La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ENERGY DAY RISPARMIO ENERGETICO: TECNOLOGIE A CONFRONT O.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ENERGY DAY RISPARMIO ENERGETICO: TECNOLOGIE A CONFRONT O."— Transcript della presentazione:

1 ENERGY DAY RISPARMIO ENERGETICO: TECNOLOGIE A CONFRONT O

2 CERTIFICAZIONI AMBIENTALI E BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ Dott. Zacchi Giovanna

3 La Sostenibilità dello Sviluppo Oggi la domanda fondamentale a cui la politica è chiamata a rispondere è quale sia il modello di sviluppo, il modello sociale e civile in base a cui vogliamo vivere e che vogliamo lasciare in eredità. In una società sempre + orientata alla performance gli indicatori contano: ciò che misuriamo influenza ciò che facciamo e se le indicazioni sono parziali e limitate lo sono anche le decisioni che si basano su di esse. Non basta + un solo indicatore: occorre un cruscotto statistico

4 Sostenibilità dello sviluppo Si intende per Sviluppo Sostenibile quello in grado di soddisfare le esigenze del presente senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare le loro esigenze * Ma soprattutto il termine sostenibile significa: che dura nel tempo * Da «R apporto Brundtland» (conosciuto anche come Our Common Future) è un documento rilasciato nel 1987 dalla Commissione mondiale sull'ambiente e lo sviluppo (WCED)

5 Opportunità e prospettive della Green Economy Oggi tutti parlano di Green Economy, così come pochi anni fa si parlava di New Economy: è una moda? Sono solo cambiate le tecnologie su cui si orientano i capitali di ventura (come è accaduto nella Silicon Valley, in cui gli investimenti un tempo concentrati sulle ICT sono migrati sulle tecnologie energetiche e ambientali), o ci troviamo in una fase effettiva di trasformazione tecno-economica? Negli ultimi 3 secoli ci sono stati 2 importanti fasi di trasformazione tecno-economica in cui linnovazione nel settore energetico ha avuto una grande rilevanza: la prima rivoluzione industriale fondata sullenergia a vapore e la fase di produzione di massa in cui lenergia elettrica (prodotta dalla combustione di fonti fossili) ha giocato un ruolo chiave. E lora della Low Carbon Economy?

6 Ogni grande cambiamento richiede: TEMPO FUTURO-PROSPETTIVE CULTURA PASSATO-RADICI La gestione passata ha creato problemi, si cerca una nuova via…..

7 Green Economy significa: N on solo green policies da parte delle istituzioni Non solo green management da parte delle imprese Non solo green technologies da parte del mondo della ricerca Non solo consumatori green oriented Ma linsieme integrato di tutti questi ambiti ed attori (nicchia + nicchia = sistema) : GREEN TECHNOLOGY GREEN POLICIES GREEN CONSUMER GREEN MANAGEMENT GREEN ECONOMY BAT POLITICHE PRODOTTI SEVIZI EFFICIENZAEFFICIENZA COMPETITIVITACOMPETITIVITA

8 Green Technologies I primi 20 stati americani nei brevetti (anticipano il mercato) in Green Technologies Distribuzione negli anni dei brevetti in Green Technologies della California

9 Green Technology: Low Carbon Economy e Crisi I recenti dati delle Nazioni Unite ci mostrano come siano molti i paesi che hanno dedicato alla Low Carbon Economy una parte rilevante degli stimoli economici a supporto della crisi: dai 60 miliardi di dollari della Corea del Sud (quasi l80% alle green energies, con lobiettivo di creare un vero e proprio hub tecnologico in questo campo) ai ben 218 della Cina (33,6%degli stimoli totali e 4% del PIL) orientati a grandi infrastrutture energetiche e di trasporto low carbon seguono gli USA con 117 miliardi (pari al 12% degli aiuti; il dato sale significativamente se consideriamo gli investimenti infrastrutturali in senso più ampio)

10 Progetto Promise: Sostenibilità e consumi Indagine sul livello di consapevolezza (Dati relativi a circa 8000 questionari inviati a famiglie iscritte al portale Coop) La grande maggioranza del campione è un eco-consumatore. Comprare eco-sostenibile è semplice, democratico ed abituale: lo fa il 70% degli italiani ¼ degli italiani si dice preoccupato per le problematiche ambientali Il voto nel portafoglio!!! Anche la scelta al consumo è dunque un vettore forte verso uneconomia + green

11 Strategia UE (COM(2010) 2020) «Le realtà economiche si muovono più velocemente di quelle politiche. (…)»

12 (COM(2010) 2020 )

13 Fondazione Symbola e Unioncamere rapporto sulla green economy 2011: quasi unimpresa su 4 (23,9% del totale, circa) ha investito, negli ultimi 4 anni, in prodotti e tecnologie green Green Italy Già nel PMI manifatturiere su 10 (30,4%) investivano green; nel 2011 la quota è raddoppiata (57,5%) In Italia linvestimento legato allambiente è percepito come una terapia efficace contro la crisi Il ricorso a certificazioni ambientali e/o etiche è sempre + diffuso perché viene considerato una componente essenziale per la competitività sul mercato globale In una società popolata da knowledge workers ciò che caratterizza lindustria italiana è, in moltissimi casi, un saper fare che pochi paesi hanno saputo conservare: ruolo strategico dellartigianato Made in Italy

14 Nel 2005 la rivista «Time» dedicò un articolo al declino dellItalia, destinata a soccombere al colosso cinese. In realtà la copertina esprime un concetto diverso: -Agilità contro potenza -Qualità contro grandi numeri -Unicità contro serialità Questa copertina è la chiave per leggere il posizionamento dellItalia nel mondo Green Italy

15 EMAS e ISO Bilanci di sostenibilità Marchi di qualità ambientale, Ecolabel, EPD Accordi volontari Politiche ambientali e di sviluppo Green Public Procurement, Integrated Product Policy Educazione e Formazione Ambientale Agenda 21 locale e percorsi partecipativi Sostenibilità: alcuni strumenti CORPORATECORPORATE PAPA

16 Sistemi di Gestione Ambientale I due sistemi di certificazione ambientale principali sono: Il Regolamento CE n. 1221/2009 sulladesione volontaria delle organizzazioni ad un sistema comunitario di ecogestione e audit EMAS (EMAS = Eco-Management and Audit Scheme) NORMA ISO UNI 14001:2004 La UNI EN ISO e il regolamento EMAS sono simili per obiettivi e requisiti. EMAS richiede maggiori garanzie di conformità legislativa e la comunicazione allesterno degli impegni presi nei confronti dellAmbiente prevedendo, per le organizzazioni che si certificano o che mantengono le registrazione, incentivi economici statali e regionali e diverse forme di semplificazione amministrativa. Sviluppare e operare con tale strumento di gestione è una scelta VOLONTARIA dellorganizzazione Obiettivi: 1. prevenire gli effetti negativi per luomo e per lambiente 2. promuovere attività che migliorino la qualità ambientale

17 Bando: incentivi per le certificazioni ambientali nelle PMI Nella Gazzetta Ufficiale n° 123 del 28/05/ Serie Generale - è stato pubblicato mediante avviso il decreto n° 313 del 26/04/2012 come adeguamento alle nuove disposizioni e modifiche al decreto n° 2230 del 7 maggio 2003 "Promozione dei Sistemi di Gestione Ambientale nelle piccole e medie imprese. Procedura per la concessione di contributi ai sensi dalla Delibera CIPE n. 63 del 02/08/2002" I contributi sono finalizzati a favorire l'acquisizione di servizi reali da parte delle PMI per: la verifica e la registrazione ai sensi del Regolamento EMAS; la certificazione del Sistema di Gestione Ambientale (SGA) ai sensi della norma internazionale ISO 14001; la verifica e la registrazione EMAS di organizzazioni certificate ISO Il contributo sarà concesso mediante rimborso alle imprese che abbiano ottenuto la registrazione EMAS o la certificazione ISO Alla data di pubblicazione del decreto 313 sono disponibili circa ,00 Euro. MICRO SGA: 09/05/12 Certificazioni ambientali e Pmi

18 Sistemi di Gestione Ambientale: Per lo schema sistemi di gestione ambientale, in termini di numero di certificazioni emesse, l'Europa si conferma al primo posto nel mondo. L'aumento delle certificazioni in Europa, tra il 2009 e il 2010, segna un +16% (media mondiale del 12%). Degno di nota è l'aumento nel corso del decennio. Dal 2000, infatti, le certificazioni ambientali, sono cresciute a livello mondiale di quasi il 90%.

19 Organizzazioni cert. EMAS a giugno 2011 Sistemi di Gestione Ambientale:

20 Organizzazioni cert. ISO a giugno 2011 Sistemi di Gestione Ambientale:

21 I 20 milioni di piccole e medie imprese (PMI) europee offrono già un notevole contributo sociale, creando e garantendo posti di lavoro, fornendo prodotti e servizi alla società e pagando le tasse. Trovano inoltre un riconoscimento sempre più ampio in quanto forza trainante dellinnovazione, dello spirito imprenditoriale e della competitività. Obiettivo UE: a promuovere limprenditorialità responsabile tra le imprese in generale e le PMI in particolare cioè uno stile di gestione finalizzato ad accrescere il contributo positivo che limpresa reca alla società e minimizzare nel contempo gli effetti negativi sulle persone e sullambiente Essi fanno questo ed altro non limitandosi al rispetto delle normative, ma spesso spingendosi volontariamente oltre le prescrizioni di minima della legge. Vantaggi: Creare un equilibrio tra gli obiettivi economici, sociali e ambientali Fidelizzare la clientela Maggiore motivazione dei dipendenti Migliori relazioni con la comunità locale e le autorità pubbliche Risparmi sui costi Migliore reputazione RSI: Responsabilità Sociale dImpresa

22 Aree RSI - ISO26000 Temi RSI secondo le ISO 26000:

23 I vantaggi sul piano della reputazione License to operate Ci vogliono 20 anni per costruire una reputazione: bastano 5 minuti per rovinarla. (Warren Buffet) La reputazione di unimpresa è determinata per il 45,4% da fattori riconducibili alla RSI, quali le politiche per la comunità e lambiente (16,3%), letica e la trasparenza nella governance (14,5%) e lattenzione ai dipendenti (14,6%). Il rimanente 55% è attribuibile nellordine a qualità dei prodotti, innovazione, leadership e performance, tutti elementi che possono essere comunque ricondotti direttamente alla capacità dellimpresa di rispondere alle aspettative dei suoi stakeholder. [Studio del Boston College (2009) per il programma delle Nazioni Unite Global Compact - Misurazione quantitativa del contributo della CSR alla reputazione]

24 È lo strumento di comunicazione più adeguato per rispondere alla esigenza di rendere noto il contributo di socialità che un'organizzazione dà alla collettività cui appartiene. E costituito da un sistema di rendicontazione che rappresenta formalmente le politiche sociali e ambientali messe in atto nella gestione di un'organizzazione, comunica ai terzi (i dipendenti, i clienti, i fornitori, gli utenti, l'opinione pubblica, ecc.) gli elementi per i quali possono dare fiducia all'organizzazione. Accompagna ed integra il normale bilancio desercizio, al quale è strettamente collegato. Bilancio di sostenibilità

25 Finalità del bilancio di sostenibilità: 1.Presentare un resoconto equilibrato delle performance ambientali, sociali ed economiche dellimpresa e il conseguente contributo apportato dalla stessa in termini di sostenibilità dello sviluppo. 2. Facilitare la comparabilità temporale. 3. Promuovere la comparabilità spaziale. 4. Rispondere proattivamente alle maggiori esigenze degli stakeholder.

26

27 Modello Global Reporting Initiative (GRI): Rappresenta il tentativo più importante a livello internazionale di standardizzazione del documento di rendicontazione sociale. Aiuta le aziende a redigere le informazioni necessarie per dare unimmagine bilanciata ed integrata delle performance ambientali, sociali ed economiche secondo principi di Trasparenza Materialità, Inclusività, Completezza il tutto in un contesto di Sostenibilità (Contenuto) Equilibrio, Comparabilità, Accuratezza, Tempestività, Chiarezza, Affidabilità (Qualità)

28

29 Grazie per lattenzione Dott. Zacchi Giovanna 09/05/12

30 Grazie per lattenzione Dott. Zacchi Giovanna

31 SI RINGRAZIANO


Scaricare ppt "ENERGY DAY RISPARMIO ENERGETICO: TECNOLOGIE A CONFRONT O."

Presentazioni simili


Annunci Google