La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

LA NORMATIVA EDILIZIA Metodologia e procedure della sorveglianza edilizia Roberto Novelli Comandante P.M. Castagneto Carducci.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "LA NORMATIVA EDILIZIA Metodologia e procedure della sorveglianza edilizia Roberto Novelli Comandante P.M. Castagneto Carducci."— Transcript della presentazione:

1 LA NORMATIVA EDILIZIA Metodologia e procedure della sorveglianza edilizia Roberto Novelli Comandante P.M. Castagneto Carducci

2

3

4

5 La Legge Regionale 1/05 Titolo VI Disciplina dellattività edilizia Art. 78 Trasformazioni urbanistiche ed edilizie soggette a permesso di costruire Art. 79 Opere ed interventi sottoposti a denuncia di inizio attività Art. 112 Accertamento delle violazioni (Sismica) Titolo VIII Sanzioni. Definizioni comuni Art.129 Vigilanza sullattività urbanistico-edilizia REGOLAMENTO EDILIZIO Norme regolamentari

6 ALTRE NORME Vincolo Sismico (L. 64/74) Vincolo Paesaggistico (D.Lgs. 42/04) Circoscrizione Doganale (Art. 19 D.Lgs. 374/90) Codice della Navigazione (Art. 55) Vincolo Idrogeologico (R.D. 3267/1923) Legge Forestale della Toscana (L.R. 39/00) Piano Assetto Idrogeologico (D.C.R.T. 13/05) Vincolo Stradale (D.Lgs. 285/92) Vincolo Cimiteriale (T.U. 1265/34 e L. 983/57) Vincolo Ferroviario (D.P.R. 753/80) Inquinamento Acustico (L. 447/95 e L.R. 89/98) Sicurezza sui Luoghi di Lavoro (D.Lgs. 81/08) Altre ……..

7 LE RELAZIONI TRA I PIANI DOPO LA NUOVA LEGGE PIANI DI SETTORE PROVINCIALI PIANI DI SETTORE COMUNALI PTC PIT PIANI DI SETTORE REGIONALI PS

8 LE COMPETENZE I COMUNI Disciplinano lutilizzazione e la trasformazione delle risorse riconoscono le identità dei luoghi e tutelano le risorse essenziali del territorio anche in attuazione della disciplina paesaggistica del PTC; definiscono gli indirizzi per il governo del territorio comunale espressi dalla comunità locale; stabiliscono gli obiettivi delle proprie politiche di settore e ne definiscono lattuazione programmata

9 I CONTENUTI UNA PARTE STATUTARIA UNA PARTE STRATEGICA Il piano strutturale contiene inoltre: il quadro conoscitivo la ricognizione delle prescrizioni del piano territoriale di coordinamento e del piano di indirizzo territoriale; IL PIANO STRUTTURALE È COSTITUITO DA:

10 la struttura identitaria del territorio comunale definita attraverso lindividuazione dei sistemi e dei sub-sistemi territoriali e funzionali e delle relative risorse; la struttura identitaria del territorio comunale definita attraverso lindividuazione dei sistemi e dei sub-sistemi territoriali e funzionali e delle relative risorse; le invarianti strutturali che rappresentano le prestazioni irrinunciabili che devono essere garantite secondo il principio dello sviluppo sostenibile e della riproducibilità delle risorse le invarianti strutturali che rappresentano le prestazioni irrinunciabili che devono essere garantite secondo il principio dello sviluppo sostenibile e della riproducibilità delle risorse i principi del governo del territorio; i principi del governo del territorio; la disciplina del paesaggio in attuazione del piano di coordinamento territoriale ; la disciplina del paesaggio in attuazione del piano di coordinamento territoriale ; le aree e gli immobili dichiarati di notevole interesse pubblico ; le aree e gli immobili dichiarati di notevole interesse pubblico ; LO STATUTO DEL TERRITORIO comunale individua e definisce:

11 obiettivi e gli indirizzi gli obiettivi e gli indirizzi per la programmazione dimensioni massime sostenibili le dimensioni massime sostenibili degli insediamenti unità territoriali organiche elementari q le unità territoriali organiche elementari la progettazione degli assetti q i criteri e la disciplina per la progettazione degli assetti mediante i piani complessi q gli interventi da realizzare mediante i piani complessi aree degradate q i criteri di individuazione delle aree degradate valutazione integrata; q la disciplina della valutazione integrata; misure di salvaguardia q le misure di salvaguardia da rispettare sino allapprovazione o alladeguamento del regolamento urbanistico La parte strategica delinea la STRATEGIA DELLO SVILUPPO TERRITORIALE comunale

12 STATUTOCRITICITA

13 SISTEMI FUNZIONALI SISTEMI TERRITORIALI UTOE

14 IL RAPPORTO PIANO/ATTUAZIONE 44 IL PIANO STRUTTURALE SI ATTUA ATTRAVERSO IL REGOLAMENTO URBANISTICO I PIANI COMPLESSI DI INTERVENTO

15 IL REGOLAMENTO URBANISTICO E DIVISO IN DUE PARTI: gestione 1.la gestione degli insediamenti esistenti ; trasformazioni 2.le trasformazioni degli assetti insediativi, infrastrutturali ed edilizi del territorio comunale Nel primo caso la sua validità è a tempo indeterminato Nellaltro è quinquennale pena la decadenza in caso di mancata attuazione.

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

31

32 L.R. 1/05 Art Attività edilizia libera 1.I seguenti interventi, ancorché attuati per mezzo di opere edilizie, possono essere eseguiti senza titolo abilitativo, salvo che il titolo sia previsto dalla disciplina urbanistico edilizia comunale, e fermo restando il rispetto delle disposizioni dei regolamenti edilizi: a) interventi di manutenzione ordinaria, diversi da quelli previsti dall' articolo 79, comma 2, lettera a); b) interventi volti all'eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell'edificio; c) opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico o siano eseguite in aree esterne al centro edificato.

33 L.R. 1/05 Art Trasformazioni urbanistiche ed edilizie soggette a permesso di costruire 1. Sono considerate trasformazioni urbanistiche ed edilizie soggette a permesso di costruire, in quanto incidono sulle risorse essenziali del territorio: a) gli interventi di nuova edificazione e cioè di realizzazione di nuovi manufatti edilizi diversi da quelli di cui alle lettere successive del presente articolo ed all' articolo 79 ;articolo 79 b) l'installazione di manufatti, anche prefabbricati e di strutture di qualsiasi genere, quali roulotte, camper, case mobili, imbarcazioni, che siano utilizzati come abitazioni, ambienti di lavoro, oppure come depositi, magazzini e simili, e che non siano diretti a soddisfare esigenze meramente temporanee, quali esplicitamente risultino in base alle vigenti disposizioni; c) la realizzazione di opere di urbanizzazione primaria e secondaria da parte di soggetti diversi dal comune; d) la realizzazione d'infrastrutture e d'impianti, anche per pubblici servizi, che comporti la trasformazione in via permanente di suolo inedificato; e) la realizzazione di depositi di merci o di materiali e la realizzazione d'impianti per attività produttive all'aperto, che comporti l'esecuzione di lavori cui consegua la trasformazione permanente del suolo inedificato; f) gli interventi di ristrutturazione urbanistica, cioè quelli rivolti a sostituire l'esistente tessuto urbanistico - edilizio con altro diverso, mediante un insieme sistematico d'interventi edilizi, anche con la modificazione del disegno dei lotti, degli isolati e della rete stradale; g) le addizioni volumetriche agli edifici esistenti non assimilate alla ristrutturazione edilizia; h) gli interventi di sostituzione edilizia, intesi come demolizione e ricostruzione di volumi esistenti non assimilabile alla ristrutturazione edilizia, anche con diversa articolazione, collocazione e destinazione d'uso, senza alcun intervento sulle opere d'urbanizzazione. 2. Per le opere pubbliche dei comuni, l'atto comunale, con il quale il progetto esecutivo è approvato o l'opera autorizzata

34 L.R. 1/05 Art Opere ed interventi sottoposti a denuncia di inizio dell'attività 1. Sono sottoposti a denuncia d'inizio dell'attività: a) gli interventi di cui all' articolo 78, comma 1 qualora siano specificamente disciplinati dai regolamenti urbanistici di cui all' articolo 55, dai piani complessi d'intervento di cui all' articolo 56, dai piani attuativi, laddove tali strumenti contengano precise disposizioni planovolumetriche, tipologiche, formali e costruttive, la cui sussistenza sia stata esplicitamente dichiarata in base al comma 3;articolo 78articolo 55articolo 56 b) le opere di reinterro e di scavo non connesse all'attività edilizia o alla conduzione dei fondi agricoli e che non riguardino la coltivazione di cave e torbiere; c) i mutamenti di destinazione d'uso degli immobili, edifici ed aree anche in assenza di opere edilizie, nei casi individuati dalla disciplina della distribuzione e localizzazione delle funzioni di cui all' articolo 58 ;articolo 58 d) le demolizioni di edifici o di manufatti non preordinate alla ricostruzione o alla nuova edificazione; e) le occupazioni di suolo per esposizione o deposito di merci o materiali, che non comportino trasformazione permanente del suolo stesso; f) ogni altra trasformazione attuata per mezzo di opere edilizie che, in base alla presente legge, non sia soggetta a permesso di costruire.

35 2. Sono inoltre sottoposti a denuncia di inizio dell'attività i seguenti interventi sul patrimonio edilizio esistente, ancorché realizzati esclusivamente con opere interne: a) interventi di manutenzione ordinaria recanti mutamento dell'esteriore aspetto degli immobili, nei casi previsti dalla disciplina comunale; b) interventi di manutenzione straordinaria, ossia le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari; detti interventi non possono comportare modifiche della destinazione d'uso; c) interventi di restauro e di risanamento conservativo, ossia quelli rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurare la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che, nel rispetto degli elementi tipologici, formali e strutturali dell'organismo stesso, ne consentano destinazioni d'uso con essa compatibili; tali interventi comprendono il rinnovo degli elementi costitutivi dell'edificio, l'inserimento degli elementi accessori e degli impianti richiesti dalle esigenze dell'uso, l'eliminazione degli elementi estranei all'organismo edilizio; tali interventi comprendono altresì gli interventi sistematici, eseguiti mantenendo gli elementi tipologici formali e strutturali dell'organismo edilizio, volti a conseguire l'adeguamento funzionale degli edifici, ancorché recenti;

36 d) interventi di ristrutturazione edilizia, ossia quelli rivolti a trasformare gli organismi edilizi mediante un insieme sistematico di opere che possono portare ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente; tali interventi comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell'edificio, l'eliminazione, la modifica e l'inserimento di nuovi elementi ed impianti; tali interventi comprendono altresì: 1) le demolizioni con fedele ricostruzione degli edifici, intendendo per fedele ricostruzione quella realizzata con gli stessi materiali o con materiali analoghi prescritti dagli atti di cui all' articolo 52 ovvero dal regolamento edilizio, nonché nella stessa collocazione e con lo stesso ingombro planivolumetrico, fatte salve esclusivamente le innovazioni necessarie per l'adeguamento alla normativa antisismica;articolo 52 2) la demolizione di volumi secondari, facenti parte di un medesimo organismo edilizio, e la loro ricostruzione nella stessa quantità o in quantità inferiore ancorché in diversa collocazione sul lotto di pertinenza; 3) le addizioni funzionali di nuovi elementi agli organismi edilizi esistenti, che non configurino nuovi organismi edilizi, ivi comprese le pertinenze; non sono computate ai fini dell'applicazione degli indici di fabbricabilità fondiaria e territoriale le addizioni con le quali si realizzino i servizi igienici, i volumi tecnici e le autorimesse legate da vincolo pertinenziale ad unità immobiliari esistenti all'interno dei perimetri dei centri abitati, nonché il rialzamento del sottotetto, al fine di renderlo abitabile; e) interventi necessari al superamento delle barriere architettoniche ed all'adeguamento degli immobili per le esigenze dei disabili, anche in aggiunta ai volumi esistenti e in deroga agli indici di fabbricabilità.

37 COSA VERIFICARE EDILIZIA: SE LE OPERE SONO ASSOGGETTATE A TITOLO ABILITATIVO CARTELLO DI CANTIERE LA PRESENZA DEL TITOLO ABILITATIVO SISMICA: AUTORIZZAZIONE PER LINIZIO DEI LAVORI ALTRI ATTI: Paesaggistica Circoscrizione Doganale Codice della Navigazione Legge Forestale della Toscana

38 CARTELLO DI CANTIERE Viene ripetuto lobbligo di inoltre segnalazione allautorità giudiziaria ove nei luoghi in cui vengono realizzate opere non sia apposto il prescritto cartello, ignorando che la Corte di Cassazione ritiene che lomessa esposizione non ha rilevanza penale (se il titolo, però, esiste). Larticolo 27, comma 4. del T.U. fa obbligo di segnalare allautorità giudiziaria la mancata esposizione del cartello di cantiere. La Cassazione penale, con la decisione del 10 febbraio 1992, n. 11, si è pronunciata nel senso che questa violazione non rientra nelle disposizioni aventi rilevanza penale. Essa è una violazione di una norma del Regolamento Edilizio comunale, se da questo prevista e, quindi, sanzionabile con una sanzione amministrativa da 25 a 500 euro ai sensi dellarticolo 7-bis del decreto legislativo n. 267 del 2000.

39 IN FASE DI ESECUZIONE CHE SIA STATO COMUNICATO LINIZIO DEI LAVORI (PER LE DIA TRASCORSI 20 GIORNI DAL DEPOSITO) CHE SIA INDICATO: COMMITTENTE, COSTRUTTORE E DIRETTORE LAVORI (nel cantiere non potranno trovarsi persone estranee) LA CONFORMITA DELLE OPERE CON IL TITOLO ABILITATIVO EVENTUALE DEROGA EMISSIONE ACUSTICA NOTIFICA PRELIMINARE (sicurezza luoghi di lavoro) TENUTA DEL CANTIERE (Norme di Regolamento Edilizio)


Scaricare ppt "LA NORMATIVA EDILIZIA Metodologia e procedure della sorveglianza edilizia Roberto Novelli Comandante P.M. Castagneto Carducci."

Presentazioni simili


Annunci Google