione:

1 Conoscere il passato per educare alla legalità: la memoria del terrorismo e delle stragi. Da piazza Fontana allomicidio Alessandrini ( ) introduzione storica e presentazione dei principali nodi storiografici Milano, 27 novembre 2008 Fondazione Carlo Perini-Milano

2 Confini 1969: Piazza Fontana 1979: Omicidio Alessandrini – (1980: Strage di Bologna) 1969: Autunno caldo 1980: la marcia dei : caduta governo Rumor. Fallimento centro-sinistra 1980: congresso Dc. Fallimento dellUnità nazionale 1970: vittoria elettorale di Salvador Allende 1979: rivoluzione in Iran Terrorismi Operai-mondo del lavoro-movimenti Politica e governi in Italia Politica internazionale

3 Anni settanta: 1969: Piazza Fontana 1979: Omicidio Alessandrini Minacce alla democrazia: Atti diversi che a vario livello hanno condizionato lo sviluppo della democrazia italiana (terrorismi, movimenti e ipotesi eversive, tentativi di colpo di Stato) Contesto internazionale Politica nazionale I movimenti

4 Quale prospettiva? La prospettiva è quella STORICA Giudice e storico Il paragone fra giudice e storico ha avuto grande fortuna, così come frasi tipo: il tribunale della storia, la storia lo assolverà ecc. Marc Bloch sosteneva che lo storico di fronte al dilemma giudicare o comprendere deve optare per Comprendere. Robespierristi, antiroberspierristi: noi vi chiediamo, di grazia: per pietà, diteci semplicemente, chi era Robespierre. Quindi lo storico non condanna o assolve, ricostruisce, analizza, trova le concatenazioni, formula ipotesi e trae conclusioni fondandosi sui documenti, sulle fonte storiche. Proprio per questo dove il giudice si deve fermare, oppure dove un giudice non troverebbe prove certe o fatti rilevanti, lo storico può e deve continuare lindagine

5 Come? Cercando definizioni, parole-chiave, temi e snodi alla luce di: Storiografia Didattica Uso politico della storia

6 Definizioni Il termine terrorismo comparve per la prima volta nel 1798 nel Dictionaire dellAccademie française riferendosi al terrore, ovvero ai metodi di governo mesi in pratica dopo la Rivoluzione francese, con un significato quindi estremamente diverso rispetto a quello utilizzato ora comunemente.

7 Definizioni il terrorismo non sia semplicemente luso della violenza per fini politici, non solo violenza eccessiva, non solo violenza armata contro gli inermi. Esso è concepito come una strategia politica autonoma, autosufficiente e risolutiva[1].[1] [1] C. Townshend, La minaccia del terrorismo, Il mulino, Bologna, 2004, p. 31. [1]

8 Secondo la definizione del Sisde per atto di terrorismo si intende un'azione violenta, politicamente motivata, volta a colpire obiettivi di valore simbolico e destinata anche ad intimidire un uditorio bersaglio riconducibile, socialmente o politicamente, all'obiettivo primario. L'atto di terrorismo, a differenza di quello di violenza politica (ascrivibile ad individui o gruppi che tendono ad agire a viso aperto) e di quelli di guerriglia (attuati con strumenti e logiche paramilitari) viene di solito compiuto da individui o gruppi operanti in clandestinità o sotto copertura o comunque in condizioni di mimetismo all'interno delle società colpite

9 Per i sociologi Tre specificità del terrorismo del periodo sono: 1.Il bersaglio dellazione viene scelto per il suo valore simbolico 2.Lazione si propone effetti psicologici otre che materiali: lobiettivo dellorganizzazione terroristica clandestina non è la massimalizzazione delle perdite materiali dellavversario ma lentità del terrore che si riesce a diffondere in gruppi target della popolazione eccitare lincertezza e il timore per provocare i comportamenti predetti e desiderati 3.Messaggi diversi vengono articolati rispetto a bersagli differenti

10 Terrorismo internazionale LOnu negli anni 70 cercò di trovare una definizione condivisa del terrorismo e quindi norme internazionali sullantiterrorismo. Un obiettivo estremamente difficoltoso tanto che a tuttoggi non esiste una definizione internazionalmente condivisa. Negli anni 70 se gli stati occidentali erano preoccupati che una definizione di terrorismo potesse essere utilizzata per includervi il terrorismo di Stato', il mondo in via di decolonizzazione non ha mai voluto accettare una definizione che non facesse una esplicita differenze tra terrorismo e lotta di liberazione nazionale considerata legittima per il diritto internazionale.

11 I terrorismi in Italia Terrorismo altoatesino Terrorismo stragista neofascista (On, An, Nar) Terrorismo brigatista di estrema sinistra (Brigate rosse, Prima linea, Gap…)

12 Strage «Fra tutte le azioni delittuose che gli uomini possono compiere contro altri uomini, la strage è una di quelle che più si avvicina al male radicale: è il massimo delitto, lomicidio, diretto consapevolmente contro gli innocenti. Colui che colloca una bomba micidiale su un treno o nella sala daspetto di una stazione, sa con certezza che le vittime che il suo gesto produce non hanno, rispetto al fine o ai fini che egli si propone, nessuna colpa. Non colpisce il nemico, vero o presunto, ma a capriccio coloro che si trovano per puro caso su quel treno, in quella sala daspetto, su una piazza. Non voglio dire che lo stragista non abbia un nemico da colpire o di cui vendicarsi. Ma il suo nemico è altrove: leccidio degli innocenti è soltanto un mezzo per colpire indirettamente un nemico che solo lui sa o deve sapere chi sia e dove sia. Non cè forse modo più perverso di ridurre luomo a mezzo che quello di considerare puro mezzo di un disegno ignoto la sua morte violenta. … Le regole fondamentali della democrazia, quelle che permettono di prendere decisioni vincolanti per tutta la collettività prevedono due modi essenzialmente pacifici di risolvere i conflitti: la contrattazione e il principio di maggioranza. Non sono affatto regole neutrali rispetto ai valori, come spesso si dice e si crede. Valgono come regole democratiche solo se rispettano alcuni valori fondamentali: quello della libertà (se il voto non è libero non è democratico), delluguaglianza (la democrazia compiuta esige il suffragio universale, vale a dire luguaglianza dei cittadini rispetto allesercizio dei diritti politici), in fine quello della non violenza. Il metodo democratico è in tutti i suoi aspetti un metodo non violento» (N. Bobbio, La democrazia violentata, in Nuova Antologia, 129 [1994], pp ).

13 Le stragi NellItalia repubblicana una prima strage avvenne nel 1947 a Portella della Ginestra in Sicilia, quando la banda di Salvatore Giuliano aprì il fuoco su contadini e operai intenti a seguire il comizio del primo maggio. Secondo molti documenti ritrovati anche negli archivi statunitensi, furono implicati in vario modo in questa strage i servizi segreti, italiani e nord americani, ed anche uomini della decima Mas[1].[1] [1] N. Tranfaglia, Come nasce la Repubblica, Bompiani, Milano, [1]

14 Le stragi La prima grossa diversità del caso italiano rispetto ad altri sistemi politici [Giappone, Repubblica federale tedesca e Stati Uniti] è dunque non solo lampiezza del fenomeno neo-fascista, e la sua virulenza, ma il tipo di appoggio, deliberato e consapevole o dovuto a colpevole sottovalutazione, che esso ottiene da parte di diversi spezzoni dellapparato statale (nonché da parte dei regimi autoritari operanti sul continente europeo e in America latina, almeno fino alla seconda metà del 1974)[1].[1] [1] G. Pasquino, Differenze e somiglianze: per una ricerca sul terrorismo italiano, in D. della Porta, G. Pasquino (a cura di), op. cit., p. 239 [1]

15 Le stragi 12 dicembre 1969: Piazza Fontana

16 Le stragi 1970 un attentato causò il deragliamento del treno la freccia del suda Gioia Tauro, nel 1972 vi fu la strage di Peteano in cui vennero uccisi tre carabinieri, nel 1973 la strage alla questura di Milano, infine, nel 1974, vi furono due attentati stragisti: il 28 maggio in piazza della Loggia a Brescia e il 4 agosto sul treno Italicus.

17 Lopinione di Aldo Moro (Comm. Moro, ; Comm stragi, II, ; Numerazione tematica 2) I gravi fatti di Piazza Fontana a Milano, che dettero inizio a quella che è stata chiamata la strategia della tensione, ebbero un precedente, se mal non ricordo, di minore gravità in occasione della Fiera di Milano. Ero quel giorno a Milano, proprio per la Fiera, e vidi le tracce della devastazione. Ma i fatti di P.za Fontana furono certo di gran lunga più importanti. Io ne fui informato, attonito, a Parigi dove ero, insieme con i miei collaboratori, in occasione di una seduta importante dellAssemblea del Consiglio dEuropa, che, per ragioni di turno, io mi trovavo a presiedere. Seduta importante certo, ma non di grandi riflessi politici. Essa si concluse con la sospensione della Grecia per violazione dei diritti umani. Proprio sul finire della seduta mattutina ci venne tra le mani il terribile comunicato di agenzia, il quale ci dette la sensazione che qualche cosa di inaudita gravità stesse maturando nel nostro Paese.

18 Strategia della tensione Definizione giornalistica che designa proprio questo insieme di stragi, attentati, minacce di golpe. (Comm. Moro, 126 fino a: tempo dopo i fatti di Piazza Fontana, lamico on. Salvi; Comm stragi, II, ; Numerazione tematica 2) La c.d. strategia della tensione ebbe la finalità, anche se fortunatamente non conseguì il suo obiettivo, di rimettere lItalia nei binari della normalità dopo le vicende del 68 ed il cosiddetto autunno caldo. Si può presumere che Paesi associati a vario titolo alla nostra politica e quindi interessati a un certo indirizzo vi fossero in qualche modo impegnati attraverso i loro servizi dinformazioni. Su significative presenze della Grecia e della Spagna fascista non può esservi dubbio e lo stesso servizio italiano per avvenimenti venuti poi largamente in luce e per altri precedenti

19 Strategia della tensione Secondo Ferarresi si possono individuare fondamentalmente e vi sono state due possibili definizioni e utilizzi della locuzione strategia della tensione Linterpretazioni massimalista che è appartenuta a certi filoni della sinistra, è una interpretazione che vede una sorta di complotto universale gestito dal grande vecchio, che passa attraverso diverse possibili scansioni che sono il piano del capitale, lo Stato imperialista delle multinazionali. Laltra possibile interpretazione, opposta se si vuole, è quella che nega lesistenza di questo particolare fenomeno, linterpretazione «minimalista» La strategia della tensione non è mai esistita, è linvenzione di qualche magistrato rosso, delle toghe rosse che hanno cercato di vedere, in un certo numero di vicende tragiche della nostra storia, un complotto unificato; ma invece le istituzioni sono rimaste salde, gli organi dello Stato hanno sempre reagito in maniera corretta. Ci è stata forse qualche deviazione, ma parlare di una strategia è una cosa insensata e non dimostrata. F. Ferraresi, Un inquadramento storico nella ricostruzione della strategia della tensione, in «Anpi oggi», La democrazia ha bisogno di verità. La memoria di Milano strage di piazza Fontana, anno VIII- n, 2/3, marzo 1997, p. 19.

20 la strategia della tensione Fu proprio per questi attentati e questo clima di inquietudine che si era istaurato che venne coniata la definizione di strategia della tensione, una definizione giornalistica che si può impiegare solo se la si utilizza in modo preciso e rigoroso, non interpretandola cioè come una onnicomprensiva teoria del complotto: non è possibile infatti ridurre tutte le vicende ad un unico motore, troppi gli attori coinvolti, troppi gli avvenimenti, diversi i contesti storici. E probabilmente coretto affermare come vi sia stato un quadro omogeneo di opinioni ed intenti in cui vennero realizzate azioni da soggetti in alcuni casi coordinati, mentre altri agivano in modo congruente con azioni altrui, in presenza di settori del potere che vedevano con favore soluzioni autoritarie e di strutture sottratte al controllo democratico. Il rischio che alcuni studiosi ci mostrano molto chiaramente è proprio quello, reale per chi si occupa di questi temi, di cadere in fraintendimenti e nella ricerca di qualcosa in cui conchiudere tutti gli eventi. Quasi a voler individuare un ipotetico, metafisico e collettivo grande vecchio, motore immobile degli accadimenti perdendo di vista la complessità degli avvenimenti.

21 Le Brigate rosse Dopo la strage di piazza Fontana nel 1970 si affacciò sulla intricata scena pubblica italiana anche il terrorismo di estrema sinistra: vennero infatti fondate le Brigate Rosse. Il terrorismo delle Brigate rosse, di estrema sinistra colpiva coloro che, nella logica criminale dei terroristi, veniva identificato come nemico quali uomini politici, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dellordine. Il fine dei brigatisti era quello di compiere azioni clamorose, tali da poter sollevare il popolo in una rivoluzione per questo motivo la rivendicazione divenne una sorta di caratteristico avvenimento che seguiva gli attentati e le azioni di tipo terroristico così come la produzione di lunghi e complessi documenti di analisi e di discussione politica che dovevano spiegare e giustificare gli atti di violenza agli occhi delle masse che si dovevano, nella logica brigatista, mobilitare.

22 Le periodizzazioni La strategia della tensione / Le Brigate rosse : La propaganda armata : Attacco al cuore dello Stato 1986: Fine della lotta armata: abbiamo perso

23 I tentativi di Golpe Piano Solo –Gen. Giovanni De Lorenzo1964 Golpe Borghese 8/12/1970 La rosa dei venti Golpe Bianco - Edgardo Sogno 15/8/1974

24 Le dittature dellEuropa mediterranea La Spagna di Franco ( ) Il Portogallo di Salazar La Grecia dei Colonnelli ( )

25 I gruppi terroristici: i neo-fascisti Diversi e differenti. Una possibile classificazione: -gruppi filo-golpisti. F. N., La rosa dei venti -gruppi radicali- A. N., O. N. -gruppi spontaneisti N. A. R.

26 Gli ultimi anni del decennio 70 furono importanti anche per larea dellestrema destra in cui si andavano perdendo i riferimenti diretti allesperienza del fascismo del ventennio, o meglio si mostrava una insofferenza verso la «retorica della nostalgia». Secondo storici e politologi si può affermare che la nuova destra italiana sia nata proprio nel 1977 con lorganizzazione e linaugurazione l11 giugno del campo Hobbit, il «primo festival di musica, spettacolo e grafica dellestrema destra» in cui si coniugava il modello dei raduni pop ai Littoriali della cultura, dove si trattava di «magia, esoterismo, paganesimo, culto della natura e della festa, nella fascinazione esercitata dai miti nordici e dalluniverso fantastico di Tolkien». Da un lato, una sorta di imitazione di esperienze quali il parco Lambro o il movimento degli indiani metropolitani, che mettevano in primo piano la contestazione del conformismo, e dallaltro la necessità (generazionale e culturale) di rompere con gli aspetti più tradizionali dellestrema destra e con lesperienza storica ed estremamente distante come era giudicata quella dei vecchi legati ancora al regime fascista, anche se i contatti, strategici e operativi, con uomini e leader appartenenti ai vecchi gruppi furono in realtà sempre piuttosto intensi, così come restano immutati riferimenti a certi aspetti dellesperienza del fascismo mussoliniano, in particolar modo con il periodo della Repubblica sociale.

27 Nei pochi documenti che i partecipanti a questo gruppo scrissero e nelle loro rare testimonianze raccontarono che la strategia proposta era quella dello scontro, anche con le forze dellordine, della violenza, del terrorismo, degli assalti a mano armata in sedi di partiti o di istituzioni culturali così da creare una situazione di estremo terrore e confusione e, dopo, una fase di terrorismo (cieco, indiscriminato) e si doveva arrivare alla guerriglia e alla disgregazione del sistema ed infine ad una non meglio identificata rivoluzione. Si assiste quindi ad una sorta di «nichilismo di destra, nutrito dagli scritti di Franco Freda e di Julius Evola», a cui si aggiungeva, secondo le affermazioni di Francesca Mambro, una invidia verso le azioni delle Brigate Rosse e degli altri gruppi del terrorismo dellestrema sinistra, sia per le strategie da adottare -che si aggiungevano alle stragi, il modus operandi che aveva caratterizzato il terrorismo neofascista- sia, nel caso specifico, per il ruolo che le donne avevano in queste altre organizzazioni. Nellautorappresentazione dei militanti dellestrema destra si rileva quindi un coinvolgimento maggiore rispetto «alle tematiche, agli stili di comportamento, alle ansie, alla furia antisistemica dei loro coetanei –anche quelli schierati su fronti politici avversi – piuttosto che ai moduli tradizionali delliconografia di estrema destra». Per alcuni di questi, poi, sarebbe stato auspicabile una alleanza tattica con lestrema sinistra per giungere in modo più rapido alla disintegrazione del sistema, alleanza che non venne accettata dai gruppi del terrorismo di estrema sinistra.

28 Il terrorismo di estrema sinistra Le Brigate Rosse I gruppi nati per scissione dalle Br Gli altri gruppi quali, ad esempio, Prima Linea

29 Altre formazioni Brigate Rosse-Partito Comunista Combattente Dirigenti: Barbara Balzerani, Antonio Savasta, Enzo Calvitti, Dario Faccio Nuova sigla delle Brigate Rosse, a partire dal Va inoltre ricordato che, anche l'omicidio di Massimo D'Antona, avvenuto nel maggio 1999, e quello di Marco Biagi del marzo 2002, sono stati rivendicati con la sigla B.R-P.C.C. Brigate Rosse-Partito della Guerriglia Unione della colonna napoletana e del "Fronte delle carceri" delle Brigate Rosse, che uscì dall'organizzazione centrale nel 1981, per adeguare le "forze rivoluzionarie" ai mutamenti in atto nel paese. Nell'inverno 1982 numerosi arresti posero fine all'attività dell'organizzazione Brigate Rosse-Walter Alasia Colonna milanese delle Brigate Rosse uscita dall'organizzazione centrale nel A seguito degli arresti dei primi mesi del 1982, l'attività delle B.R.- W.A. può considerarsi conclusa. Brigata XXVIII Marzo Formatasi nel maggio del 1980 a Milano, sull'onda emotiva suscitata dall'uccisione di quattro militanti delle BR avvenuta il 28 marzo 1980 da parte dei carabinieri. Per questa organizzazione sono state inquisite 19 persone.

30

31 Prima Linea Organizzazione armata clandestina formatasi nell'autunno 1976 in due riunioni tenutesi a Salò (Brescia) e Stresa (No). Prima linea non nacque come nuovo nucleo armato ma come aggregazione di nuclei combattenti che fino a quel momento avevano agito sotto sigle diverse, tra questi: le "Squadre Operaie Combattenti", i "Comitati comunisti combattenti", le "Ronde Armate Proletarie", le "Ronde Proletarie Tiburtino",il "Collettivo Studenti Operai dei castelli romani", i "Nuclei combattenti per il contropotere del territori", i "Reparti comunisti combattenti", i "reparti proletari per l'esercito di liberazione comunista", i "proletari organizzati per il comunismo", le "brigate comuniste combattenti" e "lotta armata per il comunismo". Nell'aprile 1977 si tenne a San Michele a Torri (FI) il primo congresso dell'organizzazione e venne stilato lo statuto che si basò sul principio della non separatezza tra ruoli e pratiche politiche e militari. P.L. si dotò quindi di una struttura centralizzata, con al vertice la "Conferenza di Organizzazione" a cui rispondeva il "Comando Nazionale". Inizialmente P.L. si mosse in un'ottica "giustizialista" e, nei primi mesi del 1978 prese corpo un comando unitario con le Formazioni Comuniste Combattenti(vedi). L'anno successivo l'organizzazione si ristrutturò senza riuscire però a comporre la frattura esistente tra chi voleva radicarsi nel territorio, all'interno dei vari movimenti, e chi voleva radicalizzare lo scontro con gli apparati istituzionali. Solo nel 1980 l'ala "dura" ebbe il sopravvento, ma da lì a poco le rivelazioni fatte ai magistrati da Roberto Sandalo, diedero il via ad un'ondata di arresti che indebolirono fortemente l'organizzazione. Nell'estate 1980 si tenne un'altra Conferenza d'organizzazione a Senigaliia che porterà all'uscita da P.L. di diversi militanti che in parte daranno vita al "Nucleo dei Comunisti" (Vedi). Con la conferenza di organizzazione della Pasqua del 1981 l'organizzazione verrà sciolta. Per le attività di Prima linea (fra cui una quindicina di omicidi) sono state inquisite 923 persone.

32 Lattacco al cuore dello Stato Il rapimento di Aldo Moro: 16 marzo 1978 Lomicidio di Aldo Moro 9 maggio 1978

33 Il giornalista Walter Tobagi scrisse su Il Corriere della Sera del 30 gennaio 1979: Sarà per quella faccia mite, da primo della classe che ci lascia copiare i compiti, sarà per il rigore che dimostra nelle inchieste, Alessandrini è il prototipo del magistrato di cui tutti si possono fidare, che non combina sciocchezze, (…) era un personaggio simbolo, rappresentava quella fascia di giudici progressisti, ma intransigenti, né falchi chiacchieroni, né colombe arrendevoli.Le indagini iniziate faticosamente, ebbero una svolta nel maggio 1980 allorché il terrorista pentito Roberto Sandalo rivelò agli inquirenti la composizione del commando omicida, che comprendeva tra gli altri il figlio Marco dellonorevole Carlo Donat Cattin, vice segretario della Democrazia Cristiana, più volte ministro, 29 gennaio, Milano: Prima Linea ammazza il giudice di Piazza Fontana Emilio Alessandrini. Lagguato desta grande impressione in tutto il paese. Viene infatti colpito un uomo di sinistra, il giudice che per primo era riuscito a svelare le trame nere dietro lorganizzazione della strage del 12 dicembre 1969.

34

35 Reazioni al terrorismo Dopo il rapimento Moro: trattare o non trattare Varare, e accettare, leggi e o provvedimenti speciali Lagire collettivo

36 La strage di Piazza Fontana segnò profondamente lItalia, «Ho pensato che cominciava davvero un periodo cupo, un periodo atroce», ricorda Corrado Stajano e nessun cittadino aveva fino ad allora nemmeno immaginato la possibilità di assistere ad un delitto così efferato, inoltre, come fu ben presto chiaro, uomini dei servizi segreti italiani erano coinvolti in quel «terreno vischioso che corre parallelo a tutta la storia repubblicana [rappresentato dal] rapporto tra gli apparati di ordine pubblico e ambienti neofascisti», come scrisse in seguito lo storico Craveri[1]. [1] P. Craveri, La Repubblica dal 1958 al 1992, Tea, Milano, 1995, p. 460.[1]

37 Certo coloro che fanno gli attentati e poi si accorgono, con stupito rammarico, che l'effetto destabilizzante non è stato ottenuto, sono liberi di pensare che l'inutilità politica delle stragi è dovuta al cosiddetto quieto vivere, cioè ad una tenace volontà di sopravvivenza. Ma non è così, -proseguiva Moravia-. Oggi, […]. l'educazione politica, stavamo quasi per dire sentimentale, ha attecchito. Gli italiani, come del resto tanti altri popoli, almeno in Europa, vedono, riflettono, non si lasciano più destabilizzare sia individualmente, sia collettivamente[1].[1] [1] A. Moravia, Ma il popolo non si destabilizza, Corriere della sera, 4 agosto 1980 [1]

38 Legge Reale Legge approvata a larga maggioranza dal Parlamento italiano il 21 maggio 1975 su proposta dell'allora ministro della Giustizia, il repubblicano Oronzo Reale, per fronteggiare la gravissima ondata di terrorismo e di violenza politica che scuoteva il paese. Faceva divieto ai cittadini di coprirsi il volto e di camuffarsi ed estendeva i casi in cui le forze di polizia potevano far ricorso alle armi, anche in servizio di ordine pubblico, e procedere al fermo di sospetti. Inoltre annullava la cosiddetta legge Valpreda, del 1972, che aveva abbreviato sensibilmente i termini della custodia preventiva. Modificata in alcuni punti, è tuttora in vigore. Modifiche alla legge 22 maggio 1975, n.152, relativamente alle limitazioni dell'uso delle armi da parte del pubblico ufficiale. PROPOSTA DI LEGGE D'INIZIATIVA DEI DEPUTATI PANNELLA, AGLIETTA MARIA ADELAIDE, AJELLO, BOATO, BONINO EMMA, CICCIOMESSERE, CRIVELLINI, DE CATALDO, FACCIO ADELE, GALLI MARIA LUISA, MACCIOCCHI MARIA ANTONIETTA, MELEGA, MELLINI, PINTO, ROCCELLA, SCIASCIA, TEODORI, TESSARI ALESSANDRO Presentata il 20 giugno 1979 SOMMARIO: Con la proposta di legge si propone di abolire la parte dell'art. 53 del Codice Penale, introdotta con la legge "Reale" del 1975, che stabilisce la non punibilità per il pubblico ufficiale che fa uso delle armi "per impedire la consumazione dei delitti di strage, di naufragio, sommersione, disastro aviatorio, disastro ferroviario, omicidio volontario, rapina a mano armata e sequestro di persona". Si prevede inoltre che il pubblico ufficiale non deve avere altro mezzo per respingere una violenza, che deve comunque essere "attuata con le armi", e in ogni caso "il mezzo di coazione" deve essere proporzionato all'entità della violenza e della resistenza". La proposta di legge propone inoltre di abrogare gli articoli che prevedono l'avocazione dei procedimenti contro i pubblici ufficiali da parte del Procuratore generale presso la Corte d'appello. Infine si prevede che i blocchi stradali possano essere effettuati solo da pubblici ufficiali in divisa. In allegato alcune schede relative agli "incidenti" consentiti dalla legge "Reale". (CAMERA DEI DEPUTATI - VIII LEGISLATURA - DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI - N.111)

39 Le forze dellordine Creazione di uffici speciali, di un coordinamento fra magistrati, polizia, carabinieri (es. Il nucleo del gen. Dalla Chiesa contro il terrorismo di estrema sinistra sciolto nel 1977). Utilizzo degli strumenti presenti

40 Vittime del terrorismo: morti e feriti ( ) 1119 vittime di cui il 68% (758) imputabili alla destra. Delle 360 vittime del terrorismo di sinistra il 53% si deve alle Brigate rosse

41 Vittime del terrorismo: i morti ( ) SinistraDestra totale

42 Anni settanta: anni di piombo o anni affollati? Riforme Partecipazione, soggetti collettivi, movimenti Libertà Comunicazione Crisi: politica ed economica. Violenza

43 Riforme Relative al welfare: Sanità Psichiatria (legge Basaglia) Interruzione della gravidanza Istituzione dei consultori famigliari Equo canone Diritti dei lavoratori Statuto dei lavoratori Regole della contrattazione collettiva Corsi delle 150 ore Diritti civili Obiezione di coscienza Divorzio Diritto di famiglia Sistema carcerario Diritti politici Referendum abrogativi Organi collegiali Voto ai diciottenni Assetto dello Stato Istituzione delle regioni Creazione del ministero beni culturali Riforma servizi segreti Riforma radio-televisione

44 Movimenti 1968: Mondiale, ottimista, presa di parola di soggetti quali donne, giovani e studenti,messa in discussione di tutti gli ambiti della vita politica e sociale 1969 Gli operai avanzano richieste che vanno oltre alle rivendicazione di miglioramento salariale: Democrazia in fabbrica,Un ambiente di lavoro più salubre,Uno statuto dei lavoratori 1977: Solo italiano, pessimista, nato già in presenza di gruppi terroristici

45 Possibili approfondimenti Rapporti movimenti terrorismo Il rapporto che i militanti del 77 che scelsero di entrare in clandestinità ebbero con il terrorismo di estrema sinistra fu soprattutto con larea del così detto terrorismo diffuso e con Prima linea, organizzazione armata clandestina che era nata nell'autunno 1976 non come nuovo nucleo ma come aggregazione di gruppi combattenti che fino a quel momento avevano agito sotto sigle diverse e che continuò le sue azioni fino al Al contrario le Brigate rosse si ritenevano culturalmente e ideologicamente distanti dal movimento e si interessarono a questo solo per il reclutamento, secondo anche le valutazioni di Mario Moretti: «Uscirono da quel convegno [quello tenuto nel settembre a Bologna] gridando rosse, rosse, rosse, Brigate rosse. Non erano minimamente Br, chissà cosa pensavano che fossimo noi Br. […] Moltissimi poi entrarono nelle Br, ma io li distinguevo a occhi chiusi»[1].[1] [1] M. Moretti (intervista di Carla Mosca e Rossana Rossanda), Con quel movimento abbiamo interagito pochissimo, in S. Bianchi e L. Caminiti, Settantasette. La rivoluzione che viene, Roma, Derive Approdi, 1997, pp [1]

46 Altre definizioni Guerra civile fredda, a bassa intensità Unaltra definizione è stata poi trovata per contraddistinguere, non solo il terrorismo e lo stragismo, ma gli anni 60 e 70: «guerra civile fredda o a bassa intensità» o «guerra civile strisciante». Ne fa una analisi approfondita Marco Grispigni: Per indicare un quindicennio della storia dellItalia repubblicana, caratterizzato con forza da conflitti sociali e dallirruzione di nuovi soggetti nellagone politico e culturale, ho utilizzato, assieme a molti altri studiosi, la definizione di «stagione dei movimenti». […] In contrapposizione a questa definizione, soprattutto nei lavori provenienti dallarea di ex-autonomia operaia e da quella di alcuni partecipanti alla lotta armata, ne è stata proposta unaltra, forte e precisa, quella di «guerra civile», coniugata, con un residuo di pudore, con una serie di parafrasi qualitative e quantitative come «strisciante», «fredda», o «a bassa intensità». Lo stesso autore sottolinea come, a suo avviso, non si tratti «dellunico caso di uso improprio di concetti storiografici». Sostenere la presenza di questo tipo, sinceramente non così chiaramente definito, di guerra civile, forzando i significati della definizione, porta a leggere lo stragismo come una reazione a quella guerra civile: Anche in questo caso parlare di guerra civile strisciante mi sembra non solo storicamente scorretto, ma anche in qualche maniera giustificativo rispetto a quella che al contrario fu esplicitamente una forma di terrorismo di stato. […] Quindi la risposta terroristica della strage di piazza Fontana non è leggibile come una reazione armata, usando lo strumento del terrorismo, a una situazione di guerra civile dispiegata.

47 Doppio stato De Felice prospettò una «ipotesi di approccio alla storia dellItalia repubblicana verificando laderenza realistica e le possibilità euristiche di una categorie generale come doppio Stato», propose una analisi sul reciproco condizionamento fra Costituzione repubblicana e sistema di alleanze internazionali, sul «nesso nazionale-internazionale»; una riflessione sui vincoli che la politica di potenza e i sistemi di alleanze impongono sempre alle classi dirigenti e sul carattere particolarmente stringente assunto da quei vincoli nellepoca della guerra fredda in Europa, e segnatamente in Italia.

48 A volte, nel pieno del furore polemico, si negano anche fatti certamente accaduti e non si ritiene possibile che esistano avvenimenti e situazioni della storia italiana ancora in parte non conosciute o per cui ancora non abbiamo trovato chiavi di lettura e analisi convincenti, che, viste le difficoltà nella ricerca cui si faceva cenno allinizio, pare invece quasi naturale. É chiaro, credo, che non è possibile leggere la storia nazionale come una lunga e organica sequenza di strategie occulte organizzate, preferibilmente, da menti straniere, cosa che ancora viene fatta, ma daltra parte non è possibile analizzare la storia repubblicana senza indagarne anche le zone più oscure, i contesti nazionali ed internazionali, le strutture politiche e di intelligence


Scaricare ppt "Conoscere il passato per educare alla legalità: la memoria del terrorismo e delle stragi. Da piazza Fontana allomicidio Alessandrini (1969-1979) introduzione."

Presentazioni simili


Annunci Google