La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

A cura di CLAUDIA NOSENGHI MIUR – USR LIGURIA C.R.A.S. GENOVA 1 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DI CITTADINANZA NON ITALIANA il fenomeno migratorio.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "A cura di CLAUDIA NOSENGHI MIUR – USR LIGURIA C.R.A.S. GENOVA 1 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DI CITTADINANZA NON ITALIANA il fenomeno migratorio."— Transcript della presentazione:

1 a cura di CLAUDIA NOSENGHI MIUR – USR LIGURIA C.R.A.S. GENOVA 1 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DI CITTADINANZA NON ITALIANA il fenomeno migratorio il fenomeno migratorio La presenza migratoria nelle scuole liguri La presenza migratoria nelle scuole liguri Le norme Le norme Organizzazione del sistema educativo Organizzazione del sistema educativo Interventi Interventi Problemi Problemi

2 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 2 Il tuo Cristo è ebreo e la tua democrazia è greca. La tua scrittura è latina e i tuoi numeri sono arabi. La tua auto è giapponese e il tuo caffè è brasiliano. Il tuo orologio è svizzero e il tuo walkman è coreano. La tua pizza è italiana e la tua camicia hawaiana. Le tue vacanze sono turche, tunisine o marocchine. Cittadino del mondo, non rimproverare al tuo vicino di essere straniero. -- AnonimoAnonimo

3 Migrazioni internazionali 3 La storia dei popoli è sempre stata storia di viaggi, spostamenti, migrazioni

4 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA4 Da: LE MIGRAZIONI Istituto Geografico De Agostini

5 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 5

6 AlunniStranieri% GENOVA ,79 IMPERIA ,77 LA SPEZIA ,10 SAVONA ,31 TOTALI REGIONALI ,98 Iscritti nelle scuole statali a.s per provincia (*) * I dati sono ancora provvisori

7 Evoluzione della presenza di alunni di cittadinanza non italiana nelle scuole statali liguri negli anni

8

9 Da un intervento di Andrea Gavosto – Fondazione G. Agnelli 9

10 Tasso di scolarità degli alunni con cittadinanza non italiana A.S. 2008/2009

11 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 11 Ecuador Albania Marocco Romania Perù Repubblica Popolare Cinese Ucraina Senegal Sri Lanka Bangladesh Tunisia Nigeria India Filippine Polonia Repubblica Dominicana Colombia Cile Federazione Russia Francia Altri Stati Ufficio Statistica Stranieri residenti per le venti nazionalità principali 31/12/2009

12 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 12 A.S.ALUNNI ISCRITTIDI CUI STRANIERI% 2008/ , / , / , / ,98 Fenomeno che si sta stabilizzando? Presenza migrante nelle scuole liguri negli ultimi anni

13 Presenza Migrante ? 13 MIUR - USR LIGURIA - claudia nosenghi AlunniStranieri% Nati in Italia % nati italia sul tot stranieri GENOVA , ,46 IMPERIA , ,91 LA SPEZIA , ,99 SAVONA , ,61 TOTALI REGIONALI , ,33

14 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 14 COSTITUZIONE ITALIANA Art. 34. La scuola è aperta a tutti. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. … Decreto del Presidente della Repubblica 31 Agosto 1999, n. 394 (in SO n. 190 alla GU 3 novembre 1999, n. 258)

15 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 15 I minori stranieri presenti sul territorio nazionale hanno diritto all'istruzione indipendentemente dalla regolarità della posizione in ordine al loro soggiorno, nelle forme e nei modi previsti per i cittadini italiani. Essi sono soggetti all'obbligo scolastico secondo le disposizioni vigenti in materia. L'iscrizione dei minori stranieri nelle scuole italiane di ogni ordine e grado avviene nei modi e alle condizioni previsti per i minori italiani. Essa può essere richiesta in qualunque periodo dell'anno scolastico. I minori stranieri privi di documentazione anagrafica ovvero in possesso di documentazione irregolare o incompleta sono iscritti con riserva. L'iscrizione con riserva non pregiudica il conseguimento dei titoli conclusivi dei corsi di studio delle scuole di ogni ordine e grado. In mancanza di accertamenti negativi sull'identità dichiarata dell'alunno, il titolo viene rilasciato all'interessato con i dati identificativi acquisiti al momento dell'iscrizione.

16 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 16 I minori stranieri soggetti all'obbligo scolastico vengono iscritti alla classe corrispondente all'età anagrafica, salvo che il collegio dei docenti deliberi l'iscrizione ad una classe diversa, tenendo conto: dell'ordinamento degli studi del Paese di provenienza dell'alunno, che può determinare l'iscrizione ad una classe immediatamente inferiore o superiore rispetto a quella corrispondente all'età anagrafica. dell'accertamento di competenze, abilità e livelli di preparazione dell'alunno. del corso di studi eventualmente seguito dall'alunno nel Paese di provenienza. …. Il collegio dei docenti definisce, in relazione al livello di competenza dei singoli alunni stranieri, il necessario adattamento dei programmi di insegnamento, allo scopo possono essere, adottati specifici interventi individualizzati o per gruppi di alunni, per facilitare l'apprendimento della lingua italiana, utilizzando, ove possibile, le risorse professionali della scuola. Il consolidamento della conoscenza e della pratica della lingua italiana può essere realizzata altresì mediante l'attivazione di corsi intensivi di lingua italiana sulla base di specifici progetti, anche nell'ambito delle attività aggiuntive di insegnamento per l'arricchimento dell'offerta formativa. Il collegio dei docenti formula proposte in ordine ai criteri e alle modalità per la comunicazione tra la scuola e le famiglie degli alunni stranieri. Ove necessario, anche attraverso intese con l'ente locale, l'istituzione scolastica si avvale dell'opera di mediatori culturali qualificati....

17 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 17 febbraio 2006 linee guida per laccoglienza e lintegrazione degli alunni stranieri I parte - Il contesto Il fenomeno dellimmigrazione è considerato un elemento costitutivo delle nostre società Lintegrazione piena degli immigrati nella società di accoglienza è un obiettivo fondamentale e, in questo processo, il ruolo della scuola è primario. Tale integrazione è oggi comunemente intesa come un processo bidirezionale, che prevede diritti e doveri tanto per gli immigrati quanto per la società che li accoglie.

18 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 18 1.Equilibrata distribuzione della presenza degli alunni stranieri Reti di scuole Intese con enti del territorio Classi eterogenee Coinvolgimento dei genitori 2. Come accogliere gli alunni stranieri nella scuola accoglienza Col termine accoglienza ci si riferisce allinsieme degli adempimenti e dei provvedimenti attraverso i quali viene formalizzato il rapporto dellalunno e della sua famiglia con la realtà scolastica

19 4 PRINCIPI GENERALI: 1. Universalismo tutti devono poter contare su pari opportunità in materia di accesso, di riuscita scolastica e di orientamento. Convenzione diritti infanzia Tradizione italiana allintegrazione delle diversità 2. Scuola comune immediato inserimento nella scuola di tutti 3. Centralità della persona in relazione con laltro valorizzazione della persona e costruzione di progetti educativi che si fondino sullunicità biografica e relazionale dello studente 4. Intercultura MIUR - USR LIGURIA - claudia nosenghi 19

20 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 20 Protocollo dintesa tra: MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Comune di Genova Provincia di Genova Università degli Studi di Genova per la realizzazione di una rete di servizi e progetti coordinati per leducazione interculturale, laccoglienza e lintegrazione scolastica dei bambini stranieri per la realizzazione di una rete di servizi e progetti coordinati per leducazione interculturale, laccoglienza e lintegrazione scolastica dei bambini stranieri

21 Centro Risorse Alunni Stranieri M.I.U.R. U.S.R. per la Liguria Laboratorio Migrazioni Comune di Genova 21

22 CONSULENZA FORMAZIONE DEL PERSONALE SOSTEGNO AL DIRITTO ALLO STUDIO MATERIALI E DOCUMENTAZIONE DIFFUSIONE DELLE TEMATICHE INTERCULTURALI a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 22

23 Lintegrazione è una strada in salita, mica una formula magica Dirigente scolastico di Luzzara (RE) a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 23

24 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 24 UNA SCUOLA ACCOGLIENTE OSPITI ATTESI -Arrivo in Italia -Un primo contatto con la scuola -Liscrizione

25 1. Le parole della scuola 2. Analisi delle competenze 3. Non solo ciao 4. Le parole in piazza 5. Materiali per laccoglienza 6. Sottosviluppo e processi migratori 7. Un futuro credibile 8. Caffè shakerato 9. Genova per voi 25 Italianoenuoveculture

26 26 Uno sguardo dinsieme Strutture a sostegno dellaccoglienza Laccoglienza nella scuola Il mediatore linguistico e culturale Accoglienza, obbligo scolastico e orientamento Accoglienza e interventi linguistici Accoglienza e letteratura per linfanzia

27 1. Ospiti attesi come far diventare accogliente una classe multiculturale 2. Classe non si nasce, si diventa! Esperienze, proposte e materiali per la costruzione di un gruppo «a colori». 3. Come i salmoni del San Lorenzo Insegnanti nella scuola che cambia. 4. Listruzione dei figli Genitori italiani e stranieri a confronto 5. Il posto delle storie Costruire una piccola bibblioteca multiculturale in classe 6. Quante lingue, in una classe! Il corpo, la fiaba, il gioco, lo sport, il cinema 7. Un libro con la proboscide Quando la scuola diventa «editore» 8. La via italiana alla scuola interculturale Un racconto lungo ventanni GRAZIE PER LATTENZIONE

28 a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 28 DIRITTO ALLO STUDIO Scelte consapevoli e condivise con la famiglia

29 Migliorare l inclusione degli alunni non italiani Incentivare lo studio e la frequenza scolastica Contrastare gli abbandoni scolastici Incentivare lo sviluppo sociale e la fiducia nelle proprie capacit à Migliorare la distribuzione dei ragazzi di altra cittadinanza nei vari indirizzi di istruzione superiore a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 29

30 Conoscere il percorso scolastico precedente Figure di supporto ai docenti Valorizzare la lingua dei compagni Lintercultura in tutto e per tutti a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 30

31 Formazione degli insegnanti Il coinvolgimento di tutto il personale della scuola Gli spazi dedicati a cura di CLAUDIA NOSENGHI C.R.A.S. GENOVA 31

32 Claudia Nosenghi USR-LIGURIA


Scaricare ppt "A cura di CLAUDIA NOSENGHI MIUR – USR LIGURIA C.R.A.S. GENOVA 1 INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DI CITTADINANZA NON ITALIANA il fenomeno migratorio."

Presentazioni simili


Annunci Google