La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Valutazione di Impatto Ambientale DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI SITA IN LOCALITA PORTA – PROGETTO DI VARIANTE MODIFICATO COME DA INTEGRAZIONI VERBALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Valutazione di Impatto Ambientale DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI SITA IN LOCALITA PORTA – PROGETTO DI VARIANTE MODIFICATO COME DA INTEGRAZIONI VERBALE."— Transcript della presentazione:

1 Valutazione di Impatto Ambientale DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI SITA IN LOCALITA PORTA – PROGETTO DI VARIANTE MODIFICATO COME DA INTEGRAZIONI VERBALE CONFERENZA DEI SERVIZI DEL Programma Ambiente Apuane S.p.A.

2 Autorizzazioni vigenti Il progetto originario dellattuale discarica è stato approvato con procedura di conferenza dei servizi dalle province competenti (Massa/Carrara e Lucca) con determine dirigenziali rispettivamente n°8576 del 02/08/1997 e n°88 del , in base al D.lgs. n°22 5 febbraio 1997 (art. 27 e 28). Il progetto era suddiviso in più fasi delle quali fu autorizzato lesercizio, pur con approvazione complessiva, della fase preliminare che prevedeva il tombamento del piazzale depresso della ex cava sino alla quota di ingresso della galleria di passaggio dalla viabilità esterna. La discarica è attualmente autorizzata allesercizio di discarica per rifiuti speciali non pericolosi dalla Provincia di Massa e Carrara con provvedimento A.I.A. Det. Dir. n° 8691 del ed è altresì autorizzata allesercizio dalla Provincia di Lucca con provvedimento A.I.A. Det. Dir. n° 108 del Questa riclassificazione è stata confermata anche dalla recente sentenza del TAR di Firenze che ha respinto ogni opposizione in merito.

3 Ciclo produttivo Il ciclo di lavorazione prevede larrivo del rifiuto in camion provenienti da produttori autorizzati, previe verifiche analitiche sul rifiuto, accompagnati dalla scheda identificativa CER. Il rifiuto dopo le verifiche amministrative e visive, nonchè la pesatura, viene immediatamente scaricato nel lotto di discarica di destinazione definitiva secondo le modalità di conferimento descritte nel seguito. Non vi sono depositi stoccaggi o altri processi produttivi. Gli addetti allinterno dellimpianto, oltre alla direzione tecnica, sono un operatore al controllo del rifiuto e un operatore allescavatore o pala meccanica utilizzati alternativamente per sistemare il rifiuto in discarica. Trattandosi di rifiuti non organici di natura lapidea ed umidi, non vi sono emissioni pulverulente nè di alcun genere. Le caratteristiche dei rifiuti vengono inoltre accertate con analisi di eluato del test di cessione al fine di verificarne la corrispondenza alla documentazione di accompagnamento. Qualora si riscontrassero anomalie o discordanze il rifiuto verrebbe recuperato ed allontanato secondo le procedure di piano di gestione.

4 Modalità di conferimento Il rifiuto giunge da contenitori terzi in discarica, su appositi mezzi che, superate le iniziali procedure di accettazione e controllo, accedono direttamente allarea di conferimento al fine di scaricare il contenuto del cassone e consentire lispezione visiva del rifiuto trasportato. Quando questo è ritenuto idoneo, una macchina operatrice lo trasferisce allinterno del lotto previsto in una vasca di controllo, costituita interamente di marmettola, posta allinterno del lotto stesso. Per il rifiuto contenente amianto il conferitore deve esibire anche lautorizzazione al piano operativo di bonifica dellamianto rilasciato dallASL. I contenitori sono depositati in discarica uno per uno per evitare rotture. Quotidianamente e prima di ogni operazione di compattamento il materiale deposto è coperto con materiale appropriato di consistenza plastica e umidità tali da isolare il rifiuto di amianto e impedire la dispersione delle fibre, adattandosi alla forma e ai volumi dei materiali da ricoprire, con uno strato di almeno 50 cm. Tale materiale sarà principalmente la marmettola stessa che offre ampie garanzie di plasticità e umidità tali da permeare i contenitori contenenti amianto. Il lotto in cui è conferito lamianto è munito di impianto di irrigazione mobile per interventi di urgenza in caso di rotture.

5 Descrizione del progetto Il presente progetto si prefigge lo scopo di portare in esercizio le fasi successive del progetto originario secondo un programma di lavoro che, pur seguendo limpostazione di quello precedente, si adegui sia ai cambiamenti di normativa sin qui intervenuti che allaccoglimento dei nuovi codici autorizzati recentemente, oltre ad alcuni nuovi di cui si fa richiesta, rientranti comunque nella medesima tipologia chimico-fisica, richiesti anche al fine di soddisfare le esigenze del territorio. Il progetto originario è stato rimodulato sulla base delle verifiche di stabilità a lungo termine. La proposta iniziale depositata nellagosto 2008 è stata successivamente modificata secondo quanto richiesto in sede di conferenza dei servizi del e vale a dire diminuendo laltezza massima e linclinazione della superficie esterna della discarica, modificando la configurazione al piede ed introducendo, come espressamente richiesto nel parere citato, un nuovo fondo soprastante i due già esistenti. In linea con quanto richiesto, il progetto è stato dunque aggiornato sulla base delle verifiche di stabilità a lungo termine del corpo di discarica effettuate eseguendo ulteriori accertamenti tecnici sui materiali sin qui conferiti ed abbancati e su miscele sperimentali di rifiuti in conferimento (vedasi relazione Dott. Geol. Carlo Alberto Turba).

6 Progetto originario autorizzato (in esercizio per la fase 1) Necessità di un aggiornamento progettuale sulla base delle nuove normative intervenute nel tempo e sulla base delle nuove esigenze di conferimento del territorio per la messa in esercizio delle fasi successive del progetto della discarica Analisi dei fabbisogni dellambiente e analisi tecniche sui materiali conferiti e da conferire Modifiche progettuali richieste dalla conferenza dei servizi del con richiesta di costruzione di un nuovo fondo Definizione del profilo finale del corpo di discarica sulla base delle nuove verifiche di stabilità globale effettuate sulla base degli accertamenti tecnici Layout progettuale

7 1.Ottenere lautorizzazione allesercizio delle successive fasi di riempimento a discarica per rifiuti speciali non pericolosi ai sensi e per gli effetti del D.lgs 13 Gennaio 2003 n° 36 dedicata ai rifiuti derivanti dalla lavorazione della pietra, terre e rocce, fanghi di dragaggio, fanghi di perforazione, materiali da costruzione contenenti amianto, minerali quali sabbia e rocce, scorie di centrali termiche, fonderie, fusioni, lavorazioni metallurgiche e impianti di termovalorizzazione, fanghi e rifiuti dal chiarificazione di acque e bonifiche di terreni. Le finalità previste dal presente progetto sono: 2.Ottenere lapprovazione di una nuova cella per materiali da costruzione contenenti amianto (CER ) in territorio della Provincia di Lucca. 3.Elevare di almeno tre volte, ai sensi dellart. 10 comma c) del D.M. 3/8/05, i limiti di cui alla tabella 5 dellart. 6 dello stesso decreto, limiti di concentrazione nelleluato per laccettabilità in discariche per rifiuti non pericolosi, per quanto concerne i cloruri e gli altri elementi naturalmente presenti nellecosistema del sito.

8 Le condizioni dimensionali del progetto già autorizzato (in toto e per la prima fase) ed in corso di esercizio non subiscono variazioni sostanziali se non nelle modalità costruttive che si sono dovute adeguare alle nuove normative, con una leggera riduzione rispetto al progetto originario. I volumi netti di conferimento delloriginale progetto del 1996 ammontavano a ca mc (di cui ca. nella Provincia di Lucca e ca. nella Provincia di Massa Carrara), mentre quelli conseguenti laggiornamento progettuale che si propone ammontano a circa mc complessivi con conseguente leggera contrazione legata alle scelte tecnico-progettuali costruttive ed alle valutazioni di stabilità alla luce delle recenti normative in materia Dimensioni del progetto

9 VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE E COSTITUITA DI TRE FASI FONDAMENTALI: 1.LA DESCRIZIONE DELLAMBIENTE IN CUI SI INSERISCE IL PROGETTO 2.VALUTAZIONE DELLITERAZIONE DEL PROGETTO CON LAMBIENTE CIRCOSTANTE 3.IMPATTI DEL PROGETTO SULLAMBIENTE CIRCOSTANTE CHE SI POSSONO SUDDIVIDERE IN: - Impatti positivi - Impatti temporanei o transitori - Impatti potenzialmente negativi 4. ANALISI DELLE ALTERNATIVE

10 DESCRIZIONE DELLAMBIENTE Gli aspetti salienti dellambiente circostante la discarica e che possono interagire con il progetto della stessa, dando origine quelli che sono i potenziali fattori di impatto, sono individuabili nei seguenti punti chiave: Aspetti naturalistici (contributo del Dott. Francesco Lunardini) Aspetti paesaggistici (contributo del Dott. Francesco Lunardini) Aspetti geologici ed idrogeologici (contributo del Dott. C. A. Turba)


Scaricare ppt "Valutazione di Impatto Ambientale DISCARICA PER RIFIUTI NON PERICOLOSI SITA IN LOCALITA PORTA – PROGETTO DI VARIANTE MODIFICATO COME DA INTEGRAZIONI VERBALE."

Presentazioni simili


Annunci Google