La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Annalisa-Loredana La crisi del 1300 Usa i collegamenti ipertestuali per passare alle varie diapositive Indice Vai allindice Vai alla diapositiva successiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Annalisa-Loredana La crisi del 1300 Usa i collegamenti ipertestuali per passare alle varie diapositive Indice Vai allindice Vai alla diapositiva successiva."— Transcript della presentazione:

1 Annalisa-Loredana La crisi del 1300 Usa i collegamenti ipertestuali per passare alle varie diapositive Indice Vai allindice Vai alla diapositiva successiva Vai allultima diapositiva visualizzata

2 Annalisa-Loredana La crisi del 1300 La crisi demografica La crisi economica: lagricoltura La crisi economica: situazione finanziaria La crisi economica: industria artigianale La crisi economica: commercio La concezione della morte La crisi sociale

3 Annalisa-Loredana La crisi demografica Nella prima metà del 300 si verificano carestie che comportano una sottoalimentazione della popolazione A metà 300 riappare la peste nera, diffusa dai topi di navi provenienti dallOriente (vedi cartine)peste nera (vedi cartine) La popolazione, soprattutto i più poveri, i bambini e i giovani, già debilitata dalla sottoalimentazione, viene decimata dalla malattia: perisce più di un terzo della popolazione dellEuropa (vedi tabella)(vedi tabella) Alcune regioni si spopolano quasi totalmente (Italia centro-sett., Francia meridionale, Germania, Inghilterra), in altre invece la mortalità non supera di molto i livelli consueti (Lombardia, Boemia, Polonia).

4 Annalisa-Loredana La crisi economica: lagricoltura/1 Conseguenza dellepidemia è lo spopolamento delle campagne e la contrazione della superficie coltivata Il prezzo dei cereali durante lepidemia e negli anni immediatamente successivi aumenta perché solo pochi campi vengono coltivati e lofferta di cereali è persino più bassa della domanda di una popolazione decimata Ma già 3 o 4 anni dopo la fine dellepidemia, il prezzo dei cereali torna ad abbassarsi rapidamente perché, a fronte di una normalizzazione della produzione, un minor numero di persone comporta una drastica diminuzione della domanda (vedi tabelle)(vedi tabelle)

5 Annalisa-Loredana La crisi economica: lagricoltura /2 Il prezzo dei prodotti agricoli di pregio (carne...), aumentato dopo lepidemia, rimane costantemente alto; ciò induce i nobili latifondisti ad utilizzare per lallevamento le terre prima coltivate e in particolar modo per lallevamento transumante (ovini), che, se offre maggiori profitti (carne, lana, latte) e ha bisogno di un minor numero di addetti, porta invece in breve ad un degrado del suolo (molte terre tornano ad essere paludose e malariche) Poiché anche il prezzo dei manufatti tessili è aumentato, molti contadini sostituiscono la coltivazione di cereali con colture industriali (canapa, lino, gelso)

6 Annalisa-Loredana La crisi economica: situazione finanziaria Già allinizio del 1300 gli stati europei si trovano a sostenere sempre maggiori spese per mantenere la corte, la burocrazia e lesercito; tre i mezzi di reperimento dei fondi: pesante aumento della fiscalità ingenti prestiti richiesti ai banchieri svalutazione della moneta ( il primo a giocare questa carta sarà Filippo IV il Bello di Francia) Queste misure comportano conseguenze pesantissime per contadini, mercanti e banchieri (cfr. fallimento dei Bardi e dei Peruzzi) (tabella indice salari operai)(tabella indice salari operai)

7 Annalisa-Loredana La crisi economica: industria artigianale/1 A lungo gli storici hanno parlato di crisi economica del 1300, ritenendo che in questo secolo avvenga una profonda contrazione dei mercati dovuta alla diminuzione del surplus agricolo, diminuzione che impedisce la domanda di prodotti manifatturieri e di articoli di lusso I fallimenti di banche, che per tutto il secolo si succedono e compromettono leconomia di molte città italiane, sono stati imputati a speculazioni azzardate a cui i diversi banchieri sono costretti dalla contrazione dei mercati

8 Annalisa-Loredana La crisi economica: industria artigianale/2 Oggi gli storici più che di contrazione preferiscono parlare di riorganizzazione, ristrutturazione dellindustria artigianale: si assiste ad un cambiamento nel target della domanda, non ad una sua drastica diminuzione Non si può infatti parlare di una diminuzione indifferenziata del surplus agricolo, infatti si assiste ad un impoverimento dei produttori e commercianti di cereali, ma anche a un arricchimento costante di allevatori e produttori di colture industriali Indici significativi di supporto a questa teoria sono sia laumento dei salari sia la crescita dei prezzi dei manufatti

9 Annalisa-Loredana La crisi economica: commercio/1 Mentre i flussi commerciali a breve raggio rimangono invariati, quelli a medio raggio si modificano: acquista molta importanza, per quanto riguarda lItalia del Nord, la via che da Milano e Venezia, passando per i valichi alpini, conduce alla Germania del Sud, mentre ne perde quella che collega Firenze a Genova e alla Francia LAnsa assume il controllo dei commerci dellEuropa del Nord Portogallo e Spagna iniziano a potenziare i porti sullAtlantico

10 Annalisa-Loredana La crisi economica: commercio/2 Il disgregarsi dellImpero mongolo rende impossibile il commercio verso lOriente via terra e i porti veneziani sul Mar Nero, da cui partono le vie carovaniere, perdono la loro importanza commerciale Per ottenere la seta, le spezie e i profumi dOriente si ricorrerà allintermediazione di paesi sotto il controllo ottomano quali la Siria e lEgitto nei cui confronti Venezia non avrà lesclusività di prima Si arriva ad ipotizzare il taglio dellistmo di Suez per raggiungere via mare lOriente (il progetto dovrà aspettare fino al 1869 per la sua realizzazione!)

11 Annalisa-Loredana La concezione della morte Con lesperienza della peste cambia latteggiamento mentale nei confronti della morte: dalla visione cristiana di sereno passaggio dalla vita terrena a quella celeste accompagnata da procedure rituali (estrema unzione) e tradizionali (agonia circondati dallaffetto della famiglia) ad una concezione terrificante di un evento improvviso, oscuro, angoscioso che nulla e nessuno può rasserenare La morte viene personificata (lo scheletro con la falce) ed è vista come una potenza che deriva da Dio, ma è autonoma da Lui e non si può placarelo scheletro

12 Annalisa-Loredana La crisi sociale/1 Per tutto il 300 ci sono rivolte contadine ed urbane ad opera cioè di quanti sono esclusi dalla ristrutturazione economica: (vedi tabella)(vedi tabella) in Francia la jacquerie (1358), rivolta di contadini oppressi dalle tasse, dagli obblighi feudali, dalle angherie degli eserciti sia inglesi che francesi, impegnati nella Guerra dei Cento anni In Inghilterra la rivolta capeggiata da Tyler e Ball, detta dei Lollardi (1381), anchessi contadini che chiedono labolizione delle corvées feudali, la confisca e la spartizione dei beni ecclesiastici, e si alleano con i piccoli artigiani di Londra nella richiesta di una diminuzione dei privilegi ecclesiastici e nobiliari

13 Annalisa-Loredana La crisi sociale/2 A Firenze il tumulto dei Ciompi (1378), salariati inseriti nella produzione della lana: chiedono la costituzione delle arti minori per avere protezione economica e possibilità di accesso alla vita politica. Gli imprenditori, i maestri delle arti, vista la contrazione della domanda di panni di lusso, sono costretti a diminuire la produzione anche con escamotages ( es.:moltiplicare il numero delle feste civili e, soprattutto, religiose) I salariati, impegnati in attività poco qualificate, che vengono pagati a giornata, non vedono difeso il potere dacquisto del loro salario e si ribellano.

14 Annalisa-Loredana Peste nera (caratteristiche)caratteristiche Zona dincubazione: Oriente, probabilmente Cina Fu diffusa in Europa nel 1347 da marinai genovesi di ritorno dallassedio di Caffa, sul Mar Nero durante il quale i Tartari gettarono al di là delle mura cittadine i cadaveri delle vittime della peste. Infierì in Europa dal 1347 al 1356, dal 56 assumerà ritmi decennali e scomparirà, come malattia endemica nel XVIII secolo Veicoli di trasmissione: il contagio diretto con ammalati o i morsi di pulci che precedentemente avevano morso uomini o topi infetti

15 Annalisa-Loredana Caratteristiche (1/2) La peste nera o bubbonica è caratterizzata da un'infiammazione e da un rigonfiamento doloroso dei linfonodi o bubboni generalmente a livello inguinale. La malattia insorge improvvisamente con brividi e febbre. Segue vomito, sete intensa, dolori generali, cefalea, sopore mentale e delirio. Al terzo giorno, dall'inizio dei sintomi, comparivano macchie nere cutanee perciò era soprannominata la morte nera o peste nera. Alcuni casi di peste bubbonica erano lievi, altri più virulenti e in genere fatali. Un'altra varietà di peste era quella polmonare che colpiva i polmoni ed era una complicazione della peste bubbonica. Veniva trasmessa da un soggetto all'altro attraverso goccioline infette che venivano espulse, tramite tosse, dai pazienti. La morte sopravveniva inevitabilmente. In questa miniatura del XIV secolo, tratta dalla Bibbia di Toggenburg, un uomo prega per la guarigione di una coppia di appestati.

16 Annalisa-Loredana Oggi la peste bubbonica,se diagnosticata per tempo, si può curare con gli antibiotici. Ligiene può prevenire la diffusione portata dalle pulci. Eppure questa malattia uccide ancora ogni anno circa 2000 persone, soprattutto in Africa e in Asia, e la sua incidenza è in aumento. Un recente caso verificatosi in Madagascar si è dimostrato resistente a più antibiotici. È viva la preoccupazione che alcuni governi o gruppi terroristici possano nuovamente diffondere la peste. Alcuni scienziati fuggiti dallex Unione Sovietica dichiararono, per esempio, di aver sviluppato una varietà di Yersinia pestis, il batterio della peste resistente agli antibiotici. Ciò ha suscitato un dibattito sullopportunità di fornire informazioni sui genomi di malattie virulente, come la peste o il vaiolo, che potrebbero essere utilizzati per fini terroristici Yersinia pestis Caratteristiche (2/2)

17 Annalisa-Loredana La popolazione in Italia e in Europa dal 1000 al 1500 Dati in milioni di abitanti

18 Annalisa-Loredana Date della principali rivolte popolari in Europa dal 1289 al 1395

19 Annalisa-Loredana Aree di diffusione della peste dal 1346 al1352

20 Annalisa-Loredana Danza macabra

21 Annalisa-Loredana Indice del prezzo dei cereali

22 Annalisa-Loredana Indice salari operai


Scaricare ppt "Annalisa-Loredana La crisi del 1300 Usa i collegamenti ipertestuali per passare alle varie diapositive Indice Vai allindice Vai alla diapositiva successiva."

Presentazioni simili


Annunci Google