La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sullorigine bizantina della tonnara. D. 8, 4, 13, pr.: Ulpianus libro sexto Opinionum. Venditor fundi Geroniani fundo Botriano, quem retinebat, legem.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sullorigine bizantina della tonnara. D. 8, 4, 13, pr.: Ulpianus libro sexto Opinionum. Venditor fundi Geroniani fundo Botriano, quem retinebat, legem."— Transcript della presentazione:

1 Sullorigine bizantina della tonnara

2 D. 8, 4, 13, pr.: Ulpianus libro sexto Opinionum. Venditor fundi Geroniani fundo Botriano, quem retinebat, legem dederat, ne contra eum piscatio thynnaria exerceatur. Quamvis mari, quod natura omnibus patet, servitus imponi privata lege non potest, quia tamen bona fides contractus legem servari venditionis exposcit, personae possidentium aut in ius eorum succedentium per stipulationis vel venditionis legem obligantur. Il venditore del fondo Geroniano aveva imposto, al fondo Botriano che tratteneva, la condizione che contro di esso non venisse esercitata la pesca del tonno. Sebbene al mare che per natura è aperto a tutti non può essere imposta servitù con una disposizione privata, tuttavia poiché la buona fede reclama che sia rispettata la clausola del contratto di vendita, i possessori o coloro che vi succedono per promessa o vendita sono tenuti a rispettare la disposizione.

3 D. 47, 10, 13, 7: Ulpianus libro quinquagesimo septimo ad edictum. Si quis me prohibeat in mari piscari vel everriculum (quod graece saghvnh dicitur) ducere, an iniuriarum iudicio possim eum convenire? Sunt qui putent iniuriarum me posse agere … Se qualcuno mi proibisce di pescare nel mare o di trascinare lapparato (che in greco si chiama saghene), lo posso convenire in giudizio per ingiuria? Vi sono coloro che ritengono che possa agire per ingiuria…

4 Oppiano, Halieut. III, : Si dispiega a livello dellacqua una rete la cui disposizione somiglia a quella di una città: si vedono dei vestiboli e delle porte e come delle stanze e delle strade allinterno. I tonni arrivano in file serrati come falangi di un popolo che migra; ve ne sono di giovani, di vecchi ed altri che sono tra queste due età. Essi penetrano in numero infinito allinterno delle reti e questo flusso non cessa che quando non vè più posto per i nuovi arrivati; si effettua così una pesca eccellente e veramente meravigliosa.

5 Mattanza dalla riva secondo il sistema antico (da Sánez Reguart, Madrid 1791)

6 Tunisia. Trappole per pesci alle Kerkennah. Peso in terracotta per lenza, realizzato con un frammento di anfora vinaria italica. Triscina. Selinunte. II/I sec. a.C.

7

8 Nov. LVII di Leone il Saggio (886/912 d.C.), ll : Anche questa novella è relativa allintervallo tra le reti. Nonostante il gran numero di leggi che regolano la cattura dei pesci, non ve ne è una che definisca quel tipo di pesca che si ha labitudine di chiamare pesca con la rete ( ejpochv ), senza dubbio poiché tale tecnica di pesca non era ancora conosciuta allepoca in cui tali leggi sono state emanate, quindi vogliamo che una disposizione legale colmi tale lacuna…

9 Mosaico da Sousse (Tunisia) con scena di mattanza (?). II sec. d.C. Mattanza dalla riva secondo il sistema antico (da Sánez Reguart, Madrid 1791)

10

11 Attuale ubicazione della tonnara di Favignana nello stesso luogo del quadro. F. Lo Jacono ( ): Tonnara di Favignana. Tonnara di Solunto (Palermo) in un quadro ad olio degli inizi dellOttocento.

12 Mattanza nella tonnara di Favignana.

13 Trapani. Tonnara di Cusumano. Favignana. Tonnara Florio.

14 Tonnare di Formica e Favignana.

15 Isola di Levanzo. Grotta del Genovese.

16 Ustica. Villaggio dei Faraglioni. 1850/1250 a.C.

17 Cefalù. Museo Mandralisca. Cratere italiota del venditore del tonno. IV sec. a.C.

18 Trapani. Saline. Palermo. Montagnola S. Rosalia: scena di pesca con grande pesce ed invocazioni ad Iside. III/II sec. a.C.

19 Pesca del polpo in Tunisia.

20 Fiumicino. Imbarcazione vivaio. II/III sec. d.C. Kinneret (Lago di Galilea. 1986). Barca da pesca (l. 8 x 2 m.). I sec. a.C./ I sec. d.C.

21 Anfore per la conservazione del pesce vivo. III/VI d.C. Museo di Efeso (Turchia). Museo di Villa Giulia (Roma).

22 Scalo marittimo di Cosa (Toscana). II/I sec. a.C.

23 Ingredienti per la preparazione del garum Colatura di alici prodotta a Cefalù

24 Tentativi di preparazione del garum

25 Lo stabilimento di Cotta in Marocco di età imperiale.

26 Ubicazione di alcuni antichi stabilimenti per la lavorazione del pesce nel Mediterraneo e localizzazione di alcuni relitti che, in base al tipo di anfore imbarcate, potrebbero aver trasportato prodotti a base di pesce.

27 Tonnara di S. Vito Lo Capo. Le frecce indicano l'ubicazione delle vasche dellantico stabilimento per la lavorazione del pesce.

28 La tonnara di Cadice nel XVI sec.

29 Rilievo parziale dell'antico stabilimento per la lavorazione del pesce nei pressi della tonnara di S. Vito Lo Capo. Alcune vasche di S. Vito.

30 I diversi tipi di anfora presenti in frammenti nell'antico stabilimento di S. Vito. Angolo di una delle vasche in cocciopesto.

31 Pesi di rete in terracotta dal mare antistante alla tonnara di S. Vito. Ami, spolette per rete, pesi di terracotta e piombo per rete e lenza dallo stabilimento di Cotta (Marocco).

32 Cap Lardier 4 (I sec. d.C.) Anelli di piombo. Olbia. V d.C. (?). Spoletta per reti. Peso di terracotta dalla nave di Comacchio. 25/1 a.C. Olbia. V d.C. (?). Amo, piombo per lenza.

33 Olbia. V sec. d.C. (?) Ancoretta, peso fittile per reti, raffio, piombi ed anelli salvalenza, scopino di spine di pesce.

34 Contrappesi di rete di terracotta.

35 Vasche dello stabilimento per la lavorazione del pesce. Cala Minnola nell'Isola di Levanzo

36 La vasca 2 dello stabilimento per la lavorazione del pesce. Levanzo. Cala Minnola.

37 Vasche dello stabilimento di Isola delle Femmine (Palermo).

38 Torre Molinazzo (Punta Rais).

39 Moneta di Abdera (Spagna). I sec. a.C./I sec. d.C. Favignana. Tonnara Florio. Impiccatoi. Conil (Spagna). XVII sec.

40 Favignana. Località S. Nicola. Vivaio e ninfeo. II/I sec. a.C.

41 Vivarium. Monastero di Cassiodoro (VI sec. d.C.) a Stalettì (Calabria).

42 Allevamento di ostriche a Miseno. Ostriaria in fiaschette vitree di Baia. I/II sec. d.C.

43 Capo Ognina (Siracusa): fosse circolari con tracce di bruciato. Tintoria in Marocco. Siracusa. Calcara.

44 Portopalo. Stabilimento antico per la lavorazione del pesce.

45 Testimonianze archeologiche della pesca del corallo rosso nellAntichità

46 Piazza Armerina. Esseri marini adorni di corallo in un mosaico del IV-V sec. d.C.

47 Segnalazioni dubbie nel Mediterraneo orientale (da Harmelin).

48 Symbolon in corallo da Montlaurès (Museo di Narbona) Symbolon in pietra da Monte Iato

49 Ruvo di Puglia. Collana con grani di corallo a forma di sacco ed ambra. VI – III sec. a.C.

50 Fibula a forma di delfino in corallo da Mozia Ramo di corallo da Mozia

51 Maiorca. Relitto del Sec. IV sec. a.C.

52 Marsiglia. Piazza della Borsa. Scavi del porto greco-romano. Relitto Jules-Verne IX. Fine del VI sec. a.C.

53 Marsiglia. Relitto Jules-Verne IX. Fine del VI sec. a.C. Frammenti di corallo aderenti alla pece del calafataggio. (da P. Pomey)

54 Londra. British Museum: Busto di Serapis della collezione Towneley (1780).

55 Berenice. Magazzini del porto con anfore romane del IV-V sec. d.C. Zabargad in Mar Rosso, sito di un relitto romano del I sec. a.C. sulla rotta per lIndia.

56 Museo dellAquila. Rilievo funerario della gens Peticia. (I sec. a.C. -I d.C.) Paneion di Wadi Menih. Iscrizione di Gaio Peticio. I sec. d.C.

57 Zabargad. Anfore romane Dressel 2-4 del I sec. a.C. (foto Dilenge).

58 Baratti (Livorno) Maddalena (Sassari) Capo Ceraso (Olbia) Piscinas (Cagliari)

59 Improbabili ancore litiche per fondali sabbiosi (da Papò). In realtà, griglie di vivai, chiusini, pietre per la pesca del corallo.

60 Pietre per trebbiatura e non ancore. (da M. Galasso)

61 Base di bitta o argano (?) (da E. Riccardi)

62 Strumenti di pesca del corallo. XVIII sec. (da M. Galasso)

63 Secca di Cala Piombo. Teulada (Cagliari). (da M. Galasso)

64 Croce di S. Andrea e ingegno (da Le Scienze) Museo del corallo di Ravello. Corallina con ingegno (da G. Filocamo).

65 Punta Gavazzi (Ustica). Barra di ferro concrezionata al fondale. Pantelleria: Mostra provvisoria delle anfore. Barre plumbee, ceppo e contromarra dancora.

66 Il relitto di Portopalo di Menfi (1998)

67 Portopalo di Menfi. Relitto del II/I sec. a.C.

68 Relitto di Portopalo di Menfi. II/I sec. a.C.

69 Anfore puniche Maña C 2 e romane Lamboglia 1 A. II/I sec. a.C.

70 Opercolo di sughero.

71 Anfore puniche con murice.Lische di pesce.

72 Riunione del gruppo operativo nella terrazza sovrastante il sito del giacimento.

73 Murice e lische di pesce. Relitto di Portopalo di Menfi.

74 Biblioteca comunale di Menfi. Relitto di Portopalo. Rinvenimento di unolla plumbea con olive.

75 Museo di Palermo. Anfore da Cala Gadir (Pantelleria). Selinunte. Anfora vinaria italica. I sec. a.C. Vinarie italiche da Portopalo.

76 Anfore puniche Maña C 2 da Cala Gadir (Pantelleria).


Scaricare ppt "Sullorigine bizantina della tonnara. D. 8, 4, 13, pr.: Ulpianus libro sexto Opinionum. Venditor fundi Geroniani fundo Botriano, quem retinebat, legem."

Presentazioni simili


Annunci Google