La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism 20121 Come usare le fonti statistiche ufficiali Everything should be made as simple as possible, but not.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism 20121 Come usare le fonti statistiche ufficiali Everything should be made as simple as possible, but not."— Transcript della presentazione:

1 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism Come usare le fonti statistiche ufficiali Everything should be made as simple as possible, but not simpler Albert Einstein

2 Che cosa è la statistica ufficiale E prodotta da soggetti prevalentemente pubblici che rendono i dati accessibili a tutti secondo regole prefissate. Le fonti nazionali più importanti sono Istat, Mef e Bankitalia.regole prefissateIstatMef Bankitalia Ma quanto è credibile la statistica ufficiale? Le regole del gioco: Standard internazionali Calendario prefissato dei rilasci Accessibilità a tutti nello stesso momento Controlli europei (che non sempre funzionano, vedi Grecia) Anche rilevazioni private possono avere ottimi standard di qualità. Ma devono garantire la trasparenza delle metodologie La differenza tra statistica e sondaggi. Attenti a: Criteri di campionamento lntervallo di confidenza e margine di errore Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism

3 3 La realtà italiana: il Sistema statistico nazionale (Sistan) E composto da tutte le fonti della statistica ufficiale: Istat, Ministeri, Regioni, EL, CdC ecc. Non ne fa parte la Banca dItalia. Si attiene ai principi fissati dallOnu e alle metodologie di Eurostat Il livello di autonomia dal potere politico è materia di discussione (non solo in Italia) Le regole di rilascio dei dati sono comunque una delle garanzie di autonomia: calendario prefissato, rilascio contemporaneo ecc. Di norma la statistica ufficiale descrive i fenomeni ma lascia ad altri le interpretazioni e le proiezioni. Con eccezioni, soprattattutto dopo lincorporazione dellIsae nellIstat

4 Le fonti della statistica Censimenti: quando si censisce luniverso cioè la totalità di un insieme Dati amministrativi: da ministeri, ospedali, carceri, moduli fiscali, bilanci imprese ecc. Indagini campionarie: la qualità dipende dai criteri di campionamento. I media non sono abbastanza attenti agli intervalli di confidenza che limitano il valore effettivo dei dati e che dipendono dal campione. Lintervallo di confidenza di unindagine campionaria si allarga (e quindi lindagine è meno significativa) su campioni più ristretti: un dato regionale è quasi sempre meno attendibile di un dato nazionale. Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism

5 Giornalisti, attenti ai metadati! Lattendibilità di una rilevazione va sempre valutata sulla base dei metadati, cioè delle informazioni sulle modalità di effettuazione di quella indagine. E anche opportuno valutare se si tratta di una fonte primaria della statistica ufficiale o di un rilancio dagenzia I sondaggi sono una forma di indagine campionaria che indaga sulle percezioni soggettive (opinioni), spesso con campioni molto ristretti e margini derrore alti. Per evitare usi distorti, chi diffonde sui media rilevazioni statistiche deve pubblicare i metadati sul sito dellAgcom o, nel caso di sondaggi politici, della Presidenza del Consiglio… ma questa norma non funziona bene. Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism

6 6 Terminologia statistica elementare Variazione in termini monetari: al valore corrente della moneta = a prezzi correnti Variazione in termini reali: al valore della moneta ad una determinata data (cioè depurata dellinflazione) = a prezzi costanti Variazione congiunturale: rispetto al dato precedente (del mese, del trimestre) Variazione tendenziale: rispetto allo stesso periodo dellanno precedente Destagionalizzata: variazione congiunturale depurata dei fattori stagionali

7 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism SCHEMA DI SISTEMA ECONOMICO FAMIGLIE IMPRESE LAVORO BENI E SERVIZI FAMIGLIE IMPRESE LAVORO BENI E SERVIZI RETRIBUZIONI SPESA PER ACQUISTI STATO B&S BENI E SERVIZI IMPOSTE E TASSE IMPOSTE E TASSE SISTEMA BANCARIO PRESTITI RISPARMIO PAGAMENTI CON LESTERO EXPORT IMPORT RESTO DEL MONDO

8 Le principali rilevazioni Istat che riguardano le famiglie Censimento delle persone e delle abitazioni (ogni XXX1) Forze di lavoro (congiunturale, ogni mese) Prezzi al consumo (congiunturale, ogni mese) Multiscopo Consumi Bilanci familiari (anche Banca dItalia) Povertà assoluta Povertà relativa Livello di soddisfazione Più indagini specifiche (immigrati, violenza alle donne ecc.) Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism

9 Principali rilevazioni che interessano le imprese Censimenti: imprese agricole (XXXO), industrie e servizi (XXX1) Rilevazioni congiunturali: Produzione industriale Fatturato e ordinativi Prezzi allingrosso Occupazione grandi imprese Bilancia commerciale Indagine sui bilanci delle imprese (Mediobanca) Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism

10 10 Alcuni importanti indicatori economici (detti congiunturali perché con periodicità infra-annuale) Prodotto interno lordo (trimestrale) Produzione industriale, fatturato e ordinativi indicano mensilmente landamento delle imprese Prezzi allingrosso e al consumo per misurare linflazione Bilancia commerciale e bilancia dei pagamenti fotografano gli scambi con lestero Forze di lavoro (ora mensile) e occupazione grandi imprese misurano il mercato del lavoro Sono tutti di fonte Istat tranne la b. dei pagamenti (Bankitalia) Per molti dati cè anche un rilascio da Eurostat e Bce

11 Cera una volta (e cè ancora) il Prodotto interno lordo… Si è cominciato a calcolarlo dopo la crisi del 29 e la sua elaborazione ha avuto un impulso con la seconda guerra mondiale Nel tempo è diventato qualcosa che non doveva essere secondo gli ideatori Kuznets e Keynes: una misura onnicomprensiva di ricchezza Molti vorrebbero abolire il Pil, ma non è così facile perché abbiamo comunque bisogno di unacontabilità nazionale. Ne parleremo più tardi Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism

12 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism La contabilità nazionale E una branca della statistica che misura le macrograndezze, attraverso il Conto delle Risorse e degli Impieghi Non deve quindi essere confusa con la contabilità di Stato che riguarda solo la pubblica amministrazione Utilizza tutte le variabili a disposizione della statistica pubblica: produzione, lavoro, ecc. Dà il polso della produzione di ricchezza di un sistema: il Pil, Prodotto interno lordo = GDP, Gross Domestic Product

13 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism Il conto delle risorse e degli impieghi Prodotto interno lordo Importazioni = RISORSE Esportazioni Investimenti lordi Consumi finali = IMPIEGHI

14 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism Il Prodotto interno lordo… e i suoi parenti Valore aggiunto: saldo tra produzione (output) e consumi intermedi (input) Imposte Indirette = PIL Quote di capitale consumato = PIN, prodotto interno netto PIL Saldo redditi netti dallestero= PNL, prodotto nazionale lordo Quote di capitale consumato= PNN, netto

15 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism Il prodotto interno lordo misura... Anche leconomia sommersa perché si tratta di una stima a tavolino Fatica a valutare adeguatamente la produttività della pubblica amministrazione Non misura: determinate prestazioni quali il lavoro familiare le economie parallele: criminalità, prostituzione Il depauperamento delle risorse ambientali La qualità della vita: spendere per fare sport o per serrature di sicurezza è la stessa cosa E lordo in quanto non tiene conto del consumo dei capitali (a differenza dei bilanci dimpresa che prevedono lammortamento )

16 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism Come si misura linflazione? In contabilità nazionale, attraverso il cosiddetto deflatore del Pil Nelle statistiche congiunturali, attraverso le variazioni di prezzi dei cosiddetti panieri. In Italia lIstat presenta tre diversi panieri: Lindice Nazionale Intera Collettività, il più completo; Lindice Famiglie Operai e Impiegati; Lindice europeo armonizzato Esisteva un ulteriore indice (costo della vita), con paniere fissato per legge, che è stato abbandonato.

17 Le misure delloccupazione La domanda di lavoro (da parte delle imprese) si misura mensilmente con la serie lavoro e retribuzione nelle grandi imprese (almeno 500 dipendenti) Lofferta di lavoro da parte delle famiglie si misura con lindagine continua Forze di lavoro, con aggiornamenti mensili, trimestrali, annuali. Il tasso di disoccupazione è meno significativo del tasso di occupazione LIstat di recente ha diffuso indicatori complementari che tengono conto dello scoraggiamento e della sottoccupazioneindicatori complementari La disoccupazione giovanile è poco significativa perché misurata sulla fascia 15 – 24. Meglio guardare attraverso I.Stat ad altri dati, per esempio la fascia E non è vero che un giovane su tre è senza lavoro I.Stat Il fenomeno più preoccupante per i giovani è la massa dei cosiddetti Neet: not in education, employment or training: oltre due milioni. due milioni. Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism

18 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism Le misure degli scambi: la bilancia commerciale LIstat diffonde mensilmente i dati su: bilancia commerciale Ue (con ritardo di due mesi) bilancia commerciale extraUe (ritardo di un mese) Il maggior ritardo per i dati Ue si spiega con la maggior difficoltà di raccolta di dati allinterno del mercato unico, dove mancano le rilevazioni doganali.

19 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism La bilancia dei pagamenti internazionali (Fonte: Banca dItalia) PARTITE CORRENTI Merci (bilancia commerciale) Servizi, Noli ecc. Trasferimenti unilaterali correnti UGUALE: SALDO PARTITE CORRENTI CONTO CAPITALE Trasferimenti di capitali Proprietà beni intangibili CONTO FINANZIARIO Investimenti diretti Investimenti di portafoglio Derivati ed altri inv. Variazione riserve ufficiali ERRORI ED OMISSIONI In dettaglio Ricordate: per definizione, la BDP e sempre in pareggio. Se i giornali parlano di disavanzo si riferiscono alle partite correnti

20 Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism Le principali fonti on line delle statistiche internazionali ufficiali o Onu: Unsd e almeno un centinaio di siti per argomento o I Millennium Development Goals: o Imf: statistiche finanziarie, ma anche quadri statistici di tutti i Paesi attraverso il Dissemination Standards Bulletin Board o Ocse: le analisi più complete e attendibiliwww.oecd.org o Europa: Eurostat

21 I cinque elementi di un grafico corretto per un giornale 1. Titolo giornalistico 2. Sottotitolo metodologico 3. Grafico (istogramma, linea, torta o altro): essere consapevoli degli effetti di distorsione! 4. Legenda: gli elementi per interpretare il grafico 5. Fonte (o: elaborazione su fonte…) Talvolta è anche necessaria una dida di spiegazione Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism


Scaricare ppt "Donato Speroni - Corso di Open Data Journalism 20121 Come usare le fonti statistiche ufficiali Everything should be made as simple as possible, but not."

Presentazioni simili


Annunci Google