La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 Unesperienza di programmazione Provinciale condotta con la metodologia del Project Cycle Management e lapproccio basato sui problemi GOPP (goal oriented.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 Unesperienza di programmazione Provinciale condotta con la metodologia del Project Cycle Management e lapproccio basato sui problemi GOPP (goal oriented."— Transcript della presentazione:

1 1 Unesperienza di programmazione Provinciale condotta con la metodologia del Project Cycle Management e lapproccio basato sui problemi GOPP (goal oriented project planning) Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce Firenze 27 novembre 2007

2 2 Il processo di programmazione integrata formazione e lavoro Struttura per fasi concertata allinterno della Commissione Provinciale Tripartita Coinvolgimento delle Parti Sociali nelle varie fasi di analisi dei problemi e individuazione delle strategie, anche attraverso focus group Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

3 3 Lalbero dei problemi focus sul sistema delle imprese Scarsa capacità di innovazione ed anticipazione delle dinamiche del mercato interno ed estero Scarsa capacità di aggregazione dimensione aziendale limitata Risorse umane scarsamente qualificate e competenze professionali che rischiano di sparire per mancanza di ricambio generazionale Mancanza di capacità gestionali adeguate Perdita di competitività Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

4 4 Lalbero dei problemi focus sulla formazione continua Progetti aziendali - Asse D1 FSE e L236/93 La programmazione, la progettazione e lerogazione si sviluppano in un arco temporale troppo ampio, tale da vanificare lintervento rendendolo superato Uno degli ostacoli principali è la scarsa propensione a considerare la FC come strumento utile allimpresa a supporto delle strategie aziendali Scarsa conoscenza degli sviluppi del sistema della formazione che si è dotato di strumenti attuativi sempre più adeguati ai cambiamenti di contesto Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

5 5 Lalbero dei problemi focus sulla formazione continua Progetti aziendali - Asse D1 FSE e L236/93 Lanalisi dei cosiddetti fabbisogni formativi dellimpresa spesso non ne rispetta le esigenze reali, succede ancora che sia condotta da un soggetto esterno che non si relaziona correttamente con limpresa Quando si vincola la partecipazione ai bandi alle sole imprese (attività autorizzata) si verificano difficoltà delle imprese nel gestire le fasi amministrative e contabili Di qui il problema delle procedure, delle modalità complesse di gestione degli aspetti amministrativi e contabili (DGRT 569/06) Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

6 6 Lalbero dei problemi focus sulla formazione continua Formazione individuale – voucher L236/93, L53/00, FSE Le opportunità di formazione individuale non sempre riescono a recuperare le fasce di lavoratori più deboli, che più difficilmente prendono liniziativa Sia per la L53/00 che per la L236/93 i formulari da presentare sono ancora troppo complicati per un non addetto ai lavori e in alcuni punti anche da rivedere ( verifica di coerenza e pertinenza ). Il mercato dellofferta formativa è di fatto regolato dalle Agenzie formative, con frequenti fenomeni di aumento ingiustificato dei costi, che crescono a seconda dei massimali previsti dai bandi, a fronte di una scarsa responsabilità delle stesse nel garantire lattivazione dei corsi indipendentemente dal numero di iscritti Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

7 7 Lalbero dei problemi I livelli di intervento La relazione causa–effetto tra le problematiche individuate aiuta a definire a che livello occorre intervenire sulle criticità per eliminarne le cause e limitarne gli effetti Lapproccio culturale e metodologico del sistema delle imprese/delle agenzie formative/dei soggetti istituzionali I tempi Le procedure di gestione e contabilizzazione Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

8 8 Lalbero degli obiettivi lapproccio utilizzato Rafforzamento del ruolo delle Parti Sociali nella programmazione della formazione destinata al sistema delle imprese; necessità che siano chiamate a svolgere un ruolo sempre più significativo sia nellindividuazione dei contenuti della formazione aziendale, sia nella individuazione delle regole di funzionamento dei nuovi diritti in materia di formazione previsti dalla legislazione Approccio orientato allintegrazione dei sistemi education e lavoro (programmazione integrata) e di questi sistemi con le politiche di sviluppo locale Per tutti gli interventi deve essere prevista una fase di valutazione realizzata, sia attraverso lanalisi dei dati di monitoraggio, sia con un coinvolgimento attivo dei soggetti che a vario titolo hanno contribuito alla programmazione e realizzazione degli interventi e soprattutto delle persone che ne hanno usufruito come destinatari Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

9 9 Il Quadro Logico Il Quadro Logico (PCM) che rappresenta le scelte programmatiche per rispondere alle problematiche riscontrate, contiene 3 aree di intervento, individuate sulla base delle diverse esigenze a cui deve rispondere la formazione continua. Ad ogni area corrispondono gli obiettivi da perseguire e gli strumenti da utilizzare per la loro realizzazione. Non ha la pretesa di rappresentare una teorizzazione ma è una modalità di programmazione orientata a rispondere alle specificità del contesto territoriale Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

10 10 Il Quadro Logico Area 1 tipologia di attività formativa Iniziative di forte impatto sullo sviluppo locale che per la loro natura complessa richiedono un elevato livello di coinvolgimento delle parti sociali e lintegrazione di risorse e strumenti attuativi Formazione per la cultura dimpresa che si traduca in miglioramento dellazienda nellambito organizzativo, di approccio allinnovazione, di attenzione alla pianificazione ed alla qualità, di conoscenza del mercato, di valorizzazione del proprio know how Iniziative di accompagnamento a processi di cambiamento e innovazione ( con attenzione a coniugare le competenze tecniche finalizzate allinnovazione con quelle trasversali, funzionali ad agevolare i processi interni di cambiamento produttivo ed organizzativo) Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

11 11 Il Quadro Logico Area 1 tipologia di attività formativa Progetti integrati che si rivolgono ad interi comparti produttivi (attraverso la concertazione che parte dalla CPT per concludersi allinterno dei tavoli settoriali per la programmazione strategica della Provincia) con lallargamento della platea dei destinatari e la partecipazione di gruppi di imprese e di partnership qualificate Progetti che contengono interventi tradizionalmente gestiti separatamente (con azioni di Formazione Continua, di sensibilizzazione, informazione, di formazione per laccesso al lavoro, di formazione per il ricambio generazionale e di costruzione del catalogo dellofferta formativa) Sperimentazione di metodologie innovative (progettazione partecipata nella fase di avvio del progetto e coaching durante e dopo la FC) Presenza di un analisi dei fabbisogni di aggiornamento dei lavoratori che fa emergere lindividuazione dei fabbisogni di professionalità di cui le imprese necessitano per perseguire le strategie aziendali Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

12 12 Il Quadro Logico Area 1 tipologia di strumenti a) Progetto Integrato di Comparto Animazione, progettazione partecipata, accompagnamento in impresa (Project leader); Apprendimento in contesti informali; Monitoraggio e valutazione del progetto (azione trasversale a tutto il progetto) Formazione continua aziendale e interaziendale: Area Tecnica; Area Gestionale; Scelta delle metodologie più appropriate (aula, on the job, e-learning, ecc) Formazione per laccesso al lavoro: Corsi e/o percorsi modulari per lacquisizione di qualifiche di II e III livello (standard regionali) Formazione per il ricambio generazionale: Campionamento, Formazione e consulenza Sperimentazione modelli di integrazione education/imprese: Formalizzazione della rete integrata dei sistemi education e lavoro; Analisi dei bisogni di orientamento e formazione dei sistemi education e lavoro; Costruzione e sperimentazione di prodotti del catalogo dellofferta formativa integrata (formazione insegnanti, studenti, famiglie) Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

13 13 Il Quadro Logico Area 1 tipologia di strumenti b) R ete tra imprese e centri di ricerca per linnovazione e il trasferimento tecnologico Sperimentazione che vede le imprese impegnate nella individuazione di aree di interesse per processi di innovazione, nella relazione con centri di ricerca, università, nelle attività di scambio con imprese di altri Paesi e di disseminazione dei risultati nel territorio provinciale, anche attraverso circoli di studio Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

14 14 Il Quadro Logico Area 2 tipologia di formazione e strumenti Tipologia - Formazione continua su temi ricorrenti e/o legata a processi di adeguamento a normative specifiche (qualità, sicurezza,ecc) Strumenti - Lo strumento attuativo è costituito in larga misura da opportunità offerte da bandi con modalità Just in time : bandi della misura D1 alternati a quelli L236/93 e L53/00 (regionali). Offerte che coprono lintero anno con almeno 4 scadenze (2 per L.236/93 e L.53/00 e 2 per la misura D1/FSE). Riteniamo positiva la scelta di finalizzare la L236/93 a temi condivisi a livello regionale (sicurezza). A Pistoia il tavolo provinciale sulla sicurezza ha contribuito al successo dei bandi regionali Proposta nuove risorse stanziate L.236/93 per progetti aziendali: interventi di formazione continua a supporto della realizzazione dei progetti approvati nei PASL provinciali (e nel nostro caso di A.V. Metropolitana) Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce

15 15 Il Quadro Logico Area 3 tipologia di formazione e strumenti Tipologia - Interventi formativi a supporto di processi di prevenzione e recupero delle crisi aziendali, riconversione, ricollocazione. Strumenti - Bandi a sportello con modalità on demand. Attività autorizzata prevista dalla LR32/02 che prevede la possibilità di accesso ai bandi per le sole imprese, che possono avvalersi di altri soggetti per alcune fasi del progetto, ma che comportano da parte delle imprese un ruolo di attore principale dellintervento e non di destinatario (più o meno consapevole). Qui è richiesto laccordo sindacale come garanzia di effettiva ricaduta dellintervento in chiave di miglioramento della qualità del lavoro e/o dello status professionale dei lavoratori. In prospettiva sarebbe da valorizzare ulteriormente il ruolo dei Servizi per il Lavoro (Centri per lImpiego e responsabili delle procedure per le crisi aziendali) Provincia di Pistoia Programmazione Integrata e Progetti Innovativi Dott.a Anna Pesce


Scaricare ppt "1 Unesperienza di programmazione Provinciale condotta con la metodologia del Project Cycle Management e lapproccio basato sui problemi GOPP (goal oriented."

Presentazioni simili


Annunci Google