La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lavoro di una forza Una forza compie lavoro quando sposta il suo punto di applicazione. Si definisce lavoro compiuto dalla forza il PRODOTTO SCALARE della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lavoro di una forza Una forza compie lavoro quando sposta il suo punto di applicazione. Si definisce lavoro compiuto dalla forza il PRODOTTO SCALARE della."— Transcript della presentazione:

1 Lavoro di una forza Una forza compie lavoro quando sposta il suo punto di applicazione. Si definisce lavoro compiuto dalla forza il PRODOTTO SCALARE della forza per lo spostamento. s F s A B F Ricorda che il prodotto scalare è unoperazione vettoriale che associa a due vettori un NUMERO ovvero una quantità scalare

2 Distinguiamo 3 casi: 1) q 0 F s 2) q =90° L=0 F s 3) q >90° L<0 F s

3 Dimensioni Fisiche [ L ] = [F] [L] = [M] [a] [L] =[L 2 ] [M] [T -2 ] Unità di misura [SI] joule (J) 1 J 1 N. m [CGS]erg 1 erg 1 dina. cm Fattore di ragguaglio 1 J= 10 7 erg Dimensioni fisiche e unità di misura

4 Energia Energia capacità di un corpo di produrre lavoro. Energia cinetica capacità di un corpo in moto di produrre lavoro. Come mi posso rendere conto del fatto che effettivamente un corpo in moto produce lavoro? Se un corpo di massa m si muove con velocità v per arrestarlo completamente cè bisogno di una forza (agente esterno in grado di perturbare lo stato di moto di un corpo) che porti a zero la sua velocità. La forza modificherà lo stato di moto inducendo unaccelerazione negativa finché non avremo v=0. Da qui si evince che il corpo possiede energia proprio perché, per arrestarlo, abbiamo bisogno di una forza che (spostando il suo punto di applicazione fino ad arrestare il corpo) compie lavoro. Energia Cinetica

5 Teorema dellEnergia Cinetica Supponiamo di avere un corpo di massa m che si muove di moto uniformemente accelerato per azione di una forza F costante in modulo direzione e verso. Ne segue che, la direzione e il verso del vettore spostamento coincidono, istante per istante, con quelli della forza F. Se consideriamo due istanti di tempo t 1 e t 2 separati da un intervallo di tempo piccolo ( t=t 2 -t 1 0) s F s 1 2 F s

6 Dal II Principio della dinamica possiamo esprimere il modulo della forza in termini della variazione del modulo della velocità: IPOTESI. Se lintervallo di tempo è molto piccolo (tendente a zero) allora possiamo considerare che il corpo si muova di moto rettilineo e uniforme con velocità pari alla velocità media:

7 Sostituendo le due espressioni in quella del lavoro otteniamo: Usando la differenza dei quadrati: Il lavoro compiuto da una forza che agisce su un corpo è pari alla variazione di energia cinetica subita dal corpo. Poiché questespressione è stata ottenuta senza ipotesi restrittive sulle forze in gioco, vale in qualunque campo di forze

8 Forze conservative: Energia Potenziale Campi di forze regioni dello spazio in cui sono misurabili punto per punto delle forze Es.: campo gravitazionale, campo elettrico, campo magnetico Campi conservativi campi in cui il lavoro non dipende dal percorso, ma solo dalle posizioni iniziale e finale Es.: campo gravitazionale, campo elettrico L AB,1 = L AB,2 = L AB,3 L su un percorso chiuso =0 A B 1 2 3

9 LAVORO IN UN CAMPO DI FORZE CONSERVATIVO Se il lavoro compiuto da una forza F che sposta il suo punto di applicazione non dipende dalla traiettoria seguita dal punto ma solo dalla posizione iniziale e finale si può introdurre una funzione di stato, ovvero una grandezza fisica il cui valore dipende solo dalla posizione tale che il lavoro compiuto dalla Forza per spostare il suo punto di applicazione dal punto A al punto B può essere espresso come differenza tra i valori che la funzione assume nei punti A e B. QUESTA FUNZIONE SI CHIAMA ENERGIA POTENZIALE. QUESTA ESPRESSIONE DEL LAVORO VALE SOLO NEL CASO DI CAMPI DI FORZE CONSERVATIVI

10 Teorema di conservazione dellenergia meccanica Nel caso di un campo di forze conservativo il lavoro può essere espresso come differenza tra lenergia potenziale iniziale e quella finale. Del resto, il lavoro è SEMPRE esprimibile (e quindi anche nel caso di un campo di forze conservativo!) come differenza tra lenergia cinetica finale e quella iniziale. Ne segue che:

11 Uguagliando le due quantità si ottiene: LA SOMMA DELLENERGIA POTENZIALE E DELLENERGIA CINETICA, CHE PRENDE IL NOME DI ENERGIA MECCANICA SI CONSERVA IN UN CAMPO DI FORZE CONSERVATIVO

12 Lavoro in presenza di forze conservative e non conservative La variazione dellenergia meccanica di un sistema è uguale al lavoro delle forze non conservative Il lavoro è una quantità scalare e additiva. Se il campo di forze è costituito da n forze, il lavoro risultante sarà dato dalla somma dei lavori delle n forze.

13 Lavoro della forza gravitazionale Energia potenziale gravitazionale del corpo nel punto A: B hAhA A C hBhB l 1 =AB mgmg l =AC l 2 =BC l l1l1 l2l2 m

14 Potenza Rapidità con cui viene sviluppata una certa quantità di lavoro. Unità di misura:[SI] watt (W) 1 W 1 J/s [CGS]erg/s Dimensioni [ P ] = [L 2 ] [M] [T -3 ] Fattore di ragguaglio 1 W= 10 7 erg/s

15 La Contrazione muscolare Un muscolo può essere considerato come una macchina che trasforma lenergia potenziale chimica immagazzinata nel corpo in lavoro meccanico. Quando viene stimolato, il muscolo può dare luogo a due tipi diversi di contrazione: ISOMETRICA e ISOTONICA. Nella contrazione isometrica il muscolo sviluppa una forza detta TENSIONE può equilibrare una forza esterna, ma né si accorcia né si allunga. Ne segue che non viene compiuto lavoro da parte del muscolo. Tuttavia lenergia potenziale chimica viene parzialmente modificata in calore. Nella contrazione ISOTONICA il muscolo si allunga o si accorcia e compie lavoro.

16 Esempio: Una palla viene lanciata verso il basso da unaltezza h 0 =3,0 m dal suolo, con una velocità iniziale v 0 =2m/s. Calcolare laltezza massima raggiunta dopo il rimbalzo trascurando ogni dispersione di energia nellurto e trascurando gli attriti con laria. Soluzione. Applicando il principio della conservazione dellenergia meccanica si ha:

17 Esempio: La massa m=2 kg di un pendolo viene lasciata andare dalla posizione A, quando il filo è tenuto in posizione orizzontale. Se il filo ha lunghezza L=50 cm, qual è la velocità della massa e quale la tensione del filo quando la massa raggiunge il punto più basso B? (Si consideri il filo inestensibile e di massa trascurabile) T Soluzione Le forze in gioco sono la forza di gravità e la forza di tensione del filo: B mgmg m A mgmg T

18 Esempio: Un uomo la cui massa è M = 100 kg sale una scala fino ad unaltezza (h) di 10 m. (a) Quanto lavoro ha eseguito? (b) Cè qualche differenza fra il lavoro che occorre per salire una scalinata (che è inclinata) fino a una data altezza e quello che occorre per salire una scala a pioli (che è verticale) fino alla stessa altezza? (vedi Problema 4-13) Soluzione: (a) (b) No (?)

19 Esempio: Una seggiovia di lunghezza l =500 m, alimentata da un generatore di potenza P =0,1 MW, trasporta contemporaneamente 100 passeggeri ad una velocità di 10 km/h. Calcolare il dislivello (h) tra la stazione di partenza e quella di arrivo assumendo che i passeggeri abbiano massa M= 80 kg. (vedi Problema 4-4) Soluzione: L = lavoro per trasportare uno sciatore

20 Esempio: Se lenergia potenziale gravitazionale dellacqua contenuta nel bacino dietro una diga può essere convertita in energia elettrica mediante generatori idroelettrici con un rendimento del 20%, quanti m 3 dacqua al giorno devono cadere da unaltezza di 30 m se la centrale deve generare 10 MW di potenza elettrica? R=1, m 3. (Vedi Problema 4-27) Soluzione

21 Esempio: Ad unautomobile di massa M = 1000 kg che sta viaggiando ad una velocità v= 25 m/s, vengono improvvisamente applicati i freni. Le ruote si bloccano e la macchina slitta per s = 62 m prima di fermarsi. Calcolare (a) quanto vale la forza di attrito F a agente sullautomobile; (c) Dimostrare che la distanza di frenata è indipendente dalla massa... MgMg R MaMa FaFa Soluzione (a) (c)

22 Esempio: La massa di un bambino più quella della sua slitta è M = 20 kg. Calcolare il lavoro L m necessario per portare bambino e slitta per un tratto lungo s =100 m lungo un pendio che forma un angolo di 30° rispetto allorizzontale se la neve esercita una forza di attrito F a = 50 N. Una volta raggiunta la cima del pendio, il bambino torna indietro scivolando sulla slitta. Quali sono la sua velocità e la sua energia cinetica quando arriva alla fine della discesa? Soluzione: FmFm MgMg FaFa R salita discesa

23 Esempio: Un carrello di massa M = 5 kg viene trascianto lungo un piano orizzontale da una forza F = 30 N che forma un angolo di 30° con la direzione orizzonatale. Se il carrello si muove con velocità costante, v = 3 m/s, si determini: (a) la forza di attrito a cui è soggetto il carrello, (b) la potenza dissipata per attrito durante il moto, (c) la forza di contatto tra carrello e piano. (v. Es. 3-8) F (b) MgMg R (c) Soluzione: L F +L Fa +L G +L R =0 (a)

24 Esempio: Un blocco di peso P = 200 N è trascinato per 2 m lungo un piano inclinato di 30° rispetto allorizzontale da una forza costante F = 150 N diretta parallelamente al piano inclinato, Calcolare: (a) il lavoro L F fatto dalla forza F, (b) il lavoro L P fatto dalla forza peso, (c) il lavoro L a compiuto dalla forza di attrito, supponendo che il blocco si muova con velocità costante, d) la forza di contatto tra blocco e piano. F P Soluzione: FaFa R 30° (a) (b) (c)

25 Esempio: Un blocco di peso P = 200 N è trascinato per 2 m lungo un piano inclinato di 30° rispetto allorizzontale da una forza costante F = 150 N diretta orizzontalmente. Calcolare: (a) il lavoro L F fatto dalla forza F, (b) il lavoro L P fatto dalla forza peso, (c) il lavoro L a compiuto dalla forza di attrito e lintensità di tale forza, supponendo che il blocco si muova con velocità costante. F P Soluzione: FaFa R 30° (a) (b) (c)

26 Esempio: Unautomobile di massa M=1000 kg percorre alla velocità costante di 40 km/h una strada rettilinea in salita di lunghezza l = 1 km e pendenza del 10%. Calcolare la potenza del motore. Soluzione c è un dato ridondante. Quale? Il dato ridondante è la lunghezza


Scaricare ppt "Lavoro di una forza Una forza compie lavoro quando sposta il suo punto di applicazione. Si definisce lavoro compiuto dalla forza il PRODOTTO SCALARE della."

Presentazioni simili


Annunci Google